Giovedì, 18 Gennaio 2018 21:54

Oriolo. L’AC scommette sul Polo museale e culturale

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il teatro La Portella Il teatro La Portella Crediti dell’immagine non indicati
− COMUNICATO STAMPA −
 
L'Amministrazione Comunale di Oriolo punta decisa sulla cultura. E lo fa in maniera strutturata e programmatica, convinta che soltanto in questa maniera il settore potrà davvero offrire un ritorno di immagine e occupazionale per il paese e per il territorio in genere. Prende forma, dunque, l'ambizioso progetto del "Polo museale e culturale", vero fiore all'occhiello dell'azione amministrativa. Dopo aver recuperato gran parte dei beni culturali del comune, l'Amministrazione Comunale di Oriolo, guidata dal sindaco Giorgio Bonamassa, rientra anche tra i beneficiari di un importante finanziamento per i grandi eventi di rilievo regionale e nazionale. Fondi europei, erogati dal Dipartimento Turismo, Beni Culturali, Istruzione e Cultura che contribuiranno per un triennio a finanziare, con circa 30.000 euro annui, l'Oriolo Cult Festival, manifestazione che si svolge ad Oriolo nel periodo estivo ed incentrata maggiormente sul teatro, ma anche sulle arti, sul cinema e sulla cultura in genere, con rappresentazioni, spettacoli ed eventi che accolgono turisti e residenti nel magnifico scenario naturale del teatro La Portella. Grazie all'ingresso nel circuito dei grandi eventi, la kermesse di Oriolo, potrà ulteriormente impreziosirsi, consacrandosi come punto diriferimento per il teatro.
 
A proposito del teatro La Portella, inoltre, nell'ottica del miglioramento del confort per gli spettatori, sulle gradinate sono stati di recente installati dei comodi sedili. L'intervento rientra in una più vasta operazione di recupero dei beni culturali, finanziata con circa 700.000 euro di fondi Pisl (Progetti integrati di sviluppo locale) che comprende, tra altre cose, anche la realizzazione di una "Casa delle associazioni, delle arti e delle idee" da allocare in un antico edificio nel centro storico di Oriolo, adiacente al già recuperato Palazzo Giannettasio. I lavori sono già iniziati con l'obiettivo di consegnare la struttura a primavera, che potrà così diventerà luogo di ritrovo e interscambio socio-culturale tra le realtà del comprensorio. Infatti, da come ci tiene a sottolineare il vicesindaco Vincenzo Diego, «tutte gli edifici storici che stiamo recuperano ad Oriolo, riconsegnandoli alla collettività, sono un bene comune e quindi a disposizione di tutti i nostri concittadini, ma anche di tutto l'Alto Jonio, e non solo, per la realizzazione di iniziative e progetti culturali».
 
Vincenzo La Camera, giornalista
Ufficio Stampa Comune di Oriolo (Cs)
Ἀδάμας Mέλας (Adàmas Mèlas)

Semper adamas

«La mia gente non ha paura di nulla, nemmeno delle parole»
(Gabriele d'ANNUNZIO, principe di Montenevoso)

«Ritti sulla cima del mondo, noi scagliammo, una volta ancora, la nostra sfida alle stelle!»
(Filippo Tommaso MARINETTI, Manifesto del Futurismo, in «Le Figaro», PARIGI, 20 febbraio 1909)

Vi Veri Veniversum Vivus Vici

Wednesday the 12th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.