– COMUNICATO STAMPA 

Un percorso fotografico sensoriale alla scoperta del Pollino più vero. Una passeggiata per immagini, un racconto attraverso l'obiettivo di un reporter in viaggio nell'area protetta più grande d'Italia, tra i parchi più grandi d'Europa.
L'appuntamento è per venerdì 10 agosto alle 18.30 nel salotto all'aperto dell'Agriturismo Masseria "La Lista" di Amendolara. Un'esposizione fotografica sul Pollino in una location rural che richiama un percorso sensoriale, una visione lenta di immagini, per una volta fotografie vere, con gli occhi lontani dagli smartphone. Ogni foto richiama un momento, un attimo, una sensazione ed un'emozione che il reportet attraverso la sua macchina fotografica trasmette al pubblico. Ed ecco che si scopre quel Pollino che pochi conoscono, quella natura incontaminata pronta ad accogliere l'uomo ma soltanto se in simbiosi con essa. Questo evento sensoriale, voluto e promosso da Paese24.it e dal suo direttore Vincenzo La Camera, si presenta come un esperimento di riscoperta del valore del tempo e della discussione costruttiva e mai strillata attorno ad un focus: in questo caso il Pollino, la fotografia e il turismo di montagna.

In un angolo di giardino, in sintonia con la location, troveranno posto le fotografie, a disposizione del visitatore, degli ospiti della struttura che potranno usufruire del percorso nei momenti di relax e di attesa, riscoprendo il gusto della condivisione della bellezza. L'Agriturismo Masseria "La Lista", con Pasquale Benvenuto, ha da subito sposato l'iniziativa aderendo così ad nuovo modello di ricettività turistica,incentrata su un'apertura al territorio della struttura, open space per appuntamenti di qualità. "Il Pollino - Un percorso fotografico sensoriale", patrocinato dal Comune di Amendolara, gode del sostegno della Banca di Credito Cooperativo Mediocrati - con il centro direzionale a Rende (Cs) e con un'avviata filiale ad Amendolara - sempre attenta a rispondere agli stimoli del territorio, affiancandosi ad eventi degni di nota. Oltre al reporter Adriano Affortunato, sarà presente all'inaugurazione, tra gli altri, anche Roberto De Marco esperto di canyoning che aprirà una parentesi sulle affascinanti Gole del Raganello e su come visitarle per divertirsi in sicurezza tra cascate, laghetti e scivoli naturali.

– COMUNICATO STAMPA 

Si rinnova ad Oriolo l'appuntamento "Una serata per Francesco" in memoria del compianto cittadino scomparso prematuramente nel 2010. Il programma prevede la Partita del Sorriso che si terrà venerdì 10 agosto alle ore 18 presso il campo sportivo comunale. Prima del calcio d'inizio dell'amichevole, che vedrà in campo gli Amici di Francesco, verranno deposti i fiori ai piedi del murales che ricorda il giovane calciatore all'ingresso degli spogliatoi.

I promotori dell'evento, coordinati da Massimiliano Oriolo, invitano tutti sugli spalti per ricordare Francesco Varlaro e stringersi attorno ai genitori, alla moglie Antonietta e ai figli Francesca, Mariana e Manlio. L'appuntamento, inserito nel cartellone dell'Oriolo Cult Festival, è organizzato con la collaborazione dell'Amministrazione Comunale. Il ricavato della serata di beneficenza, che si concluderà con un piccolo momento conviviale sempre al campo sportivo, servirà ad aiutare - comunicano gli organizzatori «un bambino della nostra comunità che sta affrontando un periodo difficile della sua vita».

Paese24.it - Media Partner

– COMUNICATO STAMPA 

La cerimonia di riapertura della strada di accesso al Santuario della Madonna del Castello si è svolta nella consapevolezza che solo una buona sinergia tra enti ed istituzioni può riconsegnare dignitosamente alla piena fruibilità della comunità l’esistente e quanto è stato ereditato.
Lo hanno ribadito in sintesi il Sindaco, Domenico Lo Polito, e l’Assessore regionale alle Infrastrutture Roberto Musmanno, spiegando brevemente, dopo il simbolico taglio del nastro avvenuto ieri sera nei pressi del Santuario, il cammino della realizzazione avvenuto con fondi della Protezione Civile e del Comune tra impegni profusi, poi ripreso nel contributo del Vescovo della Diocesi di Cassano allo Jonio, monsignor Francesco Savino, il quale ha rilanciato, tra l’altro, la bontà di tale sintesi come esempio di sussidiarietà verticale capace di realizzare con l’apporto indispensabile di ciascuno.
Un fattore- ha anche ricordato il presule- espresso nella dedizione, passione, entusiasmo e partecipazione del rettore del Santuario, Don Carmine De Bartolo, come testimonia il Tempio alla Madonna sul Colle.
Il tutto in un mosaico di elementi-è stato richiamato successivamente dai rappresentanti delle Istituzioni e della Diocesi- che esprime la Bellezza della partecipazione inclusiva, sottolineata inoltre, per l’occasione, dalla presenza di tanti cittadini, consiglieri comunali ed esponenti delle Forze dell’Ordine che, con i gruppi folclorici della “Pro Loco” e dell’Associazione culturale “Città di Castrovillari”, hanno rappresentato quella unitarietà di sentimenti che animano la popolazione per Luoghi come lo è il Santuario, espressione di fede, condivisione e solidarietà.
Valori che contraddistinguono da sempre- è stato ricordato- i tratti più intimi del popolo castrovillarese il quale, con i tecnici, l’Ufficio di direzione lavori, il responsabile unico del procedimento in seno al Comune ed i rappresentanti dell’impresa realizzatrice dell’opera, ha voluto ricordare il geologo Vincenzo Lo Polito (impegnato agli inizi con lo studio dei luoghi), prematuramente scomparso, consegnando alla vedova, Maria Luisa Grisolia, una Targa offerta dall’Amministrazione municipale che sottolinea la capacità umana di Chi si è speso con professionalità e passione per la propria Terra.
Sensibilità e talenti sono stati riconosciuti dal Comune anche attraverso il concorso indetto dall’Amministrazione per premiare i murales che abbelliscono la strada di accesso al Santuario.
Dei dieci che impreziosiscono il Costone che la perimetra la Giuria, composta da monsignor Savino, dal Rettore del Santuario, Don Carmine De Bartolo e dalla preside del liceo artistico, Elisabetta Cataldi, ha conferito il primo premio di 500 euro ad Antonio Oliva di Rende per l’opera che appare nella nicchia n.10, ricca di contenuto, storia e tecnica, il secondo di 350euro a Saverio Santandrea per ciò che è impresso nella nicchia n.5 e il terzo di 250 euro a Leonardo Zicari il cui affresco caratterizza la n.2. Questi ultimi sono artisti locali.
A tutti sono andati i complimenti per come ciascun murales arricchisce ed accompagna il camminamento; mentre a Mimmo Alichino e Milena Bruno, che si sono adoperati nel coordinamento, il Sindaco ha espresso i propri ringraziamenti per l’apporto offerto, espressione di quel valore aggiunto che dà il senso di cosa significa il concorso dei cittadini per la realizzazione degli avvenimenti.
La cerimonia di riapertura della Strada è stata suggellata a conclusione dalla celebrazione della santa Messa officiata dal vescovo con i parroci della città.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari
(g.br.)

COMUNICATO STAMPA

Il Meetup di Castrovillari, attonito, si trova inevitabilmente costretto ad affrontare le accuse di “razzismo” avanzate dagli esponenti del PD locale nei confronti della linea politica del Movimento 5 stelle, le quali trovano inevitabili ripercussioni anche a livello locale, poiché implicitamente rivolte anche agli attivisti locali. Alla luce delle recenti dichiarazioni, si rende necessario, pertanto, chiarire lo stato delle cose. 
Il contenuto particolarmente fantasioso, del “comunicato”, utile solo ad infangare gratuitamente gli avversari politici, si è inevitabilmente ritorto contro gli stessi scriventi.
Innanzitutto scrivere un comunicato stampa sulle sole basi di un post su Twitter del Segretario Nazionale del PD Martina, contrapponendolo ad una dichiarazione di Salvini, decontestualizzata, sono solo l’inizio della preannunciata catastrofe: una serie di montature successivamente rivelatesi un fiume di bugie.
La supponenza con la quale il PD locale si è rivolto prima a Salvini e poi al Governo giallo-verde, accusando entrambi di credersi in perenne campagna elettorale, è sintomo di un grave scompenso, scarsa attitudine nel valutare i comportamenti altrui, o, cosa molto più probabile, tendenza a sopravvalutare le proprie capacità, identificandosi nel leone più forte del branco. Quel retorico “qualcuno spieghi” è inequivocabilmente decifrabile come insicurezza del mittente come se percepisse caos senza però identificare un soggetto risolutore. Bene. Procediamo oltre. Gli eventi verificatisi sono indubbiamente gravissimi episodi di violenza ingiustificabile, i quali tuttavia non presuppongono né sottintendono la motivazione raziale.
Al contrario, il voler insinuare ed instillare odio nei confronti dei destinatari del comunicato, è ben più grave e sotto gli occhi di tutti.
Probabilmente non avevano fatto i conti col web, in quanto la favoletta è stata smentita da articolo ANSA del 31 Luglio c.m.
In secondo luogo, facendosi sempre più marcata l’intenzione di instillare odio nella popolazione, vengono citati ulteriori due casi di presunto razzismo, dei quali si riporta reale stato delle cose. Altre due bugie, che, insieme alle altre, conducono il lettore verso la conclusione, colma di finto perbenismo.
La domanda che sorge spontanea è: su quali basi avrebbe dovuto attecchire il sopracitato comunicato? Il classico castello di carta.
La presunzione di aver aperto gli occhi a qualcuno non è nel nostro stile arrogarcela; si spera più che altro che il messaggio venga correttamente recepito da chi ha voglia di conoscere l'accaduto per come si è realmente verificato.
La spirale d'odio tanto decantata come fosse indotta dal governo giallo-verde, dopo aver “debunkerizzato” il comunicato stampa emesso dal PD di Castrovillari, è inequivocabile che sia stata generara dalla stessa "forza" che punta il dito, generando caos e disinformazione, e che intima agli altri di prendere decisioni in merito; quando invece la strada meno tortuosa sarebbe stata quella di accertarsi di quanto si intendeva comunicare ai lettori. 
Accertamento che, ovviamente non era in programma, poiché sarebbe stato evidente sin dall'inizio che le accuse erano completamente prive di fondamento, in quanto il movente razziale è stato immediatamente escluso dagli inquirenti. Sarebbe stata sufficiente una breve ricerca ed invece, hanno preferito ipotizzare e speculare a danno della collettività. 
Un accenno al tweet di Matteo Renzi, ex primadonna del Partito Democratico, è dovuto: non abbiamo idea di quale sostanza psicoattiva abbia assunto. Vedere i fatti per come sono stati raccontati dal PD locale è sintomo di allucinazioni. O molto più probabilmente il discorso è sempre il solito: credevano di rivolgersi a cittadini completamente disinformati, facendo loro stessi, al contrario, la figura dei superficiali. 
Non percependo la mancanza di cultura come un problema, l’ignorante non si rende conto di passare per “lo scemo del villaggio”. In passato qualcuno avrebbe anche potuto abboccare, mentre oggi la situazione, grazie al web, è ben diversa e, pertanto, questo genere di atteggiamenti, non può che rivoltarsi contro il mittente.
In un clima surreale come quello che si respira in questi giorni, si contestualizza l’esternazione del consigliere comunale di maggioranza in quota PSI, Jerry Rubini, collocabile “ideologicamente” in quella presunta area “sinistroide”, rappresentata da “pezzi da novanta” (si fa per dire), quali Incarnato (ergo Sorical), Oliverio & CO, personaggi collocati in posizioni di rilievo in quanto “manovalanza”, esecutori che non fanno domande. Il tempo delle burle è finito e se in passato si è dato modo a tale “classe dirigente” (anche qui si fa per dire) di condurre i giochi, la colpa è da individuarsi in coloro che hanno permesso al seme di germogliare.
Il consigliere Rubini, nell'inutile tentativo di anticipare le mosse del PD Nazionale, ha esternato un pensiero (indotto o personale che sia), ha di fatto prodotto un monologo del nulla della durata di circa due minuti, per il quale il comune buon senso suggerirebbe di scusarsi con i propri elettori e con le forze politiche ingiustamente attaccate.
Qualora tali scuse non dovessero pervenire, si invita quantomeno la “platea” a riflettere su chi si ha davanti e a lavorare sulla memoria a lungo termine, in quanto è fin troppo diffusa la tendenza a dimenticare (o voler dimenticare) gli strafalcioni di questo o quell’altro soggetto politico, come se fosse cosa dovuta voltare pagina come se nulla fosse. Che ognuno tragga le proprie conclusioni in merito, ai posteri l'ardua sentenza.


MeetUp "CASTROVILLARI A 5 STELLE"

– COMUNICATO STAMPA 

Per dare l’opportunità a chi desidera di essere sul posto e, quindi, partecipare all’importante momento per la città.
In occasione della riapertura della strada di accesso al Santuario della Madonna del Castello, programmata dall’Amministrazione comunale di Castrovillari per questa sera alle ore 19,30, a cui sono invitati tutti i cittadini, la ditta La Camera garantirà il servizio navetta con partenza da Largo Caduti sul Lavoro, già largo Cavour.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari
(g.br.)

– COMUNICATO STAMPA 

Saranno 4 gironi su scala nazionale a dividere le 32  squadre che si sono iscritte al campionato di serie B1. 
La società di Castrovillari è stata inserita nel girone "D" assieme a: Marcozzi Cagliari , Rosanero Palermo, Città di Siracusa, Pongistica Messina , Siracusa  A , Top Spin Messina e  Vi. Ga. Ro  Siracusa B.
La formazione del pollino anche   quest'anno è l'unica squadra e società calabrese partecipante al prestigioso Campionato Nazionale. Una nuova avventura per i rossoneri dopo la brillante vittoria del campionato di serie B2 . 
Si partirà il  29 settembre, con la squadra castrovillarese impegnata  fuori casa contro il  Siracusa A. 
«Sarà un lungo e difficile percorso - commenta il presidente della società del Pollino Giuseppe De Gaio  - che ci rende orgogliosi e compatti nel raggiungere l'obbiettivo  di  salvezza . Abbiamo lavorato e lavoreremo tanto per cercare di portare in alto il nome della nostra città»

Pagina 10 di 424
FreshJoomlaTemplates.com
Friday the 19th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.