Venerdì, 15 Febbraio 2013 12:32

Scuola: "aria" di pagelle

Scritto da

Tempo di pagelle, o meglio schede di valutazione, per gli alunni delle scuole primarie e secondarie degli istituti comprensivi della città del Pollino, nati quest'anno tra non poche polemiche. Il primo quadrimestre è terminato e i voti non si fanno attendere. Entrano nelle case degli studenti, creando tensioni o plausi. E allora, per chi si trova alle prese con delle insufficienze è tempo di rimboccarsi le maniche per recuperare trascorrendo molto più tempo sopra i libri, ma è anche tempo di urla e punizioni da parte di mamma e papà:niente cellulare, niente computer, niente uscite. Chi, invece è andato bene, può tirare un sospiro di sollievo, e non deve fare altro che continuare a studiare con lo stesso impegno e la stessa dedizione dei mesi precedenti. Una cosa è certa: questo primo traguardo scolastico segna le sorti del secondo quadrimeste. E in una società che tanto declama la meritocrazia, studiare deve essere una priorità sin da piccoli. Educare allo studio significa educare a migliorare se stessi. E in questo senso, insegnanti e genitori hanno una grande responsabilità.

Rosy Parrotta

Dopo un incalzante ed efficace tam tam mediatico, nelle ore pomeridiane di ieri, 14 febbraio, la giovane donna di COSENZA scomparsa domenica scorsa ha potuto fare felicemente ritorno a casa. La sorella, dalla bacheca del suo profilo FB, già nelle prime ore pomeridiane, dava notizia di un suo avvistamento a CORIGLIANO CALABRO (CS), specificando, in un'impostazione successiva, che due amici davano riferimento del medesimo luogo: il centro commerciale, rafforzando le speranze dei congiunti. Esortava, pertanto gli “amici” della città ionica, anche se si avessero avuto dei dubbi, a scattare foto, a contattare le Forze dell'ordine e a postare sulle proprie bacheche la foto con su scritto “AVVISTAMENTO A CORIGLIANO”. dalle descrizioni pervenute risultava “con lo sguardo perso e infreddolita”.

Commovente l'appello di un contatto:

Un appello per tutti gli abitanti di Corigliano Calabro. La ragazza scomparsa l'hanno avvistata per favore chiunque la vedesse non abbia il timore di telefonare ai Carabinieri, Vigili. Insomma chiunque pensasse di averla riconosciuta a Corigliano avvisi subito le autorità!!! Grazie amici!!! Per favore riportiamo a casa questa ragazza alla famiglia che sta vivendo l'inferno!!! Grazie!!! chiedo scusa se sto occupando la pagina ma sinceramente non riesco e non posso continuare a fare link quando una mia cara amica (sorella) sta vivendo un dramma!!! Grazie a tutti gli abitanti del posto!!! E anche a chi sta continuando a far girare la foto!!! Dai popolo italiano facciamo vedere che quando serve siamo tutti uniti!!! Vi amo!,

postato più volte dalla sorella e tantissime altre condiviso dal popolo di FB.

Nelle ore pomeridiane l'annuncio del felice esito della vicenda e poco dopo quello del suo rientro a casa e il commiato con tutti gli amici virtuali che avevano partecipato affinché questo triste evento potesse risolversi il più presto possibile nel migliore dei modi. Subito dopo si scatenavano le impostazioni e i commenti di felicitazione per la piacevole conclusione della storia. E intorno alla mezzanotte il messaggio rassicurante:

Ciao amiciii, tutto bene quel che finisce bene, Giudi sta bene ha mangiato ed è andata a dormire, non è successo niente di male per fortuna. Si è allontanata per cercare lavoro, ed è ritornata con le sue gambe... Io ringrazio infinitamente tutti di cuore siete stati stupendi, magnifici, meravigliosi e potrei aggiungere ancora migliaia di aggettivi detti con il cuore, anche Giudi ringrazia all'infinito... Io sono provata stanca e non realizzo ancora, ho bisogno di una bella tisana e di dormire fino a dopodomani!!! Vi auguro un buon San Valentino... 

Non c'è che dire: nella giornata di ieri, auspice un san Valentino promotore d'amore, abbiamo avuto conferma che un uso sano e intelligente, nonché “sociale” delle reti, appunto, sociali, possa essere un volano di condivisione dei sentimenti e miglioramento della società intera.

Auguri alla famiglia e complimenti a quanti hanno, a vario modo, partecipato per il gioioso ricongiungimento.

 Ἀδάμας Mέλας (Adàmas Mèlas)

Venerdì, 15 Febbraio 2013 09:35

Lo Polito risponde a Tamburi sul Tribunale nuovo

Scritto da

Relativamente alla costruzione del nuovo Tribunale, di catastrofico vi è soltanto l’approssimazione con  la quale il coordinatore del PDL locale, avv. Giuseppe Tamburi, tratta un argomento così importante senza conoscerne i contenuti, incurante dei danni che infondate notizie di questo tipo possano produrre all’intera Città.

Va subito chiarito che giammai il sottoscritto ha detto che i lavori sarebbero stati ultimati il 31/12/2012. Questa data, infatti, era quella di scadenza del termine di consegna dei lavori che l’impresa non ha potuto rispettare per 2 ragioni:

1)      La necessità di ulteriori lavori di divisione interna di alcuni locali della nuova struttura resisi necessari per accogliere tutti gli uffici ed il personale amministrativo e giudiziario provenienti da Rossano;

2)      Le difficoltà dell’impresa nel recuperare il proprio credito. Si ricorda, infatti, che al momento dell’insediamento del sottoscritto quale sindaco di Castrovillari, l’impresa accreditava nei confronti del comune ben  un milione e duecentomila euro. Somme, queste, a destinazione specifica, che il Ministero della Giustizia aveva trasferito all’amministrazione Blaiotta e da questi destinati ad altre spese. Tale debito, con enormi sacrifici, è stato quasi interamente onorato da questa amministrazione.

Per queste 2 ragioni è stata concessa una proroga soltanto sino al 31/3/2013. Tale proroga, che non ne vedrà altre, è stata l’ultima. E tale concetto è stato ribadito ai legali rappresentanti della società appaltatrice, anche alla presenza del Procuratore Generale della Procura di Castrovillari durante il sopralluogo di verifica che in data 13/2/2013 è stato effettuato con il sottoscritto accompagnato dal RUP  e dal Direttore dei lavori. Si è trattato di un normale ed estemporaneo sopralluogo dovuto alla presenza in loco dei titolari della società appaltatrice che definivano gli ultimi dettagli circa l’impiantistica ancora mancante.

L’importo dei lavori ancora da realizzare è di entità modesta. E proprio per tale ragione il sottoscritto circa 15 giorni addietro ha trattato direttamente al Ministero della Giustizia in Via Arenula le modalità di realizzazione e finanziamento degli arredi, cablaggio e sicurezza non facenti parte dell’appalto, che costituiscono la parte conclusiva di un intervento che dal 1/9/2013 vedrà la nuova sede pronta per accogliere tutti gli uffici del nuovo Tribunale di Castrovillari ampliato nella circoscrizione territoriale e nell’organico per come definito nel provvedimento di riordino delle sedi giudiziarie.  

Domenico Lo Polito

La quarta Commissione consiliare permanente, “Cultura, Pubblica Istruzione, Formazione Professionale, Sport, Turismo e Tempo Libero” del Comune di Castrovillari, presieduta da Onofrio Massarotti  e costituita dai consiglieri Anna De Gaio, Giovanna D’Ingianna (assente al momento per motivi di lavoro), Lucio Rende e Giuseppe Russo, si è riunita nella sala Giunta, al primo piano di palazzo Gallo, presenti  anche il consigliere Giuseppe Santagada, il Maestro Giuseppe Maradei, Fabio Pellicori, Rosy e Mario Parrotta, quest’ultimi in rappresentanza di alcune associazioni locali, per discutere sulla problematica inerente il Teatro della Sirena.

Nello specifico l’organismo istituzionale ha ascoltato il maestro Maradei, secondo il quale “il Teatro della Sirena non gode, come dovrebbe, interesse e riconoscimento”.

Dopo un’approfondita discussione sono emerse a tal riguardo alcune proposte da parte dei consiglieri presenti: Lucio Rende e Giuseppe Russo, dopo aver riconosciuto anche loro come gli altri la valenza del Teatro della Sirena svolta in questi anni, hanno rappresentato  l’importanza di costituire al più presto un Tavolo con l’Amministrazione proprio per il Teatro della Sirena e l’idea di realizzare per questo un’eventuale sottoscrizione pubblica; la consigliere De Gaio ha chiesto che al Tavolo istituzionale partecipi anche l’Ente Parco, e i consiglieri Massarotti e Santagada hanno espresso l’importanza pure di predisporre un regolamento che vada a disciplinare sia i momenti di coinvolgimento delle associazioni teatrali esistenti che i criteri di ripartizione dei fondi da destinare.

Lavorare  per sviluppare, in sinergia con i vari soggetti, la cultura e il Teatro nella nostra città- ha affermato a margine della riunione il presidente Massarotti ribadisce la ferma volontà di aprire il maggior  numero di spazi possibili ai veri e propri protagonisti dell’attività artistica e culturale, continuando, con trasparenza ed equità, quella collaborazione con le associazioni che fanno dinamica ed attraente la vita sociale del capoluogo del Pollino.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

Giovedì, 14 Febbraio 2013 19:46

Vincenzo Ventura sullo scambio di voti

Scritto da

In merito alla notizia riportata da alcuni quotidiani  inerente ad un presunto scambio di voti così come raccontato sulla bacheca personale facebook di Roberto Saviano mi preme esporvi delle valutazioni personali.

Ovviamente, da subito, vanno valutate veridicità e completezza di quanto riportato su una bacheca di un social network, piattaforma che sappiamo bene non mette freno ai pensieri personali che vengono, talvolta, riportate con impeto e arrabbiatura verso un mondo, quello politico, che non gode attualmente di buona salute. Dico questo solo perché voglio immaginare che sia così! Perché, in caso contrario, siamo difronte ad una situazione gravissima e di non facile gestione.

Occorre allora fare immediatamente chiarezza, perché è inaccettabile che un qualsivoglia amministratore o aspirante tale chieda voti proponendo in cambio un biglietto aereo e la possibilità di passare un paio di giorni nella nostra città! Non posso accettarlo come uomo dello Stato e come politico di questa terra. Nel mio mondo lavorativo non si chiama né offerta di viaggio, nè weekend, né soggiorno pagato, ma ha un nome ben preciso, anzi un numero: 416-ter del codice penale. Non è dato sapere a quale votazioni il commento della nostra concittadina è riferito, perché sarebbe ancora più grave se riferito a votazioni passate nelle quali, se risultasse veritiera questa accusa, qualcuno ha magari amministrato questa città grazie a offerte di questo genere. Avremmo fallito tutti, la politica e la società civile. Chi prova ad occuparsi della cosa pubblica in modo onesto e sincero non può permettere che questa grave accusa cadi nel vuoto, perché se mai fosse successo davvero allora è inutile parlare dai palchi o nei convegni di democrazia e legalità. Questa denuncia mi ha colpito profondamente, sia come cittadino sia come ammalato di politica; la lotta amministrativa ha raggiunto sempre dei toni accesi, sane competizioni dove alla gente si spiega il da farsi per migliorare e migliorarci, e non posso accettare quindi che chi come mè, dopo anni di sacrifici, di ghettizzazione, di auto tassazione, possa essere accomunato  a chi invece per un posto di potere è disposto a scendere a tali bassezze illegali e da perfetto delinquente. Di politici seri castrovillari ne ha tantissimi, ecco perché non si può transigere su una questione simile.

Mi appello quindi alla magistratura,  affinché  sgombri ogni dubbio di questa triste storia, evitando che mai più possa capitare. La politica si fa per la gente, ma non per questo bisogna approfittarsi dello stato di necessità che la maggior parte dei Castrovillaresi vive ogni giorno.

Mentre alla nostra concittadina dico questo: se tutto questo è vero troverai nel sottoscritto e in tutti i politici onesti di questa città totale appoggio e tutela se mai vorrai denunciare quanto hai scritto alle autorità competenti.

Non farsi trattare da oggetti è un dovere di tutti. Per fortuna invece, usare mezzi immorali per un posto di potere è un vizio di pochi.

Vincenzo Ventura

Giovedì, 14 Febbraio 2013 15:04

Due cuori e... un solo battito

Scritto da

Il cuore degli amanti batte a unisono. A scoprirlo è un nuovo studio condotto all'università di California dal professore di psicologia Emilio Ferrer. 32 le coppie che hanno fatto da “cavia”: agganciate a speciali macchinari, fatte sedere a un metro di distanza, costrette al silenzio ed al relax le coppie di volontari si sono lasciate misurare pressione, battito cardiaco, ritmo di respirazione. Il risultato? Il cuore degli amanti, di mariti e mogli, di fidanzati e "morosi", pulsa allo stesso ritmo. Il rapporto pubblicato sul Journal di Psychophysiology spiega: "I test evidenziano che la connessione tra due persone non è solo emotiva ma realmente e tangibilmente fisiologica", ha commentato Ferrer. Non solo, le donne hanno mostrato una propensione ad "aggiustare" la loro respirazione ed il loro battito cardiaco a quello dell'uomo. Forse è un segno che le donne si adeguano di più ai loro partner, ed hanno più empatia". Peccato che la densità dell’ amore non si misuri dai battiti del cuore, sarebbe troppo semplice e non esisterebbero coppie in crisi.

Rosy Parrotta

FreshJoomlaTemplates.com
Friday the 18th. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.