Angela Micieli

Angela Micieli

COMUNICATO STAMPA

Si svolgerà a Castrovillari, Sabato 21 Aprile 2018, una manifestazione in  difesa dell'articolo 32 della Costituzione, una manifestazione in difesa del  diritto alla salute troppe volte piegato agli interessi di pochi in questa  nostra regione. Il corteo, organizzato dal MeetUp Castrovillari a 5 stelle, partirà da  piazza Municipio alle ore 10:00 e vedrà la partecipazione dei Parlamentari del Movimento 5 stelle Francesco Sapia, Francesco Forciniti, Elisa  Scutellà e Rosa Silvana Abate, muovendo su via Roma fino all'ospedale  Ferrari di Castrovillari. Tutti i cittadini del Pollino devono sentirsi in dovere di partecipare alla  manifestazione poiché il diritto alla salute non ha colore politico e  territorialità, ma appartiene a tutti noi indistintamente. Presso il Nosocomio cittadino si svolgerà poi un Agorà pubblica con tutti i  cittadini e le associazioni, dove si chiederanno spiegazioni ed azioni  concrete per risolvere i tanti problemi che riguardano lo Spoke di  Castrovillari, che ad oggi non vede ancora attivi i servizi essenziali  previsti dalla normativa regionale. Nel pomeriggio poi è previsto l'intervento del portavoce alla Camera dei  Deputati Massimo Misiti alle ore 16:00 su Kontatto Radio, lo stesso Dott.  Misiti parteciperà, al termine della trasmissione, al banchetto in piazza  municipio per incontrare i cittadini di Castrovillari. La salute è un diritto fondamentale, sancito e tutelato dalla Costituzione,  non può e non deve essere soggetto a giochi di potere, a profitti economici  ed a logiche politiche. Gli attivisti di Castrovillari invitano tutti i cittadini indistintamente a  partecipare ed a difendere i diritti di tutti noi.

 

Meetup CASTROVILLARI A 5 STELLE  

COMUNICATO STAMPA

Avanzano speditamente i lavori di ripristino e messa in sicurezza della strada di accesso al Santuario della Madonna del Castello di Castrovillari.

Lo rende noto il Sindaco, Domenico Lo Polito, in seguito al sopralluogo congiunto svolto questa mattina insieme all'Ufficio di direzione dei lavori, costituito dagli ingegneri Milione, Saraceni, Morrone, il geometra Martire, al tecnico del Comune, l’ingegnere Roberta Mari , ed al collaudatore in corso d'opera l’ingegnere Capani, con i rappresentanti dell'impresa Verbicaro.

“Dopo 42 giorni di sospensione, dovuti, purtroppo, alle avverse condizioni meteo, sono già visibili- sottolinea il primo cittadino-  gli interventi effettuati che porteranno, prima dell'estate, alla riapertura della strada che la città attende da tempo dopo il crollo del febbraio 2012.”

“L’importante opera, attenzionata– ha aggiunto-, è parte integrante del programma che stiamo portando avanti, consapevoli del ruolo che svolge l’esistente per la nostra popolazione. ”

 “L’Amministrazione comunale di Castrovillari, così,  continua – conclude - ad affrontare ed accompagnare  le varie questioni per la loro soluzione, fondamentale per la crescita della comunità e l’inserimento dei luoghi in quelle “Vie” regionali che ci appartengono e che caratterizzano storia, tradizione, religiosità ed identità come Fede, Castelli, Enogastronomia rappresentano con il costume e la cultura che ci rende.”

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

 

Importante principio giurisprudenziale è stato di recente affermato dal Tribunale di Castrovillari -Giudice del lavoro dott.ssa Lambriola - che con Ordinanza esecutiva condanna l'Istituto Vittorio Veneto della città del Pollino a pagare il TFR dell'insegnante G. G. .

Nonostante la ritrosia e il diniego del "Vittorio Veneto" più volte opposti per non riconoscere il trattamento di fine rapporto dell'insegnante, il Tribunale ha condannato l'Istituto religioso a pagare il TFR accumulato negli anni dalla stessa, nonostante l'assemblea dei soci avesse votato per la rinuncia e l'accantonamento del TFR al fine di ripianare le perdite pregresse dell'istituto religioso.

Soddisfatto il legale dell'insegnante, avv. Livio Faillace, che in primis stigmatizza l'atteggiamento dell'Istituto religioso che dovrebbe riconoscere e non privare il lavoratore dei propri frutti dopo anni di sacrifici e ore di insegnamento, anche oltre le proprie ore sindacali, men che meno per ripianare le perdite dell'Istituto religioso causate da chi lo gestisce e non dai dipendenti che ci lavorano.

Inoltre importante è il principio affermato dal Tribunale in quanto si è riconosciuto come  il trasferimento alla società cooperativa di diritti o beni di pertinenza del singolo socio lavoratore non può essere realizzato unilateralmente e "coattivamente" dalla medesima società attraverso l'attività di un proprio organo (nel caso di specie, l'assemblea), ma può realizzarsi solo attraverso un atto negoziale - cessione o rinunzia individuale  e per iscritto - che nella vicenda in esame non c'era mai stato. In sintesi  non possono le perdite pregresse di una società costituire un valido motivo per privare i dipendenti dei propri diritti economici - come ad  es. il TFR senza il consenso degli stessi.

COMUNICATO STAMPA

Chi differenzia meglio più risparmia. Lo afferma in una dichiarazione alla stampa l’Assessore all’Ambiente del Comune di Castrovillari, Pasquale Pace, che a nome e per conto dell’Amministrazione comunale segue, con gli Uffici, tale materia rendendo i percorsi predisposti, funzionali ad un cambio di passo delle abitudini dei cittadini, fondamentali per incentivare una raccolta differenziata  che valorizzi  tutte le materie contenuti nei rifiuti.

“Dopo la soglia del 67% a cui è pervenuto il capoluogo del Pollino nel differenziare si punta al rialzo con programmazioni dedicate e, soprattutto, - afferma l’Assessore- con l’avvio di ulteriori metodiche virtuose di monitoraggio e differenziazione per diminuire al massimo ciò che deve andare in discarica.”

“E’ in questa scia che si muove ed articola il piano finanziario specifico- aggiunge- proposto e votato dal Consiglio  per l’anno 2018 nel Bilancio di previsione, al fine di attenuare il carico impositivo del tributo e per incentivare la riduzione della produzione dei rifiuti. Così, ecco le forme di riduzioni che non possono prescindere dalla partecipazione. Una riduzione del 30% della tariffa- precisa l’amministratore-, per la sola quota variabile del tributo, sarà riconosciuto, per esempio,   alle utenze domestiche che effettuano il compostaggio domestico e che hanno sottoscritto la convenzione con il Comune entro il 2017 ovvero per tutte le utenze che risiedono nelle zone ove non è prevista la raccolta della frazione organica; una riduzione fino al 50%, invece, per la sola quota variabile del tributo sarà ammessa a quelle utenze non domestiche, calcolata con riferimento alle quantità di rifiuti speciali assimilati che il produttore dimostra di aver avviato a riciclo, direttamente o tramite soggetti autorizzati, mediante specifica attestazione rilasciata dall'impresa, a ciò abilitata, che ha effettuato l'attività di recupero ed in proporzione al quantitativo totale teorico di rifiuti prodotto dalla stessa utenza; di un’altra riduzione del 30%, e ancora  per la sola quota variabile del tributo, potranno avvalersene le abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso non continuativo ma ricorrente purché non superiore a 183 giorni nell’anno solare.”

“Inoltre- ricorda l’Assessore Pace- nelle famiglie in cui sono presenti componenti con età inferiore ai 30 anni, calcolata alla data 31 gennaio 2018, domiciliati in altri Comuni per motivi di studio, il calcolo della parte variabile della tariffa non terrà conto di tale componenti. Le utenze per avere questa riduzione dovranno presentare copia del contratto di locazione regolarmente registrato, della durata minima di mesi sei nell’anno corrente. La riduzione, se spettante, verrà attribuita a conguaglio, nell’anno successivo di applicazione della tariffa.  La tariffa, poi,  sarà minore sull’intero tributo  per le famiglie economicamente disagiate e per quelle in cui vi sia la presenza di un portatore di handicap. Ciò verrà applicato sulla base dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) del nucleo familiare dell’utente/richiedente e nel rispetto di alcuni parametri a cui potrà dare ulteriore informazione gli Uffici comunali preposti.

“Altra  diminuzione del 30% sull’intera tariffa è prevista – fa presente l’amministratore- per quelle utenze non domestiche che daranno avvio ad attività commerciali all’interno del centro storico e al 50%per le botteghe artigianali che decideranno di aprire nel centro storico.  Riduzioni del 20% si applicheranno per le sedi delle associazioni di volontariato e per i Bed & Breakfast, affittacamere, case e appartamenti per vacanze, se gestiti in forma non imprenditoriale.”

“Agevolazioni - conclude l’Assessore Pace- per alleviare il peso della tariffa e creare quel sistema virtuoso volto alla pulizia ed alla migliore qualità ambientale che stiamo perseguendo e che prevedrà anche la tracciabilità del secco non riciclabile in via sperimentale nel prossimo semestre al fine di utilizzarne a pieno le potenzialità nel prossimo anno. Fattori importantissimi che riguardano apposite campagne di sensibilizzazioni nei quartieri per far intendere ulteriormente come effettuare al meglio la differenziata anche attraverso la realizzazione, da parte dell’Amministrazione, della nuova isola ecologica in località PIP quindi molto vicina alla città, utile ad un migliore conferimento delle varie frazioni. Attraverso queste prossime tappe continua senza sosta l’educazione a differenziare i rifiuti da parte dell’Amministrazione  comunale Lo Polito grazie alle diverse azioni messe in campo con l’apporto dell’Ufficio Ambiente e della ditta appaltatrice della raccolta in città.”

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

COMUNICATO STAMPA

I consiglieri comunali di Castrovillari, Serena Carrozzino e Peppino Pignataro, questa mattina hanno protocollato verso le ore 10,30 le loro dimissioni dal consesso cittadino indirizzandole al primo cittadino,  al presidente del Consiglio, Piero Vico e al segretario generale dell’ente, Angelo Pellegrino, il quale ha informato i rappresentati istituzionali. Il fatto avviene a meno di 32 ore dal Consiglio comunale, convocato per domani pomeriggio,  richiesto dalle Civiche sulla situazione politica e successivamente all’astensione dei due al Bilancio di previsione ed alla richiesta di azzeramento dell’esecutivo.

Nella lettera i due sottolineano “l’atto di responsabilità nei confronti dei cittadini che li hanno votato” e la scelta determinata – aggiungono tra le varie motivazioni- “per una non effettiva collaborazione più volte sollecitata e richiesta nonché per una politica di rilancio della città e di questo territorio”.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

COMUNICATO STAMPA

È questa la decisione assunta dal Direttivo del gruppo politico “Insieme per Castrovillari” rappresentato in Consiglio Comunale da Onofrio Massarotti. Siamo rimasti meravigliati del fatto che all’indomani di questa importantissima assise che ha evidenziato la mancanza di una maggioranza non si sia fatto alcun accenno a questa situazione politica molto grave. Anche questa volta, per come già accaduto nella precedente amministrazione, il Sindaco non ha più la maggioranza né tantomeno la nostra collaborazione. Questo rifiuto a collaborare, ampiamente spiegato nel corso dell’ultimo consiglio comunale da parte del cons. Onofrio Massarotti, scaturisce dalla oramai risaputa incapacità aggregativa che questa maggioranza ha sempre palesato rispedendo al mittente, da due anni a questa parte, i tanti inviti e le tante sollecitazioni provenienti dal nostro gruppo politico.

Per la prima volta nella storia politica cittadina, appena costituiti in consiglio comunale abbiamo dato a Lo Polito e compagni la nostra piena disponibilità a lavorare insieme perché distinti e distanti dallo svolgere una inutile opposizione preconcetta, senza chiedere nessuna poltrona e nessun incarico in cambio. L’enorme desiderio di fare qualcosa per la nostra Città non ci ha fermato neanche quando i soliti denigratori politici, appresa la nostra volontà politica a collaborare, ci hanno tacciati con pesanti appellativi come “traditori”, “venduti al migliore offerente” e “stampella di questo esecutivo”. Ma  nonostante avessimo a che fare con una sorda amministrazione, spinti sempre da quel desiderio del fare e non del disfare, un anno fa abbiamo deciso di sollecitare ulteriormente la maggioranza a ripristinare il Laghetto Comunale di c\da Pietà, che per come chiaramente precisato nello scorso consiglio comunale da Massarotti, non rappresenta ovviamente il fulcro del nostro programma politico, per come affermato da qualche superficiale denigratore politico, ma che invece voleva essere, in quanto luogo amato da tutti, il primo passo per una futura collaborazione politica.

Nel corso dello scorso consiglio comunale il nostro consigliere Massarotti ha spiegato chiaramente le motivazioni, evidenti a tutti i Castrovillaresi che non sperano altro che voltare pagina al più presto, per le quali il nostro gruppo politico ha deciso di votare contro il bilancio previsionale ma soprattutto anche i motivi che ci spingono a rifiutare categoricamente, a differenza di altre forze politiche, una collaborazione politica che adesso traduciamo in una disperata chiamata di soccorso per carenza dei numeri necessari per andare avanti. Siamo certi del fatto che se non fosse stato per il voto favorevole espresso da una consigliera di minoranza e per le importanti assenze di Laghi e Battaglia, lo scorso consiglio comunale sarebbe stato fatale per Lo Polito e compagni e siamo convinti del fatto che se vorranno portare a termine il loro mandato elettorale saranno costretti a riconoscere pubblicamente i tanti errori commessi e modificare molti elementi del proprio esecutivo.   

Il coordinamento politico del Gruppo Politico di Insieme per Castrovillari.

COMUNICATO STAMPA

Martedì 17 aprile alle 18 presso la Sala Consiliare di Saracena si terrà la presentazione del libro “DISINFORMAZIA. LA COMUNICAZIONE AL TEMPO DEI SOCIAL MEDIA" di Francesco Nicodemo.
DISINFORMAZIA è un libro di straordinaria attualità, un libro contro la paura. L’informazione odierna è, infatti, minacciata costantemente dalle fake news, quelle che un tempo venivano comunemente chiamate bufale. E allora cosa fare? Come evitare l’inquinamento della comunicazione e del confronto nell’epoca della post verità?
Approfondiremo il tema con il Sindaco Renzo Russo, con Attilio Sabato, giornalista professionista e direttore del network televisivo Teleuropa, e con Antonello Viola, esperto in comunicazione e ideatore di Factory 3.0.
L’appuntamento, a cui sarà presente anche l’autore, sarà impreziosito dalle riflessioni del Vescovo della Diocesi di Cassano allo Ionio, Monsignor Francesco Savino.
Un momento di confronto che vuole fuoriuscire dalle camere dell’eco per trovare risonanza nelle stanze delle istituzioni e fra i cittadini.

COMUNICATO STAMPA

A difesa della vita e della dignità umana per suscitare l’attenzione  verso Chi non ha più un luogo dove si sente accolto senza obiezioni e quando attraversa difficoltà.

In occasione della Campagna nazionale di sensibilizzazione e raccolta fondi della Fondazione AVSI, Associazione Volontari  per il Servizio Internazionale,  denominataTende” e quest’anno intitolata “La casa dov’è” perché rivolta alla condizione dei migranti e di quanti vivono  disagi nel mondo,  Sabato 14 aprile, con il patrocinio del Comune si terrà la Giornata di sensibilizzazione e solidarietà “Abitare le Periferie. Un nuovo inizio”. Un momento –evento  di valenza regionale e condivisione con partecipazioni  da ogni parte della Calabria.

Questo verrà aperto alle ore 9,30 nel Teatro Sybariscon Testimoni e personalità internazionali. In particolare con Costantino Esposito, docente di  Storia della Filosofia presso l’ Università di Bari che interverrà su “Le nuove sfide: tracce di misericordia nella storia del mondo”  e Wael Farouq, professore diLingua e Letteratura araba  presso l’Università del Sacro Cuore di Milano, che affronterà il tema Costruire nella diversità: l’importanza del fattore umano”.

Il momento, moderato ed introdotto  daCarla Bonifati del Centro Culturale “G. Angeloni” che ha aderito alla Campagna 2017/2018, prevede una  proiezione video ditestimonianza su “Le forze che cambiano la storia sono le stesse che cambiano il cuore dell'uomo” del  responsabile AVSI in Kenia, Antonino Masuri (con diverse esperienze alle sue spalle), e le conclusioni delVescovo della Diocesi di Cassano allo Ionio, mons. Francesco Savino. Un’occasione che genererà, provocherà e solleciterà domande tra le tante adesioni.

Si continuerà, poi, nella serata, alle ore 20,30, con l’opera teatrale (nella quale verrà testimoniata la bellezza del lavoro come luogo in cui si realizza la dignità dell’Uomo) “Giuseppe il misericordiosodell’attore Pietro Sarubbi, i cui proventi andranno per i progetti dell’anno. Questi sono per ospedali aperti in Siria (nazione interessata, tra l’altro,  qualche giorno addietro  dalla uccisione di donne e bambini nonché da centinaia di feriti, anche gravi,  per un sospetto attacco chimico – come registrato e riportato da testate giornalistiche estere e nazionali- contro i ribelli a Duma roccaforte di questi nella Gutha orientale alle porte di Damasco), un asilo in Iraq per Qaraqosh, come a Casa in Uganda e  per attività di aiuto allo studio in Italia.

“La  Fondazione AVSI – dichiara la responsabile locale , Antonesca Forte- è un’organizzazione non governativa , ONLUS, nata nel 1972, ed impegnata  con oltre 100 progetti e più di cooperazione allo sviluppo di 30 Paesi nel  mondo: Africa, America Latina e Caraibi, Est Europa, Medio Oriente, Asia. Il Titolo  delle iniziative di quest’anno- aggiunge – vuole dare l’idea di come s’intende la Casa: un luogo  dove ci si sente sicuri, accolti, curati nel corpo e nell’anima grazie ad una trama di relazioni  nelle quali sperimentiamo un aiuto speciale pensato per noi.”

 La casa dov’è?” quest’anno, poi- ci viene riferito- , ha la densità dell’autore russo  Dostoevskij e il ritmo delle canzoni di Jovanotti, nello specifico di una. L’autore di “Delitto e castigo” fa dire a un certo punto a uno dei suoi personaggi queste parole: “Bisognerebbe proprio che ogni uomo avesse almeno un posto dove andare”. E Jovanotti nella sua canzone “Questa è la mia casa”, si chiede: la mia casa dov’è?

Il capofila degli eventi che richiama tutto ciò e all’urgenza di uno sguardo diverso sull’Altro ha pure  il volto di Myriam, 14 anni, originaria di Qaraqosh; nel 2014 fu costretta a lasciare la sua città, occupata dall’Isis. Con la sua famiglia trovò rifugio in un campo per sfollati a Erbil dove fu intervistata da una tv irachena. Il racconto della sua esperienza, drammatica ma senza alcun odio, fece il giro del mondo. Per tutti Myriam ora è “la bambina che perdonò l’Isis”. Nel suo volto quello di tanti piccoli che chiedono un posto sicuro dove poter tornare, crescere, imparare.AVSI ha seguito in questi anni le tracce di Myriam nel campo di Erbil e ora intende sostenere il ritorno suo e della sua comunità a casa. Le truppe dello Stato islamico sono state cacciate da Qaraqosh e dalla piana di Ninive, quindi gli sfollati stanno lentamente rientrando e hanno bisogno di aiuto. Il progetto che in particolare sosteniamo quì è la ricostruzione di un asilo. Un asilo che non è solo “casa” per i bambini più piccoli.

La manifestazione, portata ancora una volta nel capoluogo del Pollino dalla passione e dedizione per l’umano fragile, necessitante di tutto,  è per affermare i primati della dignità e libertà di ogni persona-  il cui diritto è esistere nella società secondo tutte le sue dimensioni- e di ciascun popolo, nonché di quelle realtà più deboli e prive di sostegni che abitano le cosiddette periferie nostre e del mondo intero.

Uno slancio, insomma,  a  tutela dei più deboli, in una logica d’inclusione ed integrazione sociale, per una crescita diffusa del bene comune, che vuole prendere sul serio, fino in fondo, tali questioni per suscitare il desiderio di affrontare questa scommessa di gratuità senza Tempo.

Da qui l’occasione, posta e proposta, per lasciarsi “provocare” dall’umanità e situazioni altrui, che “gridano” ininterrottamente dalle loro condizioni in una realtà fatta di precarietà, emergenze, disagi, fragilità, incomprensioni e vessazioni a cui non si può girare le spalle.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

Martedì, 10 Aprile 2018 13:08

Altomonte. SI contro il commissariamento

COMUNICATO STAMPA

Dopo mesi di agonia, di ricatti e divisioni, di giochetti di piccolo cabotaggio e difesa di interessi di cordata, di minacce e compromessi a ribasso, siamo arrivati al dunque: l’Amministrazione comunale potrebbe soccombere il 13 o 14 Aprile nel Consiglio Comunale che dovrebbe approvare il Bilancio. Ma l’eventuale e molto probabile caduta non produrrebbe in tempi brevi il ritorno alle elezioni, ma un Commissariamento lungo più di un anno.

Eravamo pienamente d’accordo con la mozione di sfiducia nei confronti di un’Amministrazione sulla quale il nostro giudizio articolato è stato ed è pienamente negativo, fallimentare dal punto di vista del progetto iniziale nel quale Sinistra Italiana aveva creduto e speso idee ed energie. Ma ritenevamo che la caduta di questa compagine di governo del nostro paese dovesse produrre il ritorno immediato alle elezioni per dare subito ad Altomonte un’Amministrazione pienamente legittimata dal voto popolare.

Oggi è chiaro a tutti che non sarà così. Le elezioni per il Sindaco e il rinnovo del Consiglio comunale ci sarebbero a maggio o giugno 2019 e per questo periodo di oltre un anno il nostro Comune sarà affidato ad un Commissario prefettizio, che avrà pieni poteri e grande discrezionalità amministrativa. E pur trovandosi il Comune di Altomonte in una situazione finanziaria solida e stabile, non vi è dubbio che potrebbero esserci delle ricadute che peserebbero sulla popolazione come l’aumento di alcune tasse per servizi non in equilibrio, il ritardo nella risoluzione di alcuni problemi e nella finalizzazione di alcuni finanziamenti, la qualità delle iniziative che salvaguardano l’immagine del nostro paese e producono comunque delle economie.

Per questi motivi, per senso di responsabilità nei confronti della comunità e per un’idea della politica che è fondamentalmente primato dell’interesse pubblico, crediamo che bisogna evitare il Commissariamento, pensare al bene di Altomonte nel rispetto delle posizioni e delle legittime aspirazioni di tutti a rappresentare l’alternativa a questa compagine amministrativa.

Noi siamo e resteremo all’opposizione “senza se e senza ma” e senza interessi a poltrone o prebende di alcun tipo. Ma siamo una forza equilibrata e responsabile che non si fa dettare l’agenda e la linea politica da rancori o facili vendette (nonostante alcuni nostri avversari hanno tentato nel passato di dipingerci come rancorosi e animati da spirito di rivalsa).

Oggi atri dovrebbero spiegare perché non si è fatto in modo che questa Amministrazione cadesse nei tempi utili per andare subito al voto, perché hanno utilizzato i voti determinanti per soddisfare interessi di gruppo e non quelli della comunità?

Così come altri dovrebbero spiegare se l’interesse principale adesso è quello di avere un Commissario per 14 mesi pur di evitare che l’attuale compagine gestisca la cosa pubblica fino alle elezioni?

Sinistra Italiana ritiene che bisogna evitare ulteriori problemi alla comunità altomontese, ad un paese in declino oramai da alcuni anni, che sta pagando un prezzo altissimo per la crisi e per la mancanza di politiche di rilancio.

Per questo Sinistra Italiana si appella a tutte le forze presenti in Consiglio comunale, che pur certificando l’assenza di una maggioranza politica di questa Amministrazione e la delegittimazione di fatto, garantiscano l’approvazione del bilancio ed evitino un periodo di commissariamento per il Comune di Altomonte.

Sinistra Italiana è impegnata a rilanciare un confronto ampio con le forze politiche, con le Associazioni e i Movimenti,  con i singoli cittadini per costruire un’alternativa e un cambiamento radicale nel modo e nella sostanza, che significhi unità nell’intento di rilanciare Altomonte e riportarla ad essere un punto di riferimento della Calabria diversa, operosa, attiva e propositiva. Insomma unire le forze per cambiare e dare risposte concrete soprattutto ai giovani e a coloro che continuano ad investire sul futuro del nostro paese.

 

                         LA SEGRETERIA DEL CIRCOLO “Michele Presta”

                                                                                    SINISTRA ITALIANA DI ALTOMONTE

COMUNICATO STAMPA

Dopo il rinvio per problemi di salute di Simona Marchini, al Teatro Sybaris chiude la Stagione Teatrale Comunale organizzata in collaborazione con la Sinfony & Sinfony per la direzione artistica di Benedetto Castriota, lo spettacolomusicale “ Croce e Delizia Signora Mia...”  L’appuntamento è in programma venerdì 13 aprile con inizio alle ore 21,00. “ Croce e Delizia Signora Mia...” lo spettacolo musicale con Simona Marchini e Paolo Restani che raccontano   tre storie appassionanti (Traviata, Rigoletto, Trovatore), la cosiddetta trilogia popolare. Simona Marchini e la sua verve ironica ed elegante; Paolo Restani che descrive al pianoforte temi verdiani attraverso la parafrasi di Liszt.  Un  connubio audace su una materia che risuona nel profondo di ognuno di noi, su un genere denso di storia e di identità culturale.

Simona Marchini. La prima proposta professionale le arrivò da Elio Petri, quando aveva sedici anni, successivamente una cara amica, Delia Scala, la introduce nel mondo dello spettacolo.  Nel corso degli anni si è andata sempre più orientando verso il teatro. Ha raggiunto grande popolarità con la partecipazione, nel 1985, al programma di Renzo Arbore "Quelli della notte". La filmografia di Simona Marchini è davvero numerosa.

Paolo Restani. Allievo fino al 1984 di Vincenzo Vitale, si è successivamente perfezionato con Gerhard Oppitz all'Hochschule für Musik und Theater di Monaco di Baviera. Dopo il debutto in recital nell'83 all'Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, viene scritturato dai maggiori teatri italiani. Tra i riconoscimenti, di particolare rilievo quelli ottenuti in Sud-America (dove si reca ogni anno): l'Associazione della critica argentina lo premia nel 2005 come miglior interprete dell'anno e, nel 2011, con il Quartetto d'archi della Scala, come miglior ensemble.

Per prenotazioni spettacoli www.tictewebonline.com oppure Sinfony & Sinfony 0981.48.90.08 – Deny music 0981.27.084

 

Ufficio Stampa

Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

Pagina 10 di 231
Saturday the 22nd. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.