Venerdì, 17 Novembre 2017 21:32

− COMUNICATO STAMPA −

Castrovillari 17 novembre 2017 - In occasione della giornata mondiale del “service” sul diabete il Lions Club di Castrovillari ha organizzato in collaborazione con la Croce Rossa Italiana di Castrovillari, la Farmacia Caterini - Filpo e la "Lifescan" una iniziativa di sensibilizzazione per contrastare una delle più gravi malattie del pianeta, il diabete. Nelle prime ore della mattinata in  piazza Municipio sarà montata dai volontari la tenda della CRI, all’interno della quale saranno allestite delle postazioni per l’esame del diabete ed una per la misurazione dei parametri, pressione arteriosa, frequenza cardiaca ed ossigenazione, da parte del personale sanitario. Il diabete è una delle malattie in più rapida crescita al mondo che attualmente colpisce 422 milioni di persone di tutte le razze, di ogni ceto sociale ed età. I Lions  impegnati a contrastare la diffusione del diabete per migliorare la vita, rendere le famiglie più forti e rivitalizzare le comunità. Il diabete è una malattia in crescita a livello mondiale. Attualmente, in un adulto su due (46,5%). Lo scopo dello screening del diabete è identificare persone asintomatiche che potrebbero avere il diabete ma non lo sanno e indirizzarle verso medici qualificati per un'ulteriore valutazione. Uno screening del diabete può consentire di diagnosticare il prediabete e il diabete. Il personale medico dei Lions e della Croce Rossa danno appuntamento alle 9,30 a Piazza Municipio domenica 19 novembre.

 

Giovedì, 16 Novembre 2017 08:37

 

− COMUNICATO STAMPA −

Il Centro studi “Oltre la Difesa”, in collaborazione con l’Associazione per lo Sviluppo dell’Alto Ionio di Amendolara, nella persona del suo presidente, dr. Antonio Pagano e l’IISS di Cassano all’Ionio, nella persona della dirigente scolastica, prof.ssa Anna Liporace, ha programmato, per sabato 18, domenica 19 e lunedì 20 novembre, una manifestazione itinerante, consistente in una serie di eventi per la Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Anche quest’anno, per il quinto consecutivo, la manifestazione organizzata dal Centro studi “Oltre la Difesa” vede protagonista il “Diritto”. A circa 28 anni dall’approvazione della Convenzione ONU da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, gli atti di violazione dei diritti dell’infanzia, anche grazie alla larghissima diffusione dei sistemi di comunicazione, hanno moltiplicato le violenze, la tratta dei minori, la prostituzione delle bambine, la tratta degli organi, lo sfruttamento, la pornografia, sottoponendo in modo cogente allattenzione di tutti il diritto alla tutela affettiva. La gravità dei dati sul crescente fenomeno delle separazioni legali evidenzia la magnitudine del fenomeno dellalienazione parentale che quest’anno si è voluto proporre come tema di riflessione. Il rendere in un certo senso orfani in famiglia i figli impone una denuncia forte e un’iniziativa a tutto campo per affrontare un problema sottovalutato, ma che oggi è il problema della tutela della dignità dell’umanità, la cui espressione massima è il minore, ed è per tale ragione che il Centro studi “Oltre la Difesa” e i collaboratori con cui ha organizzato l’evento hanno centrato come tema unico della manifestazione l’alienazione parentale, tema dibattuto in ambito psicoforense negli ultimi tre anni, con un incontro-dibattito che diviene itinerante, dal titolo “Affettività ed emotività, quando l’abuso diviene illecito. L’alienazione parentale”.

Gli eventi sono patrocinati dalla Regione Calabria, dal Garante per l’Infanzia della Regione Calabria, dall’UNICEF, dal Comune di Cassano all’Ionio, dal Comune di Amendolara, dalla Città di Castrovillari, dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Castrovillari e dal CSV e, per i signori avvocati, prevedono l’assegnazione di tre crediti formativi ciascuno.

 

Mercoledì, 15 Novembre 2017 19:28

− COMUNICATO STAMPA −

Alla volta della terza edizione di “Natale sotto le Strenne”, organizzata e voluta dall’Amministrazione comunale di Castrovillari per attenzionare difficoltà ed esigenze sociali.

La consigliere municipale Serena Carrozzino, presidente della Commissione consiliare “Sport, Turismo, Pubblica Istruzione, Cultura e Tempo Libero” ha tenuto nel palazzo di Città una prima riunione con responsabili e dirigenti scolastici per dare forma e consistenza all’organizzazione dei mercatini di natale- che metteranno in vendita prodotti realizzati e non solo- che si vogliono rendere con le scuole ed i cui proventi sono destinati al disagio e bisogno nel segno della solidarietà partecipata e condivisa.

“Un cammino che vuole includere – ha sottolineato la consigliera- più istituti possibili in un percorso che ha come fine il bene dell’Altro e che è stato sperimentato con successo l’anno scorso grazie all’attenzione che ha ricevuto pure la seconda edizione.”

“L’azione per un coinvolgimento diffuso – ha aggiunto– non può prescindere da una laboriosa sinergia tra Scuole, Comune e famiglie, fondamentale per quel collante indispensabile alla riuscita della manifestazione.”

L’Ufficio stampa del Comune di Castrovillari
(g.br.)

Martedì, 14 Novembre 2017 09:38

− COMUNICATO STAMPA −

La Sicurezza ed Educazione Stradale continuano ad essere le preoccupazioni civiche dell’ASS.A.P.L.I, Associazione di Polizia Locale Italiana, firmataria della Carta Europea della Sicurezza Stradale “25.000 vite da salvare” sotto la cui egida avviene ancora la successione degli incontri didattico- divulgativi che si terranno in più centri nella provincia di Cosenza in occasione della Giornata Mondiale della Sicurezza Stradale e per ricordare le tante vittime della strada.

Si inizia da Castrovillari e precisamente dall’Istituto superiore “Mattei” dove sabato 18 novembre, a partire dalle ore 10, la sensibilizzazione coinvolgerà gli studenti con i contributi del dirigente scolastico, Bruno Barreca, e del presidente nazionale ASSAPLI, Dario Giannicola.

Lunedì 20 novembre, sempre alle ore 10, l’azione si sposterà al liceo “Lucrezia della Valle” a Cosenza laddove interverrà pure il dirigente scolastico Loredana Giannicola.

Sabato 2 dicembre le Giornate faranno tappa, alle ore 16,30, nel centro polivalente di Villapiana Scalo, nell’alto Jonio, a cui interverranno esponenti di più organismi di settore tra cui della Prefettura, mentre sabato 16 dicembre la manifestazione si concluderà , alle ore 15,30 a Castrovillari presso lo sportello CSV su Canal Greco con una full immersion sull’educatore stradale tenuto dalla direttrice della scuola formativa di educazione stradale dell’ASSAPLI, Camelia Irimin.

Per la portata e valenza degli elementi che si vogliono trattare e richiamare l’iniziativa raccoglie il supporto operativo dell’Ensa e dell’Associazione Omnibus Nazionali oltre i patrocini della Regione, dei Comuni ospitanti le Giornate, del CSV, dell’ACI, la collaborazione di professionalità, capacità dedicate e di altri organismi ed istituzioni, sensibili da sempre a questioni come quelle offerte dalle Giornate in questione, importanti quanto educativamente da tenere continuamente presente per ciò che determinano.

Il programma, nel segno della prevenzione e formazione, dunque, oltre la divulgazione degli elementi fondanti la sicurezza nei comportamenti da tenere sulla strada , prevede una serie di interazioni che affermano e rilanciano il ruolo imprescindibile della prevenzione ed educazione stradale.

Il presidente nazionale dell’ASS.A.P.L.I., l’avvocato Dario Giannicola, nell’annunciare l’iniziativa ricorda che “ l’opportunità è volta alla maggiore conoscenza, approfondimento e divulgazione del codice della strada.”

“Gli incidenti – aggiunge -con lesioni fisiche alle persone che sono stati rilevati nel 2016 sono tanti e troppi per non farci riflettere su ciò che ancora causa morti e feriti come una vera e propria guerra.”

“Ecco perché- spiega- si continua a realizzare questo percorso tra i giovanissimi e la gente con le istituzioni, finalizzato a suscitare quel buon senso, indispensabile per tutelare la vita umana, bisognosa di accortezza, mai sufficiente per combattere superficialità, distrazione, imprudenza.”

Domenica, 12 Novembre 2017 20:52

− COMUNICATO STAMPA −

Cosenza 11 novembre 2017. “Sara Safe Factor in strada ed in pista vincono le regole”, farà tappa a Praia a Mare mercoledì 15 novembre. L’appuntamento cosentino con il progetto itinerante sulla sicurezza stradale ideato da Sara Assicurazioni ed Automobile Club d’Italia con la promozione di ACI Sport, è stato voluto dall’Automobile Club Cosenza con il pieno appoggio della Dirigenza dell’IPSSEOA - Liceo Classico di Praia a Mare e del Comune della cittadina. L’incontro rivolto agli studenti dei due istituti praiesi si terrà dalle 10 alle 12 presso la sala congressi del Nelema Village Resort di San Nicola Arcella.
 
Testimonial della sicurezza per Sara Safe Factor è Andrea Montermini già pilota F.1, pluricampione Gran Turismo da sempre legato al marchio Ferrari ed istruttore di guida. Il driver modenese parla ai ragazzi con un linguaggio diretto volto a far capire la differenza tra un comportamento pericoloso ed uno rispettoso delle regole sulla strada ed in circuito. Il rispetto delle regole è alla base della sicurezza, tanto sulla strada di ogni giorno, quanto in pista quando si usa una guida estrema. La guida agonistica e quella attenta sulle strade hanno in comune gli elementi base della sicurezza ed il rigido rispetto delle regole.
 
“Sara Safe Factor in Strada ed in Pista vincono le Regole” ha anche una propria pagina facebook sulla quale si parla di sicurezza in modo divertente e dinamico.
 
Il mondo della scuola e quello sportivo hanno in comune l’aspetto formativo e per entrambi alla base c’è il rispetto delle regole, per questo motivo Sara e ACI hanno voluto parlare ai giovani, platea molto attenta e ricettiva. Sara Safe Factor è al suo dodicesimo anno di attività, in questo periodo ha incontrato oltre 80.000 ragazzi in età da patente. Il progetto prevede circa 28 appuntamenti durante l’anno scolastico attraverso tutta l’Italia.
 
La Dirigente dell’IPSSEOA - Liceo Classico di Praia a d.ssa Mare Patrizia D’Amico ha rivolto un caloroso invito alla tappa del progetto, immediatamente supportata dall’AC cosentino presieduto dall’Ing, Renato Arena, entrambi porteranno il saluto agli studenti partecipanti, unitamente al Sindaco del Comune Antonio Praticò. A parlare del dinamico ruolo dell’ACI sarà il Direttore AC Cosenza dr. Giovanni Caturano, mentre l’agente Generale di Sara illustrerà la pagina facebook ed alcune sorprese riservate alla giovane platea calabrese. Saranno a disposizione degli studenti anche due simulatori di guida dell’ACI con personale istruttore a disposizione.
 
Renato Arena (Presidente AC Cosenza): -“Abbiamo accolto con grande favore l’invito della D.ssa D’Amico che ha mostrato entusiasmo ed interesse, per cui come Automobile Club Cosenza siamo lieti di poter dare il nostro supporto diretto all’iniziativa, mentre ne stiamo pianificando altre rivolte ad un tema tanto delicato ed attuale. La sicurezza su strada ed in gara è una solida prerogativa ACI”-.
 
Patrizia D’Amico (Dirigente IPSSDA - Liceo Classico Praia a Mare): -“Questo tipo di iniziative sono sempre benvenute nella nostra scuola. La prevenzione su un tema tanto delicato è importante e svilupparla attraverso l’ACI ed un pilota professionista lo è ancora di più. Queste attività sono prettamente scolastiche e devono essere espletate”-.
 
Andrea Montermini (Pilota ed istruttore di guida): -“E’ un piacere tornare in Calabria, regione particolarmente calorosa ed appassionata di automobilismo. Parlare e confrontarsi con i giovani arricchisce sempre il bagaglio d’esperienza, per cui cerchiamo di dare dei messaggi diretti e far capire con esempi pratici quanto sia importante il rispetto delle regole”-.
 
Automobile Club Cosenza
Sabato, 11 Novembre 2017 09:31

− COMUNICATO STAMPA −

Il Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali/Direzione Centrale per gli Uffici Territoriali del Governo e per le Autonomie Locali- attraverso l’apposita Commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali ha approvato con propria determinazione la delibera della Giunta municipale di Castrovillari n.75 del 31 marzo di quest’anno sulla programmazione triennale del fabbisogno del personale (2017-2019), piano occupazionale 2017. Questa è finalizzata a rafforzare la struttura comunale nel settore economico, tecnico, della Polizia Municipale e affari generali a tempo indeterminato per n. 8 nuove assunzioni.

Lo ha reso noto il Sindaco della città, Domenico Lo Polito, ricordando che “l’atto può spiegare i suoi effetti grazie all’approvazione nell’ultimo Consiglio comunale del bilancio consolidato e come enunciato , spiegato e ribadito in fase di confronto- per sottolineare che il voto favorevole al documento contabile era fondamentale per l’assenso ministeriale- e in occasione delle dichiarazioni di voto da parte della maggioranza e non solo, al termine del dibattito.”

“La risposta positiva del dicastero competente- ha aggiunto il primo cittadino, commentando la notizia- è decisiva per dare gambe alle procedure previste per le assunzioni nonché i concorsi messi in campo dall’Amministrazione con l’intenzione proprio di rinvigorire la macchina comunale che soffre da tempo - e in modo crescente per i vari pensionamenti che si succedono- di insufficiente personale, necessario a dare risposte ai servizi, ai cittadini ed alle azioni in itinere.”

“Parere che – precisa, inoltre, concludendo- da’ legittimo ristoro a situazioni di attesa per le quali, anche in incontri con le organizzazioni sindacali di categoria, è stato espresso impegno da parte di questa Amministrazione. Un numero pari di 8 posti è riservato ai concorsi interni.”

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari
(g.br.)

Venerdì, 10 Novembre 2017 22:11

− COMUNICATO STAMPA −

“Ben duemilioni e 980milaeuro andranno per il consolidamento del versante nord del Santuario della Madonna del Castello di Castrovillari, interessato da anni da dissesto idrogeologico.”

Lo rende noto il Sindaco, Domenico Lo Polito, in seguito alla comunicazione della Direzione generale per la Salvaguardia del Territorio e delle Acque del Ministero dell’Ambiente alla Regione Calabria che ufficializza la destinazione di tali risorse a questo luogo tra i 23 interventi inseriti nella prima linea di azione riguardante lo specifico Piano Operativo.

“Un dato importante e considerevole- ha commentato il primo cittadino- che arriva , anche se dopo un po’ di tempo, a destinazione in seguito ad una serie di interlocuzioni, interventi ed approcci che hanno visto questa Amministrazione, sin dal suo primo insediamento, sensibile quanto attenta nel sollecitare e raccordare i vari soggetti deputati a valutare, decidere e determinarsi sull’esigenza.”

“Un percorso finalizzato a cantierare - aggiunge- un progetto importante quanto fondamentale a cui questa Amministrazione – sottolinea Lo Polito- ha sempre puntato al fine di conseguire la necessaria realizzazione.

“L’opera attenzionata dall’Autorità di Bacino della Regione Calabria, dal Dipartimento di Protezione civile regionale e dal Settore Lavori Pubblici della stessa Regione- ricorda il Sindaco- , prevede il rafforzo dell’intero versante “ferito” del Colle, a causa di un movimento di frana iniziato nel marzo 2012, e la ricostruzione della strada di accesso al Santuario su cui si deve passare solo alla definizione.

“In merito alla questione della frana che interessa il colle dove è ubicato il Santuario della Madonna del Castello tengo a sottolineare – precisa- che l’impegno su tale problematica, come sull’affronto delle questioni idrogeologiche, è sempre stato al centro delle preoccupazioni di questa Amministrazione. Tanto che il progetto, oggi finanziato , venne portato materialmente dal Sindaco alla Regione Calabria.

“Un cammino, dunque, non semplice ed articolato- conclude Lo Polito-, ma che arriva ad un dato concreto grazie ad una sinergia, determinante per approcci e soluzioni di tale portata e sempre più metodo per gestire e rispondere meglio alle necessità del Territorio con tutto ciò che lo implica.”

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari
(g.br.)

Venerdì, 10 Novembre 2017 21:46

− COMUNICATO STAMPA −

Animal Amnesty ha appreso che, nel pieno centro di Cosenza, nei pressi di Corso Mazzini, sarà inaugurato domani, sabato 11 novembre un negozio di pellicceria afferente a un marchio noto nella città.

L'associazione esprime il suo rammarico in merito al fatto che ancora ci sia chi fa business sulla pelle di esseri viventi.

In un periodo in cui ormai tutti i più grandi stilisti hanno scelto una moda fur free – vedi Armani, Moschino, Gucci solo per citarne alcuni – intristisce prendere atto che, invece di riconvertire le “fabbriche della morte”, ci sia chi ancora punta sulla sofferenza per fare impresa.

La vita degli animali cosiddetti “da pelliccia” è brevissima e segnata dal dolore. Allevati in piccole gabbie che non consentono loro che pochi movimenti, spesso sono esposti al freddo forzatamente per fare in modo che il loro pelo si infoltisca.

Poi ci sono i metodi di uccisione, degni del peggior film dell'orrore. Possono essere uccisi per strangolamento, avvelenamento, esposizione al monossido di carbonio (o al cloroformio, o al biossido di carbonio) in apposite camere a gas, o per rottura delle ossa cervicali, attraverso uno strumento meccanico che penetra nel cervello, oppure per elettrocuzione vaginale o anale. Una tecnica, quest'ultima, utilizzata soprattutto per le volpi e che consiste in una scossa elettrica di circa 200 volt, tramite due elettrodi metallici: una morte che arriva non istantaneamente e fra atroci sofferenze.

Nella tabella sotto riportata si può verificare il numero di animali utilizzati per confezionare una pelliccia.

Animale                              Numero di pelli                              Animale                              Numero di pelli
Agnello droadtail                 30 - 45                                          Lupo                                  3 - 5
Agnello karakul                   18 - 26                                          Martora                              40 - 50
Bob-cat                              15 - 20                                          Moffetta                             60 - 70
Castoro                              16 - 20                                          Nutria                                25 - 35
Cavallino                              6 - 8                                            Ocelot                               12 - 18
Cincillà                              130 - 200                                        Opossum                           30 - 45
Coyote                               12 - 16                                           Procione                            20 - 35
Criceto                             120 - 160                                         Puzzola                              50 - 70
Ermellino                          180 - 240                                         Scoiattolo                         120 - 200
Fishe                                  18 - 25                                          Tasso                                10 - 12
Foca (cucciolo)                      5 - 8                                            Topo muschiato                 60 - 110
Gatto                                  20 - 30                                          Visone                              30 - 50
Ghiottone                              5 - 7                                           Volpe                                10 - 20
Lince                                    8 - 18                                          Wallaby                             20 - 30
Lontra                                 10 - 20                                          Zibellino                            50 - 80

E' importante che, chi si accinge ad acquistare un capo in pelliccia, sappia quale sofferenza contribuisce a procurare.

Da status symbol di agiata società, la pelliccia è ormai diventata triste tratto distintivo di chi esibisce una (presunta) appartenenza ad alta classe sociale.

Animal Amnesty, dunque, si augura che un sempre maggior numero di persone scelga di boicottare questo commercio fondato sul dolore, attraverso acquisti consapevoli.

E non partecipi a inaugurazioni di negozi nelle cui vetrine sono esposte le spoglie di chi è stato fatto nascere con il solo scopo di essere indossato da chi incarnerà una triste, patetica e ormai sbiadita immagine di opulenza.

Cosenza, 10/11/2017

Ufficio stampa

[...]

ANIMAL AMNESTY ONLUS

Giovedì, 09 Novembre 2017 11:48

Il dipendente delle FDC, Francesco MARTINO, da anni "demansionato, isolato, mobbizzato", com'egli stesso si definisce, dall'azienda a cui appartiene, e che, per più generazioni, ha visto il lavoro indefesso degli appartenenti alla sua famiglia, nel suo ormai annoso contenzioso colla stessa, ha scritto una lettera aperta all'amministratore unico, colla speranza che la sua penosa situazione di lavoratore, cittadino, uomo abbia finalmente a terminare.

Il suo ennesimo grido di dolore è nel testo che ci pregiamo di seguito di pubblicare.

All’Amm. Unico Ferrovie della Calabria SRL
Ing. Marco d’Onofrio
Sede Legale – CATANZARO

Agli organi di Stampa

Oggetto: lettera aperta di un dipendente di Ferrovie della Calabria Srl.

Egr. Ing. D’Onofrio, chi le scrive è un dipendente dell’azienda in oggetto per la quale lavoro sin da marzo 1993 e che, Lei, rappresenta legalmente. Con immenso rammarico, mi rendo conto che ho aspettato tanto, forse troppo, per scrivere questa lettera APERTA alla massima carica aziendale.

Quello che mi accingo a raccontarLe, non è una fiaba ma, purtroppo, la narrazione di una realtà distorta e poco edificante.

Lei, ad oggi, è l’ultimo tassello “ufficialmente mancante” alla mia schiera di relazioni e denunce che io scrivo sistematicamente a TUTTI i responsabili e preposti aziendali susseguitisi sin dal lontano 2009!

Certo, sicuramente le mie vicissitudini che si originano nel 2009, magari, non Le appartengono ma, io per dovere di informazione parto proprio da li, anche perché nel prosieguo di questa squallida storia fatta di potere e di arroganza, le cose non hanno fatto altro che peggiorare.

Nel 2001, chi scrive, si vede diagnosticare una grave malattia: nefropatia di Berger - una grave insufficienza renale - che lo costringe ad "evitare stress psicofisici ed eventuale attività lavorativa che comporti turni stressanti". Da allora la mia esperienza sul posto di lavoro è diventata un vero e proprio calvario. Gli ufficiali della MEDICINA DEL LAVORO raccomandavano a Ferrovie della Calabria : "LAVORO D'UFFICIO SENZA ALCUNO STRESS PSICO-FISICO IN AMBIENTE MICRO TEMPERATO IN BASE AL D.L.81/2008" ed invece, di tutta risposta, mi sono ritrovato a fare il verificatore sugli autobus prima, in aspettativa per 110 giorni (al 30%di stipendio) perché IO DICEVO DI ESSERE AMMALATO successivamente, 15 mesi chiuso nella mia macchina ancor dopo e sdraiato su di un lettino in emodialisi per finire il quadro completo.

E’ dal 2008 che in un "crescendo pauroso" ho ricevuto ordini di servizio punitivi e vessatori che hanno inevitabilmente distrutto il mio già precario stato di salute...con buona pace di TUTTI perché ...TUTTI sapevano e nessuno ha inteso tutelare il mio "diritto alla salute nell'ambiente di lavoro" nonostante una miriade di relazioni mediche di strutture pubbliche, mie e dei miei legali dicessero il contrario.

Dopo questa, penso che anche Lei abbia una visione chiara di quanto stia succedendo alla dignità di un uomo e di un lavoratore che ha sempre richiesto i propri diritti senza MAI averli ottenuti.

Penso sia doveroso da parte sua, visto il posto che occupa, acquisire tutta la documentazione ed andare in fondo a questa incresciosa e squallida vicenda. Le manifesto, sin d’ora, la disponibilità a fornire qualsiasi delucidazione e documentazione inerente.

Spero, che lei si distingua da chi, fino ad ora (e volutamente), si è “astenuto” dal dare e darmi quelle risposte che merita la dignità di lavoratore, di malato, di UOMO.

Tanto dovevo

Castrovillari li, 09 novembre 2017

In fede
Francesco MARTINO

Noi di CV in Rete ci associamo ai suoi desideri e ci auguriamo una pronta risoluzione della questione.

Mercoledì, 08 Novembre 2017 22:05

− COMUNICATO STAMPA −

In occasione della festa liturgica di San Giuseppe Moscati, giovedì 16 Novembre 2017, alle ore 16,30Celebrazione Eucaristica nella Parrocchia Sant’Agostino Cassano presieduta dal Vescovo di Cassano allo Jonio, mons. Francesco Savino.

Seguirà, alle ore 17.30, al Teatro comunale di Cassano, un convegno sul tema "Prendersi cura del morente". Dopo i saluti del sindaco della città delle terme, Gianni Papasso e del direttore generale dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza, Raffaele Mauro, introdurrà i lavori il direttore dell'Ufficio della Pastorale della Salute della Diocesi, il dott. Aldo Foscaldi.

Quindi le relazioni: “La finitudine umana e le dimensioni etiche della Medicina”, a cura di Giuseppe Battimelli - Vice Presidente Nazionale AMCI; “Umanità del morire”, a cura di Mons. Francesco Savino, Vescovo  di Cassano All’Ionio. Modera Rosetta Nisticò, dirigente Medico Anestesista

Diocesi di Cassano all'Jonio
Ufficio per le Comunicazioni Sociali
Direttore: Dott. Roberto Fittipaldi
Monday the 20th. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.