Sabato, 30 Marzo 2013 21:14

Con amore e pace nei cuori

Scritto da

"Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici." Gesù di Nazareth

Nella bellezza di queste parole, giungano a tutti Voi, i nostri più cari e sinceri auguri di una santa Pasqua ricca di pace e amore.

Angela Micieli

COMUNICATO STAMPA

La precarietà della situazione sanitaria dell’Ospedale di Castrovillari continua e si aggrava. Dopo il decreto 191, di accorpamento con l’ospedale di Acri -vicenda ancora tutta da definire- dopo le varie emergenze, evidenziate da tempo immemorabile e non ancora rimosse, ecco l’ennesima “tegola”. Addirittura due reparti a rischio-chiusura: Ortopedia e Broncopneumologia, mentre continua la precarietà del Pronto Soccorso -per il personale- e della Medicina Interna –per i posti letto. Insomma, situazione preoccupante, che pretenderebbe un intervento politico forte, istituzionale, territoriale. E che invece trova, nell’amministrazione di Castrovillari, risposte flebili, personali, partitiche. Un Sindaco ha, istituzionalmente,  la grave responsabilità di garantire la salute pubblica di una popolazione. Ed è per questo che il Sindaco di Castrovillari –comune capofila e sede dell’ospedale- è stato messo a capo del “Comitato istituzionale territoriale”, nato per difendere l’ospedale. Solo che il sindaco Lo Polito sembra privilegiare i percorsi partitici, piuttosto che quelli istituzionali. Infatti, dopo aver supportato, e firmato, gli esposti Guccione-Laratta (si, proprio quelli che a Castrovillari danno ragione ai Castrovillaresi e poi, ad Acri e a Cosenza  lottano per l’immediata applicazione del decreto 191), senza, per altro che questi ultimi firmassero il nostro di ricorso, ecco che ci risiamo. Il Sindaco continua a fare orecchie da mercante, malgrado i solleciti, fatti anche nel recente Consiglio comunale, per riunire il Comitato istituzionale territoriale e dare così un “respiro” comprensoriale alle necessità e alle rivendicazioni delle popolazioni dell’area del Pollino. Così, dopo la discutibile iniziativa del colloquio “privato” con il Presidente Scopelliti, eludendo il mandato del Comitato che aveva esplicitamente deciso, nell’ultima, lontanissima riunione, di andare, ma insieme, a discutere col Governatore, ecco l’ulteriore novità. Incontro del sindaco Lo Polito con il Direttore Generale Scarpelli, sotto l’egida del PD –nel caso rappresentato dal Consigliere regionale Guccione. Quasi che la vertenza sanità fosse un problema da gestire come partito e non come istituzione, o, meglio, come territorio. E capita che, forse per fretta, forse per specifica incompetenza, si parli delle nuove emergenze, senza e prima che quelle precedenti siano state affrontate e risolte. Siamo lontani anni luce dalle roboanti promesse elettorali, della partecipazione, della trasparenza, del “filo rosso” territoriale. Ma l’argomento è troppo importante e delicato per diventare strumento partitico. E’ necessario, da subito, un cambiamento di rotta, riportando le giuste rivendicazioni, riguardanti il diritto alla salute, nell’alveo che le sono proprie e che certo non si identificano con le necessità di partito.

 

Coordinamento Politico

Liste Civiche di “Solidarietà e Partecipazione”

Ai nastri di partenza la XIV Stagione Teatrale Comunale che animerà il capoluogo del Pollino da mercoledì 3 aprile a sabato 18 maggio.  Un mese e mezzo di programmazione che vedrà in scena al Teatro Sybaris del protoconvento francescano dieci spettacoli, un concerto e una sezione dedicata al Teatro scuola. Fortemente voluta dal sindaco Mimmo Lo Polito e dall’intera amministrazione comunale la XIV Stagione si presenta con una formula teatrale che vede in scena una serie di compagnie con spettacoli dal forte impatto emozionale, tra riflessione civile, ironia e poesia, ben affiancate dalle numerose compagnie locali, che a diversi livelli, testimoniano da anni il grande fermento culturale della cittadina del Pollino. Con la consapevolezza che l’arte, la cultura, la bellezza sono indispensabili per uscire tutti insieme dalla crisi attuale, una Stagione Teatrale che punta molto sul coinvolgimento delle scuole e dei giovani e che mantenendo contenuti i prezzi dei biglietti, sette euro per la platea e cinque per la galleria, vuole dare un'opportunità a tutti di fruire dell'arte teatrale. Ma vediamo nel dettaglio gli appuntamenti in cartellone:
lo spettacolo che apre la stagione, mercoledì 3 aprile alle 21,00, è “W l’Italia.it…noi non sapevamo, di Egidia Bruno e Marie Belotti, diretto e interpretato da Egidia Bruno, con i canti di Francesca Breschi. Il monologo della brava attrice lucana è un’orazione civile, un canto struggente e appassionato, uno spettacolo di “contro-informazione”, un’“urgenza teatrale” di raccontare le origini di quella che Pasquale Villari, Gaetano Salvemini, Giustino Fortunato e altri chiamarono la “questione meridionale”. Giovedì 11, alle 21,00, la Compagnia Ragli presenta “L’Italia s’è desta- un piccolo (falso) mistero italiano” scritto e diretto da Rosario Mastrota con Dalila Cozzolino, testo finalista al Premio Hystrio.  Attraverso la storia di Carletta, la scema del paese si racconta, in maniera leggera, la crudezza di una realtà intrisa quotidianamente di ‘ndrangheta e come la malavita sia arcaicamente consolidata e, apparentemente, inerme nella vita di un piccolo paese. Si prosegue domenica 14 aprile alle 18,30 con la pluripremiata compagnia Scena Verticale. In scena Dario De Luca e la Omissis Mini Orchestra in “Morir sì giovane e in andropausa – atto unico in 7 quadri e canzoni”. Un progetto con canzoni dalle liriche semplici e con monologhi dal linguaggio chiaro per una sintesi poetica che sia efficace, diretta, in qualche modo quotidiana. Lo scopo? Portare in scena la voce di una collettività, evidenziare bisogni e desideri di una generazione, quella dei trenta-quarantenni, lasciati in mutande da una società gerontocratica e senza futuro. Il 18 aprile alle 21,00 tocca all’associazione culturale Zahir con “#Neoeroina”, scritto e diretto da Ernesto Orrico. Sulla scena Maria Marino da voce e corpo ad una crudele e dolcissima ballata pop, offrendosi con disincanto e ambizione, agli occhi degli altri senza temerne il giudizio. È il ritratto, senza pietà e senza moralismi, di una condizione – quella femminile – che non vuole più, mai più, essere una “condizione” ma una realtà, fatta di un corpo, di azioni e di pensieri. “Castrovillari millenaria” della compagnia “Un Sorriso per la città”, è lo spettacolo di sabato 20 aprile, uno spaccato di una famiglia (tipo) di Castrovillari spiata nel suo vivere quotidiano, alle prese con questioni che agitano e tramano la nostra attualità civile. La stagione continua mercoledì 24 aprile con “L’apocrifo – ovvero Demas il ladrone buono e il suo incontro con Gesù” di e con Fabio Pellicori e con le musiche eseguite dal vivo da Franco Iannuzzi, Camillo Maffia e Nunzio Seminara. Lo spettacolo di “Chimera” cerca di raccontare nel modo più fedele possibile ai testi sacri, attraverso la vita di Demas, il ladrone buono che viene crocefisso con Gesù, la vita dello stesso Gesù. Con poesia e umanità. Da sabato 20 a lunedì 29 aprile ci saranno le matinée dedicate alle scuole. “Il Sogno di Carlotta” e “Medico per forza” sono gli spettacoli scelti dal Teatro della Sirena di Giuseppe Maradei. Nel primo rivive nel sogno di una fanciulla l’incubo dell’uomo moderno alle prese con la catastrofe imminente che minaccia il pianeta e l’esistenza dell’umanità stessa. Ma anche questa volta, come sempre, solo la fantasia può salvare il mondo. “Medico per forza”, invece pone lo spettatore di fronte a questo interrogativo: Che cosa può accadere se un copione del grande Molière cade nelle mani di una brigata di comici “Italiani”? Il rigore letterario della parola scritta resisterà al mestiere, all’esuberanza ed alla naturale trasgressiva irriverenza della recitazione cosiddetta “all’antica italiana”? Sabato 27 aprile la Compagnia Mediterranea omaggia Nino Taranto con “La vita va presa con filosofia”, scritto, diretto e interpretato da Pippo Infante, affiancato dalla fisarmonica di Camillo Maffia. Lo spettacolo, un inno alla positività, ripercorre alcuni momenti di vita partenopea, in ognuno dei quali, si inscena un passaggio macchiettistico del grande attore napoletano. Domenica 28, alle 18,30 ci sarà il concerto per violino e piano, a cura del Conservatorio di Musica “S. Giacomantonio” di Cosenza. “Occhi a perdere –incubo premonitore” è lo spettacolo di sabato 4 maggio alle 21,00, dall’Edipo Re sofocleo e da “Navi a perdere” di Carlo Lucarelli, la compagnia “La Buffa Agitatori culturali”, prende spunto dalla triste vicende della nave Jolly Rosso e lancia un monito: Come Edipo và incontro alla tragedia, giacendo con la madre e assassinando il padre, nonostante le avvisaglie di Tiresia e degli oracoli, così l’uomo contemporaneo va verso il disastro nonostante gli avvisi derivanti dalle sensibilità ecologiste. Domenica 12 maggio alle 21.00, penultimo appuntamento con “’U Iettabannu” di Khoreia 2000, scritto da Angela Micieli, per la regia di Rosy Parrotta. Un tuffo nel passato, nel ricordo del civico banditore, tipico personaggio di ogni comunità cittadina. La vicenda si svolge tra le mura domestiche di una famiglia, i cui membri, maschere di una società meridionale, raggiungono, molto spesso e molto facilmente, il paradosso in un prontuario di situazioni comiche.  L’intuito femminile nello sfruttare ogni situazione pur di migliorare il ceto sociale di appartenenza. La sottomissione di un uomo alle volontà della moglie. Non esistono toni pacati, si urla. Si urla per farsi sentire dal cognato con problemi di udito. Si urla per proclamare annunci. E il finale non può che provocare un riso amaro. Chiude la XIV Stagione Teatrale Comunale di Castrovillari il nuovo lavoro della compagnia “J Pirrupajini” dal titolo “Chjchiti juncu…ca a chjna passi…!!!”. Scritto e diretto da Mena Filpo è un lavoro che propone spaccati di vita contadina degli anni ’20 in modo umoristico ed altamente comico.

 Domenico Donato, Laura Capalbi

per l’Ufficio Stampa della XIV Stagione Teatrale Comunale

COMUNICATO STAMPA

Lo avevo dichiarato qualche settimana fa. Nel caso si fossero accumulati rifiuti nelle strade ed in altri luoghi, rendendo l’emergenza difficile, avrei  adottato tutti gli interventi che avrei ritenuto indispensabili per lo stoccaggio temporaneo dei rifiuti, nel rispetto dei cittadini e per evitare nuovi  e problematici accumuli.

Sembra che quel momento sia arrivato e che bisogni pensare, inoltre, fattivamente ad una alternativa che prenda in considerazione la realtà.

Un’esigenza dettata anche dall’arrivo della bella stagione. L’emergenza rifiuti che si sta vivendo, oltre a ricadere  sulla vita dei cittadini e sulle loro attività, coinvolgendo luoghi sensibili come l’Ospedale ,  la Casa Circondariale o altri ambiti come le Scuole, per fare qualche esempio, creando seri problemi e disagi alla normalità della vita dei residenti, necessita di una gestione efficace dell’emergenza  per non farla ricadere pericolosamente, con tutti i problemi connessi, sui cittadini che richiedono una nuova fase contrassegnata da interventi aderenti alle problematiche presenti.

Ecco perché l’importanza di una risposta immediata nel rispetto della legge per sviluppare maggiormente la raccolta   dei rifiuti sempre più a tutela dell’ambiente e della città.

Per questo ho pensato anche ad un provvedimento straordinario nell’interesse del bene comune che non può fare a meno di nessuno e, soprattutto, di quella corretta gestione  dei rifiuti tra recupero e smaltimento a tutela della qualità ambientale e della salubrità dei luoghi.

                                      

 Domenico Lo Polito  

Per conoscere meglio il famoso castrovillarese Andrea Alfano,  nato nel  1879 e morto a Roma nel 1967, il maggiore ritrattista di Calabria e dalle geniali attitudini artistiche nonché, come scrisse Antonio Mancini nel 1906, per una Mostra dove era presente l’artista :”qualità sincera  per amare  sempre di più l’arte che darà  tutto coll’entusiasmo del bello, del vero , del buono.”

Così, al teatro Sybaris, nel Protoconvento Francescano, dove molte delle sue opere alloggiano in bella vista  nella pinacoteca civica “alfaniana”, sull’intero lato nord, al primo piano dell’antico immobile, sabato 6 aprile, con inizio alle ore 16,30, si terrà la presentazione del lungometraggio, un interessante DVD, sulla figura di Andrea Alfano. “Ennesima iniziativa di Mimmo Pace, che l’ ha realizzata- precisa il Sindaco, Domenico Lo Polito- con la passione di sempre e come testimoniano i suoi lavori precedenti legati alle eccellenze naturalistiche, geomorfologiche e culturali del comprensorio.”

Con quest’opera Mimmo Pace si propone di celebrare e proporre, alle nuove generazioni, il grande Maestro Alfano, contribuendo a diffondere il suo messaggio artistico, culturale e umano.

Il DVD, della durata di un’ora e mezza circaspiega l’autore-, grazie ad un progetto tra ricerca e studio, attraverso una scrupolosa regia, supportata dalle moderne tecniche multimediali, offre sette capitoli, ognuno dei quali è fruibile con immediatezza, grazie alle selezioni sceniche previste nel menù. Alcuni di essi informano, con dovizia di particolari, sulla vita del Maestro, tra le sue inclinazioni  per la poesia e l’amore profondo per la pittura; altri, invece, creano un vero e proprio “catalogo digitale” delle opere custodite nella Pinacoteca Comunale ed in collezioni private.”

Un vero e proprio viaggio nella vita di Andrea Alfano, dove la creatività e la palpitante personalità dell’uomo e dell’artista, vengono espresse al meglio miscelando i fatti con i documenti e le opere.

Il lavoro è stato reso possibile anche per la collaborazione dell’attore Giuseppe Maradei, che con la sua esposizione accresce l’interesse del video, e dei docenti Adriana De Gaudio, fondamentale per la consulenza critico-letteraria, e Minella Bloise, quale voce narrante.

Insomma un lavoro interessante che esporterà nuovamente, oltre i confini regionali – sostiene il Sindaco, Domenico Lo Polito- , uno dei vanti espressivo - culturali castrovillarese e calabrese, nonché il più fecondo artista di Calabria, come lo ricordano le cronache storiche e di settore. Per questo – aggiunge il primo cittadino - l’Amministrazione Comunale ha inteso patrocinare l’evento, che è stato fatto coincidere con il “giorno di nascita” dell’insigne concittadino.”

Alla proiezione del filmato, seguiranno alcuni contributi di riflessione sulla personalità creativa di Alfano che verranno moderati dallo storico dell’arte,  Gianluigi Trombetti, e rappresentati dal Sindaco, Lo Polito, che porgerà anche il saluto agli intervenuti, dal delegato alla Cultura, il consigliere comunale Lucio Rende, dal già Sindaco della città, Gianni Grisolia, dal docente UNICAL, Vittorio Cappelli, che quando fu assessore alla cultura (dal 1998 al 2002) ampliò e diede appropriata sistemazione nel Protoconvento alla nuova pinacoteca “Alfano”, e dalla docente Adriana De Gaudio oltre che dall’autore Mimmo Pace che offre alla città questa sua nuova “fatica” editoriale.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)  

Venerdì, 29 Marzo 2013 10:46

Castrovillari invasa dai rifiuti

Scritto da

COMUNICATO STAMPA

Per Pasqua la città sarà pulita, promette l’amministrazione. Per quanto tempo?  E le contrade?  Intanto Castrovillari è invasa dai rifiuti. Dappertutto. L’ospedale è assediato da cumuli enormi di spazzatura. Ma anche le contrade, le Vigne in primo luogo, non hanno mai vissuto un simile degrado. E non da ora. Già da questa estate i cumuli di spazzatura invadevano strade e campi, complici vento e animali randagi che, ovviamente, lacerano le buste per trovare cibo. La raccolta della spazzatura, differenziata e non, sembra un optional. E’ emergenza sanitaria, prima che ambientale. Certo ci sono le criticità regionali, per altro un incubo ricorrente da 15 anni, malgrado le stratosferiche cifre dilapidate -inutilmente per i cittadini, assai utilmente per pochi altri- dall’Ufficio del Commissario (si parla di un miliardo e mezzo di euro, tremila miliardi delle vecchie lire !!!)investendo in discariche e inceneritori, assai graditi alla criminalità organizzata, assai meno all’Unione Europea che li pone agli ultimi posti nella graduatoria dei sistemi di smaltimento dei rifiuti.. Al primo posto ci sono le politiche per la riduzione dei rifiuti. Castrovillari:ASSENTE!. E poi, il recupero e il riutilizzo, delle materie prime-seconde che ulteriormente riducono i conferimenti in discarica e possono essere fonte di guadagno per il Comune e di risparmio certo per i cittadini. E, incredibilmente, invece quale sembra essere la “carta decisiva” che l’amministrazione Lo Polito vuole giocare? La riapertura di Campolescia! Discarica disastrata, pericolosa, illegale, inutilizzabile. Ancora una volta in perfetta continuità con la giunta Blaiotta (i cui vecchi rappresentanti non hanno mancato di sottolineare e lodare la cosa), esplicitamente criticata dall’allora Consigliere di minoranza Lo Polito che, avallava in Consiglio e invocava la “diversa cultura” dello smaltimento dei rifiuti proposta dalle Liste Civiche di “Solidarietà e Partecipazione”. Ed ora questo voltafaccia totale e inspiegabile. Inspiegabile perché, se anche lo sciagurato progetto Blaiotta- Lo Polito (progetto identico, il Sindaco si informi…) andasse in porto, non risolverebbe certo il problema (tra l’altro i lavori di adeguamento non sono cose rapide…). Campolescia va bonificata (perde percolato!!!) e chiusa, una volta per tutte. Ma invece di affrontare strutturalmente il problema dello smaltimento dei rifiuti di Castrovillari, si danno pareri favorevoli, senza alcuna opposizione, malgrado quanto emerso in Consiglio comunale, a impianti di rifiuti speciali che nulla hanno a che fare con lo smaltimento di quelli di Castrovillari e che importeranno, da ogni dove -nel cuore del distretto agro-alimentare- decine di migliaia di tonnellate di percolato, fanghi e via distruggendo. Dichiarazioni roboanti e vuote su un fantomatico “ciclo integrato dei rifiuti” e poi, nella realtà, porte aperte al degrado ambientale, ai rischi per la salute, all’attacco all’economia e all’occupazione nel settore. Che delusione. Ma noi continueremo con ogni arma democratica e legale nella difesa del territorio e dei reali interessi dei cittadini. I quali è bene purtroppo che si preparino: per luglio è prevista un’ulteriore “stangata” economica sui rifiuti che rischia di diventare semplicemente impossibile da sopportare e che avrebbe potuto essere “tamponata” con una politica accorta e programmatoria. Vocaboli che, all’interno di una amministrazione in tutt’altre faccende affaccendata, sembrano non avere senso.

 

                                                                                              Coordinamento Politico Liste Civiche

di “Solidarietà e Partecipazione

FreshJoomlaTemplates.com
Friday the 20th. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.