Venerdì, 15 Marzo 2013 21:28

A me mi piace!

Scritto da

Innanzitutto per il nome, Francesco, che senza aggiungere altro, indica già di per sé la linea da seguire: quella della semplicità e dell'umiltà francescana, che ha incarnato, rilanciandola, in un periodo di crisi, allora come ora, quella evangelica. Francesco, il santo assisiate, fu visto in sogno da papa Innocenzo III, mentre si sostituiva a una colonna, per sorreggere la cattedrale di ROMA cadente, e fu interpretato come colui che avrebbe dato nuova linfa vitale alla Chiesa, tanto da essere eternato nel ciclo di affreschi giottesco della basilica superiore della città umbra; Francesco, il papa argentino, è visto da tutti come il sorrettore di una Chiesa che necessita di un rinnovamento altrettanto necessario.

Per la provenienza: il primo non europeo dall'VIII secolo, ma, soprattutto, in assoluto il primo dal Nuovo Mondo, da quell'Argentina che è anche un po' la seconda patria di italiani dopo l'Italia stessa.

Perché è anche un po' nostro: il bisnonno dal Piemonte si trasferì colla famiglia nel Paranà, e aver assunto il nome di uno dei santi a cui gli italiani sono più devoti, nonché santo patrono d'Italia, ce lo fa sentire ancora più vicino.

Perché prima di essere prete, è uomo: si diplomò come perito chimico, si resse agli studi facendo il buttafuori in discoteca, praticava arti marziali, andava a ballare come tanti giovani della sua epoca, e tra le sue amicizie scelse anche una ragazza che divenne la sua fidanzata, e non si peritava di ballare il tango.

Perché, come la maggioranza degli uomini qualunque, ama il calcio, avendolo praticato e seguendolo (è un tifoso tesserato della squadra bonearense del San Lorenzo).

Perché agli studi scientifici aggiunse, completando la sua cultura umana e umanistica, quelli filosofico-teologici. Perché è “vergin di servo encomio e di codardo oltraggio”: sempre dalla parte della giustizia, indipendentemente da chi è il potente di turno, non ha esitato a mettersi contro politici, magistrati, militari.

Perché non ostante il suo spirito francescano, è un gesuita: un vero guerriero della Fede. Perché progressista, al punto che catalizzò i voti di quest'ala della Chiesa dopo che sfumò l'opportunità di eleggere il mai abbastanza compianto cardinale Carlo Maria MARTINI, arcivescovo emerito dell'arcidiocesi metropolitana di MILANO (anch'egli appartenete alla Compagnia di Gesù), ma al tempo stesso su alcuni temi fermo sostenitore della Tradizione, al punto di essere considerato, a torto, sostenitore della giunta militare argentina.

Perché, invece di impartire soltanto la benedizione al popolo di Dio, ha impetrato la benedizione di Dio coll'aiuto del suo popolo.

Perché, quando si ritira tardi e le suore a cui è stata affidata la sua persona sono a dormire, si cucina da solo e si lava i piatti. Perché usa i mezzi pubblici: gesto che riunisce la sensibilità economica a quella ecologica, che di questi tempi non è poca cosa (e torna il riferimento al santo poverello, che fece della Povertà e della Natura le sue compagne di vita).

Perché era inaspettato, sembrando ormai bruciato dal precedente conclave.

Perché aveva già pronto il biglietto di ritorno che avrebbe usato prima dell'inizio della Settimana santa, per tornare dal gregge assegnatogli con cui celebrare i riti preparatori alla Pasqua, disposto ad abbandonare il conclave anche senza che si fosse giunta a una designazione.

Perché ha esortato i suoi fedeli ora, all'elevazione a sommo pontefice, come al momento della creazione a cardinale, di non andare a ROMA, ma piuttosto distribuire i fondi del viaggio ai più bisognosi.

Perché se n'è tornato col mezzo comunitario insieme coi fratelli cardinali, e non coll'auto pontificia.

Perché sia quando si è presentato che quando si è congedato alla moltitudine dell'Urbe e dell'Orbe, lo ha fatto, come tutti, noi con un semplice ”buonasera”.

Perché assomiglia tremendamente a quel papa Giovanni XXIII che, altrettanto inaspettatamente salito al soglio pontificio, unì bontà a conoscenza, riformando con un concilio e commuovendo con una carezza.

Perché... Perché... Perché... Perché, per chi crede, lo Spirito Santo, che vede sempre giusto, questa volta ha deciso di fare vedere giusto anche al suo popolo: quello Spirito Santo, fuoco d'Amore, che sembra aver pervaso la Chiesa rendendola ardente in Cristo.

A me mi piace!

Venerdì, 15 Marzo 2013 17:34

Il Cif in piazza per l'AIL

Scritto da

Domenica mattina, in piazza municipio é possile ricevere un uovo di cioccolato con un contributo minimo associativo di 12 euro. Le uova di pasqua dell’AIL sono tutte caratterizzate dal logo dell’Associazione e il banchetto, a Castrovillari, é organizzato dal Cif della città, il cui presidente Rosalia Vigna non perde occasione per coinvolgere, sempre, tutte le amiche ciffine nelle iniziative di solidarietà. E se, non è Pasqua senza un uovo, non si può non contribuire. Tale manifestazione, negli anni, ha permesso all’Associazione AIL di raccogliere e stanziare fondi per la ricerca per far sì che le leucemie, i linfomi e il mieloma siano mali sempre più guaribili. Ogni piccolo passo che la ricerca effettua è merito di un piccolo gesto.

Venerdì, 15 Marzo 2013 10:12

A Castrovillari un weekend ricco di eventi

Scritto da

Quello che é alle porte si prospetta essere un fine settimana ricco di eventi, pronto a soddisfare ogni gusto e/o esigenze. Sabato 16 marzo, alle ore 18.00, presso la sala 8 del Protoconvento francescano di Castrovillari, in occasione dell' evento organizzato dall'Associazione Culturale Khoreia 2000,  Donne in crisi, si terrà l'incontro dibattito Donne, oltre le gambe c'é di più; in serata, per gli amanti del teatro, al Sybaris andrà in scena Nel mare ci sono i coccodrilli con Paolo Briguglia e Fabio Zeppetella, ultimo appuntamento della stagione teatrale Primafila; per gli appassionati di musica, invece, al Quattro Salti, Radio Nord propone Ron in concerto. Ai calienti animi latino caraibici ci pensa l'Urban Theater con la serata Barrio Malo, firmata Hada de luna. Domenica 17, doppio appuntamento per Donne in crisi, presso il Protoconvento francescano, alle ore 18, in sala 8, incontro dibattito Discriminazioni, violenze, abusi:un fatto privato? Alle ore 20.30, in sala 14, lo spettacolo teatrale Il Diavolo e l'Acqua Santa. Due anime gemelle con Angela Micieli e Rosa Tedesco, testo e regia Rosy Parrotta. Ma non finisce qui, in entrambi i giorni, dalle ore 17.30, é possibile visitare al Castello Aragonese, la mostra Degno di una regina. Almeno per questo weekend, a Castrovillari, non ci si può lamentare che non ci sia niente da fare.

Rosy Parrotta

I 115 elettori hanno raggiunto un accordo sul prossimo Papa, mentre Ratzinger, nascosto al mondo e in preghiera, seguiva in diretta TV il Conclave. L'elezione è avvenuta alla quinta votazione. Fumata bianca alle 19:06. Sotto la pioggia incessante la folla a San Pietro è in gioioso delirio.

Angela Micieli

Dopo gli attacchi al consigliere Dolce e al gruppo ex IDV da parte delle Liste Civiche e della segreteria cittadina del circolo SEL, Mario Melfi fa chiarezza sulla vicenda con il  comunicato appena giunto.

La situazione venutasi a creare all'interno di Sel nella città del Pollino è stata dibattuta, con forte preoccupazione, dalla segreteria provinciale tenutasi il 12 c.m. Le diversità di impostazioni politiche tra il Circolo, il gruppo (ex IDV) centro democratico che ha aderito a SEL e lo stesso consigliere comunale, Giuseppe Pignataro, che continua a professare di appartenere a SEL, inducono la segreteria provinciale a fare chiarezza ed a cercare la possibilità di trovare una sintesi , all'interno dei gruppi, capace di una azione amministrativa finalizzata al bene comune.  A tal fine, all'unanimità dei presenti, si è dato mandato al compagno Angelo Broccolo, Presidente dell'Assemblea Regionale di SEL di compiere ogni atto per il raggiungimento  di tale obiettivo, rimarcando che Sel è un partito democratico, che si rivolge ad ogni persona e che utilizza l'iscrizione on line per i suoi simpatizzanti, rifiutando pacchetti di tessere e gruppi consolidati all'interno della struttura. L'esperienza e l'equilibrio di Angelo Broccolo saranno sicura garanzia per tutti gli iscritti e per quanti guardano a Sel con estremo interesse per la valenza del progetto politico di cui è portatore.

Nelle more di una condivisione unitaria, il cui auspicio della segreteria provinciale è realizzarla in poche settimane, il compagno Broccolo, viene delegato ufficialmente ai rapporti tra l'Amministrazione Comunale di Castrovillari e SEL.

Mario Melfi coordinatore provinciale SEL.

La Commissione Ambiente, presieduta dal consigliere Armando Garofalo , si è incontrata nella sala Giunta al primo piano di palazzo Gallo, assistita dal geometra Natale Tollot con funzioni di segretario verbalizzante, per  rimodulare  il Regolamento Energetico Ambientale comunale, approvato nel 2009.

Erano presenti i componenti Ferdinando Laghi e  Antonio Viceconte, assenti per impegni di lavoro, invece, Piero Vico e Francesco Dolce.

Alla riunione hanno partecipato anche l’Assessore allo Sviluppo Ambientale, Angelo Loiacono, il consigliere  Onofrio Massarotti, il Responsabile del Settore Urbanistico, ingegnere Roberta Mari, il responsabile dell’Ufficio Ambiente, geometra Franco Bianchimani, e dell’Ufficio Patrimonio , geometra Fedele Schifino, oltre  i tecnici Nicola Nicoletti, Franco Calà e Salvatore Leto, questi ultimi redattori del primo Regolamento e coinvolti per ridare contenuti a quello di prossima redazione che dovrà contemplare anche nuove indicazioni nell’osservanza delle nuove normative.

Per altro la bozza del redigendo regolamento energetico sarà posta all’attenzione dei cittadini sul sito dell’ente per raccogliere eventuali osservazioni e suggerimenti, utili alla sua redazione.

Al centro dell’approfondimento pure le questioni legate allo sviluppo energetico, alle fonti alternative, nel rispetto della crescita sostenibile scelta dalle popolazioni e delle risorse esistenti.

La Commissione ha ascoltato anche alcune proposte di interventi per  il risparmio energetico di palazzo Calvosa  e per la Scuola Media “Enrico De Nicola” con finanziamenti del Ministereo dell’Ambiente che interessano, tra l’altro altri immobili di  sette Comuni del comprensorio. Si è  discusso,poi,  della problematica del randagismo, decidendo di verificare  nella prossima seduta della Commissione, la bozza di uno specifico regolamento.  L’emergenza rifiuti non è stata affrontata in quanto l’Assessore  doveva presiedere, in contemporanea con la convocazione della Commissione, un altro importante  incontro  presso l’Assessorato. Al Termine , così, gli approfondimenti dei regolamenti ed altre questioni sono state rinviate alla prossima riunione.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

FreshJoomlaTemplates.com
Sunday the 16th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.