Sabato, 27 Gennaio 2018 16:30

Lustro!

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Cos’è un lustro? È certamente, come sostantivo, un “periodo di cinque anni”, e, propriamente, presso gli antichi romani, il sacrificio espiatorio che i censori offrivano agli dei ogni cinque anni, allatto di uscire di carica. Ma il solerte dizionario del più famoso e diffuso motore di ricerca propone un altro lemma, con valenza sia daggettivo che di sostantivo, che, nei suoi plurimi significati, indica, come aggettivo, appunto, ciò che rivela un evidente stato di benessere fisico; florido, colorito, ovvero lucido, lucente, splendente, luccicante (talvolta con un senso di scrupolosa accuratezza); ma, come sostantivo, aspetto superficiale terso e lucente, specialmente quando viene conferito artificialmente; brillantezza, lucentezza, ovvero sostanza atta a conferire lucentezza a una superficie; lucido; quindi vivida luce, bagliore, luccichio; come pure zona luminosa di luce riflessa; infine onore, fama, gloria, prestigio, ovvero la persona o la cosa che costituisce motivo di vanto.

Lungi dal voler essere questarticolo un momento dedicato alla lingua italiana, esso era nato colla precipua intenzione di diffondere, semplicemente, a tutti i nostri lettori, la notizia che la nostra attività aveva avuto inizio esattamente 5 anni fa. Era, infatti, il 27 gennaio 2013, ed era, come oggi, il giorno della memoria liturgica di san Giuliano di LE MANS, vescovo, festa patronale della nostra città, ed erano le 16:22 (TMU), (quasi) come ora, e, come ogni anno, ci pregiamo di rivolgerci a essi, per ricordarglielo (e ricordarcelo!). Ma nella ricerca del significato ufficiale di tale termine, ci siamo imbattuti in un altro, scritto e pronunciato uguale, ma di valenza differente, che ci ha attratto particolarmente. I suoi significati, infatti, sono del tutto auspicabili che vengano a essere associati proprio alla nostra lustrale attività. Ovvero, è nostra ferma speranza che il nostro quinquennale impegno possa essere degno di tutte quelle caratteristiche positive che sopra sono state trascritte, senza, per questo, ritenere chesso s’esaurisca qui, ma, anzi, samplifichi sempre più, come sè amplificato sempre più nel corso di questi, seppur pochi, anni, i quali, però, non possono che denotare come, una scommessa, nata (quasi) per gioco e cresciuta (certamente) per affezione e con dedizione (come già dicemmo qualche anno fa nella medesima circostanza), continui a essere un impegno pressoché quotidiano, che ha come missione quella di servire tutti, senza, per questo, essere servi di nessuno!

Non possiamo sapere quanti ci leggono, al limite possiamo vedere quante volte un singolo articolo sia stato visionato. Possiamo, di sicuro, sapere, però quanti sono iscritti all’omonimo gruppo FB <https://www.facebook.com/groups/518495101505692/> (ad ora 4463, ma in continua crescita), dove (ma anche in altri gruppi!) ci preoccupiamo di postare i nostri servizi, per renderli più veicolati e veicolabili, grazie alla piattaforma sociale più diffusa, che dà, così, maggiore visibilità a ciò di cui cinteressiamo, dove, per altro, alcuni nostri lettori si preoccupano, con solerzia encomiabile, di condividere quanto proponiamo, perché altri ancora, grazie alla loro azione, ne vengano a conoscenza. E non solo, poiché sullo stesso, non ci limitiamo esclusivamente alla pubblicazione darticoli, vantando anche unindefessa attività di riprese video che, sin dai primordi, ha caratterizzato la nostra opera, tendente, non solo, a diffondere le informazioni riguardanti la nostra cittadina, ma di testimoniarne gli eventi che in tale realtà hanno a esserci.

E se sin dai primordi avevamo concepito il nostro spazio per “informazione e approfondimento sulla città e il suo comprensorio, curiosità e varia umanità”, non restringendo miopicamente lorizzonte alla sola CV, il nostro esercizio “visivo” ci ha sempre più spinti a “vedere” oltre, sconfinando di sicuro nella vicina regione a cui siamo contigui, convinti, come siamo, che la realtà del Pollino sia una e non divisa (o divisibile) da confini provinciali o regionali che siano, che, al limite, sono amministrativamente, spesso, un inconveniente, ma, non certo, socialmente, essendo le persone uguali (e con un retroterra culturale simile) a dispetto di confini che a volte sono solo “convenzioni d'incapaci”, visto che gli stessi, più che luoghi di divisione, sono, spesso, luoghi d’incontro... Ed è questo il motivo per cui, qualche volta ci “vediamo” (sempre per usare la medesima metafora visiva!) piacevolmente costretti a riportare quanto avviene anche in altre realtà, non solo di regioni differenti, ma, addirittura, oltre, tanto da valicare anche i confini nazionali, ma, sempre, per riportare manifestazioni, eventi e quantaltro sia relativo a gente che ci rende orgogliosi dessere loro conterranei.

Cos’altro aggiungere oltre? L’appuntamento è per l'anno prossimo, nel medesimo giorno, quando, cioè, si celebrerà il 1640.o anniversario della morte di san Giuliano di LE MANS, vescovo (per certi versi anche nostro patrono, oltre che come castrovillaresi), il 20.o Giorno della Memoria per l’Italia e 15.o per il mondo intero, il 6.o nostro genetliaco; e, a tutti voi, che, leggendoci, ci mostrate di volerci un po di bene, oltre all’invito a continuarci a seguire e gli auspici (riservati ai castrovillaresi) per una bella giornata di festa, giungano, sentite, le nostre...

... GRAZIE!!!

Ἀδάμας Mέλας (Adàmas Mèlas)

Semper adamas

«La mia gente non ha paura di nulla, nemmeno delle parole»
(Gabriele d'ANNUNZIO, principe di Montenevoso)

«Ritti sulla cima del mondo, noi scagliammo, una volta ancora, la nostra sfida alle stelle!»
(Filippo Tommaso MARINETTI, Manifesto del Futurismo, in «Le Figaro», PARIGI, 20 febbraio 1909)

Vi Veri Veniversum Vivus Vici

Friday the 22nd. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.