Mercoledì, 17 Aprile 2013 08:34

Buon Natale!

Scritto da
È ormai da chiunque risaputo che la data precisa del Natale sembra non coincidere affatto, né per giorno, né per mese, né per anno, con quella che siamo soliti celebrare, e cioè quel 25 dicembre dell'anno 753 dalla fondazione di ROMA, anno che il monaco Dionigi (o Dionisio) il Piccolo aveva posto come quello iniziale dell'era volgare.
 
Se già sull'anno vi sono problemi difficilmente sormontabili, per il mese e addirittura per il giorno l'impresa da ardua diventa pressoché impossibile.
 
Molti studiosi hanno tentato di dare una risposta definitiva ad una delle domande più care alla storiografia di tutti i tempi: quando è nato veramente Gesù?
 
Tutti sanno che la festa attuale si sovrappose, per sostituirla del tutto (come tante altre feste cristiane!) a una festa romana precedente, di stampo pagano: il dies natalis Solis Invicti; e chi, se non il Cristo, il Novello Sole di Giustizia, poteva essere celebrato in questo giorno, che vedeva già la nascita di un Sole Invitto, che altri non era, nel mondo romano, se non quel dio indo-persiano, di nome Mitra e appellato il Salvatore che, nato da vergine, aveva avuto 12 discepoli, era morto a 33 anni ed era risorto dopo tre giorni per donare, coi culti misterici con cui era adorato, la speranza di una vita nuova ai suoi seguaci? Questo culto (mitraismo), infatti, fu il più concorrenziale al cristianesimo, arrivando a fondervisi sincreticamente. Per altro, questa data (o comunque questo periodo dell’anno, ovvero quello del solstizio d'inverno, quando il sole, cioè, sembra riprendere il vigore che aveva gradatamente perso) è associata in modo sorprendente (ma poi non tanto, se si pensa che molti dei sono identificati, in tutte le religioni, al sole, che non vinto da niente, neanche dalla morte, è fonte di speranza di vita!) alla nascita di svariate divinità, e non solo in contesti geografici che avevano contiguità & continuità col mondo giudaico.
 
Giusto a mo' di esempio si citi il dio accadico-sumerico Sama/Utu; il dio posteriore babilonese (anch'egli accadico-sumero) Dumuzi/Tammuzi; il dio siriano Adone (per il quale William WILLIAMSON [pseudonimo di W. SCOTT-ELLIOT], nella Legge suprema: Studio sulle origini delle religioni e sulla loro unità fondamentale, scrive: «... alcuni dei primi Padri della Chiesa Cristiana asseriscono che la grotta di BETLEMME, in cui si celebravano i misteri di Adone, fosse quella in cui era nato Gesù»); il dio egizio Oro (rappresentato in braccio alla madre, la dea Isi[de]); il dio egizio Osiri(de) (padre del precedente, e anch'egli morto & risorto); il dio greco-romano Dioniso/Bacco; il dio norreno Freyr (che vuol dire Signore!); il dio maya Bacab (che si riteneva messo al mondo da una vergine di nome Chiribirias); il dio maya Kukulkán; il dio quiché Gukumatz (identificato col precedente); il dio azteco Quetzalcoatl (anch'egli, a sua volta, identificato coi precedenti); il dio azteco(Huitzil)opochtli; il dio inca (Con Tiqui) Viracocha (anch'egli appellato tra l'altro Signore, e per il quale c'è da precisare che la festa della sua nascita era celebrata sempre in occasione del solstizio d'inverno, ma che essendo nell'emisfero australe, e non, come per le popolazioni relate alle divinità precedenti, in quello boreale, ciò avveniva il 24 giugno, che per il cristianesimo rappresenta il giorno della celebrazione della nascita del profeta S. Giovanni Battista, precursore del Signore & Salvatore!).
 
Per altro, anche la data della morte del Cristo (e quindi della sua resurrezione!) sono state sottoposte ad un'attenta analisi da parte degli studiosi: di ciò ci riserviamo di farne oggetto di nostro interessamento in altra occasione.
 
In seguito a un accurato studio effettuato sui Sacri testi e comparato coll'osservazione di eventi astronomici pregressi (comete, supernovae, congiunzioni astrali, &c.), associabili al fenomeno astronomico noto come Stella di BETLEMME (e impropriamente definito Stella Cometa), grazie all'ausilio di strumentazioni informatiche, uno studioso, l'astrofisico Michael R. MOLNAR, dopo innumerevoli ipotesi precedentemente formulate da svariati & variegati studiosi, tutte interessanti ed egualmente suggestive quanto valide, sembra che sia addivenuto alla conclusione che la data più probabile dell'evento che avrebbe trasformato la Storia, al punto da identificarne un prima e un dopo, sarebbe il giorno 17 del mese di aprile dell'anno 6 avanti Cristo!
 
Come egli stesso nel suo libro La Stella di BETLEMME: L'eredità dei Magi (1999) riporta, tutto è iniziato, nel più puro stile “'Indiana' JONES”, da una moneta romana di ANTIOCHIA, in cui è mostrato l'ariete Ram, simbolo del popolo ebraico e simbolo della costellazione omonima, e dove sono indicati dei fenomeni celesti compatibili col racconto neotestamentario dell'evangelista & apostolo S. Matteo. L'ulteriore conferma alla sua ipotesi la ebbe nell'apprendere che le condizioni astronomiche di quel giorno erano state ritenute, da Giulio Firmico MATERNO, un retore & astrologo romano, annuncianti la nascita, sotto il segno degli Israeliti, di un essere immortale, divino & onnipotente.
 
Ecco perché oggi ci pregiamo di rivolgervi il nostro augurio, consci, come siamo, di commemorarlo da ormai 2019 anni!
 

Nonostante le defezioni di Eugenio Salerno, Pasquale Russo e Franco Dolce, i restanti consiglieri di maggioranza confermano, con un documento, il loro pieno appoggio al sindaco della città Mimmo Lo Polito e ai suoi assessori. Nessun compromesso ma porte aperte a tutti quanti vorranno collaborare per la buona amministrazione della città con azioni scevre da personali interessi o egoismi, ma solo per il benessere collettivo.

Angela Micieli

“Con la personale di Rosa Alba Galeandro, il Castello Aragonese di Castrovillari, dal 30 aprile al 7 maggio, sarà una delle tappe importanti della Maratona d'Arte per Telethon, inaugurata il 12 dicembre 2012 all' interno del Premio internazionale Arte&Stile, durante il quale artisti e fashion stylist italiani e stranieri hanno esposto i loro capolavori per aiutare la ricerca sulle malattie genetiche rare.”

La mostra, che verrà inaugurata il 30 aprile alle ore 19, alla presenza anche di autorità della provincia di Cosenza e della regione Calabria, vedrà la partecipazione  al “taglio del nastro”, del Critico, Angela Aquilini, titolare di Forum&Gallery, nonché ideatrice ed organizzatrice della Maratona d’arte per Telethon.

Lo hanno reso noto gli organizzazzatori dell’iniziativa “ alla quale – affermano il Sindaco, Domenico Lo Polito, il Vice Sindaco ed Assessore al Welfare , Carlo Sangineti, ed il consigliere Lucio Rende con delega alla Cultura-  la città, come è suo costume, risponderà per quanto possibile e nel migliore dei modi, ribadendo il suo impegno per la solidarietà e la ricerca, a tutela della salute e dignità umana per cui oggi, sempre più, c’è bisogno di condivisione e coraggio, i quali non possono che muoversi dalla coscienza del valore della persona, di ogni persona, bisognosa di assistenza ai migliori livelli tecnici, con la ricerca, e che scaturiscono  da una cultura di valorizzazione di ogni persona e sostegno delle opere  nate in ambito sociale  che già svolgono un reale servizio ed hanno bisogno di questi sostegni e condivisioni.”

Tra i partecipanti, alla rassegna d’arte contemporanea, proprio la Galeandro- ricordano i proponitori-  ha raccolto molti favori da parte della critica e del pubblico. Obiettivo, poi,  della manifestazione è mettere in risalto l'importanza delle figure dell'artista e del ricercatore scientifico all'interno di ogni società civile che ha il dovere di sostenere entrambi per uno scambio fondamentale a partire da quel diritto della persona ad essere ed esprimersi.”

L'impegno costante della Galeandro nel proporre la sua produzione artistica, sempre arricchita di nuovi messaggi e contenuti espressivi, grazie alla sua spiccata sensibilità verso il mondo che la circonda- viene spiegato dai rappresentanti delle Associazioni culturali coinvolte - , hanno sollecitato la “Sifeum”, il “Cif” di Castrovillari e  la “Mystica Calabria” a condividere e sostenere questa nobile iniziativa, patrocinata dall’Amministrazione comunale della città di Castrovillari, nella persona del sindaco Domenico Lo Polito, del Vice sindaco Carlo Sangineti  e del consigliere comunale con delega alla Cultura, Lucio Rende.”

L’amore per il territorio, il desiderio di tutelare e valorizzarne le eccellenze in termini di arte e cultura, la volontà e l’impegno di costituire una vera e propria rete per condividere interessi per il bene comune, hanno determinato- sostengono, concludendo gli organizzatori -  la collaborazione tra associazioni e istituzioni per questo evento di sensibilizzazione e raccolta fondi attraverso la personale della Galeandro, la quale devolverà una parte del ricavato dalla vendita delle sue opere a sostegno di Telethon.” 

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g,br.)

Come tutto il resto d'Italia, ma qui al Sud ancora di più, la città vive sotto la morsa della dura crisi economica che di giorno in giorno si fa sempre più pesante. Si respira disagio, rabbia, delusione, ancor più spesso rassegnazione. I problemi sono tanti, inutile farne un elenco, sono sotto gli occhi di tutti. Ad essi va ad aggiungersi, in nome di un sempre più crescente "senso di responsabilità", la presa di posizione di alcuni consiglieri della maggioranza.

Tempi duri per l'Amministrazione, il sindaco Lo Polito ha avuto il suo bel daffare in questi mesi di governo. Con una pesante eredità ha dovuto confrontarsi quotidianamente con gravi problematiche, basti pensare alla vicenda del Tribunale o a quella della Sanità, per non parlare dell'emergenza rifiuti, con le casse drammaticamente vuote. Sì vuote. Ovvero piene di sperperi passati e di buone intenzioni attuali. Inutile ricriminare, chi, come, quando, perché, ancor peggio tentare speculazioni politiche, non si specula sulla vita delle persone.

Occorre ora veramente senso di responsabilità da parte di tutti, amministratori, maggioranza e non. Occorre fare quadrato, compatti per uscire da questa situazione di drammatico stallo. E' Castrovillari che lo chiede. Dobbiamo stare vicini, soprattutto noi Associazioni, cittadini, al nostro Sindaco, perché al di là della militanza partitica, un sindaco è il sindaco di tutti. E il nostro Sindaco ha dimostrato di esserlo! Vogliamo guardare avanti, vogliamo poter dire di avere un futuro per noi e per le prossime generazioni. Uniti e coesi, liberi da fardelli di personali egoismi, forse ce la faremo.

Angela Micieli

Il Sindaco di Castrovillari , Domenico Lo Polito, ha spiegato nell’assemblea dei dipendenti comunali con gli LSU, LPU ed ASU, convocata dalla RSU e svoltasi questa mattina nella sala 14 del Protoconvento, in seguito al non accreditamento dello stipendio di marzo, “che è forte volontà dell’Amministrazione risolvere tale problema, determinato- ha affermato - da una discordanza di dati tra quelli in possesso del Comune e quelli in dotazione del Tesoriere della BNL, istituto che gestisce “ entrate ed uscite”, il quale ne verificava l’insufficienza,  e che è intenzione dello stesso governo cittadino far fronte, quanto prima, non solo alla mensilità di marzo, ma anche di aprile entro il corrente mese.”

Non c’è volontà dell’Ente di non pagare gli stipendi -ha richiamato più volte Lo Polito- e la trasmissione dei mandati in banca ne è una netta testimonianza! Se vi sono problemi o se si potranno creare, questi scaturiscono solo da diminuzioni di flussi di Cassa che, in materia di federalismo fiscale sono normali fin quando non si regolarizzeranno le modalità di accredito delle risorse e riscossione dei tributi, come Imu, Tares ( acqua ed altre)  i quali saranno sempre più “la benzina” delle pubbliche amministrazioni per andare avanti, a causa del sempre minore trasferimento di risorse dallo Stato alle autonomie locali, che potranno ancora determinare situazioni di sofferenza e, quindi , altalenanti di questo tipo.”

Il primo cittadino ha chiesto, inoltre, qualche giorno di pazienza a tutti i dipendenti per verificare come si evolverà la vicenda “la quale - ha ricordato -  se non si sbloccherà, verrà portata all’attenzione del Prefetto.”

Ciò – ha aggiunto- per avere proprio il tempo necessario  di accertare presso lo stesso Tesoriere cosa abbia, di fatto,  inceppato il corso del pagamento dei mandati, (che secondo quanto è dato sapere sembra sia stato determinato dal pagamento dei Boc che fanno parte di quelle partite che non necessitano dei mandati per l’apposita rimessa)  nonostante un’apposita delibera di Giunta abbia dato il via libera, dopo aver valutato i margini ancora disponibili, per l’accredito degli stipendi e il decreto legge n.35, quest’ultimo,  dell’otto aprile scorso,  porti le anticipazioni di cassa per i Comuni da tre ai 5/12, che per il Comune di Castrovillari significa passare dai 4 ai 7 milioni di euro con  maggiori margini di manovra.”

Questo è stato spiegato , con dati, anche dal responsabile del Servizio finanziario, il dottore Luigi Presta, attraverso la comunicazione di altre informazioni, ribadite in un contributo pure dal segretario generale, il dottote Maurizio Ceccherini, il quale ha richiamato brevemente le situazioni che hanno causato l’impasse e quanto messo in campo dall’Amministrazione a tutela delle Casse dell’Ente , dei servizi ai cittadini e per i salari dei dipendenti.

I lavori dell’assemblea sono stati guidati dalla rappresentanza sindacale al completo, con Alessandro Lanzara, Antonio Pandolfi, Raffaele Chiaramonte, Carmine Marini, Giuseppe Rennis ed Angela Donato, ed introdotti da Carmine Marini che, oltre a richiamare l’importanza per i dipendenti di essere uniti per arrivare ad una giusta soluzione della “vertenza”, ha ripercorso i termini della questione e l’obiettivo degli incontri, tesi a far pagare  le spettanze dovute, come ha più avanti sottolineato l’altro componente della RSU, Alessandro Lanzara. Nel dibattito Fabio Donato della Uil-Fpl provinciale ha rappresentato anche “la grave questione che perdura tra i Vigili, circa le molte spettanze accessorie”, mentre il dipendente Mimmo Musmanno ha rilanciato l’importanza di un percorso congiunto: Amministrazione-Dipendenti per sbloccare la spiacevole situazione che per il collega  Franco Alfano necessita di essere portata, con altre municipalità, a livello nazionale affinchè questi problemi non si ripresentino più. Anche Antonio Bonifati ha richiamato l’importanza di una unità tra governo cittadino e struttura comunale  per avviare questo nuovo modo di approcciarsi all’esistente senza perdere di vista quel cammino avviato dall’Ente sul risanamento nell’interesse del bene comune, che non può vedere nessuno escluso e che necessita di una vera solidarietà.

Nell’incontro oltre l’impegno, più volte richiamato da parte del primo cittadino, a dare giusta soluzione alle attese dei dipendenti, si è affermato con determinazione la necessità di un coinvolgimento sostanziale per rafforzare quell’attività di verifica, finalizzata al giusto pagamento dei tributi  da parte di tutti i cittadini, fondamentale e imprescindibile per sconfiggere quell’evasione che, se non recuperata, creerà altri problemi di queste proporzioni, intaccando anche i servizi.

L’Ufficio Stampa del Comune di castrovillari

(g.br.)

Ore concitate per la vita politica a amministrativa cittadina. Dopo l'abbandono della maggioranza da parte dell'UdC nelle figure di Russo e Salerno, il commissaro SEL Angelo Broccolo scrive al sindaco Lo Polito.

 La crisi politica – amministrativa che ha attraversato in questi ultimi mesi il quadro politico della maggioranza a Castrovillari, ha portato a nuove collocazioni diversi consiglieri comunali.

Non volendo entrare nel merito delle scelte legittime dei singoli, non può non registrarsi un mutato scenario anche numerico della composizione dei partiti che ti sostengono.

Devo però sottolineare che la verifica all’interno della maggioranza, sui contenuti programmatici non ha sortito nessun effetto, dove non si sono delineate le linee guide sul programma sottoscritto dai partiti per la tua candidatura, non si è concordato nessun comune denominatore sui problemi da affrontare, dove le posizioni sulle cose da fare rimangono diversificate nel rispetto delle posizioni personali.

Crediamo sia necessario reagire in modo energico non arroccandosi sul presente, vogliamo essere incisivi e agire con un azione di rilancio dell’attuale maggioranza chiarendo prima quali forze politiche vogliono ancora realizzare il programma e sostenere l’attuale Amministrazione e successivamente vedere tutto il resto con le consequenzialità dovute.

Pertanto come SEL per coerenza con le cose che pensiamo e diciamo, non accetteremo l’entrata “sic et sempliciter” nell’esecutivo comunale, credendo sia necessario e importante per la città molto di più della semplice entrata in giunta di SEL.

In ossequio a quanto deciso dal partito, si è chiesto al Consigliere Dolce di restituire la delega assegnatagli dal Sindaco come consigliere di maggioranza, a tale richiesta Dolce ha immediatamente rimesso al partito la delega alla “Quotidianità”, che con la presente  vi viene restituita.

Il SEL non esce dalla maggioranza, ma neanche vi resta in maniera immobile e ossequioso, non sosterrà provvedimenti che non comprende, ne provvedimenti in contrasto con il programma originario, rilancerà invece con i cittadini i temi a noi cari: il lavoro,iniziando dalla tutela  dell’esistente e partendo proprio dai lavoratori diretti e indiretti del Comune senza distinzione di colore politico; la tutela del territorio salvaguardandone gli ambiti di eccellenza in esso presente; la riorganizzazione della macchina comunale così tanto declamata in campagna elettorale e mai iniziata.

Chiediamo alla maggioranza atti concreti di discontinuità dalle precedenti amministrazioni di centrodestra.

Il Commissario di SEL Castrovillari

   Angelo Broccolo

FreshJoomlaTemplates.com
Thursday the 20th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.