Cultura

Cultura (493)

COMUNICATO STAMPA

Un pomeriggio all’insegna della cultura quello che si è svolto presso l’Associazione Khoreia 2000 di Castrovillari, in occasione della Cerimonia di Premiazione dei finalisti e dei vincitori, provenienti da tutta l'Italia e dall'estero, del "Premio Internazionale Città di Castrovillari – Poesia, Prosa, Arti figurative e Teatro" seconda edizione. Evento organizzato dalle associazione culturali Khoreia 2000 e Mystica Calabria, il cui scopo è quello di promuovere e diffondere l'arte, la letteratura e le manifestazioni culturali in Calabria. Il Premio nasce, per valorizzare non solo gli scrittori, i poeti, gli artisti e le opere che ne prendono parte,  ma anche il territorio. Anche quest’anno tantissime le opere iscritte e giunte sia dall’Italia che dall’estero (quasi 500) che sono state vagliate da un Comitato di Lettura prima (eterogeneo per età, professione, sesso e quant’altro) e di una giuria tecnica composta dalla prof.ssa  Ines Ferrante (presidente Mystica Calabria), dalla dott.ssa Rosy Parrotta (regista teatrale) e  dalla dott.ssa Angela Micieli (autrice e critica). Presidente di giuria, l’ avv. Lucio Rende (già assessore alle cultura). Presenti in occasione della premiazione, il sindaco di Castrovillari, Mimmo Lo Polito ed l’assessore provinciale alle politiche sociali e pari opportunità, Vincenzo Tamburi. Entrambi hanno sottolineato la valenza della manifestazione non solo per gli scrittori, i poeti, gli artisti che hanno preso parte al premio ma, tale circostanza risponde, hanno sottolineato i due amministratori,  anche all’esigenza di accrescere i numeri del turismo culturale a Castrovillari e nel territorio, in un periodo considerato non di alta stagione, pianificando per gli interessati visite guidate in città e nel Parco Nazionale del Pollino. La giuria, alla fine di un complesso e meticoloso lavoro di lettura, ha stilato la classifica pubblicata sul sito Concorsiletterari.it - Homepage. Tanti i riconoscimenti, tantissimi i partecipanti che hanno travalicato anche i confini nazionali.

Per la poesia inedita a tema libero sono stati premiati

1° classificato Letizia Papaianni - E’ solo vento - Taverna di Montalto Uffugo (CS), 2° classificato Rita Minniti - Di questo amore quanto amore - Cava dei Tirreni, 3° classificato Flavio Provini - Il volo di Mohamed – Milano. Menzione d’onore: Alessandra Di Santo - Gente senz’amore – Francia, Giuseppe Sergi - Profughi - Fiumara (RC) e Anna Maria Deodato - Sarajevo - Palmi (RC). Per la Poesia inedita in vernacolo: 1° classificato Saverio Macrì - Veni ‘nta terra - Bovalino (RC), 2° classificato Angelo Canino - Munnu amearu - Acri (CS), 3° classificato Luciano Gentiletti - Li regali de la guerra  Roma. Menzione d’onore: Massimo Zona - Storia de Roma – Roma. Per il Racconto inedito: 1° classificato  Peppe Millanta - Rukelie - Francavilla al mare (CHIETI), 2° classificato  Rolando Perri - La Ruota degli Esposti – Cosenza, 3° classificato  Maurizio Bascià - Il dolce profumo degli oleandri - Gallico (RC). Per il Romanzo inedito: 1° classificato  Michele Barbera -Il futuro ci appartiene - Menfi (AG), 2° classificato  Ilina Sancineti - Decimus - Castrovillari (CS),3° classificato  Giovanni Peluso - Notte di luna rossa - Martina Franca (TA). Menzione d’onore: Paola Curia - Che storia vuoi che ti racconti – Cosenza, Paola Dell’Erba - Pigmento blu29 – Austria. Per la Raccolta di poesie inedite: 1° classificato  Marcello Fico - Paesaggi - Terni­,2° classificato  Mauro Romano - Quel realismo sognante - Nola (NA),3° classificato Giuseppe Blandino - Fragilità ancestrali - Rosolini (SIRACUSA). Menzione d’onore: Flavio Tamiro - Enotrio per caso – Lecco. Per il Libro edito poesia:1° classificato Stanislao Donadio -Dalle clarisse madri - Bisignano (CS),2° classificato Franco Casadei - Il bianco delle vele – Forlì,3° classificato Giovanni Bottaro - Verso l’epilogo – Bologna. Menzione d’onore: Enrico Inferrera e Valentina Alescio - Diversi paralleli – Napoli,Claudio Tugnoli  - Le mani dell’anima  - Trento,Renato di Pane - Dentro me stesso – Messina. Per il Romanzo edito: 1° classificato  Alessandra Cinardi - Vita e il libro dei morti – Roma,2° classificato Natale Vulcano - L’azzurro squarciato di Ester - Rossano (CS),3° classificato Emilio de Roma  - DISUGUAGLIANZE. Storie di fratellanza delusa – Avellino. Menzione d’onore: Anna Laura Cittadino - I bucaneve di Ravensbruck - Rende (CS),Guido Maschera - Il silenzio di Ibsen, della pioggia e del mare – Biella,Daniela Trovato - Aqua - Acireale (CT), Pat Porpiglia  - Giovani Calabresi: speranze e delusioni - Reggio Calabria. Per il Saggio edito: 1° classificato Rolando Perri - Elisabeth Rousset - Boule De Suif – Cosenza,2° classificato Roberto Franco - La geologia nella Divina Commedia - Gangi  (PA),3° classificato ex aequo:Rossella Tallerico - Impossibile gridare, si ulula - Sellia (CZ),Vittorio Casali - La Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma e i suoi dintorni – Roma. Menzione d’onore con nota di merito: Giovanni Brandi Cordasco Salmena di San Quirico - Sybaris e gli alleati. L’egemonia di Timpone della Motta nel trattato di Olimpia con i Serdàioi - Francavilla Marittima (CS). Per le Arti figurative:1° classificato Vincenzo Di Marco - Ritratto – Trapani,2° classificato Isabella Cunsolo - L’arco dell’incanto—Catania,3° classificato Rosario Parisi - Modica sotto la neve - Modica (RAGUSA). Per l’Opera teatrale inedita: 1° classificato Francesco Maria Siani - Angelus die – Salerno,2° classificato Maria Carla Curia - Anna Lucia – Napoli, 3° classificato Stefania De Ruvo - Pronti a tutto – Ancona. Per l’ Opera teatrale edita: 1° classificato Marco Ciaramella - Il compromesso - Pontedera (PISA),2° classificato Anna Hurkmans  - Madre coraggio a giugno – Roma. Per la sezione Scuole: 1° classificato ex aequo:Classi IV A e IV B Scuola Primaria Santi Medici - Poetando, calligrammi e poesie – Referente pro.ssa Francesca Malfitani - Castrovillari (CS),Classi IV C e IV D Scuola Primaria Santi Medici - A te papà - Referente prof.ssa Anna Fragale - Castrovillari (CS). ( foto di Francesco Propato)

Anna Rita Cardamone

 

Martedì, 29 Maggio 2018 15:37

Castrovillari. Città che legge

Scritto da

Anche per il 2018/2019 Castrovillari riceve la qualifica di “Città che legge” dal Ministero dei beni  e delle attività culturali e del turismo.

Lo  comunica, soddisfatto, il Sindaco, Domenico Lo Polito, ribadendo l’importanza e portata del riconoscimento per una cittadina del Sud che è arrivata a questo grazie, soprattutto, all’azione inclusiva e compartecipata di più soggetti ed associazioni per la promozione della lettura e, quindi, dei libri, espressione di crescita nella conoscenza.

L’attestazione, ancora una volta, arriva dal Centro per la promozione del libro e della lettura, istituito come ente autonomo dal MIBACT, conferito d’intesa con l’ANCI–Associazione Nazionale Comuni Italiani-, volta a individuare  quelle amministrazioni comunali dedite, attraverso un impegno costante, a sviluppare politiche pubbliche di promozione della lettura. 

Un dato, poi,  che testimonia ricadute positive per le giovani generazioni e qualità della vita stessa, individuale e collettiva.

Una conferma- sottolinea Lo Polito-  che vale una scommessa, legata, soprattutto, all’educazione della persona, che ci spinge a creare momenti d’incontro con protagonisti ed  autori che raccontano, attraverso il libro, per trasmettere.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

 

COMUNICATO STAMPA

Hanno fatto rete attorno al teatro della legalità le scuole del territorio che hanno partecipato al Premio Pagano, giunto alla sesta edizione e istituito, ad Amendolara, in memoria del giudice Umberto Pagano. La manifestazione è organizzata dall’Associazione per lo Sviluppo dell’Alto Jonio, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Amendolara - Oriolo - Roseto Capo Spulico e il patrocinio del Comune. Gli studenti sono diventati attori protagonisti di brevi videoclip, a tema libero, riguardanti i problemi più attuali della società civile: dalla Costituzione, spesso non rispettata nei suoi principi fondamentali, al bullismo e all'integrazione; dal giudizio facile verso gli altri al modello educativo di don Milani che raccoglieva i bambini dalla strada istruendoli.

Ipsia "Aletti" di Trebisacce; Istituto Comprensivo di Amendolara con la II A e II D della Secondaria di Primo Grado; Istituto Comprensivo di Taverna di Montalto Uffugo con la II C e la II A della Secondaria di Primo Grado; Scuola Secondaria di Primo Grado di Castrovillari con la II F; Liceo Scientifico dei Licei "San Nilo" di Rossano con la IV A, le scuole partecipanti al Premio, che quest'anno si è trasformato in una sorta di workshop senza un vincitore.

La proiezione dei lavori è avvenuta durante l’incontro, moderato dal giornalista e direttore di Paese24.it, Vincenzo La Camera, e tenutosi sabato mattina (26 maggio) presso l’agriturismo “La Lista” di Amendolara Marina. Hanno partecipato: Antonio Pagano, presidente dell’Associazione per Lo Sviluppo dell’Alto Jonio; Carmen Ambriani, dirigente scolastico Istituto Comprensivo di Amendolara - Oriolo - Roseto Capo Spulico; Antonello Ciminelli, sindaco di Amendolara; Vincenzo Diego, vicesindaco di Oriolo. Ospiti d’eccezione, i famosi attori Francesco Manetti, docente all’Accademia nazionale di Arte Drammatica “Silvio d’Amico” di Roma, e Paolo Briguglia, recentemente impegnato nella serie TV “Il cacciatore”, trasmessa su RaiDue, e noto, inoltre, al grande pubblico come il fratello di Peppino Impastato nel film “I cento passi”, nonché compagno di viaggio di Rocco Papaleo e Alessandro Gassman in "Basilicata coast to coast".

«Il teatro - ha spiegato il consigliere parlamentare Pagano - è un’opportunità, uno strumento che consente di mettere a fuoco i valori di una comunità. Si oppone al silenzio, che spesso è ignoranza e omertà, contribuendo ad una consapevolezza del vivere civile e della formazione di una coscienza dello Stato».

«Sul valore educativo e civile del teatro, che riesce a coniugare creatività e rigore» si è soffermata anche la preside Ambriani, che ha parlato del ruolo della scuola «per la costruzione dell’essere, fondamentale per poter agire coerentemente». Il teatro, dunque, come «guida all’inclusione». Un Premio pensato e ideato per i giovani, perché - come ha detto il vicesindaco di Oriolo - «sono loro il futuro della nostra terra. E’ necessario - ha aggiunto Vincenzo Diego - creare le condizioni per sviluppare insieme il territorio, e tutelarne la storia, il patrimonio, la cultura. Attore principale della società è il cittadino».

A delineare, invece, la personalità del giudice Pagano, già presidente della Corte d’Assise di Bari e della Corte d’Appello di Lecce, per farla conoscere anche ai giovani presenti, il sindaco di Amendolara, Antonello Ciminelli. Umberto Pagano, a cui è intitolato il Premio, era un uomo che, nonostante i prestigiosi ruoli ricoperti, non si è mai piegato al potere, caratterizzandosi, sempre, per senso di giustizia e umiltà.

Con gli interventi degli attori Manetti e Briguglia, che, dopo i loro saluti, non si sono risparmiati nel rispondere alle domande più curiose degli studenti, si è entrati nel vivo della manifestazione. «La responsabilità più grande del teatro - secondo Manetti - è formare degli uomini. Alla messa in scena si arriva dopo un percorso, ed è questo ciò che conta. Il teatro è studio continuo, luogo d’incontro poiché costringe al compromesso, a mettere da parte le incomprensioni; unisce gli uomini per raccontare delle storie, fondamentali per una comunità. Ascoltare una storia provoca coraggio e consapevolezza». Manetti ha, poi, auspicato «un “Festival delle scuole”, all’insegna dei laboratori teatrali». Un progetto di collaborazione, dunque, a lungo termine. La sesta edizione del Premio Pagano porta in dote l'impegno delle istituzioni presenti e degli attori stessi di realizzare un teatro della legalità permanente nelle scuole, a partire dal prossimo anno scolastico.

Pensiero condiviso anche dall’attore Briguglia, il quale ha parlato di «un mestiere che ha poco a che fare con la notorietà, ma che è crescita, confronto, consapevolezza». E, in riferimento al linguaggio e all’espressività, ha aggiunto: «Se il teatro non parla a chi ha davanti, non parla». «Essere se stessi e fare un percorso di vita», il messaggio finale ai ragazzi, i quali, incuriositi, hanno dato prova del fatto che legalità sia nelle piccole cose.

Ufficio Stampa

Federica Grisolia

(Agenzia di Comunicazione Vincenzo La Camera - Paese24.it)

COMUNICATO STAMPA

LA  CASA CIRCONDARIALE DI CASTROVILLARI RENDE NOTO CHE,  IL GIORNO 31.5.2018 ALLE ORE 9.30, SI SVOLGERA' IN  QUESTO ISTITUTO LA MANIFESTAZIONE "SI VA IN BIBLIOTECA" REALIZZATA IN  COLLABORAZIONE CON L'ASSOCIAZIONE SOROPTIMIST INTERNATIONAL ITALIA SEDE DI  COSENZA  , CHE PREVEDE  L'INAUGURAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA DELLA SEZIONE FEMMINILE E  MASCHILE.

IL  PROGETTO SI INSERISCE NELL'AMBITO DELLE ATTIVITA' PROMOSSE DAL PROTOCOLLO  D'INTESA SIGLATO TRA L'ASSOCIAZIONE ED IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO  AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA.

OSPITE DELLA MANIFESTAZIONE LA PRESIDENTE NAZIONALE  DELL'ASSOCIAZIONE DOTT.SSA PATRIZIA SALMOIRAGHI.

L'ASSOCIAZIONE SOROPTIMIST INTERNATIONAL, PROMOTRICE  ANCHE DEL PROGETTO  DONNA@SALUTE -  PROGETTO REALIZZATO LO SCORSO 11 MAGGIO CON LO SCREENING AL SENO - ACCERTAMENTI  CLINICI REALIZZATI CON I MEDICI DELL'ASSOCIAZIONE  SENOLOGO DOTT. ANTONIO SALAMANCA  RADIOLOGO DOTT. SERGIO ABONANTE - REALIZZA IL "SI" - PROGETTI DI SERVIZIO SUL  TERRITORIO SOPRATTUTTO IN FAVORE DELLA POPOLAZIONE DETENUTA FEMMINILE -  COOPERANDO CON IL CENTRO TERRITORIALE ADULTI ( SCUOLA  DI PRIMO GRADO INTRAMURARIA ). 

LA  MANIFESTAZIONE E' RIVOLTA ALLA POPOLAZIONE DETENUTA RISTRETTA.

                                    LA DIRETTRICE DOTT.SSA MARIA LUISA  MENDICINO

COMUNICATO STAMPA

Amendolara si prepara a vivere anche quest'anno la giornata dedicata al Premio Pagano, appuntamento che da sei anni a questa parte si è ritagliato un posto tra le prime pagine dell'agenda del comprensorio e non solo. L'Associazione per lo Sviluppo dell'Alto Jonio ogni anno coinvolge gli istituti scolastici della provincia di Cosenza in un concorso legato ai valori della legalità e della partecipazione alla vita sociale, veri strumenti per una necessaria inversione di rotta. Sono attesi ad Amendolara, presso l'agriturismo La Lista, sabato 26 maggio dalle ore 10, l'IPSIA "Aletti" di Trebisacce; l'I.I.S. di Rossano con i licei classico, scientifico e artistico; l'Istituto Comprensivo di Taverna di Montalto Uffugo; la Scuola Media "De Nicola" di Castrovillari e l'Istituto Comprensivo di Amendolara che collabora con l'Associazione per lo Sviluppo dell'Alto Jonio nell'organizzazione del Premio, patrocinato dal Comune di Amendolara.

Il presidente dell'associazione, Antonio Pagano, consigliere parlamentare, coadiuvato dagli altri soci, ha puntato sin dall'inizio sulla crescita del Premio nel territorio dell'Alto Jonio, affidandogli un alto valore simbolico riconosciuto nel ruolo della scuola come palestra di buone pratiche di cittadinanza attiva. Il Premio è dedicato alla figura del giudice Umberto Pagano, originario proprio del "Paese delle mandorle", persona dai riconosciuti valori e etici, umani e professionali. Ogni anno il Premio si interroga e interroga i ragazzi su tematiche attuali legate al mondo della scuola sempre lungo il fil rouge della legalità, portando ad Amendolara personaggi noti del panorama nazionale. Quest'anno la tematica risulta essere particolarmente affascinante soprattutto per le opportunità e le prospettive che potrebbe creare nel medio termine. I ragazzi per la sesta edizione del Premio parteciperanno sabato 26 maggio all'incontro dal titolo "Il teatro della legalità". Gli studenti illustreranno  i lavori prodotti avendo la possibilità di conoscere e relazionarsi con due noti attori come Francesco Manetti, dell'Accademia nazionale di Arte Drammatica "Silvio d'Amico" di Roma e Paolo Briguglia, recentemente impegnato nella serie TV "Il cacciatore", trasmessa da RaiDue, che ha raccontato il periodo immediatamente successivo alle stragi di Capaci e via D’Amelio, quando lo Stato seppe reagire all’attacco di Cosa Nostra arrestando spietati boss.

La prima parte della mattinata ospiterà un dibattito sulle reali possibilità di istituire presso le scuole del comprensorio un "teatro della legalità". Ne discuteranno, moderati Vincenzo La Camera, giornalista e direttore di Paese24.it: Antonio Pagano, presidente A.S.A.I.; Carmen Ambriani, dirigente scolastico Istituto Comprensivo di Amendolara - Oriolo - Roseto Capo Spulico; Antonello Ciminelli, sindaco di Amendolara; gli attori Briguglia e Manetti, dirigenti scolastici e docenti. Successivamente gli studenti ospiti parteciperanno ad un workshop tenuto dai due attori sull'arte del teatro e le tecniche di recitazione.

 

Vincenzo La Camera, giornalista e ufficio stampa "Premio Pagano"

COMUNICATO STAMPA

In occasione  dell’esposizione, dal 13 al 27 maggio,  al Teatro Regio di Torino, di opere dell’indimenticabile Maestro Luigi Le Voci, castrovillarese ,  scomparso  nell’aprile 2015 ,  l’Amministrazione comunale , attraverso l’Assessore Pino Russo, lo ricorda sottolineandone la grande capacità nell’esprimere la densità della vita attraverso i colori e le pennellate sulla tela, ma anche nel rendere tutto ciò che incontrava, come la ricchezza della tradizione, stupendo e come solo l’arte sa fare. Il titolo della mostra “La Vita a chi la vive “ richiama con forza proprio questo assunto.

Le sue manifestazioni- afferma l’amministratore Russo- erano caratterizzate sempre da passaggi semplici e con un Cuore da bambino, a tal punto che ogni cosa lo sorprendeva, emozionandolo. Un Tratto che la sua Città, il Territorio e la Calabria non dimenticano come la sua passione per l’esistente , l’amore per la sua Terra e le capacità (che la rendono grazie a uomini e donne i quali  la costituiscono con quella identità propria che sanno trasmettere) lo hanno affermato, contribuendo a dare un’immagine positiva del Mezzogiorno d’Italia .”

“Insomma un Talento attento- rilancia l’Assessore Russo- , che ha saputo far rifluire le vocazioni che possedeva nelle sue Radici, tra i luoghi, dalla sua Castrovillari a Parigi, passando per Torino, Milano ed altre città, come fra le persone nei tanti incontri vissuti e che ha Testimoniato la sua esistenza o, ancora, rappresentano oggi occasioni del genere dove lo vedono interprete di sensazioni e sentire unici. Espressioni , dunque, di una forza  e dedizione che lo hanno sempre  connotato come la bellezza che sapeva  percepire misteriosamente in ogni cosa e creatura.”

“Ecco perché – conclude Russo- ci è sembrato importante collegare il nostro sentire a questa iniziativa che lo rappresenta ancora palpitante nella Torino (dove fece diverse mostre alla Galleria La Dantesca) che amava tanto per quelle impressioni ed aspetti che la città sapeva “infondere” alle sue tavolozze, rendendolo, con tutto ciò che era, artista famoso e geniale.”

Il suo spirito eclettico ed estroverso e la sua espressività lo hanno , così, portato al centro dell’attenzione, valorizzandolo per quello che era.  

Un’occasione umana d’incontro pregna di risorse e con uno sguardo dell’altro mondo verso gli altri e la realtà che lo circondava e lo suscitava continuamente come amava dire agli amici.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

Pagina 1 di 50
Wednesday the 20th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.