Un pubblico di giovanissimi in particolare ha gremito la Sala di Khoreia 2000 per la cerimonia di premiazione del concorso artistico - letterario "Sul fondo. Per non dimenticare la Shoah".

La serata aperta dalla performance "Il coraggio di essere" per la coreografia di Rosy Parrotta è proseguita con l'intervento della prof.ssa Francesca Rizzuto che ha ricordato il suocero Antonio La Banca, carabiniere deportato a Dachau miracolosamente sopravvissuto al plotone d'esecuzione e liberato il 5 maggio del 1945.

Dopo i saluti dei rappresentanti delle associazioni Mystica Calabria e Khoreia 2000, rispettivamente Ines Ferrante e Angela Micieli, del vicesindaco della Città di Castrovillari Francesca Dorato e del presidente di giuria Antonello Fazio, sono stati dati diversi riconoscimenti e premi, tra cui diplomi di merito che sono andati a Ivana Grisolia per la produzione grafica, Luciano Maiorano per il racconto "Soldati", Giovanni Di Cunto per l'installazione "Auschwitz" (per la quale ha ricevuto anche il premio speciale voluto dallo sponsor Spazio Ecologico), Luigi Di Puglia Pugliese e Mario De Rosa per la poesia, Francesco Propato per la fotografia, Mario Talarico per la pittura,  e gli alunni dell' IPSEOA - Casa Circondariale di Castrovillari seguiti dal prof. Edoardo Talarico, per l'installazione "Selektion".

Tanti premi hanno portato a casa, ancora una volta, le scuole del territorio che hanno partecipato con entusiasmo al concorso e alla manifestazione: I.C. "G. Troccoli" di  Lauropoli con la classe 2^A per il cortometraggio "Ricordi" e con la  classe 2^E  per l'installazione "Ce n'est pas un homme" guidati dai proff. Malomo, Galizia, Vigna e Dionesalvi, l' I.T.T. "U. Calvanese "di Tortora con le classi 3^ e 4^ accompagnati  dalla prof.ssa Maria Todaro per l'installazione e la poesia "rap", la scuola media "G. Fortunato" di Castrovillari con la Classe 3^I e la docente Rosa Maria Mastroianni per la storia illustrata "Shaoul e la libertà" (mentre alcune alunne della 2^ I dello stesso istituto hanno suonato per la platea), l' ITCG "Pitagora-Calvosa" di Castrovillari con l'alunna Alessia Laurito, accompagnata dalla prof.ssa docente Maria Ambrosio, per il lavoro "Quando la prima a cadere è la speranza...", gli alunni dell' IPSEOA - Casa Circondariale di Castrovillari, seguiti dalla prof.ssa Annamaria Rubino, per la produzione  "Oltre il filo spinato, un' anima",  l'ITIS "E.Fermi" di Castrovillari con l'alunna Katia Canonico e le prof.sse Francesca Rizzuto e Dora L'Avena per il lavoro  "Ombre a Dachau" (l'alunna ha anche presentato durante la serata una produzione multimediale dedicata alla vicenda di Antonio La Banca").  Un premio speciale anche alla piccola Giorgia Stabile per il miglior pensiero scritto sull'installazione "Mai più filo spinato" realizzata da Mimmo Alichino all'ingresso della Biblioteca Civica.

Pur non potendo partecipare all'evento l'assessore alla P.I Giuseppe Russo ha espresso la sua gratitudine agli organizzatori e ai giovani partecipanti, affermando che «la Giornata della Memoria deve essere celebrata tutti i giorni. In questo momento storico l'accoglienza del migrante è il ponte ideale per unire l'intera umanità intorno ai colori della pace e contrastare l'odio nei confronti del diverso». 

COMUNICATO STAMPA

Tutto è pronto a Castrovillari per la 59^ Edizione del Carnevale in programma nella città del Pollino dal 18 al 28 di Febbraio. Dieci giorni da vivere con allegria e spensieratezza coniugando maschere e folklore, binomio vincente che da ben 59 anni annovera il Carnevale di Castrovillari tra i 10 più importanti  del meridione, tanto che il Touring Club, lo ha inserito tra i carnevali più belli d’Italia.

Tanti i gruppi provenienti da ogni parte d’Italia e dal mondo che hanno preso parte alla kermesse carnascialesca e da qualche anno a questa parte la Pro loco, guidata dal presidente Eugenio Iannelli e diretta artisticamente da Gerardo Bonifati, dedica ad una nazione o regione , il focus di approfondimento; quest’anno protagonista in tutte le sue sfaccettature la “Puglia” . Tante sono le varie manifestazioni collaterali che negli anni si sono aggiunte all’evento, tanto da dedicargli 10 giorni .

Centinaia e centinaia, sono i turisti che in questi giorni, e soprattutto in quelli “ clou” 26 (grande sfilata), il 27 (galà del folclore) e il 28 (grande sfilata e falò di re Carnevale), (sfilate composte da oltre 1500 figuranti),  partecipano alla manifestazione , provenienti non solo dalla Calabria ma anche dalla Basilicata, Puglia e Campania. E’ questo il Carnevale di Castrovillari. Uno evento nell’evento, dove gruppi mascherati si miscelano al folklore con il festival internazionale che termina con il Gran Galà.

CENNI  STORICI CARNEVALE DI  CASTROVILLARI

Il Carnevale di Castrovillari è una festa a forte radicamento popolare e di antiche origini. In tempi più moderni, da oltre mezzo secolo, viene festeggiato con edizioni organizzate dalla Pro Loco di Castrovillari, ente promotore che si avvale del contributo della locale Amministrazione Comunale,  della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza, della Federazione Italiana Tradizioni Popolari, dell’ Ente Parco Nazionale del Pollino e dello  I.O.V Italia  e della collaborazione di giovani volontari.

Le radici più lontane si possono far risalire probabilmente alla prima metà del '600 allorquando venne diffusa la storia di Organtino (farsa dialettale di Cesare Quintana) proprio in occasione dei "riti" carnascialeschi rappresentata presso il Comune di Castrovillari nel febbraio del 1635.

La prima edizione del Carnevale di Castrovillari risale al 1959, in quell' anno in realtà non si ufficializza altro che una tradizione di festeggiamenti e sberleffi consolidata da secoli e che va sotto il nome di: " I mmasckarate ". Promotore dell' iniziativa fu verso la fine degli anni '50 ( 1959 ) il professore Vittorio Vigiano. Nel corso del tempo la manifestazione si è ripetuta riscontrando grande successo anche oltre i confini nazionali.

CARNEVALE OGGI

 

Oggi il Carnevale di Castrovillari  è uno dei più grandi eventi invernali calabresi. Infatti grazie agli effetti economici positivi ed all’impostazione aziendale dell’organizzazione si riesce ha dare un forte respiro economico all’imprenditoria locale che, soprattutto, in un periodo di bassa stagione, gode di investimenti e di presenze turistiche importanti e rilevanti che condizionano oltremodo anche le scelte della politica territoriale.

 

Gli appuntamenti più importanti del lungo e nutrito programma sono:

L’incoronazione di “Re Carnevale” con il concorso delle “Serenate tradizionali”,che si tengono il giovedì Grasso e che riprendono  l’antico rituale carnascialesco castrovillarese delle “Mascherate”;

la “Parata della Gioia” sfilata e iniziative dedicata ai  bambini;

Il “Premio Carnevale” che viene assegnato ogni anno a personalità calabresi, operanti nel mondo della cultura, della politica, dell’arte, dell’enogastronomia ,che con il loro operato rendono onore e portano alla ribalta la loro terra di origine, premio  realizzato, dal noto orafo Gerardo Sacco;

Il Focus sulle regioni italiane iniziative di approfondimento culturale grazie a convegni , concorsi mostre fotografiche di pitture e rassegne letterarie sulle regioni d’Italia;

il Festival ed  il gran Galà del Folklore  rassegna internazionale di gruppi folklorici ed infine i vari concorsi e le sfilate di domenica e di martedì grasso dedicate ai numerosi gruppi mascherati partecipanti.

 L’organizzazione del Carnevale prevede un impegno annuale non solo da parte dell’Ente organizzatore ma anche e soprattutto dei cittadini che costituiti in associazioni o in semplici gruppi propongono di anno in anno nuovi progetti per cercare nuovi stimoli, nuovi temi, nuove coreografie sia per i mascheramenti che per la realizzazione dei carri allegorici. Tutto finalizzato al gradimento del pubblico, che non fa mai  mancare il proprio calore e da spettatore diventa attore protagonista della manifestazione. Pertanto il Carnevale di Castrovillari,oltre a risultare di grande attrazione turistica,  è un evento che suscita l’interesse dei vari media che, promuovono e  seguono ogni anno tutti gli appuntamenti in programma in particolar modo, le  sfilate che propongono  le straordinarie opere allegoriche  sempre di estrema attualità e interesse.

 UFFICIO STAMPA

Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

COMUNICATO STAMPA

L’occasione del Consiglio Comunale di martedì 31 gennaio, dedicato esclusivamente alla vertenza lavoratori FE. MO. TET. , va colta come un momento di unità della comunità. Da parte mia sento forte la necessità di ringraziare pubblicamente, il presidente del consiglio comunale, i promotori della richiesta,  la conferenza dei capigruppo consiliari che la ha accolta, i consiglieri comunali che parteciperanno alla seduta, le forze Sociali che parteciperanno offrendo il loro, ormai, storico contributo alla risoluzione della atavica vertenza. 

La soluzione non riguarda il prevalere dell’uno sull’altro ma il dare risposte legittime ai diritti dei lavoratori, nel caso, da troppo tempo bistrattati ed utilizzati dalle varie amministrazioni cittadine che si sono succedute.

Tale situazione ha già dato segnale sociale del ripercuotersi sulle attese dei bisogni e dei disagi di 36 famiglie sicuramente in notevole difficoltà ed a tutti noto.

Vogliamo solo offrire un momento di riflessione per evitare prese di posizioni, di arroccamento o di chiusura ad inopportuna difesa di politiche gestionali che a nostro modesto parere devono offrire supporto risolutivo e non realizzare barriera sociale.

Siamo certi che valutando attentamente, da parte degli uffici , scevri da riserve o strategie fuorvianti, i bilanci comunali 2015 e 2016, nelle fasi di previsione, assestamento e rendicontazione, le previsioni e gli impegni contrattuali, il servizio offerto fino al 17 gennaio 2016, gli adempimenti, i procedimenti amministrativi di applicazione delle sanzioni nelle varie fasi, l’ambito in cui i lavoratori operavano, le mancate liquidazioni delle spettanze nei tempi dovuti, i ritardi e le omissioni tipiche delle procedure, possa essere trovata la giusta soluzione, restando nell’ambito della legittimità amministrativa.

Sono voluta intervenire pensando che,  da noi , 36 lavoratori assumono, dal punto di vista occupazionale, la dimensione di una fabbrica, e che comunque occorre attivare azioni di tutela unitaria e collettiva , per garantire, difendere o creare anche un solo posto di lavoro.

Sono convinta che sull’argomento non ci sono vessilli da sventolare da parte di nessuno, e proprio perciò, spero che il consiglio comunale tutto, unitariamente, possa martedì sera fregiarsi, a nome di tutta la collettività castrovillarese, del merito di aver fatto voti, indirizzando gli uffici per realizzare unitaria risoluzione la risoluzione amministrativa.

Un Augurio di buon lavoro, al Consiglio Comunale ed alle Forze Sociali, un saluto di speranza ai Lavoratori  ex FE MO TET.

Le battaglie a difesa del lavoro e dei diritti dei lavoratori appartengono alla comunità ed al sociale, la Politica sia strumento di risoluzione e non del prevalere dell’uno sull’altro. (Maria Saladino)

Maria Saladino 

Venerdì, 27 Gennaio 2017 16:22

4 anni!

Scritto da
Siamo a quattro. L'avventura continua...
 
Stesso giorno, 27 gennaio, stessa ora, 16:22 (TMU), quattro anni dopo, come ogni anno, anche quest'anno ci ricordiamo di quando abbiamo pubblicato il primo articolo: era sui festeggiamenti del patrono della nostra città, san Giuliano di LE MANS, vescovo, che non può ch'essere, a maggior ragione, anche il nostro patrono.
 
Approfittiamo della fausta ricorrenza, sia per fare gli auguri a tutti i castrovillaresi, per cui oggi è giorno di festa, sia per dirvi, sommessamente, a tutti voi che ci seguite...
 
... GRAZIE!!!
 

COMUNICATO STAMPA

Venerdì 27 gennaio con inizio alle ore 15,00 avrà luogo presso l’Aula Magna del Conservatorio di Musica di Vibo Valentia un concerto del duo pianistico costituito dai fratelli Francesco e Vincenzo De Stefano. L’anomalia dell’orario del concerto è dovuta al fatto che entro le 17,00, secondo la tradizione ebraica del venerdì, si devono sospendere tutte le attività. Con questa manifestazione il conservatorio celebra la giornata della memoria con l’esecuzione di un apposito programma dal titolo VINCITORI E VINTI Chi ha realmente vinto e chi ha realmente perso? composto tutto da brani scritti da compositori ebrei o su melodie ebraiche.

 I gemelli pianisti Francesco e Vincenzo De Stefano sono pluripremiati in più 150 concorsi nazionali ed internazionali sia da solisti che in duo. In particolare, sono vincitori dei più prestigiosi concorsi per duo pianistico: A parte la conquista nel 2005 del “Dranoff” International Two Piano Competition di Miami risualtando i più giovani vincitori nella storia del concorso, hanno vinto il Concorso “Cilea” di Palmi,hanno vinto il 1°premio all’ International Grieg Competition di Oslo, il 1°Premio all’ Internationale Sommerakademie Mozarteum Universitat di Salisburgo nel 2005, “Grand Prize” al XIV International Piano Duo Competition di Tokyo, I° Premio al XIXX Concorso Internazionale “Valentino Bucchi” di Roma, I° Premio al XVI “Music and Earth”  International Competition di Sofia, 2° Premio al XVI International Schubert Competition for Piano Duets di Jesenik R.Ceca, 2° Premio al II  “Bradshaw & Buono”  International Piano Competition di New York, I° Premio al IV International Indipendent Competition “Individualis”di Kiev, Gran Premio  T.I.M.2006 -Torneo Internazionale di Musica, I° Premio Assoluto al VII Gran Premio Europeo della Musica “Mendelssohn Cup” di Taurisano, il Premio “S.Calligaris” al Concorso Internazionale “Roma” 2008, il Premio Repubblica di San Marino al Concorso pianistico nel 2004, il 1° premio al IX International Web Concert Hall Competition Michigan USA, il “Prix Special du Jury” al 4° Concours International de piano à quatre mains de Valberg, in Francia, e l’ ultimo il 1°premio al Rubinstein Competition di Mosca. Nati nel 1986 a Reggio Calabria, tengono il loro primo recital a nove anni. A soli 15 anni si diplomano con il massimo dei voti, la lode e la menzione d'onore presso il Conservatorio di Vibo Valentia sotto la guida di Paolo Pollice, evento la cui unicità ha richiesto l’intervento del TAR di Reggio Calabria. 

Hanno studiato all’Accademia Internazionale di Imola con i Maestri Ballista, Masi e Margarius conseguendo nel 2003 il diploma di musica da camera con il  titolo onorifico di  “Master”. Hanno studiato con Vincenzo Balzani. Si sono perfezionati sotto la guida di Aquiles Delle Vigne al Mozarteum di Salisburgo e alla Hochschule di Lipsia dove in entrambe le istituzioni ottengono dei titoli post laurea in Klavier Duo e alla Hogeschool voor Muziek en Danze di Rotterdam dove nel 2007 conseguono con 10,0 Cum Laude la Laurea di Specializzazione del Postgraduate Music Course. Hanno suonato nelle più prestigiose sale concertistiche del mondo. Il DVD “Recital in Wien” prodotto dall’ International Promotion of Art di Vienna testimonia il premio vinto al XVI Perrenoud Foundation International Competition di Vienna con le loro acclamate interpretazioni del Le Sacre du Printemps di Stravinsky e Rèminiscences de Don Juan di Liszt. Nel 2010 Suonare News ha commissionato loro per primi un' incisione discografica con  musiche per duo pianistico. Hanno registrato anche per Piazza Verdi di Rai  radio 3, Radio Vaticana e  per  la  Radio  Bavarese. Collaborano con le pianiste gemelle russe Olga e Natalia Tatievskaya, nel repertorio per 2 pf ad 8mani. Sono docenti del Conservatorio di Vibo Valentia.

 

                                          Il Direttore

                                           Francescantonio Pollice

Mercoledì, 25 Gennaio 2017 14:16

Liste Civiche. Chi deve governare, cominci!

Scritto da

COMUNICATO STAMPA

Le sentenze si rispettano. Anche se non si condividono. Quella del Consiglio di Stato, sul risultato delle elezioni amministrative di Castrovillari, fa poca chiarezza nel merito, ma definisce comunque una situazione. Il completamento di un iter è un atto dovuto per i nostri elettori e per noi. Un atto di lesa maestà per i portatori di doppie e triple morali.

Adesso Castrovillari ha ufficialmente un sindaco e un’amministrazione non più sub-iudice. C’erano anche prima, ma in pochi se ne sono accorti. E continuerà ad avere una minoranza che non smetterà di vigilare, censurare, proporre, interpretando pienamente e positivamente il proprio ruolo, senza aspettare alcunché. E, a proposito di aspettare, certamente un aspetto positivo la sentenza ce l’ha. Fa scomparire ogni alibi, ogni foglia di fico dietro cui un sindaco inadeguato e divisivo ha cercato di celare la sua incapacità di governo della città. Che cominci finalmente a governare, se ne è capace, provando a invertire il processo di degrado che sta annichilendo Castrovillari, e a cui ha tanto efficacemente contribuito.

Dall’ospedale alla sanità territoriale, dal degrado urbanistico che mina viabilità e mobilità, al dissesto del colle della Madonna del Castello, all’incuria in cui versano il cimitero e mille altri edifici e luoghi pubblici, alle “sabbie mobili” dei conti dell’Ente E’ certo più facile cercare di sviare l’attenzione, cercando risse mediatiche rinfocolate da chi è sempre pronto a saltare sul carro del (momentaneo) vincitore che guardare in casa propria. E la campagna per le elezioni provinciali non sono certo un bell’affaccio su questa maggioranza litigiosa e fitta di personalismi. Noi ci siamo e continuiamo con l’orgoglio dell’appartenenza di sempre, a Castrovillari e a Solidarietà e Partecipazione.  

                                                                                              Associazione “Solidarietà e Partecipazione”   

Pagina 6 di 322
FreshJoomlaTemplates.com
Saturday the 25th. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.