Sabato, 13 Ottobre 2018 13:30

– COMUNICATO STAMPA –

“ Sono nato per volare” di e con Giuseppe Arnone, vince la V^ edizione del Festival dei Corti Teatrali del Calàbbria Teatro Festival 2018, evento organizzato dall’Associazione Khoreia 2000 per la direzione artistica di Rosy Parrotta e quella organizzativa di Angela Micieli. Il corto, improntato sulla strage di Ustica, si porta a casa anche il premio della giuria popolare. Questa la motivazione della giuria tecnica composta da: Lina Bernardi, attrice di teatro, cinema e televisione, Carlo Fanelli, Docente di Drammaturgia all’UNICAL e Pierpaolo Saraceno, Attore, regista e drammaturgo :” Indovinata l’organizzazione dello spazio, un testo ben strutturato drammaturgicamente. Peculiare l’utilizzo di tecniche testuali tradizionali e il gioco su registi attoriali differenti cui la musica offre un supporto emozionale considerevole”.

Al secondo posto “Bianco d’inchiostro” Requiem poetico a 100 anni dalla Rivoluzione d’ottobre, di Giulio Bellotto che porta a casa anche il premio come miglior attore e il premio come miglior attrice per Alice Guarente; il corto era improntato sugli anni del terrore dell’Unione Sovietica. Sale sul podio anche “Sandra C” che prende il premio anche come miglior regia, quella di Bernardini-Marenco. Il corto era improntato sul G8 di Genova. Il premio miglio testo va al “ Il Palazzone industriale di spalle al mare” di Marco Mittica; il corto era improntato sul progresso materiale a svantaggio di quello morale. Ai primi tre classificati anche una borsa di studio a tutti gli altri, un attestato di partecipazione. Ma la serata si è aperta con il corto “ La scatola nera”, testo e regia di Michele Zaccagnino, interpreti Alessandro Capone e Francesco Siggillino. La vita di due transessuali napoletani tra aspirazioni, disillusioni e piccole necessità quotidiane che si sposano con grandi sogni d’amore eterno. Subito dopo “ Infelici notti” di Raffaele Bruno con l’interpretazione di Federica Palo. Lo spettacolo trae ispirazione da una “visione” dell’attrice Monica Nappo e da Giorni felici di Beckett, tradotto in napoletano dal regista Bruno, trasformato, al servizio della voce di una donna intrappolata in un (non) luogo:un manicomio, la fine del mondo o un sogno? A chiudere la serata, il vincitore del Festival dei Corti Teatrali, ovvero : “Sono nato per volare” . La storia della famiglia siciliana Diodato, che partita da Bologna ritorna in Sicilia per le vacanze estive. Un viaggio mai terminato quel lontano 27 giugno del 1980 quando l’aereo su cui viaggiava, scompare nei cieli sopra il braccio compreso tra le isole italiane di Ponza e Ustica. Nell’incidente morirono 81 persone tra cui la famiglia Diodato a cui il corto era dedicato. [...]

La manifestazione è organizzata con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Castrovillari e con il contributo della Regione Calabria (entrato come evento storicizzato), (co evento) del Parco Nazionale del Pollino, della Gas Pollino, della Gestione Pollino Impianti e l’apporto del brand Castrovillari città Festival.

Castrovillari 13 ottobre 2018

Ufficio Stampa
Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

Venerdì, 12 Ottobre 2018 23:36

– COMUNICATO STAMPA –

In attesa di conoscere chi sarà il vincitore della V^ edizione del “Festival dei Corti Teatrali”, vento inserito nell’VIII^ edizione del “Calàbbria Teatro Festival”, organizzato dall’Associazione Culturale “Khoreia 2000” sotto la direzione artistica di Rosy Parrotta e quella organizzativa di Angela Micieli, Sabato 13 ottobre alle ore 21.00 al Teatro Sybaris di Castrovillari, in scena, “banDita”; spettacolo di teatro d’ombre di e con Silvio Gioia.

Una banda di dieci dita, danza nella luce, un gioco di mani che diventano animali e personaggi. L’ombra incontra la luce, l’immagine incontra la musica. Un vero piacere per gli occhi e per le orecchie. Questi princìpi cardine, donano allo spettacolo una grande capacità onirica, poetica ed ironica. Un’occasione per i “bambini di tutte le età” per vivere un’esperienza immaginifica resa con la semplicità del gioco di due mani, un telo ed una lampadina.

Silvio Gioia

Attore, animatore sociale, teatrante. Si occupa di teatro perché “gli piace giocare” e perché esso offre infinite possibilità creative nelle relazioni interpersonali, senza distinzione di razza, sesso, età, condizioni fisiche o psichiche. Partendo dal principio che il teatro raggiunge il suo punto più nobile quando riunisce più persone e permette l’espressione singola e di gruppo, predilige il settore sociale del teatro, per cui si impegna in laboratori e spettacoli presso scuole, enti, ospedali, associazioni e cooperative sociali per bambini, disabili, utenti del CSM-ASL, anziani.

Da non perdere poi , il laboratorio (GRATUITO) di Silvio Gioia, FINO AL 13 DI OTTOBRE. Il laboratorio è aperto a “bambini di tutte le età” e sarà uno spazio in cui
sperimentare ed imparare le tecniche dell’antichissimo teatro delle ombre.
Il percorso prevede uno spettacolo finale frutto della creazione collettiva che si esibirà nella giornata conclusiva del Festival.

L’altro laboratorio è il laboratorio curato da Cristiano Quagliozzi.

All’interno dello spazio del Teatro Vittoria, è stata realizzata un’installazione con cartoni, fogli di giornale, vinavil scotch carta, acrilico bianco creando un ambiente percorribile dalle forme incerte e fantastiche. Durante il laboratorio con i bambini la struttura dell’ambiente sarà colorata con tempere acriliche.

Cristiano Quagliozzi, continua a disegnare anche dopo l’età dell’infanzia, dimostrando per le discipline artistiche un interesse continuo che lo porta ad iscriversi al liceo artistico e in seguito a conseguire con il massimo dei voti il Diploma di Laurea presso l’Accademia delle Belle Arti di Roma alla Cattedra di Pittura del Maestro Andrea Volo, con indirizzo Storia dell’Arte Contemporanea, presentando una tesi su Giulio Paolini, per investigare i cambiamenti del linguaggio dall’arte moderna all’arte contemporanea con la sapiente guida della relatrice Giovanna dalla Chiesa, docente di storia dell’arte e critica d’arte.

Gradito ritorno,al Calàbbria Teatro Testival, di Francesco Busani, un mentalista di fama nazionale, indagatore dell’occulto e studioso di misteri e della tradizione esoterica. Ci affascinerà con la sua magia,e il suo laboratorio, sabato 13 ottobre dalle 17 alle 19, sempre al Teatro Vittoria,con quelle emozioni, contenuti e cultura, proprie dell’illusionismo.

Domenica, 14 ottobre, a partire dalle ore 10 al Teatro Vittoria, cerimonia degli esiti dei vari laboratori inseriti all’interno dell’VIII edizione del Calàbbria Teatro festival.

La manifestazione è organizzata con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Castrovillari e con il contributo della Regione Calabria (entrato come evento storicizzato), (co evento) del Parco Nazionale del Pollino, della Gas Pollino, della Gestione Pollino Impianti e l’apporto del brand Castrovillari città Festival.

Castrovillari 12 ottobre 2018

Ufficio Stampa
Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

Giovedì, 11 Ottobre 2018 21:55

– COMUNICATO STAMPA –

Per la terza ed ultima serata della V° edizione del “Festival dei Corti Teatrali”, evento inserito nell’VIII^ edizione del “Calàbbria Teatro Festival”, organizzato dall’Associazione Culturale “Khoreia 2000” sotto la direzione artistica di Rosy Parrotta e quella organizzativa di Angela Micieli, in scena al Teatro Sybaris, venerdì 12 ottobre, con inizio alle ore 21.00 altre tre corti teatrali. Si parte con “La scatola nera”, testo e regia diMichele Zaccagnino con Alessandro Capone, Francesco Siggillino. Musiche Valter Dadone. Loredana e Carmela sono due transessuali napoletani: una giovane e vitale, l’altra con più esperienza e disincanto. La loro vita è come quella di tanti altri: dettagli, aspirazioni, disillusioni e piccole necessità quotidiane che si sposano con grandi sogni d’amore eterno. Sulle note di una canzone neomelodica (appositamente scritta per questo pezzo) si consumerà un piccolo-grande dramma dai risvolti comici (e dall’inatteso finale horror) legato a un amore negato e a una scatola di cui fino alla fine si ignorerà il contenuto. A seguire “Infelici notti” di Raffaele Bruno con Federica Palo. Produzione Collettivo Teatrale Delirio Creativo. Lo spettacolo trae ispirazione da una “visione” dell’attrice Monica Nappo e da Giorni Felici di Beckett, tradotto in napoletano dall’autore e regista Raffaele Bruno, rigirato, trasformato, al servizio della voce di una donna intrappolata in un (non) luogo: un manicomio, la fine del mondo o un sogno? Chissà la donna inveisce contro un mondo che non l’ascolta, non la capisce e per questo forse l’ha reclusa, allontanata, nascosta. Soffrirebbe troppo a sentire la sua verità che sa di perdita di umanità, violenza, e paura. La donna vorrebbe solo essere capita, vorrebbe il suo spazio, uno spazio di incontro che in tempi come i nostri si fa sempre più fatica a trovare. Ed ognuno viene lasciato a se stesso, a fronteggiare le belve feroci all’angolo di strade buie, in notti infelici, che sembrano non finire mai. Chiuderà la serata il corto teatrale:” Sono nato per volare” di e con Giuseppe Arnone. “Da grande voglio fare il pilota … Sono nato per volare.” Così si presenta il protagonista della storia. Siamo nel giugno 1980 e Vincenzo Diodato, un bambino di 10 anni, siciliano che vive a Bologna, si prepara a partire per le vacanze accompagnato dalla madre, dalla sorellina di 7 anni e dal fratellino Giuseppe (”la luce dei nostri occhi”). L’aereo ha un ritardo di due ore … Vincenzo ricorda con leggerezza l’ultimo Natale vissuto in famiglia, abbandonandosi all’odore delle arancine della nonna, alle favole raccontate dalla mamma, alla caponata. Alle 20.08 l’aereo “bianco e rosso” decolla … E’ uno spettacolo pieno di ritmo e passione, dolce e carnale allo stesso tempo. Il dialetto siciliano è rapidamente comprensibile, familiare ed è probabilmente l’unico modo, così diretto, per sentire l’odore di quegli anni, attraverso le narici di un bambino che ha un sogno … volare … con lo stesso aereo che gli è stato regalato nel Natale del 1979. Ore 20.51 … l’Itavia 870 scompare!. In serata dopo l’esibizione dei tre corti teatrali, la giuria tecnica, composta da Lina Bernardi, attrice di teatro, cinema e televisione, Carlo Fanelli, Docente di Drammaturgia e Organizzazione ed economia dello spettacolo, presso la Laurea Triennale in Comunicazione e DAMS all’UNICAL e Pierpaolo Saraceno, Attore, regista e drammaturgo, decreterà il vincitore della V edizione del “Festival dei Corti Teatrali”.

Costo del biglietto, 5 euro. Abbonamento 20 euro
Punto Informativo- Teatro Vittoria- Ore 10:00 > 12:30 - Ore 17:00 > 20:00

La manifestazione è organizzata con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Castrovillari e con il contributo della Regione Calabria (entrato come evento storicizzato), (co evento) del Parco Nazionale del Pollino, della Gas Pollino, della Gestione Pollino Impianti e l’apporto del brand Castrovillari città Festival.

Castrovillari 11 ottobre 2018

Ufficio Stampa
Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

Mercoledì, 10 Ottobre 2018 23:07

– COMUNICATO STAMPA –

Per la seconda serata della V° edizione del “Festival dei Corti Teatrali”, evento inserito nell’VIII^ edizione del “Calàbbria Teatro Festival”, organizzato dall’Associazione Culturale “Khoreia 2000” sotto la direzione artistica di Rosy Parrotta e quella organizzativa di Angela Micieli, in scena al Teatro Sybaris, giovedì 11 ottobre, con inizio alle ore 21.00 altre tre corti teatrali. Si parte con “Sandra C” di Adriano Marenco con Nathalie Bernardi per la Regia di Bernardi-Marenco, Produzione Colletivo Faus. Sandra C è un monologo ispirato a Cassandra di Christa Wolf, l’unica Cassandra che racconta se stessa, non viene filtrata dagli altri. Un testo evocato dal corpo di Cassandra; attualizzato attraverso un percorso franto, disincantato, brutale, come brutale è la Cassandra cui si ispira. Sandra C sacerdotessa di profonda, mal compresa religiosità. Sandra C sviscera il pubblico, entra in comunione con il pubblico. Vuole essere compresa, vuole essere creduta, la sventura è una superstizione che capita per non voler vedere. La guerra di Troia diventa la guerra del G8 e delle contestazioni per dare un senso alla “globalizzazione”: quella che vuole il potere, quella ammissibile, immaginata da chi il potere lo subisce. Subito dopo, la giuria popolare e quella tecnica, composta quest’ultima da Lina Bernardi, attrice di teatro, cinema e televisione, Carlo Fanelli, Docente di Drammaturgia e Organizzazione ed economia dello spettacolo, presso la Laurea Triennale in Comunicazione e DAMS all’UNICAL e Pierpaolo Saraceno, Attore, regista e drammaturgo, valuterà il testo: “Questa divina è un’altra commedia “; parodia della Divina Commedia. Sceneggiatura e regia di Vincenzo Tondolo, con Vincenzo Tondalo e Mauro Galentino.Dante Alighiero pugliese vuole conquistare una contessina del suo paese e per farlo, pensa di chiedere consiglio al suo fratellastro Virgilio, il quale anche lui ignorante peggio di Dante, cerca almeno di fargli capire che se vuole conquistare la contessina, deve imparare questo famoso libro Divina Commedia. Stanco del racconto noioso, Alighiero decide di raccontare la Divina Commedia a modo suo, mettendoci dentro personaggi di fantasia e rendendolo molto attuale con modi di fare moderni, rendendo il racconto ironico e divertente. Parla dell’inferno dove incontra Caronte, del purgatorio dove trova Catone e del Paradiso dove trova la sua contessina, ma le sorprese non finiscono mai. A chiudere la seconda serata del “festival dei Corti Teatrali”, “Perché siamo una persona sola”; testo e regia di Francesco Chianese, con Martina Parisi e musiche Lello Alfano. Produzione Associazione Artistico-Culturale Ettore Petrolini. L’amore spesso regala emozioni che non ti aspetti. Ci si innamora e basta. Non conosce confini e, a volte, si nasconde per emergere nel momento più opportuno. Sara s’innamora di Renata. Un amore che sfocia in una sorta di violenza e schiavitù. Per una carezza di Renata, Sara lascia che Luciano approfitti di lei. Il finale è sconvolgente. Giovedì 11 ottobre parte anche il laboratorio GRATUITO (prenotazione obbligatoria), rivolto a bambini e ragazzi, laboratorio di disegno e scenografia, dal titolo . “ Il giardino
dell’incertezza” a cura di Cristiano Quagliozzi

Costo del biglietto, 5 euro. Abbonamento 20 euro

Punto Informativo- Teatro Vittoria- Ore 10:00 < 12:30 - Ore 17:00 < 20:00

La manifestazione è organizzata con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Castrovillari e con il contributo della Regione Calabria (entrato come evento storicizzato), (co evento) del Parco Nazionale del Pollino, della Gas Pollino, della Gestione Pollino Impianti e l’apporto del brand Castrovillari città Festival.

Castrovillari 10 ottobre 2018

Ufficio Stampa
Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

Martedì, 09 Ottobre 2018 22:34

– COMUNICATO STAMPA –

V° edizione del “Festival dei Corti Teatrali”, evento inserito nell’VIII^ edizione del “Calàbbria Teatro Festival”, organizzato dall’Associazione Culturale “Khoreia 2000” sotto la direzione artistica di Rosy Parrotta e quella organizzativa di Angela Micieli. In 30 minuti gli attori, a tema libero, cattureranno con tre spettacoli (ogni sera), lo spettatore che diventerà attore principale. Infatti, con l’acquisto del biglietto, alla modica cifra di 5 euro, oltre a godere della performance potrà , attraverso una scheda, votare decretando il vincitore della “giuria popolare”; I°-II° e III° posto sarà ad appannaggio della “giuria tecnica” composta (Lina Bernardi, attrice di teatro, cinema e televisione, Carlo Fanelli, Docente di Drammaturgia e Organizzazione ed economia dello spettacolo, presso la Laurea Triennale in Comunicazione e DAMS all’UNICAL e Pierpaolo Saraceno, Attore, regista e drammaturgo). L’esito delle votazioni si avrà domenica 14 ottobre . In scena, mercoledì con inizio alle ore 21.00, al Teatro Sybaris, “GLADIATRICI”, scritto e diretto da Lucio Castagneri con Alessandra Romano e Manuela Miscioscia. Le due gladiatrici (Amazon e Akillia) immortalate nella famosa Stele di Alicarnasso (conservata al British Museum) prendono vita nel singolare dialogo tra loro la sera che precede il combattimento mortale nell’arena. A seguire “IL PALAZZONE INDUSTRIALE DI SPALLE AL MARE” di e con Marco Mittica. Il palazzone industriale di spalle al mare è il progresso materiale a svantaggio di quello morale. La scalata del palazzone con la promessa della vista del mare è l’inganno che mio padre ha perpetrato nei confronti miei e di mia madre illudendoci che si potesse costruire una famiglia solo dal lato economico. Sarà la malattia di mia madre a svelare la fragilità della famiglia. Terzo spettacolo “BIANCO D’INCHIOSTRO” Requiem poetico a 100 anni dalla Rivoluzione d’ottobre, di e con Giulio Bellotto e Alice Guarente . ežóvščina: il periodo in cui Commissario del popolo agli Interni fu Nikolaij Ivanovič Ežov (1894-1939?)- forse il più sinistro fra tutti i collaboratori di Stalinn egli anni del terrore. Durante l’era di Ežov in Unione Sovietica esplose un fenomeno spontaneo unico nel suo genere: Samizdat - che in russo significa “pubblicato da sé”. Riprodurre in proprio - a mano o con la macchina da scrivere - testi che la censura non avrebbe mai fatto passare. Libri proibiti ricopiati a carta carbone, distribuiti ad amici; idee e informazioni scomode diffuse rapidamente gli angoli più remoti del paese. Mercoledì 10 ottobre parte anche il “Laboratorio di musica tradizionale” a cura di Massimo Ferrante “Vulera c’ammutassiru i putenti, stage sul canto sociale calabrese. (iscrizione gratuita, prenotazione obbligatoria). Dalle 16,30 alle 19,30 Teatro Vittoria.

Costo del biglietto, 5 euro. Abbonamento 20 euro

Punto Informativo- Teatro Vittoria- Ore 10:00 > 12:30 - Ore 17:00 > 20:00

La manifestazione è organizzata con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Castrovillari e con il contributo della Regione Calabria (entrato come evento storicizzato), (co evento) del Parco Nazionale del Pollino, della Gas Pollino, della Gestione Pollino Impianti e l’apporto del brand Castrovillari città Festival.

Castrovillari 9 ottobre 2018

Ufficio Stampa
Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

Lunedì, 08 Ottobre 2018 08:10

– COMUNICATO STAMPA –

Si entra nel vivo degli spettacoli della VIII^ edizione del “Calàbbria Teatro Festival”, evento organizzato dall’Associazione Culturale “Khoreia 2000” sotto la direzione artistica di Rosy Parrotta e quella organizzativa di Angela Micieli, di scena a Castrovillari dal 7 al 14 di ottobre. Martedì 9 ottobre con inizio alle ore 21.00 al TeatroSybaris di Castrovillari in scena Mamma Eroina; testo e regia di Pierpaolo Saraceno, con Lina Bernanardi e Mariapaola Tedesco. Musiche “Concetto Fruciano”; produzione Onirika del Sud. (liberamente tratto da “mamma eroina” di Maricla Boggio.
Scritto nel 1983, dopo la fortunata serie di rappresentazioni di “Marisa della Magliana” sul tema centrale della ragazza madre, del lavoro e della casa, questo testo, di nuovo interpretato da Lina Bernardi, affronta le tematiche più scottanti degli anni ottanta. Alla gente in attesa in un pronto soccorso, una madre accorsa dal lavoro di pulizie che compie ogni giorno perché la figlia è stata ricoverata per un’overdose, racconta la storia della loro situazione familiare. Due generazioni a confronto: la madre, di origine contadina, in seno ad una famiglia patriarcale, con un mondo ancora a dimensione umana attorno a sé, in campagna, a contatto quotidiano con i figli e con una gestione personale dell’andamento della casa, dove le stagioni scandiscono il lavoro e i prodotti alimentari, dal grano al vino, al latte, all’uccisione del maiale, ai bucati preparati con la cenere e stesi sul prato. Nel nuovo contesto della città la figlia viene lasciata sola a causa del lavoro della madre sempre fuori casa, con una progressiva perdita di identità, nell’isolamento da un contesto sociale adeguato e la caduta di ogni motivazione esistenziale. L’espediente della droga è l’inevitabile conseguenza di tale degrado. La ricerca del dialogo riapre la possibilità di un’intesa fra le due donne.

Onirika del Sud

La compagnia Onirika del Sud è stata fondata a Roma, nel Gennaio del 2013, da Pierpaolo Saraceno. La compagnia Onirika del Sud, con le sue sole risorse, mette radici a Roma in uno scantinato a Monteverde. Non è mai stata finanziata da soldi pubblici e vive tutt’ora dei ricavi della vendita degli spettacoli che produce o che sono prodotti da altri teatri. È composta da artisti di esperienze diverse che si confrontano su diversi piani in cui ogni spettacolo non è mai lo stesso, ma varia a seconda dei casi, allargandosi e restringendosi. Ogni singola Opera Teatrale da noi presentata non è altro che un’“Ipocrisia Vera”, una bugia realmente detta in quanto sentita. Il nostro continuo allenamento artistico ci conduce in una sintonia ed empatia con il nostro “diverso” spettatore. Sentire ogni singola azione per poi trasformarla in parola. Combattere umilmente nella nostra infinita Giungla è ciò che facciamo tutti i giorni, giocando ogni volta col Teatro come fosse La Prima Volta. Vincitrice di ben 20 premi italiani in soli 3 anni, ancora oggi Onirika del Sud è in tournèe con tutte le opere prodotte tra cui: RADIO AUT LA VOCE DI PEPPINO IMPASTATO, LA DONNA CHE DISSE NO, IO NON AVEVO MAI DECISO DI VOLARE, MAMMA EROINA, LA SCALATA e I SICILIANI.

Subito dopo lo spettacolo, intorno alle 22.30, convivio con “Cantaturi” con Massimo Ferrante.

Costo del biglietto, 5 euro. Abbonamento 20 euro
Punto Informativo- Teatro Vittoria- Ore 10:00 > 12:30 - Ore 17:00 > 20:00

La manifestazione è organizzata con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Castrovillari e con il contributo della Regione Calabria (entrato come evento storicizzato), (co evento) del Parco Nazionale del Pollino, della Gas Pollino, della Gestione Pollino Impianti e l’apporto del brand Castrovillari città Festival.

Castrovillari 8 ottobre 2018

Ufficio Stampa
Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

Domenica, 23 Settembre 2018 16:20

 COMUNICATO STAMPA –

A Castrovillari quattro giorni dedicati ai motori. Si parte giovedì 27 settembre e fino al 30 settembre nell'area antistante il Centro Commerciale Le Vigne andrà in scena lo Stuntman Show con le mirabolanti imprese su due e quattro ruote dei suoi incredibili piloti. Evento motoristico straordinario dove le emozioni saranno forti, merito delle performance che i piloti dello Stunt Drivers Team eseguono da anni con esperienza e passione.

L’adrenalina la farà da padrona con i maggiolini americani, dragster sempre più veloci, camion in impennata e ancora tra le performance in scaletta drifting, auto su 2 ruote, parcheggi acrobatici, derapate, passaggi in velocità tra cui l’automobilismo acrobatico con a bordo anche il campione europeo Roby Rossi. La mascotte dello spettacolo sarà il gigantesco Monster Truck, un vero e proprio big-foot americano. Oltre 18 mezzi per uno spettacolo nuovo e dinamico in cui si andranno a riprodurre anche gli effetti speciali utilizzati nel mondo cinematografico tra cui vere e proprie esplosioni da film. E poi tanti mezzi protagonisti del mondo della tv come i protagonisti del film Cars tra cui Saetta Mc Queen e King. Li vedrete dal vivo in tutto il loro splendore.

Piloti e stuntman offriranno uno show di divertimento ed emozioni al volante di ogni possibile mezzo. L’appuntamento è dunque dal 27 al 30 settembre al Centro Commerciale Le Vigne di Castrovillari. Gli spettacoli avranno inizio tutti i giorni alle ore 21:15, domenica unico spettacolo ore 17:30.

 

In fondo alla pagina, il video promozionale dello spettacolo [N.d.R.].

Video collegato

Mercoledì, 12 Settembre 2018 00:22

– COMUNICATO STAMPA –

Ci sono stati anche tre riconoscimenti voluti dal Comune di Oriolo alla serata dedicata al Premio Ausonia 2018 tenutosi presso il Chiostro Monumentale di San Bernardino nella città di Corigliano-Rossano. Il Premio ha previsto la sezione speciale “La Portella” (dal nome del teatro naturale di Oriolo). Al maestro e compositore Rocco Abate è stato consegnato un riconoscimento alla carriera. Premio Ausonia 2018 “sezione speciale La Portella” anche al giornalista Franco Maurella e al fotografo Giorgio Amendolara. Mentre il Premio Regia Teatrale “La Portella” e’ andato a Giacomo Aversa con L’invisibile che c’e’, della compagnia teatrale “Il volo delle comete” di Amantea. In rappresentanza dell’Amministrazione Comunale di Oriolo ha presenziato alla cerimonia il vicesindaco con delega alla Cultura, Vincenzo Diego e il consigliere comunale Domenico Bonamassa. La quarta edizione del Premio Ausonia 2018 alla carriera è andato all’attore Enzo Garinei, maestro del teatro italiano. A Donata Marrazzo, giornalista del Sole 24 Ore il Premio Ausonia per la comunicazione culturale, in memoria di Fausto Taverniti.

Il Premio Ausonia, ideato dal presidente della FITA provinciale (Federazione Italiana Teatro Amatori) Antonio D’Amico, annualmente assegna la palma di miglior spettacolo teatrale, con gli stessi che vanno in scena, così come nel corso del recente cartellone estivo, anche al teatro “La Portella” di Oriolo. Quest’anno è stato riconosciuto come miglior lavoro teatrale la commedia “4 di cuori + 1” della compagnia teatrale “La Calandra” di Tuglie (Lecce), per la regia di Giuseppe Miggiano. Altri riconoscimenti sono stati assegnati ad attori, allestimenti, testi delle varie compagnie che si sono esibite quest’estate.

Paese24.it - Media Partner

Venerdì, 31 Agosto 2018 18:46

– COMUNICATO STAMPA –

“Il vecchio e il bambino” cantava Francesco Guccini. Due figure spesso accostate per raccontare nostalgie e sogni diversi. Anche nel docufilm che gli studenti dell’Istituto Professionale per i Servizi Commerciali “Aletti” di Oriolo hanno realizzato, troviamo un nonno ed un nipote che ognuno a suo modo cerca la libertà. Il cortometraggio di sette minuti è stato realizzato nel corso di un laboratorio cinematografico a cura del regista Vincenzo Greco presso l’istituto di Oriolo ed in collaborazione con il Comune. Alle lezioni teoriche sulla Storia del Cinema, sulle Tecniche Cinematografiche sono seguite le uscite esterne con i ragazzi che si sono cimentati in una vera e propria produzione di un film. Dalla ricerca delle location, alla scelta degli attori e delle comparse. Da costumi, dal trucco, alle riprese, sino al montaggio finale.

I protagonisti sono due Giorgio: un ragazzino ed un anziano, con il docufilm ambientato ad Oriolo con alcune scene girate proprio in un Centro Anziani con alcuni ospiti che fanno da comparsa. Se per il ragazzino (Giorgio Delia) la liberà è scorrazzare per le campagne con la bicicletta, per l’anziano (Giorgio Corrado), invece, la libertà significa “evadere” dall’ospizio per tornare a fare le cose di sempre. Il lavoro cinematografico, “Bingo!”, oggi tenuto nel cassetto affinché possa partecipare come inedito a vari concorsi e festival, ad esempio come il rinomato “Giffoni Film Festival”, è stato presentato  e proiettato ad Oriolo, nella sala conferenze di Palazzo Giannettasio (Casa della Cultura), in un appuntamento inserito nel cartellone estivo dell’Oriolo Cult Festival. Erano presenti, tra gli altri, il regista Vincenzo Greco; il sindaco Giorgio Bonamassa; il vicesindaco con delega alla Cultura, Vincenzo Diego; il dirigente scolastico, Marilena Viggiano e ovviamente di tutti i ragazzi che hanno partecipato a questo primo esperimento che segna l’inizio di un laboratorio cinematografico permanente.

Paese24.it - Media Partner

Domenica, 26 Agosto 2018 10:26

– COMUNICATO STAMPA –

Un successo che parte dai numeri per arrivare a toccare l’animo di un pubblico entusiasta. Potremmo definirla così la terza edizione del festival sui nuovi autori “Avvistamenti Teatrali” che ieri sera nel parco di Torre Marrana di Ricadi ha chiuso la stagione con lo spettacolo di Scena Verticale “Il diario di Adamo ed Eva” diretto da Dario De Luca. Un lavoro nato per raccontare ai ragazzi le differenze di genere affrontando con leggerezza e poesia gli stereotipi che da sempre hanno diviso il mondo maschile e quello femminile.

In cartellone quattro proposte, seppur diverse tra loro, legate assieme da un fil rouge, quello della crescita: «Il tema dello scorso anno è stato il coraggio, quest’anno è il crescere – commenta a fine serata il sindaco di Ricadi Giulia Russo – ed è proprio il coraggio di crescere quello che contraddistingue i ragazzi dell’associazione culturale Avvistamenti e continua a dimostrarlo negli anni. Come amministrazione comunale crediamo fortemente nel loro progetto, per questo abbiamo deciso di sposarlo e sostenerlo». Il sostegno arriva anche da Baia del Sole Resort e Bergamia Thalasso Spa, sponsor ufficiali del Festival, con la ferma convinzione che lo sviluppo economico del territorio sia fortemente legato allo sviluppo culturale.

In crescita anche i numeri: sono 1700 le presenze registrate per l’edizione 2018. Il pubblico, sempre più consapevole, partecipe ed entusiasta, quest’anno ha scelto di premiare come miglior spettacolo di Avvistamenti Teatrali il siciliano Tindaro Granata: il 98% degli spettatori ha espresso il voto massimo di gradimento per il suo “Antropolaroid”. L’autore e attore premio Ubu ha conquistato gli spettatori di Torre Marrana con uno spettacolo di rara bellezza già premiato dalla critica teatrale. Un lavoro di ricerca antropologica che fotografa, proprio come se l’attore ci mostrasse un album di polaroid, le diverse generazioni della famiglia Granata.“Antropolaroid” è la storia vera di una famiglia siciliana, tra gioie, dolori, matrimoni e migrazioni.

Il successo di questa edizione dimostra quanto sia vivo l’interesse del grande pubblico verso il teatro e la cultura, in un luogo in cui la struttura teatrale più vicina con una programmazione attiva dista più di 100 chilometri. A documentarlo non sono solo i numeri ma i calorosi e lunghi applausi degli spettatori giunti a Ricadi anche dai paesi limitrofi e da province lontane, come quelle di Reggio, Catanzaro o Cosenza, sia per la qualità della proposta artistica che per l’affascinante luogo che la ospita. L’associazione culturale Avvistamenti - formata da Andrea Paolo Massara, Maria Irene Fulco, Daniele Russo e Michele Paluci -  che ha ideato e organizza il Festival, è riuscita nel corso di tre anni a stimolare l'avvicinamento al teatro di una vasta fascia di persone di ogni età, favorendo la nascita di una vera e propria comunità di appassionati: un piccolo miracolo culturale nel territorio del vibonese.

Valeria Bonacci

[...]
 
Ufficio stampa 

 

Friday the 19th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.