Spettacolo

Spettacolo (405)

Martedì, 27 Febbraio 2018 16:17

Stagione Teatrale Comunale. Senza glutine di Argot

Scritto da

COMUNICATO STAMPA

Nel 1977 Lucio Battisti cantava Amarsi un po’, ricordando che in fondo siamo «vicini ma irraggiungibili». Secondo Giuseppe Tantillo, attore e drammaturgo palermitano, non si può. Resteremo legati, organicamente interdipendenti, come un mal di pancia. «La verità è che mi riesce difficile scindere il concetto di amore da quello di digestione. Li considero affini. In entrambi i casi, infatti, si tratta di assorbire e trasformare (alimenti o sentimenti) avendo cura di eliminare le scorie». Così si struttura la drammaturgia di Senza Glutine”, ultimo lavoro firmato Argot Produzioni, scritto, interpretato e co-diretto dallo stesso Tantillo insieme a Daniele Muratore. L’appuntamento rientra nel cartellone della XVII Stagione Teatrale Comunale di Castrovillari  organizzata in collaborazione con la Sinfony & Sinfony per la direzione artistico di Benedetto Castriota. L’appuntamento è in programma sabato 3 marzo con inizio alle ore 21,00 al Teatro Sybaris di Castrovillari. Circondati da muri ricoperti di una carta da parati giallognola simile alla juta, si presentano sulla scena Fran e Lisa (Giuseppe Tantillo,Valentina Carli) e Paolo e Felicia (Vincenzo De Michele,Orsetta De Rossi), trentenni i primi, cinquantenni i secondi annoiati di essere l’uno per l’altra la co(p)pia sfinita di un prima che si credeva eterno. Le storie di questi quattro amici e colleghi (Lisa e Paolo lavorano insieme) che sono anche compagni e amanti (Fran e Felicia si incontrano clandestinamente ogni martedì) si intrecciano spinte da urgenti esigenze di cambiamento: le noiose conversazioni di un dialogo piano e serale (fatto alla fine della giornata di lavoro e al ritorno a casa) vengono ravvivate dall’oscenità sconveniente di battute hard. Negli anni che attraversa la pièce ciascuno cercherà di perseguire la propria personale idea dell’amore , spesso a scapito di una ricerca comune. Ne verrà fuori un inevitabile incrocio che metterà a dura prova la solidità delle due coppie. Per prenotazioni spettacoli www.tictewebonline.com

Ufficio Stampa

Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

COMUNICATO STAMPA

CollettivO CineticO arriva a Cosenza, unica data in Calabria, per il More – il progetto ideato e diretto da Scena Verticale in partenariato con il Comune di Cosenza, la Regione Calabria e il MiBACT – giovedì 1 marzo alle 20.30 al Teatro Morelli in scena con 10miniballetti.

La compagnia ferrarese, Premio Ubu 2017 come “miglior spettacolo di danza” con Sylphidarium. Maria Taglioni on the Ground, si conferma tra le più interessanti del panorama coreografico. La danza e i linguaggi legati al gesto e al corpo sono oggi tra le esperienze più innovative della scena contemporanea. Inserito nel cartellone come settimo appuntamento della stagione More – La scena contemporanea a Cosenza, 10 miniballetti è una personale antologia di danze di Francesca Pennini in bilico tra geometria e turbinio, cibernetica e grand-jeté dove l’elemento aereo è paradigma di riflessione sui confini del controllo. Correnti e bufere, ventilatori e droni, uccelli e grand-jeté diventano allegorie sul legame tra coreografia e danza in un’indagine che rimbalza tra la ripetibilità del gesto e l’improvvisazione, tra la scrittura e l’interpretazione.

A fare da spartito un quaderno delle scuole elementari di Francesca Pennini con decine di coreografie inventate e mai eseguite. Una macchina del tempo per un’impossibile archeologia che si declina sulla scena in una serie di possibilità strampalate.

Il corpo viene messo alla prova prendendo in prestito i principi della termodinamica passando dalla plasticità ginnica alla dinamica più vaporosa ed effimera. Tra contorsioni e sforzi asfittici si innesca uno scambio respiratorio che mescola i volumi tra corpo e spazio, tra scena e pubblico in una geografia mobile, sospesa e decisa, fluttuante e depositata.

CollettivO CineticO nasce nel 2007 ed è diretto della coreografa Francesca Pennini in collaborazione con il dramaturg Angelo Pedroni ed oltre 50 artisti provenienti da discipline diverse. La ricerca del collettivo indaga la natura dell’evento performativo muovendosi negli interstizi tra danza, teatro e arti visive. Uno dei caratteri salienti è l’ideazione di metodi di composizione e organizzazione del movimento in grado di incontrare corpi estremamente differenziati e dispositivi che discutono il rapporto con lo spettatore e la visione. CollettivO CineticO è compagnia residente del Teatro Comunale di Ferrara e ad oggi ha prodotto 37 creazioni ricevendo numerosi premi tra cui: “Jurislav Korenić Award Best Young Theatre Director”; “Premio Rete Critica” 2014 come ‘miglior artista’; “Premio Danza & Danza” 2015 a Francesca Pennini come ‘miglior coreografa e interprete’; “Premio Hystrio Iceberg” 2016; “Premio MESS” al BE Festival di Birmingham 2016; “Premio Nazionale dei Critici di Teatro” per il Teatro Danza 2016, “Premio Ubu 2017” a Sylphidarium. Maria Taglioni on the Ground come ‘miglior spettacolo di danza’. Dal 2013 la compagnia è sostenuta dal MiBACT, dal 2015 dalla Regione Emilia-Romagna e dal 2016 è “international artist” del network APAP - advancing performing arts project, presentati da Centrale Fies / Festival Drodesera. 

 

COLLETTIVO CINETICO

COMUNICATO STAMPA

Castrovillari. Quarto appuntamento della Stagione Teatrale Comunale di Castrovillari, organizzata in collaborazione con la Sinfony&Sinfony per la direzione artistica di Benedetto Castriota. In scena al Teatro Sybaris sabato 24 febbraio con inizio alle ore 21,00, lo spettacolo teatrale "DIARIO INTIMO DI UNA CAMERIERA”di O. Mirbeau a cura del Teatro "Gamma" di Catania."La regia è di Gianni Scuto e sul palco reciteranno Barbara Cracchiolo, Alessandro Gambino, Domenico Maugeri con la partecipazione straordinaria di  Nellina Laganà. Scene di Franco Weber, costumi di Gianni Cavalieri.

Uno spettacolo insolito ed originale liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Octave Mirbeau ed interpretato da quattro scatenatissimi interpreti che in circa 90 minuti riescono a far rivivere come ricorda lo stesso autore “.  Una quantità di figure così stranamente umane che sembrano quasi ossessionarmi, davanti a queste maschere ho sentito tutta la tristezza e la comicità dell’essere uomini.” Possiamo così ritrovare nella pièce quella tristezza che fa ridere e quella comicità che risolleva e ci accompagna col distacco dovuto verso le numerose peripezie e i numerosi scherzi della vita.

Per prenotazioni spettacoli www.tictewebonline.com oppure Sinfony & Sinfony 0981.48.90.08 – Deny music 0981.27.084

 

Ufficio Stampa

Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

Mercoledì, 21 Febbraio 2018 17:35

Morano Calabro. Giobbe Covatta in Primafila

Scritto da

COMUNICATO STAMPA

Dopo il successo di Iacchetti con “Libera nos Domine” uno spettacolo comico-musicale, la carovana di “Primafila”, la rassegna di Teatro e Musica organizzata dall’Associazione Culturale “Novecento Teatri”, con presidente Luisa Giannotti,  per la direzione artistica di Benedetto Castriota,  si sposterà venerdì 23 febbraio con inizio alle ore 21,30, all’Auditorium “Massimo Troisi” di Morano Calabro. In scena, Giobbe Govatta con “LA DIVINA COMMEDIOLA”. Un reading e commento de “l'Inferno” tratto dalla Divina Commedia, in chiave moderna dove dice l’attore, nonchè comico e scrittore napoletano, di aver recentemente reperito in una discarica il manoscritto di una versione “apocrifa” della Commedia scritta da tal Ciro Alighieri. Purtroppo è stato reperito solo l'inferno e non in versione completa. Giobbe Covatta ci leggerà la sua personale versione moderna  della Divina Commedia totalmente dedicata ai diritti dei minori: i contenuti ed il commento sono spassosi e divertenti, ma comesempre accade negli spettacoli dell’eclettico attore napoletanoi temi sono seri e spesso drammatici. Sarà come un viaggio virtuale in Africa, il paese che ama. L’Africa immensa, affamata e povera, preda di colonialisti e dittatori in eterna guerra, pronti a spartirsi la ricchezza che la terra ancora offre. Racconterà  episodi vissuti con sua moglie in terra d’Africa dove più volte hanno soggiornato per lunghi periodi per girare documentari, tra difficoltà reali di aerei a manovella (così li chiama), villaggi isolati, e strade impraticabili, savana, in un territorio immenso e misterioso. Un inferno, per noi che viviamo comodi, condiviso con i tanti bambini che li hanno sempre accolti festosi. Alcuni li hanno anche adottati. Mal d’Africa, si dice. E’ la magia che colpisce chi visita le terre africane. Chi va, vuole sempre tornare, non per cercare l’inferno ma il paradiso.

I  biglietti potranno essere  acquistati  anche online su www.ticketwebonline.com Ulteriori informazioni, potranno essere richiesti all’Associazione Culturale Novecento.

Ufficio Stampa

Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

Mercoledì, 21 Febbraio 2018 17:24

Per Radio Eventi... Generazioni Maldestro al Dome

Scritto da

COMUNICATO STAMPA

Sarà l’ospite della dodicesima edizione di “Radio Eventi.. Generazioni”, rassegna nata nel 2005 da un’idea di Antonio D’Agostino e Federico Oliva, nonché  supportata dall’associazione socio sviluppo culturale “Antropos” e da “Radio Nord Castrovillari”, presieduta da Giuseppe D’Agostino,  Maldestro, giovane autore, sensibile e vivace interprete, talento emergente nel panorama del cantautorato italiano. L’appuntamento si terrà presso il “Dome club” il prossimo 15 marzo con inizio alle ore 21,30. 

Nelle edizioni passate in “Radio eventi…Generazioni” sono passati Federico Poggipollini –

I rio – studi di Radio Nord Castrovillari e Lion of Africa - I rio – Mario Venuti – Antonella Ruggiero- i Tazenda- Ron – Fabrizio Moro – Bianca Atzei e Marina Rei. 

Il 25 gennaio è uscito il video di “Arrivederci allora” il quarto singolo estratto da “I Muri di Berlino”, il disco con cui Maldestro si è imposto all’attenzione nazionale, uscito subito dopo la sua partecipazione all’edizione 2017 del Festival di  Sanremo, dove ha vinto diversi riconoscimenti tra i quali il prestigioso Premio della Critica Mia Martini con il brano “Canzone per Federica”. Il video è stato realizzato con il contributo della Lucana Film Commission che ha conferito a Maldestro il premio “Soundies Award” per il miglior video nella sezione nuove proposte del Festival di Sanremo 2017. Maldestro tornerà in studio ad Aprile 2018 per registrare il suo terzo disco. Ma prima un ultimo pugno di date, a marzo e aprile, un tour acustico che attraverserà l’Italia con il quale ha deciso di regalare ai propri fan una serie di concerti dove si esibirà da solo con la sua chitarra per recuperare quella dimensione intimistica del live più vicina ai suoi esordi. Uno spettacolo dove a farla da protagonista sarà la sua toccante poetica, in un rapporto più diretto col proprio pubblico; un concerto in cui proporrà le sue canzoni già note, totalmente riarrangiate, oltre ad alcuni brani inediti.

Info e prenotazioni posto unico € 15,00. Disponibilità limitata.  tel: 3403291454

 

COMUNICATO STAMPA

Intenso dramma di passione, tradimento, amore e vendetta. Il Rigoletto, opera in tre atti di Giuseppe Verdi - tratta dal dramma di Victor Hugo "Le roi s'amuse" (Il re si diverte) - che insieme con Il Trovatore e La Traviata compone la cosiddetta "trilogia popolare", è l'ultima fatica artistica che sarà messa in scena dall'Orchestra di fiati di Morano Calabro, diretta dal maestro Massimo Celiberto.

Il doppio appuntamento presso l'Auditorium "Massimo Troisi" di Morano Calabro è per il 17 (alle ore 20.30) e 18 marzo (ore 19.30) per rivivere la trama di un'opera che offre una combinazione di ricchezza melodica e potenza drammatica, ma pone lucidamente in evidenza le tensioni sociali e la subalterna condizione femminile in una realtà nella quale il pubblico ottocentesco poteva facilmente rispecchiarsi e che, purtroppo, nella società moderna sono ancora contemporanei e vivi momenti di cronaca quotidiana.

Centrato sulla drammatica e originale figura di un buffone di corte, Rigoletto fu inizialmente oggetto della censura. Per l'Orchestra di Fiati di Morano Calabro, esempio di laboratorio artistico e crescita culturale per tanti musicisti del territorio, è la nuova sfida musicale alla quale più di quaranta giovani artisti si stanno preparando da tempo per arrivare pronti al debutto previsto tra poco meno di un mese.

L'attività culturale, finanziata con l'Azione 3 tipologia A degli interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali e per la qualificazione ed il rafforzamento dell'attuale offerta culturale presente in Calabria, vedrà coinvolto anche il coro lirico "Francesco Cilea" di Reggio Calabria, diretto da Bruno Tirotta, il maestro accompagnatore, Andrea Bauleo, ed il direttore dell'orchestra moranese, presieduta da Leonardo Di Luca, Massimo Celiberto.

Scene e regia dell'opera saranno allestite da Andrea Magnelli, i costumi dalla Sartoria Pipi di Palermo, luci e titoli a cura di Eva Iannuzzi, la fonica affidata a Nellino Cosenza. In scena nella parte di Rigoletto Luca Bruno, Gilda sua figlia sarà interpretata da Rosaria Buscemi, mentre i panni del Duca di Mantova saranno vestiti da Alessandro D'Acrissa. Il resto del cast vedrà protagonisti Michele Bruno (Sparafucile), Gabriella Grassi (Maddalena), Santina Tirotta (Giovanna, Contessa di Ceprano), Marcello Siclari (il Conte di Ceprano), Andrea Tanzillo (Borsa), Angelo parisi (Marullo), Demetrio Marino (Monterone), Margiorgia Caccamo (Paggio).

 Per le prenotazioni "Au rendez-vous" in Via Maddalena di Di Leo Immacolata o contattare i numeri 329.2160645/345.3160095/324.8245107.

UFFICIO STAMPA

AVI COMMUNICATION di Vincenzo Alvaro

Pagina 3 di 41
Monday the 16th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.