Giocare d'azzardo è una consuetudine molto pericolosa. Centinaia di migliaia di persone hanno infatti rovinato la propria vita a causa del gioco. Famiglie rovinate da scommesse, carte, roulette. Famiglie ridotte sul lastrico, da qui la rovina dei rapporti interpersonali. Negli ultimi anni il numero di casi di giocatori patologici è pericolosamente aumentato, per via di alcuni mezzi moderni che hanno portato il gioco d'azzardo nella vita quotidiana di tutti. Video poker e i giochi sul web sono solo alcuni esempi. In questo contesto si inserisce, come rende noto il Vice sindaco e assessore alle politiche sociali Carlo Sangineti, il progetto della provincia di Cosenza per contrastare il gioco d’azzardo patologico e offrire un valido aiuto ai possibili fruitori.

“Quanti sono interessati, a vario titolo, al fenomeno, possono rivolgersi al numero verde 800960140, utilizzando i servizi previsti dal progetto  che sono  gratuiti e garantiscono  l’anonimato  dei destinatari.”

La Provincia di Cosenza, sin dal mese di marzo dello scorso anno - ricorda l’amministratore -  ha attivato  questa iniziativa che desidera creare  una forte  sinergia tra le istituzioni locali al fine proprio di contrastare il gioco d’azzardo  patologico. Il progetto  sperimentale prevede una serie di azioni finalizzate ad informare e sensibilizzare la comunità locale su tale fenomeno ed a sostenere  chi ne è già dipendente e le famiglie di appartenenza.”

Angela Micieli

«In un momento di difficoltà per il sistema dei rifiuti in Calabria, il dovere dei Comuni è quello di programmare un ciclo dei rifiuti che renda autonome le aree su base provinciale, predisponendo impianti compatibili con il territorio e migliorando la raccolta differenziata.

Per 15 anni in Calabria non si è fatta programmazione,  la rincorsa quotidiana dell’emergenza  ha prodotto la distruzione del sistema nella nostra Regione, mentre in altre parti d’Italia diminuiva la tassa sui rifiuti e si creavano posti di lavoro. Non dobbiamo fare lo stesso errore che ha fatto la regione Calabria in 15 anni di commissariamento sui rifiuti, abbiamo il dovere nei confronti dei cittadini di non farci paralizzare dall’emergenza, bensì bisogna programmare e parallelamente gestire la difficoltà quotidiana di conferire i rifiuti della nostra Città nelle discariche regionali.

A seguito di queste valutazioni abbiamo deciso di presentare un calendario innovativo della raccolta differenziata, in quanto abbiamo modificato la frequenza di raccolta dell’”indifferenziato” portandola da due ad un giorno a settimana, con la raccolta di una frazione differente ogni giorno. Questa misura, utilizzata in molte città virtuose d’Italia, ha l’obiettivo di generare due risultati importanti: da una parte migliorare la raccolta differenziata riducendo sempre più le quantità di secco non riciclabile prodotto e dall’altra recuperare sei giorni di tempo per smaltire l’”indifferenziato” presso le discariche regionali che camminano ancora a rilento».

Giovedì, 21 Febbraio 2013 20:51

Nuove regole per la raccolta differenziata

Scritto da

Il nuovo eco-calendario, finalizzato ad aumentare e migliorare la raccolta differenziata spinta dei rifiuti, aiuta contestualmente anche quelle difficoltà di smaltimento  che non dipendono dall’ente e con cui il Comune di Castrovillari deve fare i conti quando conferisce in discarica o presso gli impianti che gli vengono indicati. Un impegno che sarà più incisivo ed efficace a partire da una sinergia di azioni che non lascerà niente al caso, coinvolgendo la sempre più nutrita comunità estera .

Lo hanno precisato, durante la presentazione - conferenza stampa del calendario,  il Sindaco, Domenico Lo Polito, e l’Assessore allo sviluppo ambientale, Angelo Loiacono, ricordando che la “gestione  e l’organizzazione  del ciclo di smaltimento dei rifiuti solidi urbani che viene eseguita con grande abnegazione dalla ditta Femotet sull’intero territorio comunale sono , attraverso questo nuovo scadenzario, con più oculatezza e con una più precisa pianificazione, meglio rapportati alla raccolta spinta porta a porta che subisce, purtroppo da un po’ di tempo  un freno, a causa proprio dei problemi dell’accoglimento dei rifiuti che alcune volte presentano quel sito o quell’impianto per l’abbancamento o non funzionamento, nonostante le ordinanze del Commissario straordinario regionale.

Questo lavoro,improntato sull’efficienza della risposta alle esigenze di smaltimento differenziato dei rifiuti, si avvarrà delle informatrici ambientali le quali lo distribuiranno a tutte le famiglie. Il nuovo calendario, realizzato dall’Agenzia di Pubblicità della società Next Lab, rappresentata nel momento da Francesco Martino che ha spiegato l’azione comunicativa, si presenta con  una nuova veste grafica, e viene affiancato, per l’occasione,  da un libretto esplicativo sostenuto dalla Società Gas Pollino e curato dall’associazione “Integrando.Si”, che ha tradotto in nove lingue: albanese,  francese, inglese, polacco, rumeno, tedesco, spagnolo , russo e giapponese il tipo di apporto che può dare la comunità straniera a Castrovillari nella raccolta differenziata, ribadendo l’importanza del lavoro comune a più livelli su cui è impegnata l’Amministrazione. Su questo hanno dato il loro contributo i presidenti dell’Associazione, Carmen Donato, e della Società  Gerry Rubini. L'impegno per la raccolta differenziata della Comunità straniera residente a Castrovillari è stata espressa pure nella propria LINGUA da ciascuno dei nove rappresentanti che ha sottolineato, così, l'importanza di un ambiente pulito per tutti.

All’interno dell’eco calendario sono state inserite tutte le informazioni necessarie- ha spiegato l’Assessore Loiacono - per effettuare in ogni famiglia una corretta raccolta differenziata, in modo tale da separare in modo preciso, fin dall’inizio, i rifiuti prodotti quotidianamente.”

La nuova Campagna di comunicazione, oltre al calendario, si avvarrà- hanno precisato tra l’altro il responsabile del Settore , l’ingegnere Roberta Mari, ed il responsabile dell’Ufficio, geometra Franco Bianchimani -  nelle prossime settimane anche di azioni di sensibilizzazione sulle singole frazioni di rifiuti per convincere sempre più i cittadini sulla tutela dell’ambiente che parte anche da una buona ed efficace raccolta differenziata.”

La vera novità-  afferma il Sindaco Lo Polito -  è che sarà ridotta ad un solo giorno la frequenza di raccolta dei rifiuti indifferenziati. Infatti, in base alle nuove regole, che andranno in vigore prossimamente e che verranno comunicate a tutti, “ solleciteremo” le famiglie a differenziare sempre di più a casa, riducendo i giorni di conferimento per tale frazione di rifiuto, che dovendo essere smaltiti in discarica, tanti problemi stanno creando alla città.” La differenziata come si evince dai dati presentati – è stato ricordato tra dati tecnici e l’importanza ribadita più volte di differenziare sempre più e meglio- ha ridotto  le quantità di rifiuti smaltite in discarica di oltre 5mila tonnellate rispetto al 2010 con un risparmio di tariffa di smaltimento pari a 450mila euro.”

“ Le nuove alternative – ha aggiunto l’Assessore Loiacono oltre a ricordare con il Sindaco Lo Polito le varie attività amministrative che si stanno portando avantisono state studiate per aumentare le frazioni di rifiuti riciclabili, per i quali esiste già un mercato e per le quali non abbiamo alcun problemadi conferimento negli impianti di riciclo ( carta, plastiche, vetro, legno, acciaio, legno , rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, oli vegetali, batterie ed altro. ).”

Con le nuove regole le famiglie ogni giorno dovranno conferire un solo rifiuto. Quelli indifferenziati sarà possibile conferirli solo il lunedì sera. La frazione organica ( cosiddetto umido e cioè gli scarti di cucina) si conferirà la sera, come prima, nei giorni di martedì, venerdì e domenica. Il multimateriale (plastiche, alluminio e banda stagnata, ferro) il mercoledì. La raccolta della carta, dopo molte richieste dei cittadini, si raccoglierà ogni settimana la sera del giovedì. Il sabato è vietato conferire qualsiasi rifiuto per l’ovvio motivo che la domenica è giorno festivo. Naturalmente l’Amministrazione ha previsto anche l’istallazione di telecamere sul territorio per combattere l’abbandono dei rifiuti.

Obiettivo- hanno dichiarato il Sindaco Lo Polito e l’Assessore Loiacono-   che si ritiene di poter raggiungere, in quanto la Città di Castrovillari, si è dimostrata, nonostante qualche eccezione, molto sensibile ai temi della tutela dell’ambiente anche quando l’emergenza ha fatto capolino per alcuni giorni, creando disagi che i cittadini hanno saputo fronteggiare con buon senso.”

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

 

Dalle radici dell'erotismo agli scandali che sconvolsero la corte estense agli inizi del Cinquecento. Un manoscritto perduto, una serie di delitti eccellenti e due figure d'ombra e splendore del nostro Rinascimento: Isabella d'Este e Lucrezia Borgia. Sullo sfondo, rancori, tradimenti, teatro del mondo.                             

Prende spunto dal primo lavoro letterario di Carlo Minervini – Eros in Biblioteca, che sarà pubblicato nei prossimi mesi, la conferenza per parole e immagini che permetterà di entrare nella storia letteraria, erotica e culturale del nostro Paese attraverso uno sguardo nuovo e trasgressivo.

L'evento è inserito nell'ambito della rassegna Eros di Alt-Art – Creazioni in corso, ed è in programma per il 22 febbraio alle 18 nella sede di Alt-Art in via Longeni 25, alle spalle del complesso San Gennaro (di fronte la chiesa dei Dehoniani) a due passi dall'Università della Calabria.

Carlo Minervini propone una lettura provocatoria della genesi erotica, e si addentra nelle latebre della storia rinascimentale per raccontare i misteri sensuali e gli scandali oscuri ancora oggi sepolti dal velo nobile del tempo. Mette a nudo particolari inediti, e propone e una personalissima teoria sulla sparizione di un manoscritto conteso dalle nobildonne di corte e sulla morte di numerosi personaggi illustri nella Ferrara del tempo, sotto il sanguinario pontificato di papa Alessandro VI.

L'ufficio stampa

Giovedì, 21 Febbraio 2013 10:44

7° tappa del Trekking “Due Mari e 35 vette”

Scritto da

Giovedì ,  21 Giugno 2012.

Da Piano di Lanzo a Piano di Novacco .                                                  

Lunghezza 31 Km.                                                                                         

Tempo di percorrenza 12 ore e 30 minuti ; con la scalata del  monte Caramolo .                                                                                                   

Dislivello : 1734 m. in salita e 1767 m.. in discesa.                                        

Rifornimento  idrico Piano di Lanzo e  Tavolata.

Difficoltà EE .

 

Questa, una tappa che possiamo definire, pianeggiante rispetto alle altre! Abbiamo attraversato cinque piani con poco dislivello sia in salita che in discesa fino ad arrivare  al piano di Novacco.

Partenza dal rifugio Piano di Lanzo. Si affronta la salita ripida che ci porta alla Madonna del Pellegrino e dopo esserci raccomandati alla Madonna, imbocchiamo un sentiero in partenza  comodo, ma che dopo poco, diventa difficoltoso. La segnaletica è scarsa e la vegetazione rigogliosa,  ha coperto ogni traccia del sentiero. Si prosegue in mezzo a felci molto alte e  si arriva così al piano Puledro da cui  si imbocca  una sterrata abbastanza  comoda, coperta da una rigogliosa faggeta .    Sul nostro cammino, una bella coppia di  caprioli, scomparsi in un baleno.  Dopo poco siamo arrivati al Piano di Ferrocinto, strabiliante spettacolo della natura, interamente verde e ricoperto di fiori.

 Si prosegue per la strada  sterrata  e si arriva al Laghetto di Tavolara.

Il laghetto  è  protetto in modo naturale da una folta vegetazione impenetrabile che nasconde la sua veduta .

Si prosegue tra faggi e abete  bianco, si costeggia la Fiumarella di Rossale e si arriva al Piano di  Vincenzo, continuando per la sterrata  arriviamo poi al Piano di Novacco .

Ad attenderci e darci il benvenuto al Piano di Novacco ,nel Comune di Saracena,  gli amici della Promozione Turistica di Saracena , delle scolaresche ed  il Sindaco.

Per noi è stato preparato  un ricco buffet di dolci e bevande fresche. Dopo un mio discorso, nel quale ho spiegato la mia Impresa e dopo il discorso del Sindaco, siamo passati al buffet e abbiamo continuato il dibattito parlando di promozione del territorio, dell’ambiente montano come opportunità di sviluppo, lavoro  e turismo.

Da qui, in compagnia del  mio amico Ernesto Cucci,  che mi ha raggiunto nel pomeriggio, ci siamo diretti verso  il Monte Caramolo.

Pietro ed Antonio, provati e stanchi per lo stress e la fatica accumulata  in tutti questi giorni di trekking e di scalate, hanno preferito riposare.

Io invece, anche se stanco fisicamente ero carico mentalmente e pieno di adrenalina e dovevo portare a termine il programma giornaliero anche se da solo.

Ripartiti dal Piano Novacco abbiamo seguito la strada  sterrata e siamo arrivati al Piano di Scifarello. Qui  un bel panorama,  un branco di cinghiali al pascolo ed  una mandria di cavalli allo stato brado.

Proseguendo per la strada sterrata  siamo arrivati al Piano di Caramolo,  un ultimo sforzo e finalmente in vetta al Caramolo 1827 m.  slm, 18° vetta. Un panorama stupendo! Sotto di noi la città  di  Castrovillari ed  altri paesi ma il mio sguardo, era rivolto alla Catena del Pollino, di fronte a noi e  ben visibile. Ho fatto una panoramica ad Ernesto delle vette già conquistate e di  quelle ancora da scalare mentre era già il tramonto così  abbiamo accelerato il passo.  Siamo giunti al Piano di Novacco quando era  ormai buio e  a questo punto, si concludeva ufficialmente la 7° tappa del trekking “Due mari e 35 vette”! 

 

                                                                                         ©  Nicola Zaccato

Con questo articolo iniziamo anche la rubrica culturale dedicata alle recensioni. In questa occasione, ci avvaliamo della collaborazione di un amico, che per il momento ha deciso di assumere come pseudonimo proprio quello del protagonista di questa storia.

Buona lettura!

 Ἀδάμας Mέλας (Adàmas Mèlas)

 

Una panchina in un parco, due uomini che chiacchierano mentre tutto intorno la vita scorre come se niente fosse.

Un giovane e un adulto. In apparenza un padre e un figlio, in realtà due spie.

Il ragazzo è Harold Adrian Russel Philby, agente al soldo di Mosca che a cavallo tra gli anni Trenta e Sessanta mise a rischio l'incolumità dell'Impero britannico.

Robert Little, autore de Il giovane Philby (Fanucci editore 2012), racconta in chiave di romanzo storico gli 'anni verdi' di una delle più famose spie della guerra fredda.

Figlio di St John Philby, diplomatico, esploratore e studioso di culture orientali convertito all'Islam, Harold sceglie di chiamarsi Kim affascinato dalla lettura del Kim di Rudyard Kipling.

Brillante studente della Cambridge University, rampollo dell'alta borghesia inglese, dai modi fini ed educati, Kim viene notato dagli agenti in servizio all'ambasciata sovietica di Londra nei primissimi anni Trenta.

Facendo leva sul sincero credo del giovane nell'ideologia comunista, la OGPU lo arruola auspicando riesca a sfruttare le sue conoscenze per infiltrarsi negli ambienti governativi inglesi.

Intraprendente e coraggioso, il giovane Philby non delude le aspettative dei superiori attirando addirittura su di sé l'ammirazione dei vertici del Cremlino.

Al suo fianco troverà i colleghi di college John Cairncross, Anthony Blunt, Guy Burgess e Donald Mac Lean anch'essi inquadrati nell'organico dei servizi segreti bolscevichi. I cinque amici passeranno alla storia con il nome di Cambridge five, astuti doppiogiochisti infiltrati tra le fila del celebre MI6, il controspionaggio britannico.

Una vicenda vera magistralmente narrata dal romanziere newyorkese Robert Little, già autore dei best sellers L'Oligarca e L'epigramma a Stalin. Ma appunto perché l'avventura del giovane Philby è verità e non solo spy story, Littell propone anche una sua versione circa l'operato di Kim.

Al lettore l'ardua sentenza.

Kim

 

Robert LITTLE, Il giovane Philby, FANUCCI Editore

collana TIF EXTRA
genere THRILLER E NOIR
anno 2012
pagine 240
prezzo € 16,00
isbn 9788834719558
traduttore Olivia Crosio

 

Scheda tratta dal sito dell'editore

FreshJoomlaTemplates.com
Friday the 22nd. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.