COMUNICATO STAMPA

Con la delibera 449/2016 sono stati adottati, dalla Giunta Regionale Calabrese, i regolamenti attuativi della L. R. 23/2003 ed e’ stata avviata anche in Calabria, dopo 14 anni di attesa, la riforma del Welfare.

Il 10 novembre 2017,  la giunta regionale ha adottato la delibera 526/2017, contenente il Regolamento 18 che detta importanti modifiche sul precedente relativo alla disciplina delle procedure di accreditamento e convenzionamento delle strutture.

La Politica dei fatti ha dato risposte notevoli, complete, ma soprattutto che incidono  e garantiscono migliori condizioni di qualità della vita della nostra collettività, quella rappresentate sia dalle maggioranze che dalle minoranze e, soprattutto, verso quella parte di società che quotidianamente porta sul groppone i disagi delle fasce deboli e che ha diritto alla vicinanza delle Istituzioni e di chi Governa. 

L’On.  Michele Mirabello, ha accolto le istanze delle Associazioni che rappresentavano la voce del disagio che dava a rischio, i servizi socio sanitari ed i soggetti deboli a cui sono rivolti, le strutture socio assistenziali che li forniscono, i lavoratori che offrono quotidiana assistenza, ne ha valutato la incidenza sulla qualità della vita delle popolazioni calabresi, convocando la Terza Commissione Consiliare, Sanità ed Attività Sociali  una immediata audizione a cui hanno partecipato i rappresentati delle strutture, le confederazioni, le associazioni, le forze sociali, i rappresentanti dei Comuni, realizzando squadra esclusivamente a favore della gente e dei servizi socio assistenziali calabresi.

L’On. Michele Mirabello, ha rappresentato  la problematica al Presidente Mario Oliverio, che ha dato indirizzi per la adozione degli atti di competenza della Giunta Regionale.

Sono stati garantiti i diritti di quei lavoratori e delle Associazioni che ogni giorno si dedicano con professionalità, competenza e sacrifici ai più deboli, sono state garantite le famiglie ed i soggetti interessati alla erogazione di servizi ormai essenziali.

La Commissione ha realizzato il parallelismo tra le esigenze, i bisogni, i disagi della gente, che ne vive il peso ed il decisionismo Politico ha dato risposte Istituzionali concrete, i cosiddetti fatti.

Un segnale di buona politica, un segnale di funzionamento anche dell’opera di vedette territoriali, viene dalla importante opera di collegamento tra le Istituzioni  e Territori,  svolta da Maria Saladino, Presidente Nazionale Piazza Dem, da mesi al lavoro perché la Politica ritorni ai territori, perché l’impegno politico e sociale sia osservatorio dei bisogni e dei disagi delle categorie più deboli.

Il lavoro di squadra, la determinazione del Presidente On. Michele Mirabello, la  scelta Istituzionale fatta dal Presidente Oliverio e dalla Giunta Regionale, con la adozione degli atti amministrativi, hanno realizzato risultati importantissimi ed essenziali per  offrire  garanzia sociale verso soggetti deboli, associazioni, famiglie e lavoratori.  

È stata  prorogata fino alla adozione di tutti gli atti  necessari a garantirne  la corretta applicazione del Regolamento sul territorio regionale.

E’stato regolamentato un ulteriore periodo transitorio di 6 mesi al fine di consentire anche alle strutture la possibilità di adeguarsi ai richiesti requisiti professionali.

Sono state sbloccate le richieste di inserimento degli ospiti nelle strutture di accoglienza.

E’ stato mantenuto in capo alla regione la competenza economica per le liquidazioni delle strutture tanto per il secondo semestre 2017 e fino a che non saranno completate le procedure per il trasferimento delle competenze dalla regione ai comuni.

Sono state prorogate le convenzioni con le strutture socio assistenziali operanti sul territorio ormai  scadute alla data del 30 giugno 2017.

Certo non si ferma qua l’opera di costruzione di maggiori condizioni di patto e garanzie sociali, assicura l’On.le Michele Mirabello, che offre il suo impegno e l’attenzione della Terza Commissione ad attivare azioni Istituzionali affinché la Calabria possa vivere una nuova epoca di solidarietà e vicinanza sociale realizzando sempre migliori condizioni di welfare verso la propria comunità. 

 

Confapi Calabria 2.0

Filiera Sanità

Il Presidente Regionale

Candida Tucci

− COMUNICATO STAMPA −

Tutti in “Primafila” con “Uomo e Galantuomo” di Eduardo De Filippo della Compagnia Teatrale “Dioscuri”questa sera ore 21,30 Teatro Sybaris di Castrovillari INGRESSO GRATUITO. Continua la programmazione della Rassegna di Teatro e Musica organizzata dall’Associazione Culturale “Novecento Teatri”, con presidente Luisa Giannotti, per la direzione artistica di Benedetto Castriota.

“Uomo e Galantuomo” un questo testo molto particolare di Eduardo che si snoda sul sottile filo che separa realtà e finzione, passando attraverso la pazzia (per bisogno/fame o per opportunità/etichetta sociale). Il tema del doppio la fa da padrone: comicità-drammaticità, attori-personaggi; uomini-galantuomini; nobili-plebei; ricchezza-miseria; verità-menzogna. Personaggi attori e attori personaggi, sani che si fingono pazzi e pazzi che tornano sani, fratelli veri e fratelli finti, madri vere e madri finte, padri legittimi e padri illegittimi si susseguono sulla scena intrecciando, l’una nell’altra, vicende speculari. La maschera, che domina la scena, ricorda il continuo sdoppiamento dell’essere umano stesso tra finzione e realtà. Su questo doppio binario si è mosso anche questa volta il lavoro di ricerca di Teatro dei Dioscuri, sospeso a metà tra la tradizione ed il tradimento.

Il 28 dicembre, sempre al Tetro Sybaris di Castrovillari con inizio alle ore 21,30 il “Meglio di…” Simone Schettino. Lo spettacolo consiste in un "one man show", dove Simone Schettino recita il meglio dei monologhi rappresentati negli ultimi tempi, con argomenti relativi alle problematiche generali che si trascinano da anni e mai risolte fino in fondo, inquadrate nell'attuale momento storico. In effetti i disagi sono e restano uguali col passare del tempo, nel migliore dei casi cambia solo la natura del problema, la causa dello stato di necessità, e quasi sempre si agisce in modo molto approssimativo. Schettino esprime liberamente la propria opinione senza alcuna pretese di lanciare moniti o censure, quasi come une chiacchierata fra un gruppo di amici, tenendo ben presente che nessuno è depositario di verità assolute, e soprattutto evidenziando che la famosa tattica dello scaricabarile alla lunga non paga. Il tutto naturalmente in chiave puramente comica.

L’evento gode del contributo della Regione Calabria, del Parco del Pollino, dei Comuni di Castrovillari, Cassano J. Morano C. e Mormanno.

I biglietti potranno essere acquistati anche online su www.ticketwebonline.com o c/o Dany Music Castrovillari. Ulteriori informazioni, potranno essere richiesti all’Associazione Culturale Novecento.

Castrovillari 27 dicembre 2017

Ufficio Stampa
Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

− COMUNICATO STAMPA −

Con il patrocinio dell'Amministrazione  comunale di Castrovillari, presso il Cinema Teatro Ciminelli e grazie anche a questo, si sta tenendo una rassegna cinematografica per i piccoli e non solo che prevede  alle ore 10,45 la proiezione di sei pellicole con ingresso gratuito, in programma  sino al 7 gennaio.
 
Il 26 dicembre e' stato proposto il film d'animazione "Ballerina" che rilancia l'importanza di non rinunciare ai propri sogni, giovedi' 28 dicembre sara' la volta de   "La Bella e la Bestia" capolavoro  tratto da una stupenda fiaba di Gabrielle- Suzanne Barbot de Villeneuve che attrae e coinvolge per cio' che mette in gioco tra il Cuore e i modi di vedere dell'uomo, sabato 30 dicembre l'avventuroso "King Kong" di Peter Jackson, domenica 31 dicembre  il film fantastico d'azione "Lego Batman", giovedi' 4 gennaio la pellicola pregna di significati e valori fondamentali "Il bambino col pigiama a righe" e domenica 7 gennaio il racconto di Antoine Dr Saint-Exupery "Il Piccolo Principe".
 
Spettacoli che, oltre ad offrire momenti di relax, di socializzazione e di divertimento, rappresentano, con le loro rielaborazioni ed adattamenti scenici,  il variegato mondo della realta' -quella con cui fare i conti- che se guardata con attenzione, amore e rispetto suggerisce importanti elementi e fattori per vivere ed accompagnare la vita con tutto cio' che l'intefaccia, la sollecita, la suscita e la contaddistingue.
 
"Un'occasione dunque-afferma l'Assessore  alla pubblica istruzione, Giuseppe Russo- che, intrattenendo simpaticamente,offre spunti, chiavi di lettura e messaggi  interessanti  anche per i piu' piccoli, richiamando i principi semplici dell'esistenza che si basano, tra l' altro, sulla volonta', la determinazione-fondamentali per dare corpo a cio' per cui uno studia,lavora, si prepara e s'impegna-, la solidarieta', l'accoglienza anche del diverso da noi, l'altruismo, l'importanza di educarsi ai veri sentimenti, al rispetto dell'altro e a ogni cosa caratterizzi l'umana dimora nonche' per rendere possibile il cammino che compie l'inaudita corrispondenza a quello che siamo."
 
L'Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari 
(G.Br.)

− COMUNICATO STAMPA −

“Volti … al Carnevale” è l’almanacco 2018 della Pro Loco di Castrovillari. Un appuntamento fisso che si rinnova di anno in anno, in occasione delle festività natalizie. “Volti … al Carnevale”, ha un duplice significato; l’aver rappresentato attraverso gli scatti i volti mascherati che hanno fatto grande il Carnevale e la stessa manifestazione che quest’anno compie 60 anni. Un traguardo importante per un evento di cui si hanno tracce già nel lontano 1600 allorquando, proprio in occasione dello svolgimento dei riti carnascialeschi, venne rappresentata presso il Comune di Castrovillari, nel febbraio del 1635, la farsa dialettale di Cesare Quintana “Organtino”. La prima manifestazione venne rappresentata dalla Pro Loco cittadina è risale al 1959, quando, grazie all’intuizione del prof. Vittorio Vigiano, fondatore dell’associazione, venne organizzata la prima edizione del Carnevale del Pollino e Festival Internazionale del Folklore. Oggi il Carnevale di Castrovillari è tra i 10 più importanti del meridione, evento inserito tra gli appuntamenti storicizzati della Regione Calabria riconosciuto dal MIBACT tra i Carnevali più belli d’Italia insieme a quelli di grandissimo prestigio come Viareggio, Venezia, Putignano, Sciacca, Cento etc. Ritornando al calendario targato 2018, la presentazione è avvenuta presso il Teatro Sybaris di Castrovillari alla presenta del Presidente e Direttore Artistico della Pro Loco cittadina, rispettivamente Eugenio Iannelli e Gerardo Bonifati. Il saluto al pubblico presente è stato fatto dal Vicesindaco Francesca Dorato. L’almanacco è stato realizzato graficamente da Stefano Ferrante ed Elmira Boosari. Al suo interno 12 scatti realizzati, grazie al concorso fotografico inserito all’interno della manifestazione carnascialesca curato da Francesco Limonti. Durante i 12 mesi dell’anno si potranno ammirare le scatti realizzati da Francesco Ottato, Stefano Ferrante, Francesco Propato, Tommaso Barone, Elmira Boosari, Emanuela Granata, Francesco Sallorenzo, Andrea Fata. Francesco Limonti, e Giuseppe Iazzolino. La consulenza scientifica è stata curata dal Prof. Leonardo Alario mentre quella storica da Gian Luigi Trombetti. La stampa da GLF di Castrovillari mentre la distribuzione è stata affidata al settimanale Menabò. Il calendario è stato realizzato con il contributo del Comune di Castrovillari, del Parco del Pollino, dell’UNPLI, dello I.O.V e della F.I.T.P. La serata è stata impreziosita dall’esibizione dei “Piccoli della Pro Loco” con lo spettacolo curato da Tiziana la Vitola e Gerardo Bonifati dal titolo: “Ricordi di un piccolo emigrante”. Sulla scena 80 tra bambini e ragazzi della Pro Loco che attraverso balli e canti della tradizione castrovillarese, hanno fatto rivivere la storia dei nostri avi diretti verso le Americhe in cerca di fortuna. Da collante tra un “quadro e un l’altro” dello spettacolo, con applausi a scena aperta, la voce narrante di Dario De Luca attore della compagnia teatrale “Scena Verticale “ di Castrovillari. [...]

Castrovillari 24 dicembre 2017

UFFICIO STAMPA
Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

− COMUNICATO STAMPA −

Al Teatro Morelli di Cosenza arriva l’immancabile appuntamento delle festività natalizie con Scena Verticale: la doppia replica - 26 e 27 dicembre, ore 20.30 – vedrà in scena Saverio La Ruina nel suo ultimo lavoro, “Masculu e fìammina”. Terza data in cartellone per il More, la stagione di teatro contemporaneo diretta dalla compagnia di Castrovillari, con il partenariato del Comune di Cosenza, della Regione Calabria e del MiBACT.

“Interprete sensibile” e “autore dal tocco profondo e emozionale, antropologo culturale e dei sentimenti” (Corriere della Sera) acclamato in tutta Italia, Saverio La Ruina sarà in scena al Morelli per la prima volta con questo spettacolo.

In “Masculu e fìammina” un uomo semplice parla con la madre. Una madre che non c’è più. Lui la va a trovare al cimitero. Si racconta a lei, le confida con pacatezza di essere omosessuale, “o masculu e fìammina cum’i chiamàvisi tu”, l’esistenza intima che viveva e che vive.

Non l’ha mai fatto, prima. Certamente questa mamma ha intuito, ha assorbito, ha capito tutto in silenzio. Senza mai fare domande. Con infinito, amoroso rispetto. Arrivando solo a raccomandarsi, quando il figlio usciva la sera, con un tenero e protettivo “Statti attìantu”. Ora, per lui, scatta un tipico confessarsi del sud, al riparo dagli imbarazzi, dai timori di preoccupare. Forse con un piccolo indicibile dispiacere di non aver trovato prima, a tu per tu, l’occasione di aprirsi, di cercare appoggio, delicatezza.

E affiorano memorie e coscienze di momenti anche belli, nel figlio, a ripensare certi rapporti con uomini in grado di dare felicità, un benessere che però invariabilmente si rivelava effimero, perché le cose segrete nascondono mille complicazioni, destini non facili, rotture drammatiche.

Nei riguardi di quella madre, pur così affettuosa e misteriosamente comprensiva, si percepisce comunque qualche rammarico, qualche mancata armonia. Ma tutto è moderato, è fatalistico, è contemplativo. In un meridione con la neve, tra le tombe, finalmente con la sensazione d’essere liberi di dire.

Saverio La Ruina si forma come attore alla Scuola di Teatro di Bologna diretta da Alessandra Galante Garrone e lavora, tra gli altri, con Leo De Berardinis e Remondi & Caporossi. Nel 1992 fonda la compagnia teatrale Scena Verticale, con la quale è presente nei maggiori festival e teatri italiani e all’estero. Tra i maggiori riconoscimenti: due Premi Ubu 2007 con Dissonorata (‘miglior attore’ e ‘nuovo testo italiano’), il Premio Ubu 2010 con La Borto (‘nuovo testo italiano’), il
Premio Ubu 2012 con Italianesi (‘migliore attore’). Nel 2010 ha ottenuto anche il Premio Hystrio alla Drammaturgia. Nel 2015 debutta con Polvere. Dialogo tra uomo e donna per il quale riceve due Premi Enriquez per la ‘migliore drammaturgia’ e come ‘miglior attore’. Masculu e Fìammina, debutta al Piccolo Teatro di Milano e con questo spettacolo nel 2017 La Ruina è in finale al Premio Le Maschere del Teatro Italiano 2017 come ‘migliore interprete di monologo’.

SAVERIO LA RUINA
Masculu e fìammina (75’)
di e con Saverio La Ruina
musiche originali Gianfranco De Franco
collaborazione alla regia Cecilia Foti
scene Cristina Ipsaro e Riccardo De Leo
disegno luci Dario De Luca e Mario Giordano
audio e luci Mario Giordano
organizzazione Settimio Pisano
produzione Scena Verticale

Accrediti stampa

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Info biglietteria

POSTO UNICO INTERO €10,00

POSTO UNICO RIDOTTO (under 26 e over 60) € 8,00

POSTO UNICO RIDOTTO (spettatori Tau e universitari) € 5,00PREVENDITA INPRIMAFILA

 

#keeptheticket

* CONSERVA IL BIGLIETTO DEGLI SPETTACOLI MORE E DEL TEATRO AUDITORIUM UNICAL Presentando il tuo biglietto degli spettacoli della stagione del TEATRO AUDITORIUM UNICAL, avrai diritto a un biglietto ridotto da € 5,00 per gli spettacoli della stagione MORE. Allo stesso modo, i possessori dei biglietti del MORE godranno della riduzione prevista per gli spettacoli della stagione del TEATRO AUDITORIUM UNICAL

− COMUNICATO STAMPA −

Il Vescovo, mons. Francesco Savino, ha incontrato i detenuti e le detenute e tutto il personale della Casa Circondariale di Castrovillari e ha celebrato l’Eucarestia.

Proprio durante la Santa Messa, celebrata il 15 dicembre scorso, il presule ha esordito dicendo: «Parto da una “confessione”: quando devo parlare nei luoghi della sofferenza (in un hospice, in un ospedale, in un carcere, in un centro riabilitativo, in un centro di accoglienza, in una casa famiglia…) vi confesso che trovo difficoltà e sarei tentato di non dire nulla, perché in alcuni contesti le parole spesso possono sembrare “retorica”. Dunque faccio fatica stamattina – ha continuato mons. Savino – a comunicare perché so che a Natale tutto si complica, tutto è difficile perché i sentimenti sono troppi e troppo emotivi. Penso a un grande regista e umorista, Woody Allen, il quale durante un’intervista disse: «Vorrei addormentarmi il giorno 24 dicembre e vorrei svegliarmi il 7 gennaio perché queste vacanze mi fanno male, perché a Natale si amplificano le emozioni». Quante storie ho vissuto nella mia vita ma ho sempre scelto di stare dalla parte delle persone in difficoltà ed è difficile che a Natale dimentichi tutti i volti incontrati.»

Quindi, il Vescovo ha proseguito: «Voi siete qui e so quanto sia difficile questo periodo, so che vi mancheranno i vostri figli, le vostre mogli, i vostri mariti, i vostri genitori, i vostri parenti e amici. Faccio fatica oggi è vero, però so che se oggi Gesù potesse scegliere un luogo dove nascere, la casa di Betlemme potrebbe diventare questa casa circondariale, potrebbe diventare l’ospedale, l’hospice, ecc. Perché quando tocchiamo il corpo di una persona fragile tocchiamo il corpo di Gesù Bambino.»

«Cari amici – ha quindi aggiunto mons. Savino – non vi sentite mai giudicati da me, dalla chiesa locale tutta, perché solo chi è senza peccato può scagliare la prima pietra e ognuno di noi ha le sue difficoltà, i suoi limiti. Sono convinto che ancora oggi Gesù Bambino è stato ucciso proprio come è stato ucciso Cocò. Ogni volta che viene ucciso uno, al di là della famiglia di appartenenza, viene ucciso nuovamente Gesù.

Com’è strana la nostra società: ci sono i bambini che muoiono di fame e i bambini che devono stare a dieta per eccesso di colesterolo. In Italia ogni bambino che nasce, nasce con 30.000 euro di debiti. Perché l’economia è distribuita sempre e solo tra pochi? Ma la povertà e le difficoltà non devono mai portare a fare scelte sbagliate. Chi ha commesso reato deve prendersi il tempo necessario per rieducarsi e capire cosa ha impedito una vita felice e onesta. Non dimenticate mai che la ricchezza non è la felicità dell’uomo. Conosco tante persone ricche ma tanto, tanto tristi e infelici. Bisogna capire il rapporto tra i mezzi e il fine. Il fine è la felicità e i mezzi per raggiungerla devono sempre essere la legalità, l’onesta e il viver sano.»

«“Nel tempo che passa inesorabilmente ogni attimo ci fa incontrare Gesù”.  È Natale quando apriamo il nostro cuore a Gesù che è l’Emmanuele, il Dio con noi. L’augurio che possiamo che faccio a ciascuno di voi, alla direttrice e a tutti gli operatori è che possiamo comprendere che Gesù quando lo si incontra, quell’Emmanuele, è compatibile con la nostra felicità. Ma tu devi decidere: lo vuoi accanto o lontano?

Cari amici – ha quindi concluso il Vescovo di Cassano – con Gesù e con tutti coloro che si occupano di voi riuscirete a riscattarvi e a trovare la misericordia di Gesù Bambino.

Anche quest’anno, con gli amici della Caritas, abbiamo pensato di farvi un regalo: un giubbotto. Sia per voi la nostra tutela, la nostra protezione, il nostro volervi bene. Sia l’abbraccio da parte del Vescovo e di tutta la nostra Diocesi. La chiesa locale vi abbraccia, non sentitevi soli, convertitevi e quanto prima tornerete a vivere da uomini e donne, cittadini liberi.»

savino_messa

Diocesi di Cassano all'Jonio
Ufficio per le Comunicazioni Sociali
Direttore: Dott. Roberto Fittipaldi
 
[Ci scusiamo col ritratto e coi lettori tutti se la fotografia ch'accompagna tale articolo risulta capovolta: così pervenutaci, non siamo riusciti a renderla meglio, N.d.R.]
Pagina 5 di 388
FreshJoomlaTemplates.com
Saturday the 20th. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.