Cultura

Cultura (534)

− COMUNICATO STAMPA −

Il 25 novembre, Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, è sempre più una data importante che richiama situazioni preoccupanti, drammatiche, che non possono fare a meno, per essere prevenute e combattute dell’impegno costante e sinergico tra famiglia, organismi ed istituzioni.

“Ecco perché il Comune di Castrovillari- afferma il Sindaco, Domenico Lo Polito- affianca ogni sensibilizzazione che viene suscitata per scuotere gli animi, le coscienze, gli atteggiamenti d’indifferenza al fenomeno, che è poi la violenza che pervade sempre più i rapporti, più in generale, tra la gente. Il Male di sempre!” L’Appuntamento del 25 , intitolato, “Nemmeno con un fiore” e dopo l’inaugurazione della mostra, avvenuta domenica scorsa presso il Teatro Vittoria a cura di Mystica Calabria guidata da Ines Ferrante, prevede, invece alle ore 16, un momento di preghiera e riflessione con Don Nicola De Luca, parroco della SS. Trinità, presso il Protoconvento francescano intorno alla panchina rossa, posizionata l’anno scorso di fianco al portone del Protoconvento per ricordare. Qui verrà benedetta una targa, dedicata a tutte le vittime del femminicidio. Subito dopo, sempre con la collaborazione di più associazioni e con il patrocinio del Comune e Provincia, nel Castello Aragonese si terrà, introdotto dalla sociologa Ivana Grisolia, promotrice del progetto “Panchina Rossa” e degli appuntamenti integrati, un incontro a più voci su “L’importanza della prevenzione e di azioni concrete contro la violenza sulle Donne” durante il quale verranno proiettati – ad arricchimento- pure i cortometraggi scritti a diretti da Diletta D’Ascia, presidente dell’Associazione “Gli Utopisti”.

Qui sono programmati i contributi, moderati dal giornalista Vincenzo La Camera, del Sindaco, Domenico Lo Polito, del consigliere provinciale delegato alle pari opportunità, Vincenzo Tamburi, di Franco e Matilde Lanzino -genitori dell’indimenticabile Roberta- rappresentanti dell’omonima Fondazione onlus, dell’avvocato Francesca Straticò, della criminologa scrittrice Monica Capizzano, della psicologa Rosa Cerchiara, del docente Antonio Bianchi e del giornalista Mediaset Simone Toscano, inviato di “Quarto Grado”.

In successione si terrà la fiaccolata con la partecipazione di studenti, a partire dal Protoconvento con conclusione dinanzi al Teatro Vittoria, e la premiazione, sempre nel “Vittoria”, del concorso letterario- artistico “Nemmeno con un fiore” a cura dell’associazione Mystica Calabria che prevede un premio speciale, per le scuole, in memoria della giovane giornalista Maria Rosaria Sessa. Saranno presenti i suoi genitori.

“Vogliamo dire no alla violenza contro le donne – ha spiegato il primo cittadino di Castrovillari invitando la cittadinanza all’evento– facendo squadra con i diversi soggetti del territorio e del luogo per tenere alta l’attenzione e la vigilanza su questo fenomeno sempre più recrudescente, che non può prescindere da azioni ed iniziative dedicate”.

Incontri e momenti di vario genere, che vogliono fare il punto sul tema, che desiderano ribadire il NO alla violenza, che puntano a scuotere gli animi e ribadire l’impegno di tutti perché non accada più, sono espressioni degne di sottolineatura, come il linguaggio e, di più, i rapporti, nonché le relazioni Umane, fondamentali per portare avanti un percorso d’inclusione e di non discriminazione, e per affermare quella cultura del rispetto dell’Altro e della non violenza che si auspica continuamente e che necessitano di essere Curati come una “piantina” che si vuole far germogliare, proteggere e far vivere.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari
(giampiero brunetti)

− COMUNICATO STAMPA −

Sabato 2 dicembre 2017 alle ore 18:00 in Castrovillari presso il Protoconvento Francescano si svolgerà il convegno “Archeologia nel territorio di Castrovillari, dalla valle del Coscile alle aree montane, Museo e nuove prospettive di ricerca”, organizzato dal Gruppo Archeologico del Pollino in occasione dei suoi 35 anni di attività. L’evento richiamerà l’attenzione sul Museo Archeologico di Castrovillari e, in particolare, sui reperti che documentano le antiche frequentazioni umane dei siti della vallata del Coscile posti in prossimità dell’abitato di Castrovillari; si parlerà del territorio del Parco Nazionale del Pollino in epoca protostorica e verrà presentato un progetto di studio sulle emergenze archeologiche del Monte Manfriana, sito di alta quota ricadente nel territorio di Castrovillari di grande importanza archeologica ma ancora poco indagato. Dopo i saluti istituzionali del Sindaco di Castrovillari Avv. Domenico Lo Polito, del Presidente del Parco Nazionale del Pollino On.le Domenico Pappaterra e del Direttore del Gruppo Archeologico del Pollino Avv. Claudio Zicari, seguiranno gli interventi del Dott. Carmelo Colelli, Archeologo collaboratore della Soprintendenza Archeologica, su “Castrovillari e il Pollino nella tarda Protostoria” e quelli del Dott. Felice Larocca, Speleo Archeologo dell’Università di Bari, su “Archeologia del Monte Manfriana, un progetto di ricerca, documentazione e tutela nel territorio di Castrovillari”. I lavori del convegno si chiuderanno con le conclusioni del Dott. Mario Pagano, Direttore della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Catanzaro, Cosenza e Crotone, massima autorità, nel nostro territorio, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Il convegno si propone di illustrare la notevole importanza archeologica del territorio del Comune di Castrovillari, che continua ad affermare la sua forte valenza di imprescindibile punto di riferimento per le ricerche nell’area del Pollino Calabrese e ciò anche per il ruolo dei servizi culturali del locale Museo, che il Gruppo Archeologico del Pollino sta svolgendo con grande impegno nell’ambito della sua ormai trentacinquennale attività profusa per la conoscenza, la tutela, la valorizzazione e la promozione dei Beni Culturali del territorio.

A cura dell’Ufficio Stampa del Gruppo Archeologico del Pollino

− COMUNICATO STAMPA −

Verrà inaugurata a Castrovillari, Domenica 19 Novembre 2017 alle ore 17.30 al Teatro Vittoria la Mostra "Nemmeno con un Fiore", annessa al Concorso artistico - letterario omonimo. Curata dall'associazione culturale Mystica Calabria, l'esposizione sarà visitabile tutti i giorni fino al 25 novembre dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 17.00 alle ore 19.00. Sia la mostra che il Concorso artistico - letterario, contro ogni forma di violenza nei confronti delle donne, riservati sia agli artisti del territorio che agli Istituti d'istruzione secondaria di secondo grado, sono stati realizzati nell’ambito delle iniziative organizzate dall'ideatrice del progetto "Panchina Rossa", Ivana Grisolia, con la collaborazione dell'associazione Mystica Calabria e con il patrocinio del Comune di Castrovillari e dell'Assessorato provinciale alle Pari Opportunità. Durante l'inaugurazione verrà anche presentato il Premio Speciale riservato alle Scuole e dedicato a Maria Rosaria Sessa, la giovane giornalista cosentina barbaramente uccisa dall'ex fidanzato. La premiazione avverrà il 25 novembre 2017 a Castrovillari in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza alle donne.

− COMUNICATO STAMPA −

Come ogni anno in concomitanza con la Giornata Mondiale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (20 novembre), arriva la Settimana Nazionale Nati per Leggere, pronta a celebrare, in tutti i presidi italiani NpL, il DIRITTO ALLE STORIE di tutti i bambini e le bambine.

E come ogni anno, il presidio locale NpL di Castrovillari partecipa con una serie di incontri volti a favorire l’incontro con il libro e le famiglie e a diffondere il piacere della lettura condivisa.

Ma quest’anno la ricorrenza è più emozionante perché il Punto Lettura NpL e la libreria La freccia azzurra che lo ospita, compiono il primo anno di vita!

Le attività della settimana inizieranno sabato 18 novembre alle ore 17:00 con STORIE SUONATE, un incontro volto alla scoperta di storie, suoni e ritmi, per bambini dai 6 mesi ai 6 anni (ma non saranno esclusi i bambini più grandi) insieme ai genitori. L’attività prende vita dalla voce narrante di Alessandra Stabile, libraia e referente NpL e dall’uso di suoni, realizzati da Nunzio Seminara, appassionato percussionista, al fine di permettere ai bambini di familiarizzare anche con gli strumenti percussivi, convenzionali e non, e favorire un primo approccio dei bambini al ritmo e alla poliritmia.

La serata del 18 continuerà con la proiezione del video 365 GIORNI DI STORIE! un racconto fotografico delle attività svolte durante l’anno presso la libreria e il Punto Lettura NpL e con la festa di compleanno.

Mercoledì 22 novembre dalle ore 17:00, il pediatra Enrico Guercio affronterà insieme ai genitori, un argomento di portata sociale ormai: l’uso e l’abuso delle tecnologie digitali sin dalla prima infanzia.

Nel corso della settimana, dal 20 al 24 novembre i bambini delle scuole dell’infanzia aderenti incontreranno i genitori al Punto lettura Nati per Leggere per condividere dei semplici momenti di lettura e godere di un momento di intimità e raccoglimento.

Tutti gli eventi si svolgeranno presso La freccia azzurra, su C.so Calabria, 80.

− COMUNICATO STAMPA −

Grande appuntamento a Maratea, venerdì 10 novembre 2017, con inizio alle ore 18 nella Sala Mara@congress, per la presentazione del libro di Olimpia Regina, Squarci di Palestina, pubblicato dalla casa editrice cosentina Progetto 2000.

La Pro Loco di Maratea ha inteso coinvolgere sia il Comune, che la Provincia di Potenza e il Consiglio Regionale della Basilica per parlare di un volume che affronta il problema della convivenza, in un’unica terra, tra ebrei e palestinesi.

Dopo i saluti degli organizzatori dell’incontro e delle autorità: il presidente della Pro Loco “La Perla” di Maratea Pierfrancesco De Marco; il sindaco di Maratea Domenico Cipolla; il presidente della Provincia di Potenza Nicola Valluzzi; il presidente del Consiglio Regionale della Basilicata Francesco Mollica; sono stati chiamati a discutere con l’autrice del volume: l’editore di Progetto 2000 Demetrio Guzzardi; la dirigente scolastica di Maratea Carmela Cafasso; il coordinatore del “Centro lucani nel mondo” Luigi Carmine Scaglione e il senatore Gian Guido Folloni, presidente dell’Istituto nazionale per l’Asia e il Medioriente; i lavori saranno coordinati da Luisa Zaccaro.

Il testo di Olimpia Regina, come scrive nella sua presentazione al libro l’ambasciatore di Palestina in Italia, Mai Alkaiale, «è la testimonianza diretta e quotidiana di una donna che negli anni Ottanta, ha vissuto per lunghi periodi in Palestina e in Israele»; con un registro narrativo molto interessante, l’autrice ci introduce nel mondo, specialmente quello femminile, della Palestina, che ancora oggi vive problematiche che meritano l’attenzione del mondo occidentale; il testo accompagnato da 11 schede esplicative riesce a far conoscere storie e situazioni che gli uomini e le donne della Palestina vivono sulla loro pelle.

− COMUNICATO STAMPA −

Organizzato dalla delegazione del FAI – Pollino per sabato prossimo 11 novembre alle ore 17 presso la sala consiliare del comune di Castrovillari un convegno sul tema “La grande fauna appenninica nel mezzogiorno d’Italia”. Dopo il saluto del sindaco Domenico Lo Polito sono previsti gli interventi di Donatella Laudadio, capo delegazione Fai Pollino e dell’editore Mimmo Sancineto. La introduzione è affidata a Francesco Caruso, delegato Fai Pollino per l’ambiente. Seguirà la relazione a cura di Franco Tassi del Centro Parchi Internazionale.

Il convegno sarà l’occasione per conoscere ed apprezzare in tutti i suoi aspetti le specie di fauna esistenti in tutta la fascia appenninica del sud Italia. Un posto di rilievo lo avrà certamente il lupo , questo splendido animale alcune volte conosciuto, a torto, come l’emblema del male e non già una specie diversa come ve ne sono tante altre. E negli anni 70 proprio Franco Tassi, all’epoca direttore del Parco Nazionale d’Abbruzzo, prese a cuore il destino di questo predatore pubblicando anche il primo studio scientifico moderno sul lupo appenninico, lanciando anche la storica “operazione San Francesco” in difesa di questo animale seriamente minacciato e smentendo, così, la leggenda del lupo cattivo. In seguito a ciò anche il governo nazionale accolse le sue tesi vietando, nel luglio del 1971, l’esercizio venatorio e l’uso di bocconi avvelenati.

Mario Alvaro
Delegato alla Comunicazione Fai - Pollino

Pagina 8 di 54
Tuesday the 11th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.