Venerdì, 12 Luglio 2013 12:04

Castrovillari. Prima adozione verde

Scritto da

Prima “adozione verde” nel capoluogo del Pollino. Questa mattina con la firma in Comune, dinanzi al Sindaco, Domenico Lo Polito, l’architetto Andrea Pellegrino, a nome e per conto della ditta “Rossino Centro del Mobile” s.r.l. di Lauria, ha sancito l’adozione dell’area verde di Castrovillari antistante la scuola “Giustino Fortunato”,su viale del Lavoro, che presto avrà un restyling e un attento percorso di manutenzione a carico del privato il quale riporterà decoro ad una storica villetta della città antistante il ponte “senatore Achille Salerni”. 

Un’azione civica di sana partecipazione al governo del Territorio che ribadisce l’importanza del coinvolgimento responsabile dei singoli, capacità o altri soggetti, per la fondamentale qualità ambientale ed immagine della città. 

L’iniziativa, che è la prima ad essere varata di cinque, acquisite dall’Amministrazione comunale, grazie alla disponibilità di ditte, Società o gruppi di cittadinii  e, soprattutto,  al Regolamento comunale sull’adozione delle aree verdi da parte di privati che offre questo modo di  condividere il recupero del paesaggio- ha affermato il primo cittadino- richiama l’importanza e ruolo che possono svolgere persone ed attività nell’interesse del bene comune.” 

Alla “sigla” del provvedimento era presente anche il Presidente della Commissione comunale Ambiente, Armando Garofalo, il quale nel ribadire la positività del gesto , che si spera possa essere seguito da tanti, oltre quelli già accolti dall’Ente, afferma ” mai come in questo momento, il mettersi in gioco in una sfida inedita che rilancia la sensibilità esistente verso il patrimonio che si vive non solo come <proprietà privata>. Un importante passo avanti che mostra la volontà di invertire cattive consuetudi e tendenze a spregio del bene comune e che si accinge a rilanciare  l’importanza  della cura  per la natura, garantendone la conservazione nello sviluppo. Per questo  valuteremo e sceglieremo ogni volta soluzione adeguate ai luoghi ed alle loro necessità di recupero.”

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

Si è svolto ieri, presso il Ministero dello Sviluppo Economico in Roma, un incontro tra l’Amministrazione Lo Polito, il Comune di Monza, i delegati di INVITALIA, ReteComuni ed Anci Lombardia, nonché i delegati del Politecnico di Milano, oltre alle amministrazioni comunali di Trapani, Novara, Lamezia Terme e Corsi, per predisporre un progetto basato sulla trasparenza e l’efficienza informatica dei Comuni. 

L’incontro, voluto fortemente dal Comune di Castrovillari, rappresentato dall’Assessore allo Sviluppo Ambientale e Tecnologico,  Angelo Loiacono, e da Fedele L’Avena dell’Ufficio Urbanistica, “ è stato incentratoha spiegato l’Assessore- sulla definizione del gemellaggio e sugli obiettivi derivanti dall’utilizzo ed implementazione della piattaforma GIT all’interno del Comune di Castrovillari, apprendendo ed adeguando al nostro comune l’esperienza virtuosa del Comune di Monza.” 

Il gemellaggio - precisa l’Assessore -, che durerà circa 10 mesi, garantirà l’affiancamento del Comune di Monza alla nostra struttura comunale, con il monitoraggio costante da parte del Ministero, al fine di giungere, a conclusione di questo percorso, ad avere una struttura tecnologicamente avanzata, capace di dare risposte ben diverse ai cittadini. Con il Comune di Monza, con la ReteComuni e con l’Anci Lombardiaprosegue Loiaconospero e credo sia solo l’inizio di una collaborazione fattiva che svilupperemo anche per promuovere altre iniziative condivise.” 

 “L’obiettivo di questo incontro operativoaggiunge- , che viene dopo alcuni mesi di lavoro da parte dei nostri uffici ed in particola modo dell’Ing. Fedele L’Avena, uno tra i primi in Italia a lavorare sulla piattaforma, è stato quello di definire con il Ministero dello Sviluppo Economico gli obiettivi di un progetto di gemellaggio tra il nostro comune ed il Comune di Monza, per garantire nei prossimi mesi, ai cittadini di Castrovillari, servizi più efficienti, minori costi per l’Ente e trasparenza amministrativa. Il Comune di Monzaprosegue l’Assessore Loiaconoci aiuterà a trasferire a Castrovillari le buone pratiche applicate e realizzate da quasi dieci anni presso il loro municipio.” 

Il progetto nazionale- spiega l’amministratore- , a cui partecipa Castrovillari, denominato AGIRE POR 2007-2013 è promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministro per la Coesione Territoriale e il Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica.  

Durante l’incontro - fa sapere  Loiacono -  il dirigente del Ministero dello Sviluppo Economico, Federico Lasco, ed i rappresentanti di INVITALIA, hanno sottolineato come sia fondamentale utilizzare in maniera oculata e sulla base di una programmazione territoriale ben strutturata i fondi europei 2007-2013, utilizzati solo per il 25% dalle Regioni. 

Uno dei problemi maggiormente avvertiti, nel rapporto con le Pubbliche Amministrazioni, sono i tempi e la qualità dei servizi- sottolinea, concludendo, l’Assessore Loiacono-, che come si è visto dai dati nazionali, incidono profondamente sulla qualità della vita e sui costi delle famiglie e delle imprese. Pertanto, l’obiettivo della nostra amministrazione è quello di migliorare la struttura comunale: potenziando i servizi, riducendo i tempi di attesa per certificati ed adempimenti, diminuendo i costi di gestione connessi all’utilizzo dei software ed hardware, razionalizzando e rendendo maggiormente efficiente ed efficace il lavoro del personale del Comune. Inoltre, nell’ottica di un risanamento del debito pregresso del Comune di Castrovillari, su cui la nostra maggioranza è impegnata sin dal primo giorno di mandato, l’utilizzo, in tutti gli uffici dell’Ente, della piattaforma GIT permetterà di ridurre l’evasione, nell’ottica di un principio di giustizia sociale: “pagare tutti per pagare meno.”

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

La città di Castrovillari, grazie al ruolo che svolgerà nel progetto regionale  per le buone pratiche amministrative, è entrata in graduatoria al CoReCom, Comitato Regionale per la Comunicazione della Calabria, per il trimestre luglio-settembre 2013. Quì il Comune sarà il soggetto interprete di trasmissioni dedicate autogestite in pillole per la Rai di circa cinque minuti legate a tale tipo di percorso per “offrire, nel pieno rispetto delle regole, servizi sempre migliori alla cittadinanza in regime di sussidiarietà e con risparmio di risorse”.

Lo hanno reso noto il Sindaco, Domenico Lo Polito, che ha sottoscritto nel gennaio scorso a Roma  , nella Sede Nazionale di Poste Italiane, il protocollo d’intesa  che vede il capoluogo del Pollino capofila del  Comitato che realizzerà il  Coordinamento  dei Sindaci dei Comuni Calabresi, e la consigliere comunale, Giovanna D’Ingianna, con delega ai rapposti istituzionali, delegata in ambito amministrativo del progetto “sulle buone pratiche” la quale si occuperà dei momenti di comunicazione autogestiti per promuovere e far conoscere l’importante iniziativa.

Questa scaturisceha ricordato il primo cittadino- da un cammino congiunto tra enti e dall’effettuazione di un indagine  promossa dall’Università della Calabria – Facoltà  di Scienze Politiche, con la partecipazione di Cittalia- Fondazione ANCI Ricerche e dell’ANCI Calabria, dal titolo “ Le buone pratiche ed i Comuni della Calabria” a cui hanno collaborato oltre il Comune di Castrovillari  anche quelli di Altomonte, Castrolibero, Conflenti, Decollatura, Isola Capo Rizzato, Martirano Lombardo, Monasterace, Rosarno, San  Sostene, Soveria Mannelli, Terranova da Sibari e Villa San Giovanni.”

Il Coordinamentospiegano Lo Polito e D’ingiana- ,poi,  attuerà una piattaforma informatica per la raccolta  e la condivisione di dati ed informazioni sulle buone pratiche  realizzate  dalle amministrazioni comunali, aderendo, così,  all’Osservatorio sulle buone pratiche in Calabria,  promosso dal Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università della Calabria.”

“Dati, comunicazione e materiale informativo sarannosostengono gli amministratori, così,uno degli assi portanti di questa azione diffusa, consapevoli del ruolo che svolgono tali politiche per il miglior governo della pubblica amministrazione, nella quale la persona dovrebbe essere il vero centro di ogni intervento per sviluppare la sua crescita. Vogliamo affrontare questi grandi temi direttamente, da protagonisti, perché la politica  non è un mondo a sé, staccato dal reale- concludono-  ma ha una responsabilità specifica: creare le condizioni  perché le cose buone si possano esprimere al meglio.”

l’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

Mercoledì, 10 Luglio 2013 23:24

Liste Civiche: la maggioranza non esiste più

Scritto da

COMUNICATO STAMPA

Perché ostinarsi a non riconoscere il proprio fallimento politico? Le dichiarazioni all’esito della seduta consiliare (illegittima per mancanza di numero legale) lasciano trasparire tutto l’imbarazzo di una sedicente maggioranza che di fatto non esiste più! Non esiste ne da un punto di vista politico, basti considerare che due partiti che hanno determinato la vittoria della coalizione a guida Lo Polito non fanno più parte organica della compagine di governo, ne da quello numerico 8 consiglieri di maggioranza ed 8 di opposizione, per usare le identiche parole pronunciate dal sindaco Lo Polito durante l’ultimo consiglio comunale valido. Garantire una solida e stabile maggioranza è l’atto presupposto per garantire un buon governo. Sarebbe troppo facile citare le dichiarazioni roboanti del sindaco Lo Polito rivolte alla passata amministrazione che si è trovata nella sua identica situazione numerica; sarebbe troppo semplicistico liquidare l’accaduto come un incidente di percorso e omettere di considerare che prima di autoproclamarsi salvatore della Patria si dovrebbe essere almeno in grado di risolvere i problemi della propria “maggioranza” che, dopo un anno, non è in grado di validare neanche una seduta consiliare in prima convocazione.

Tornando alle dichiarazioni del capogruppo del PD, Avv. Lucio Rende, la Democrazia è stata si violentata ma non certo da parte nostra, infatti, la democrazia si regge sui numeri e sulle maggioranze, pertanto, perseverare in questa fallimentare esperienza politica, sarebbe certamente mortificare la Democrazia e violentare la nostra città.

Appare oltremodo bizzarro che nell’ultimo consiglio comunale tenutosi meno di un mese fa il capogruppo del PD invocava la pedissequa applicazione dello Statuto e del Regolamento consiliare ed oggi si calpestano entrambi.

Nel merito:1) I Punti all’ordine del giorno del Consiglio Comunale sono TUTTI stati richiesti da consiglieri che oggi non erano in aula di talché, non essendo pervenuta alcuna delega scritta ad altri consiglieri presenti, non si potevano trattare (ex art. 30 comma 1 del regolamento); 2) ove ciò non fosse sufficiente, il citare impropriamente l’art. 21 del regolamento comunale è oltremodo singolare! Infatti la consistenza del numero legale è cristallizzata dall’art. 21 (titolo IV ORGANIZZAZIONE DELLE SESSIONI E DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO) il quale stabilisce in modo non opinabile che “Il Consiglio non può deliberare su alcuno degli argomenti iscritti all’ordine del giorno se, alla seduta di prima convocazione, non interviene almeno la metà più uno dei consiglieri assegnati al Comune”. Pertanto 9 è il numero di consiglieri necessario per la legittimità della seduta, dove il Sindaco non può rientrare mai nella formazione del quorum e ciò è chiarito dall’art. 38 comma 2 del Testo Unico degli Enti Locali il quale prescrive che “… Il regolamento indica altresì il numero dei consiglieri necessario per la validità delle sedute, prevedendo che in ogni caso debba esservi la presenza di almeno un terzo dei consiglieri assegnati per legge all'ente, senza computare a tale fine il sindaco …” ; 3) l’art. 38 comma 2 del regolamento inserito al TITOLO V DISCUSSIONE E VOTAZIONE, presuppone un Consiglio comunale validamente costituito e non è assolutamente applicabile al caso di oggi.

In conclusione esortiamo coloro i quali dicono che noi delle Liste Civiche non capiamo nulla e, nel contempo millantano una capacità risolutiva dei problemi della nostra Città, ad approfondire quantomeno le fonti normative che disciplinano lo svolgimento delle loro funzioni.

Tutto quello che è importante conoscere su come le istituzione si muovono sul randagismo, per contenere questo fenomeno e su come vengono sviluppate quelle iniziative civiche d’adozione tanto importanti per le persone quanto fondamentali per i cuccioli o “trovatelli” come momenti sperimentati in città hanno testimoniato ampiamente.

Nella Sala Conferenze del Protoconvento Francescano dii Castrovillari, martedì 16 luglio, dalle ore  17, si terrà un workshop dal titolo “ La tutela e il benessere degli animali di affezione “.

L’iniziativa, organizzata dal Comune, prevede- spiegano il Sindaco, Domenico Lo Polito, e l’Assessore allo Sviluppo Ambientale, Angelo Loiacono-  la partecipazione dei Sindaci del Territorio, dell’Azienda Sanitaria Provinciale attraverso i Servizi veterinari del posto, dei membri della “Commissione ambiente e sanità” del Consiglio Comunale, delle Associazioni  “Amici della Terra”, “OASI”, “Pensieri liberi”  Pollino, dell’ Agesci,   delle sezioni locali dell’E.N.P.A.  e della F.I.A, nonchè del Gruppo “Passione animali”, della delegazione locale di “Guardie Ambientali d’Italia” oltre dela sezione castrovillarese di “LegAmbiente”.

“Un altro momento nel solco della partecipazione e condivisione  di un percorso – aggiungono gli amministratori-  che vogliamo legare con quel principio del “filo rosso” che sta caratterizzando le diverse azioni su cui siamo impegnati.”

Il programma, nello specifico, prevede, dalle ore 18,  il saluto del Sindaco Lo Polito e l’apertura dei lavori con un contributo dell’Assessore Loiacono che modererà gli interventi. Subito dopo gli interventi di Gianluca Grandinetti, Dirigente   veterinario,  componente della task force per le attività veterinarie del Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie della Regione Calabria che affronterà “la razionalizzazione degli interventi in materia di randagismo e l’istituzione di una rete di canili  sanitari nel territorio regionale”, e di Carla RocchiPresidente nazionale E.N.P.A. (ente nazionale protezione animali –Onlus-) che riferirà “sull’importante collaborazione tra Comuni, ASP e Associazioni per l'applicazione della normativa animalista, trattando il modello Castrovillari quale possibile prototipo per la realtà calabrese".

Seguiranno le comunicazioni: del responsabile del Settore Urbanistica e Assetto del Territorio  del Comune, Roberta Mari  , la quale tratterà“lagestione pubblica del canile di Castrovillari; del dipendente del  Servizio Igiene Ambientale dello stesso Ente, Francesco Bianchimani che approfondirà  “il nuovo regolamento comunale per la tutela degli animali”;mentre ildirigente dei servizi veterinari aria “A” di Castrovillari , Ennio Golia, dell’ ASP di Cosenza, spiegherà“la situazione del randagismo canino nell’ASP di Cosenza e nell’ area di Castrovillari “;Giorgia Rozza ,  responsabile adozioni progetto Enpa: “ tutti a casa”, poi, richiamerà il progetto “ "tutti a casa": i cani di Castrovillari”.Invece,Tullio Tommaso,  Direttore Sanitario del Canile del capoluogo del Pollino e dei  Servizi Veterinari dell’ ASP di Cosenza  parlerà del“canile sanitario di Castrovillari tra  prospettive di sviluppo, alla luce della nuova organizzazione  regionale”.

L’intera materia sarà oggetto di interlocuzioni e testimonianze oltre che di domande, le quali saranno sviluppate nel “question time” (precisamente nella fase dei lavori- come previsto-, durante la quale vengono illustrate alcune questioni già presentate e riguardanti anche argomenti particolari, su cui viene data risposta dagli organismi preposti),prima delle conclusioni ed il punto di sintesi  sulla full immersion.

Per iscriversi al workshop è importante compilare e inviare la scheda di registrazione entro il 15 luglio che si trova  sull’indirizzo  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  o telefonare alla segreteria organizzativa : 0981.25310 – fax 0982.25245- del Servizio d’igiene ambientale, riferimento  nell’organizzazione del workshop.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

Castrovillari. Il Consiglio Comunale si riunirà domani ,10 luglio, in prima convocazione, alle ore 13  nella sala 14 del Protoconvento Francescano.

Quattro i punti all’ordine del giorno: oltre le interrogazioni ed interpellanze,  su proposta dei consiglieri, Pasquale Russo, Giuseppe Santagada, Onofrio Massarotti e del  presidente del Consiglio, che illustrerà il punto, si parlerà della problematica riguardante la protezione civile; si affronterà inoltre la discussione sulla situazione politica sempre a richiesta dei suddetti consiglieri.

L’ultimo punto , che sarà illustrato dal consigliere Pasquale Russo, prevede l’istituzione e Costituzione della Commissione Consiliare Speciale sull’Ordine pubblico, richiesto anche dai consiglieri comunali Giuseppe Santagada, Onofrio Massarotti, il presidente Salerno e la consigliere Giovanna D’Ingianna.

 
FreshJoomlaTemplates.com
Wednesday the 23rd. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.