Il Sindaco del Comune di Castrovillari, Domenico Lo Polito, ha incontrato con altri componenti dell’Amministrazione comunale, i soci della Cooperativa “Monteverde” che, tra l’altro, qualche giorno fa, avevano occupato simbolicamente  la sala d’attesa dell’Ente, al primo piano di palazzo Gallo , denunciando il forte stato di disagio che vivono per mancanza di lavoro.

Il primo cittadino, che da tempo segue tale vicenda, alla presenza del Vice Sindaco, Carlo Sangineti, degli Assessori Daniele Lo Giudice e Angelo Loiacono, nonché dei consiglieri comunali Giovanna D’Ingianna, Dario D’Atri e Armando Garofalo, oltre che del segretario del PSI, Gaetano Martucci, e della Stampa, li ha incontrati nella Sala Giunta, dove gli appartenenti della Cooperativa hanno rappresentato i loro problemi, chiedendo disponibilità ed attenzione.

Dopo una chiacchierata, nella quale il Sindaco Lo Polito ha ricordato il particolare momento di difficoltà che vive il Comune dal punto di vista finanziario per minori trasferimenti e per una serie d’incombenze, legate al rigore della spesa ed all’austerità a causa, pure, di una spending review che non lascia , al momento, libertà di manovra agli enti,  ha precisato che appena si presenterà l’occasione darà a tali legittime esigenze una soluzione, riconoscendo le difficoltà in cui si dimenano questi lavoratori in questo particolare momento storico che le acutizza.

Nel suo intervento ha anche ricordato, per spiegare la razionalizzazione in atto, il taglio delle spese varato dall’Amministrazione, appena insediata, per non pesare sulle già esili spalle economiche dell’ente, citando la riduzione al minimo delle indennità al Sindaco  ed ai membri della Giunta oltre l’azzeramento di qualsiasi rimborso per missioni di ogni tipo.

Al termine, e dopo  un ulteriore scambio di valutazioni sulle casse municipali e di pressanti richiesti da parte degli aderenti alla “Monteverde”, l’incontro si è concluso  con l’impegno solenne del primo cittadino a fare del suo meglio e l’accorata raccomandazione dei suddetti lavoratori a non far passare molto tempo.

Nel contempo il Sindaco ha tenuto a precisare “l’impegno di tutti al rispetto della legalità e della correttezza degli affidamenti di lavori solo se utili all’ente e se coperti da capienza finanziaria e regolare contratto d’appalto.” E’ stato sottolineato, inoltre, che “le istanze di lavoro sempre più pressanti possono trovare composizione solo in un quadro di generale miglioramento delle condizioni economiche globali per garantire parità di trattamento per tutti.”

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

I Vigili, in agitazione, scrivono alle Istituzioni per denunciare i loro disagi lavorativi e retributivi.

Oggetto: Orario Servizio e indennità accessorie propedeutiche al servizio d'Istituto.

Gli scriventi, Dirigenti Sindacali ed appartenenti del Corpo di Polizia Locale del Comune con ogni ordine e grado, fanno presente che se nell 'imminente periodo delle Festività Primaverili Cittadine o in altri periodi dell'anno, le SS.VV. riterranno necessario istituire Servizi Ordinari con orari esterni alla fascia 07.30 - 20.30(ORARIO CONSUETUDINARIO DI SERVIZIO) con l'utilizzo di Personale in forza al Comando della Polizia Municipale, tali orari potranno solo essere concordati e regolamentati in un 'apposita concertazione decentrata.

In secondo luogo invitano l'Ente Comune a perequare mensilmente ed integratamente al salario dal prossimo mese, le spettanze accessorie maturate propedeutiche ai Servizi di Polizia Locale svolti, quali Reperibilità, Turnazione, Indennità Rischio, Indennità Festiva, eventuali prestazioni orarie notturne e/o straordinarie, eventuali indennità elettorali , come di fatto già quasi avviene con la perequazione delle Posizioni Organizzative per i Dirigenti del Comune, poiché a mente della giurisprudenza e dell'uso corrente sono ISTITUTI SALARHLI OBBLIGATORI DELLE MANSIONI CONTRATTUALI DEGLI SCRIVENTI PROPEDEUTICI ALL APPARTENENZA DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE E DI FATTO PARTE INTEGRANTE DEL SALARIO MENSILE. All'uopo gli scriventi nelle persone dei Dirigenti Sindacali sottoscrittori della presente

INVITANO

Sia l'Ufficio Personale, sia la R.S.U. in indirizzo, a prendere atto delle predette richieste, sìa in fase di discussione della Delegazione Trattante, sia DI COSTITUZIONE DEI CAPITOLATI MENSILI SALARIALI. Si soggiunge che nell'ipotesi del non accoglimento delle predette richieste, gli scriventi si riserveranno di attivarsi a livello sindacale per ingiungere un azione di rifiuto dell'espletamento di codesti Istituti Salariali accessori, richiedendo di essere uniformati come orario e servizio a tutti gli altri Dipendenti Comunali.

Si coglie l'occasione per porgere

Distinti Saluti.

I DIRIGENTTI SINDACALI  nonché componenti del corpo

Fabio Donato   (Dirigente Provinciale UIL-FPL)

Antonio Pandolfi    (Rsu – Uil-Fpl)


Insieme alla lettera ci è inoltre giunto il seguente comunicato:

"In data odierna come Corpo di Polizia Municipale e con l'appoggio della sigla sindacale da me rappresentata (UIL-FPL), abbiamo voluto sollevare la gravissima questione che oramai perdura da anni, delle molte spettanze accessorie che espletiamo e che ci vengono retribuite addirittura annualmente. Parliamo di servizi d'Istituto obbligatori che ci rendono ulteriormente penalizzati rispetto agli altri dipendenti, quali le turnazioni, i festivi, i notturni e tutto ciò che rientra nella sfera delle delicate funzioni della Polizia Municipale. Istituti che sono di natura salariale e che altrove sono integrati nel salario mensile considerata la loro propedeuticità ed obbligatorietà contrattuale. Ebbene, oltre il danno la beffa, perchè oltre la mancata retribuzione del salario mensile ci vediamo ulteriormente penalizzati e beffati rispetto agli altri dipendenti poichè alla fine siamo anche costretti ad espletare prestazioni straordinarie obbligatorie e quindi lavorare nei festivi, nelle manifestazioni cittadine in orari notturni. Pertanto la nostra giusta recriminazione è quella di collegare immediatamente queste prestazioni ed indennità al salario mensile altresì ci riserveremo d'intraprendere ulteriore vertenza sindacale.
E' opportuno ribadire , come sempre ho fatto in sedi opportune, che non intendiamo prestarci a strumentalizzazioni politiche di chicchessia non riconoscendo all'attuale Amministrazione alcuna colpa e responsabilità a tali circostanze, da essa ereditate da chi l'ha preceduta. Esprimiamo pertanto piena solidarietà all'attuale Giunta LoPolito, la quale ha ereditato una situazione finanziaria gravissima che ha portato alla non corresponsione degli stipendi di marzo ed alle indennità accessorie di tutto il personale per il 2012, ma invitiamo altresì il Sindaco LoPolito ad effettuare le opportune verifiche per identificare chi è stato responsabile di tali circostanze, affinché noi associati a lui potremo nell'ipotesi affiancarci in un eventuale costituzione di parte civile in eventuali azioni giudiziarie.


Firmato Il Dirigente UIL-FPL-CS componente del Direttivo Provinciale

Fabio Donato

 COMUNICATO STAMPA

 “Nonostante le assicurazioni ricevute dall’Amministrazione sul pagamento degli stipendi di marzo dobbiamo prendere atto che  nessun accredito, al momento, è stato ancora fatto e , di conseguenza, lo  stipendio di marzo non è ancora stato pagato.

Da qui la scelta di riunire nuovamente tutti i dipendenti (compresi LSU, LPU ed ASU) in assemblea per martedì 16 aprile alle ore 11 nella sala 14 del Protoconvento francescano, per discutere sulle retribuzioni e competenze spettanti nonché sulla situazione finanziaria  dell’ente,  al fine di capire e conoscere cosa è avvenuto e quale nuovo elemento ha bloccato l’accredito nonostante le rassicurazioni e, soprattutto, i mandati già trasmessi in banca. Espressione, quest’ultima, che non vi erano problemi ed ostacoli e, soprattutto, che i margini di cassa c’erano tutti.”

 

PER LA RSU COMUNALE

f.to Carmine Marini

f.to Raffaele Chiaramonte

f.to Giuseppe Rennis

f.to Angela Donato

f.to Antonio Pandolfi

f.to Alessandro Lanzara

COMUNICATO STAMPA

Dopo la fredda e asettica  informativa  dei rappresentanti  sindacali, è necessaria una più motivata  e dettagliata descrizione,  sul non cessato allarme, relativo alle difficoltà finanziarie dell’Ente Comune, che  anche dopo il comunicato relativo all’erogazione delle spettanze di Marzo, la sorpresa è stata: il blocco da parte  della banca  del pagamento  e all’accreditamento delle stesse.

Nonostante tutto sembrava essersi risolto attraverso  l’anticipo di cassa già riconosciuto, dopo l’ultimo decreto legge, gli stipendi non sono stati erogati, con la motivazione, di non ben chiariti cavilli tecnici e passaggi burocratici ancora necessari, causando l’allungarsi di tempi, che si ripercuotono su tutti i dipendenti comunali. I rappresentanti sindacali svolgerebbero meglio il loro compito, nell’ambito delle loro competenze, con l’obbiettivo di rendere più efficiente la macchina Comunale, se aggiustassero il tiro e individuassero meglio il bersaglio, relative alle problematiche e alla produttività interna del personale, invece di continuare a sparare nel mucchio.                                                                                                                              

Non è possibile continuare ancora a giocare sulla pelle delle persone, negando diritti e costringendo gli stessi e le loro famiglie ad affrontare condizioni già devastate da una crisi economica profonda, magari costringendo i dipendenti monoreddito e più deboli, a dover accendere prestiti o sforamenti bancari con esborsi di interessi per la pace degli istituti finanziari.   

Con sommo dispiacere  bisogna anche sottolineare l’effetto che questa notizia ha sortito in alcuni spettatori della platea politica cittadina, ossia quello di motivo di grande …..esultanza. Forse sarebbe il caso invece di mettere da parte le meschine logiche politiche… del tanto peggio tanto meglio e di preoccuparsi, per tutte le conseguenze che ne possono scaturire dalla minor circolazione di denaro, che comprometterebbe ancora di più le attività commerciali, artigianali e le piccole imprese, già provate dalla crisi economica sempre più tragica.

Non si può non sottolineare che, la crisi del comune, non è solo una questione legata agli stipendi, che devono essere erogati, come giusto che sia, per tutti quanti hanno effettuato un lavoro, ma comporta ripercussioni tremende su tutta l’economia locale con ulteriori ricadute e contrazioni della spesa pubblica.

Questa situazione è certamente….. una brutta gatta da pelare, ereditata dall’amministrazione di Centrosinistra, dopo la vittoria alle ultime amministrative, a cui bisogna riconoscere il grande merito della tenacia, il grande impegno e il senso di responsabilità, altri avrebbero potuto issare bandiera bianca e arrendersi, invece che affrontare questa grave emergenza finanziaria. Siamo speranzosi che riuscirà  nell’arduo compito di riportare la situazione economica.. forse dire ad essere “florida” è troppo, ma auspichiamo alla  normalità.       

Per cui esortiamo l’Amministrazione a porre ancor maggior impegno nel controllo della finanza del comune, adoperandosi ad effettuare:

-          il recupero delle somme e delle spettanze dai debitori;

-          il controllo e il recupero delle evasioni;

-          il rivedere le erogazione di finanziamenti o le cessioni a titolo gratuito o agevolazioni a società o soggetti che non ne hanno titolo;

-          il rivedere anche le convenzioni con Istituti di Credito, se queste non corrispondono agli interessi del comune, fino anche a rinegoziare i debiti se è possibile;

-          il maggior controllo della città sanzionando tutti gli abusi: controllo del territorio in un modo più capillare relativo all’ambiente, all’urbanistica, al rispetto del codice stradale, alla pubblicità abusiva, all’occupazione abusiva di spazi pubblici;

-          la dismissione di affitti di locali non più utilizzati;

-          l’abbattimento di tutti gli sprechi, esortando i dipendenti e tutti i dirigenti comunali a prestare molta attenzione all’uso della cosa e del denaro pubblico evitando di mettere in difficoltà le casse comunali.

Inoltre si può pensare di risparmiare sui servizi esternalizzati, affidandoli a cooperative o associazioni di giovani con gestione diretta,  magari con agevolazioni sui costi di esercizio, ottenendo un duplice obiettivo: risparmio economico per l’Ente e aumento occupazionale, altra piaga dell’attuale situazione socio-economica castrovillarese.

                                                                                                    Pino Basile per SEL Circolo “Lelio Basso”

Infrastrutture non rispondenti alle esigenze o addirittura inesistenti, costi elevati per servizi di comunicazione il più delle volte di basso profilo, assenza di adeguamento dei vettori di collegamento ed insufficienti mezzi di trasporto penalizzano i territori e non li rendono adeguati all’evoluzione dell’intero Paese.

Possiamo, in un certo senso, e naturalmente con il beneficio d’inventario, sintetizzare così, la discussione sviluppatasi nel convegno, che ha registrato diverse presenze, dell’associazione “ Kontatto Production“, patrocinato dal Comune di Castrovillari, su "Il Futuro dei Trasporti nella Calabria Citeriore”, tra le sinergie del Pollino e  della Sibaritide , svoltosi nella sala 14 del Protoconvento francescano,  nel quale è stato ribadito  ancora una volta che la crescita di un Territorio non può prescindere da trasporti adeguati e vie di comunicazione all’altezza delle esigenze di cambiamento,  e che il nuovo Piano Regionale dovrà tener conto di questo a partire da quei suggerimenti che ciascun ente, con l’apporto di associazioni , gruppi o singoli cittadini, ha inviato agli appositi uffici della Regione in base alle richieste di un Avviso pubblico teso a raccogliere tutti i suggerimenti possibili.

Anche qui, poi,  prende corpo per l’Amministrazione comunale di Castrovillari quel principio di “filo rosso” che si sta portando avanti per legare e far crescere le specificità diffuse nel comprensorio Pollino – Sibaritide tra capacità degli uomini e donne, e risorse, e che riguarda anche i trasporti, imprescindibili per un progresso che si rispetti.

Non a caso nella introduzione il Responsabile delle Attività Culturali dell’Associazione Kontatto Production, Pasquale Pandolfi , che ha moderato anche i lavori,  ha spiegato  che iniziative del genere sono finalizzate a raccogliere proposte per soluzioni  condivise di cui gli enti devono sempre più farsi carico in un tempo che richiede unità, sforzi, coraggio e partecipazione per lo sviluppo di ogni attività, precisando lo svantaggio che vive il comprensorio proprio per le carenze di infrastrutture nel settore dei trasporti nella Calabria settentrionale.

Ecco perché - è stato affermato- l’importanza e l’urgente necessità, in questo caso, di rilanciare i trasporti nel Pollino e nella Sibaritide, sacrificati nelle loro esigenze di rispondere alle progressive necessità dell’utenza, per non essere mai stati convenientemente supportati da politiche per il miglior movimento di merci e persone.

Nello specifico il Sindaco di Castrovillari Domenico Lo Polito, nel porgere i saluti ha richiamato le attuali condizioni della rete viaria e ferroviaria sull'asse Pollino-Sibaritide affermando l’importanza di una collaborazione sempre più proficua con l'Amministrazione Comunale di Cassano all'Jonio, guidata dal Sindaco, Giovanni Papasso, il quale ha ribadito l’importanza di progettazioni forti per il rilancio dei Trasporti ed il suo rammarico per la mancata realizzazione dell'Aereoporto di Sibari, escluso dalla programmazione economica del governo centrale, nonostante gli studi sulla "carenza" dei trasporti nella Calabria del Nord. Da parte sua, poi, il consigliere regionale,  l’onorevole Gianluca Gallo, ha sostenuto pure l’importanza di questa sinergia tra i diversi livelli istituzionali del nord Calabria, rimarcando il proprio impegno nella Commissione Trasporti  per avviare il discorso sulle "autostrade del mare" e, quindi, sul porto di Corigliano e sull'alta velocità.

Mentre, il presidente dell’Ente Parco Del Pollino, l’onorevole Domenico Pappaterra, nel  ricostruire la storia "politica" che ha portato all'attuale situazione di decremento dei trasporti rispetto a vent'anni addietro, ha precisato che il Parco Nazionale del Pollino non è ancora facilmente fruibile a tutti proprio a causa delle poche vie di comunicazione ed accesso ai luoghi. Anche il Consigliere Provinciale, Piero Vico ed il Presidente del Distretto Scolastico n.19 di Castrovillari, Giovanni Donato, con specifiche e diverse argomentazioni hanno posto l'accento sulle reali condizioni di disagio che ancora vivono le genti dell'area settentrionale della Calabria per muoversi da un territorio all’altro come  gli studenti che gravitano nell'area di Castrovillari e provenienti dai vari centri del Pollino e dell'alto Jonio. Questi ragazzi- è stato inoltre ricordato- per carenza di trasporti pubblici non possono nemmeno partecipare a progetti formativi scolastici che si realizzano al pomeriggio.

Anche la dismissione della Ferrovia Calabro-Lucana è stata al centro degli interventi, che l’hanno evocata come un ulteriore tremendo colpo inferto allo sviluppo del turismo locale che avrebbe avuto bisogno di questo valore, per non parlare della pericolosità della Statale 106, della mancanza di collegamenti stabili e con tempi rapidi di percorrenza per l'aereoporto di Lamezia Terme.

Per e su tutto questo ha espresso le sue valutazioni, concludendo i lavori,  l'Assessore Provinciale ai Trasporti, Giovanni Forciniti, che oltre a richiamare le reali condizioni che impediscono al sistema-trasporti di decollare nella Calabria settentrionale, ha rappresentato le diverse questioni che non lo rendono neppure competitivo con altre realtà, “come per esempio-ha detto- dimostra il costo per l'attracco di una nave nel porto di Corigliano, che è molto più caro di quanto si paga per l’approdo di una stessa nel porto di Catania". Da qui l’importanza di un lavoro comune interistituzionale a più livelli sull’intera problematica Trasporti, che veda coinvolti anche i privati per riprendere e rilanciare istanze che le popolazioni non possono più attendere. 

COMUNICATO STAMPA

Il giorno 12 aprile 2013 si è tenuta l’assemblea degli iscritti e simpatizzanti convocata dal commissario cittadino Cataldo Russo per stabilire la data del congresso e per ufficializzare l’ingresso del consigliere comunale Dott. Pasquale Russo nelle file del partito.

Nell’ampia sintesi introduttiva del commissario e negli interventi susseguitisi si è giunti alla conclusione che il congresso cittadino si svolgerà nel mese di giugno c.a. o subito dopo il congresso nazionale.


Il partito ha accolto con entusiasmo l’ingresso del consigliere Pasquale Russo che, a sua volta, ringraziando per l’accoglienza ricevuta ha ribadito il suo impegno personale e politico a contribuire nella risoluzione dei tanti problemi che attanagliano la città di Castrovillari, mettendosi da subito a disposizione del partito.

Il commissario Cataldo Russo nel suo intervento citando le ultime incomprensioni politiche all’interno dell’UdC locale, stanco degli attacchi a livello personale che puntualmente ed in modo ingiustificato gli arrivano, nonostante lo sforzo profuso nel coinvolgere l’intero partito nelle scelte politico-amministrative, dando ampia autonomia alla sezione locale (vedi nomina dei quattro coordinatori), ha comunicato all’assemblea le sue dimissioni da commissario cittadino. Ha comunicato inoltre, che il segretario regionale Senatore Gino Trematerra a breve avrebbe nominato un nuovo commissario.

L’intera assemblea, vista l’attuale situazione politico-amministrativa, ha chiesto al commissario Cataldo Russo di rivedere la propria posizione ribadendogli piena fiducia e sostegno. Ha inoltre chiesto allo stesso l’azzeramento del coordinamento locale considerato l’imminente congresso cittadino, invitandolo a rappresentare l’intera sezione a tutte le riunioni di carattere politico-amministrativo insieme ai consiglieri comunali dell’UdC Eugenio Salerno, Pasquale Russo e Dario D’Atri.

                                                           L’assemblea degli Iscritti.

FreshJoomlaTemplates.com
Sunday the 21st. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.