Mercoledì, 13 Dicembre 2017 18:08

Centrodestra. Tour elettoralistico della ministra Lorenzin a Castrovillari

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

COMUNICATO STAMPA

La ministra Beatrice Lorenzin ha preferito la fuga piuttosto che incontrare le forze politiche e gli operatori sanitari e  conoscere la triste realtà dell’ospedale di Castrovillari.

Un tour elettoralistico della ministra che dopo aver “salvato” l’Italia tradendo Berlusconi ed il centro destra, aveva illuso i pochi sostenitori presenti che,  con la sua venuta avrebbe compiuto il miracolo e salvare l’ospedale di Castrovillari.

La visita ampiamente contesa e voluta dai consiglieri di alternativa popolare,  ha registrato l’assenza totale delle istituzioni e di cittadini castrovillaresi con la partecipazione di qualche sindaco del comprensorio,  e se non fosse stato per la presenza degli operatori sanitari, le forze di polizia ed il codazzo a seguito, la ministra avrebbe sfilata in assoluta solitudine  tra i reparti.  

Il tour elettoralistico a Castrovillari ed in  alcuni reparti,  tra cui l’emodinamica, ha messo in evidenza tutte le sue “conoscenze scientifiche mediche”  cadendo in un grossolano errore confondendo l’emodinamica che si occupa di patologie cardiache e di arterie, con l’ematologia.

La triste realtà che quotidianamente vivono  cittadini calabresi e del Pollino che non trovano risposte in un servizio sanitario pubblico e costretti ad attendere mesi per una semplice visita specialista ed emigrare verso altre realtà del Nord Italia.

Una gestione fallimentare della sanità calabrese e del commissario Scura, nominata proprio dal ministro Lorenzin per mettere ordine nella programmazione ed organizzazione sanitaria i cui risultati sono fortemente penalizzanti e che se solo si avesse un po’ di pudore doveva essere rimosso immediatamente così come il Presidente della giunta regionale Oliverio.

Nonostante i tagli ed  i pensionamenti senza integrazione con nuove assunzioni di medici, infermieri ed ooss, il deficit in soli tre anni passa da 30  a 100 milioni di euro, una mobilità passiva che va oltre 100 milioni di euro, i LEA che non vengono garantiti essendo anche l’ultima regione d’Italia in graduatoria, situazione che prolunga la gestione commissariale della sanità calabrese al collasso.

Questi sono i risultati del governo di centro sinistra regionale e nazionale mentre la ministra tutta presa a trovarsi un collocazione nel PD dopo che il suo partito si è dissolto come neve al sole.     

 

   Forza Italia – Noi con Salvini - Fratelli d’Italia – Popolari per L’Italia – Idea per Castrovillari           

 

Monday the 18th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.