− COMUNICATO STAMPA −

“La 18^ edizione di Primavera dei Teatri vede la riapertura, dopo ben 31 anni, del cine teatro Vittoria , che ritorna , sulla storica e centralissima via Roma, opportunità forte per offrire ed intercettare momenti di socializzazione , arricchendo il Cuore urbano di Castrovillari e rendendolo ancora più appetibile ed interattivo con l’esistente.”

Lo ha affermato il Sindaco di Castrovillari, Domenico Lo Polito, a poche ore dall’avvio dell’evento nazionale che, con il Cine Teatro, dal 30 maggio al 4 giugno, è al centro del programma dei nuovi linguaggi teatrali “per approfondire la realtà con approcci contemporanei ed efficaci nel rappresentare personaggi, situazioni ed espressioni nonché trasmettere messaggi.”

“L’edizione, che si avvale della direzione artistica di Saverio La Ruina e Dario De Luca di “Scena Verticale” , si svilupperà in più locations, a partire proprio dal Cine Teatro Vittoria, per creare momenti di spettacolo suggestivi che desiderano esprimere al meglio il Teatro.”

“L’edizione – precisa il primo cittadino - è una scommessa che cresce di anno in anno e che oggi viene moltiplicata proprio dall’apertura al pubblico del Cine Teatro su cui questa Amministrazione ha profuso tanto grazie all’impegno degli Uffici Municipali e di operai che hanno contribuito a rendere possibile l’apertura ed il godimento di tali locali per una manifestazione che è ormai un unicum nel Paese. 

Ciò renderà poi ancora più interessante la 18^ edizione che susciterà - secondo noi - più curiosità grazie alla inaspettata apertura ed al pubblico della struttura che, arricchita dalle capacità e contenuti espressivi di uomini e donne, creerà quel mix d’interesse che ambienti come questi, dedicati al teatro, hanno sempre manifestato come la storia c’insegna e ci racconta.”

L’ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

− COMUNICATO STAMPA −

Quando si parla della propria città è facile evidenziare le cose che non vanno, discutere per ore ed ore sulle criticità del territorio, spesso senza arrivare ad un qualcosa di concreto che riunisca le forze e risollevi la situazione locale. L’associazione cittadina “Solidarietà e Partecipazione”, però, sabato 27 maggio ha deciso di percorrere la strada opposta, quella più difficile. Ben al corrente degli attacchi che la filiera agroalimentare quasi giornalmente subisce, ma consci della sua importanza e potenzialità, ha provveduto ad organizzare il convegno “Tipicità territoriale e turismo alimentare” nel quale importanti esponenti, sia del mondo politico che dell’agroalimentare, si sono avvicendati in un proficuo discorso sull’importanza della protezione del territorio, per un corretto sviluppo del settore. Di forte impatto comunicativo sono stati gli interventi di Rosita Mastrota, giovane imprenditrice di Cerchiara di Calabria (CIA Calabria Nord), Fulvia Caligiuri (Presidente Confagricoltura Cosenza), Leonardo De Marco (Feder. Agri – MCL), Giuseppe Gigliotti (Coldiretti Pollino) e Silvano Lanciano (Flai – Cgil Castrovillari) che, senza mezzi termini, hanno posto l’accento sull’assurdità del considerare il Distretto Agroalimentare di Qualità di Cammarata come un luogo in cui possano pacificamente convivere i prodotti che ogni giorno finiscono sulle nostre tavole e i rifiuti del comprensorio. È chiaro il riferimento alla discarica di Campolescio che, dopo anni, ancora attende di essere bonificata e tombata per sempre, nonché al nuovo progetto del Mega impianto di rifiuti che si vorrebbe realizzare proprio a Cammarata, argomento di cui sarà oggetto il Consiglio Comunale del 30 Maggio. Il convegno si è concluso con l’auspicio e la volontà dei partecipanti di valorizzare, sinergicamente, il settore agroalimentare che, come da concreta dimostrazione degli stand delle aziende locali allestiti nell’atrio di Palazzo di Città e dalla prova magistrale di cucina dello chef Ammirati avutasi nel corso dell’incontro, è capace di realizzare un notevole indotto turistico ed economico, se ben saputo valorizzare.

La giornata è proseguita con il successo dell’abbinato concorso “Dolce Chef” nel quale ben 29 partecipanti hanno deliziato il pubblico con altrettante creazioni dolciarie artigianali. Un bellissimo evento presentato da un’instancabile Serenella Chiodi che, dopo aver moderato il convegno della mattina, ha coordinato gli assaggi dei giurati “buongustai”: Carlo Lo Polito, Vincenzo Todaro, Giulia Zagarese, Filomena Palmieri e la sig.ra Teresa Di Dieco, le ultime due delle autentiche eccellenze locali in materia alimentare, a cui va un sentito ringraziamento per aver prestato il loro autorevole giudizio. Alla fine a trionfare sono stati i “Bocconotti di nonna Annina” creati dalla sig.ra Perrone Maria Teresa che si è aggiudicata il soggiorno per due notti presso “Masseria Marianna” a Specchia (LE), località riconosciuta “Borgo più bello d’Italia” e “Gioiello d’Italia”. Ecco la classifica dei finalisti:

1. “Bocconotti di nonna Annina” di Perrone Maria Teresa;

2. “Fiori e sapori di primavera” di Zuccarelli Valeria;

3. “Mostaccioli” di Zaccaria Loredana;

4. “Fantasia di Rose” di Grazioli Debora;

5. “Mustacciolo” di Virardi Carmela;

6. “Sinfonia floreale” di Semeraro Maria Rosaria.

È stato possibile realizzare gli eventi grazie, soprattutto, allo straordinario impegno di Maria Antonietta Guaragna e Giuseppe Santagada (Consiglieri delle Liste Civiche di Solidarietà e Partecipazione) che hanno lanciato un forte segnale alla città, ricordando che può essere utile criticare solo quando poi si è capaci di “costruire” e proprio il settore agroalimentare castrovillarese rappresenta un punto importante da cui può iniziare il rilancio della città del Pollino.

− COMUNICATO STAMPA −

Non è un appuntamento solo per i bikers. La Marathon degli Aragonesi in programma domenica 11 giugno è una manifestazione sportiva che da sempre ha cercato di coniugare il turismo sportivo, la conoscenza del territorio, la promozione delle bellezze artistiche, culturali e paesaggistiche dei comuni coinvolti,Castrovillari, Frascineto e Civita, e valorizzare il contesto naturale del Parco Nazionale del Pollino.

Da sempre l’associazione sportiva dilettantistica Ciclistica Castrovillari - organizzatrice della gran fondo in mountain bike – presieduta da Antonio Limonti, ha intessuto rapporti di collaborazione con le guide ufficiali del Parco Nazionale del Pollino per permettere ai bikers in arrivo da tutta Italia e alle loro famiglie, di godere appieno della montagna del Sud, il Pollino.

Anche per l’edizione 2017 ricco di proposte è il programma delle attività collaterali che accompagnano la Marathon degli Aragonesi.

Aspettando la Marathon prenderà il via da sabato 10 giugno con la passeggiata, da fare in bici o a piedi, della green way che collega la città di Castrovillari aMorano Calabro Borgo più bello d’Italia e Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. La proposta è rivolta alle famiglie dei corridori, ma anche a tutti gli appassionati del turismo verde. Lungo i cinque kilometri della pista ciclabile realizzata con i fondi del Pisl 2017 – 2013 (frutto del progetto “Attraversando Natura” che è anche un portale turistico e di marketing territoriale finalista allo Smau di Napoli 2015) le guide ufficiali del Parco Nazionale del Pollinoaccompagneranno turisti e visitatori a scoprire gli ambienti ed i panorami che è possibile ammirare seguendo l’antico tracciato della ferrovia.

La partenza è prevista dal Villaggio Marathon (ubicato presso il parco giochi comunale in Via Polisportivo) alle ore 17.00. Lungo il percorso – nei pressi dell’ex casello ferroviario di località Crocefisso – si effettuerà una sosta nella quale si incontreranno i musicisti Francesco Gallavotti, Roberto Cherillo e Sasà Calabrese che racconteranno in musica suoni e paesaggi del Pollino. Poi la ripartenza con l’arrivo a Morano Calabro e ritorno previsto intorno alle 20.00.

Domenica 11 giugno, invece, dopo la partenza in attesa dei primi atleti sempre con le guide ufficiali del Parco nazionale del Pollino si potrà passeggiare alla scoperta del centro storico di Castrovillari, ammirando le bellezze dei palazzi storici, la chiesa madre nel cuore del salotto antico della Città, il Protoconvento Francescano, il Castello Aragonese.

Sempre con le guide del Parco si potranno concordare appuntamenti di visita personalizzati per approfondire la conoscenza di Frascineto e Civita, due realtà della rete di comuni arbereshe del Parco.

Vincenzo Alvaro
- giornalista -

− COMUNICATO STAMPA −

Quindici spettacoli di cui tre anteprime nazionali e cinque prime. Tre giorni di laboratorio con l’attore, autore e regista Roberto Latini, e sei giorni di workshop, rivolto a spettatori e spettatrici, appassionati di teatro e giovani firme della stampa locale, diretto da Teatro e Critica. E ancora, due incontri: la presentazione del libro “Cosa c’è da guardare” di Andrea Porcheddu e “Sistemiamoci!”, dibattito sui sistemi teatrali regionali. Sono questi i numeri in programma per la XVIII edizione di Primavera dei Teatri, il festival sui nuovi linguaggi della scena contemporanea, ideato e diretto da Scena Verticale. Si aggiungono momenti di confronto tra operatori del settore, critici, artisti e spettatori provenienti da tutta Italia, che fanno di Castrovillari un polo di riferimento al Sud dei nuovi percorsi della drammaturgia contemporanea e della nuova creatività, una città laboratorio, cantiere d’incontri e dialoghi tra artisti italiani di diverse generazioni, ritagliandosi una specificità culturale originale di grande interesse nel panorama nazionale.

Spazio anche ai piccoli spettatori con il Primavera Kids, un programma dedicato ai bambini con laboratori di narrazione a cura della libroteca La Freccia Azzurra e al divertimento con il dopo festival, ogni sera al Giudecca Cafè.

Il countdown per l’edizione numero 18 sta per terminare: Primavera dei Teatri, quest’anno nella sua maggiore età, da martedì 30 maggio, fino al 4 giugno, animerà l’antico borgo alle pendici del Pollino e per l’occasione - dopo oltre trent’anni - verranno temporaneamente riaperte le porte del Teatro Vittoria, distrutto da un incendio nel 1986.

Si inizia dunque martedì 30 alle 19.00, quando sul palco del Teatro Sybaris andrà in scena “Caprò”, monologo di Vincenzo Mambella, diretto e interpretato da Edoardo Oliva, per la compagnia Teatro Immediato.  Testo che si ispira alla vicenda ammantata di mito della nave Utopia, carica di emigranti italiani, che affondò a largo di Gibilterra il 17 marzo del 1891, provocando la morte di 600 passeggeri di terza classe. Alle 21.00, invece, inaugura la riapertura del Vittoria,  il “Macbettu” di Alessandro Serra, versione sarda, prodotta da Sardegna Teatro e Teatropersona, del celebre testo di William Shakespeare.

Tutte le info su www.primaveradeiteatri.it

 

− COMUNICATO STAMPA −

Archiviata la quinta edizione del Premio Pagano, che come da prassi si è svolta nella Chiesa di San Domenico ad Amendolara, che grazie a questo appuntamento mette in mostra tutto il suo splendore ai tanti ospiti che giungono da fuori.

E' stata l'edizione della conferma per il concorso fondato sui principi di legalità che in pochi anni è diventato punto di riferimento nel panorama scolastico provinciale. Ogni anno il Premio Pagano annovera tra i partecipanti sempre nuove scuole entusiaste di cimentarsi con le varie tematiche messe a bando. Quest'anno il tema è stato: Il linguaggio dell'odio su media e social network: conoscerlo per rifiutarlo. La mattinata di venerdì 26 maggio ha visto un interessante momento di confronto sul tema del concorso, al quale hanno partecipato, grati dell'accoglienza ricevuta ad Amendolara, l'onorevole Rosanna Scopelliti, membro della Commissione Antimafia presso la Camera dei Deputati e figlia del giudice Antonino ucciso dalla mafia; e il questore della Camera dei Deputati, onorevole Stefano Dambruoso. Il questore, già magistrato e pioniere delle inchieste contro il terrorismo islamico, ha rimarcato il rischio che gli adolescenti corrono navigando sul web con la possibilità di venire adescati dalla propaganda dell'Isis che si serve dei giochi online e dei social network per, addirittura, addestrare nuovi "soldati". Questo fenomeno che rappresenta una vera violenza sulla rete può essere combattuto - ha sostenuto Dambruoso - con una corretta integrazione che non può che partire dalle scuole. «L'immigrato deve diventare consapevole dell'enorme fortuna di cui può godere. E cioè di quella libertà che nel suo paese di origine non hai mai conosciuto».

I lavori, moderati dal giornalista e direttore di Paese24.it, Vincenzo La Camera, sono stati introdotti del presidente dell'Associazione per lo Sviluppo dell'Alto Jonio, il consigliere parlamentare Antonio Pagano figlio del giudice Umberto, originario di Amendolara, a cui è dedicato il premio. Pagano, soddisfatto dell'interesse che cresce attorno alla manifestazione, ha sottolineato l'importanza di legare il Premio alle Istituzioni che grazie ad esso vengono stimolate ancora di più.

Ha carpito l'interesse della platea degli studenti presenti il video molto significativo presentato da Maria Luisa Scardina dell'Ufficio Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza. Nella breve clip si evidenzia l'assenza dei rapporti umani sostituiti dai selfie che portano ad un indifferenza verso l'altro. Nel video cartone animato, si vede una ragazzina su un cornicione che vorrebbe gettarsi di sotto. Mentre giù, sulla strada, è uno stillicidio di luci: sono gli smartphone dei curiosi che cercano di riprendere la scena con estrema freddezza verso la tragedia che si sta per consumare. Il Premio Pagano viene organizzato dall'Associazione per lo Sviluppo dell'Alto Jonio in collaborazione con l'Istituto Comprensivo di Amendolara che ha partecipato al dibattito con l'intervento della professoressa Francesca Napoli, la quale ha sottolineato l'importanza dell'apertura della scuola al territorio, del dialogo tra istituzioni e realtà sociali. Il sindaco di Amendolara, Antonello Ciminelli, ha evidenziato uno scollamento tra le istituzioni e le agenzie sociali, probabilmente ancora impreparate, legislativamente ed eticamente, ad affrontare queste nuove forme di violenze. L'onorevole Scopelliti, nel suo intervento, dopo una doverosa e applaudita parentesi sulla storia del padre morto per mano della mafia quando lei aveva appena sette anni, ha spiegato come, seppur spesso in silenzio, il Parlamento è impegnato a cercare di dare risposte serie a queste nuove emergenze sociali, come la legge sul cyberbullismo approvata di recente alla Camera dei Deputati per tutelare le vittime, insistendo però sulla necessità di partire dal basso, dalla scuole, con una formazione appropriata per gli insegnati che sono il primo avamposto di legalità, dopo i genitori, per un adolescente. Ma l'attore principale resta la persona, in questo caso l'adolescente che deve prendere coscienza - sottolinea anche la Scopelliti - di cosa è bene e di cosa è male, nella vita come su internet.

Nel pomeriggio spazio alle premiazioni, coordinate dal presidente Pagano e dalla professoressa Ersilia Granato. Quest'anno senza podio, ma tutti sullo stesso livello. Per la Scuola Secondaria di Primo Grado, la commissione ha premiato il fumetto in power point della I A di Amendolara; il video delle III A, B, C dell'Istituto Comprensivo di Sibari e sempre un video della III F della Scuola Enrico De Nicola (Plesso Giustino Fortunato) di Castrovillari. Il lavoro della scuola di Castrovillari verrà regalato alla presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, in occasione della visita a Montecitorio alla quale tutti gli studenti vincitori del Premio Pagano 2017 parteciperanno il 2 giugno. A tal proposito a tutti i presenti in sala è stata consegnata una copia della Costituzione Italiana.

Per la Scuola Secondaria di Secondo Grado, invece, vincono il concorso: IV A del Liceo Scientifico di Corigliano con un originale videoclip "Spegni il computer, accendi la vita"; un elaborato dell'alunna Angela Drammis della I A dell'I.I.S. di San Marco Argentano (plesso Liceo Scientifico di Fagnano Castello); un disegno molto significativo di Maria Di Leo della I H dell'Istituto Professionale di Trebisacce; e la III C del Liceo Scientifico di Trebisacce con alcuni elaborati narrativi.

La manifestazione, nel ricordo anche del compianto ispettore del Miur Francesco Fusca, da sempre vicino al Premio Pagano, e che quest'anno ha visto il contributo anche delle associazioni Amigdala e Azione Verde, si è aperta con le voci del coro dell'Istituto Comprensivo di Amendolara e si è chiusa con le note della Banda Musicale di Nova Siri (Mt) che ha consegnato alle cronache la quinta edizione del Premio Pagano facendo risuonare l'inno nazionale nella splendida cornice della Chiesa del Convento di San Domenico.

Vincenzo La Camera, ufficio stampa

− COMUNICATO STAMPA −

A Porto Badisco, nel leccese, nei giorni scorsi, alcuni bagnanti hanno segnalato ai Carabinieri un'oggetto sospetto, che subito si è rivelato essere un'ordigno inesploso.

La macchina istituzionale della sicurezza ha portato alla richiesta urgente di intervento degli artificieri della Caserma "Manes" di Castrovillari(CS), che ieri si sono portati rapidamente in terra di Puglia, riconoscendo nell'oggetto metallico pesantemente danneggiato e corroso, una bomba da mortaio inesplosa.

L'ordigno, contenente circa 1kg di Tritolo,  pero', per motivi di sicurezza e pubblica incolumita', è stato rimosso dal personale specializzato della 2^ Compagnia Guastatori dell'11° Reggimento Genio, e fatto brillare in maniera controllata in una zona idonea, dove successivamente, è stato possibile rimuovere dal terreno, schegge e materiale di risulta.

Risulta sempre preziosa e incisiva l'opera degli specialisti della Caserma "Manes", che nel supporto alle Amministrazioni locali, si rivelano fondamentali per la sicurezza della popolazione, operando indistintamente nella lotta agli ordigni bellici inesplosi come nel supporto alle zone colpite da calamita', confermando ancora una volta la loro importante presenza nella città del Pollino.

 

Castrovillari 27 maggio 2017

Pagina 10 di 349
FreshJoomlaTemplates.com
Monday the 24th. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.