Angela Micieli

Angela Micieli

COMUNICATO STAMPA
 
Una sala consiliare gremita ha accolto Il neo deputato Massimo Misiti , nella prima tappa post-elezioni che lo ha visto partire proprio da Castrovillari .
Il candidato pentastellato eletto nel collegio uninominale Castrovillari Paola ha voluto ringraziare personalmente i castrovillaresi per la fiducia che hanno riposto in lui e nel Movimento 5 Stelle.
"Un risultato storico che può essere contraccambiato soltanto con una presenza costante di noi portavoce sul territorio , creando quel filo diretto con il Parlamento che riavvicini la gente alla buona politica".
"Vedere la gente interessata alle nostre proposte e partecipare a questi incontri pubblici è già di per sè una vittoria , che bisogna coltivare e trasformare in energia per risolvere i problemi di questo territorio"
L'incontro pubblico moderato dagli attivisti del meetup "Castrovillari a 5 stelle" ha avuto come temi, oltre ai ringraziamenti post elezioni, le lotte che ci saranno da affrontare in tema nazionale e locale con un'attenzione particolare alla questione sanità.
Gli attivisti del meetup hanno colto l'occasione per invitare tutti i cittadini che hanno a cuore le sorti ed i problemi di questa città ad avvicinarsi al meetup come assemblea pubblica di cittadini interessati alle sorti del proprio territorio e dei propri cari.
Gli attivisti ringraziano l'amministrazione comunale per la disponibilità a far svolgere l'evento E ringraziano gli attivisti di Altomonte, Morano Calabro e Lungro per il supporto e la partecipazione alle iniziative.
 
MeetUp CASTROVILLARI A 5 STELLE

COMUNICATO STAMPA

Le liste di Forza Italia in Calabria alla Camera ed al Senato sono frutto di una composizione “scellerata e sciagurata”, finalizzate solo al posizionamento di Occhiuto e Santelli, i quali hanno subito solo il fascino della ricandidatura nei listini bloccati, sfuggendo al confronto nei collegi uninominali dove le soprese, come si e ' verificato, potevano essere assai amare, e dove occorreva affrontare una competizione elettorale direttamente, intercettando ed acquisendo il voto del singolo elettore.

Veniamo nei dettagli della scelleratezza e sciaguratezza delle liste che, relativamente alla provincia di Cosenza, ha fatto sì di aver perso almeno un Senatore ed un Deputato.  

L’affermazione di Forza Italia di Castrovillari per aver conseguito il 22% dei consensi, diventando il secondo partito nella città, è emblematica di come un partito organizzato che sta con la gente e tra la gente possa riscuotere consensi.

Così come i candidati di Camera e Senato, Andrea Gentile e Fulvia Caligiuri, dove il primo in tutto il collegio Castrovillari-Paola ha conseguito oltre 41.000 voti conseguendo un percentuale del 34%,  ben oltre 10 punti percentuali degli altri candidati dei collegi di Corigliano e di Cosenza mentre,  la seconda, Fulvia Caligiuri, non eletta nel listino proporzionale per una mangiata di voti solo ed esclusivamente  per responsabilità di Santelli ed Occhiuto.  

La doppia ripetizione, anzi la tripla ripetizione  nella circoscrizione Calabria 1 (Occhiuto, Santelli, Tripodi) e nella Circoscrizione Calabria 2 ( Santelli, Occhiuto, Tripodi ) è una vergogna che la Santelli vuole attribuire a responsabilità di  Berlusconi per aver composto le liste, ma sappiamo che non è così. 

Si è voluto annientare tutta la classe dirigente e dei tanti giovani attivisti del partito che avrebbero apportato  linfa fresca in modo da intercettare i voti dei giovani.     

Stessa cosa dicasi per il listino al Senato per aver privilegiato la Provincia di Vibo con due candidature,   quattro volte più piccola di Cosenza,  ed in entrambi i casi è venuto a mancare quel valore aggiunto da conquistare i collegi e di eleggere qualche deputato in più e,  sicuramente anche  Fulvia Caligiuri  che manca l’ingresso al Senato  per pochi voti. 

Così come l’atteggiamento di apparire bravi a livello nazionale capitalizzando il lavoro degli altri,  nonché ridicolo postare fantomatiche graduatorie di comuni con 400 abitanti per aver conseguito un’alta percentuale di consensi per Forza Italia nascondendo dati catastrofici nei collegi di Corigliano con un misero 13%, mentre nel collegio di Cosenza si è giunti al paradosso se non alle  comiche, il duo Santelli-Occhiuto che ha rivendicato come un successo quella che in effetti è stata una sciagura, dove in una città retta da un Sindaco di Forza Italia,  dai parlamentari Occhiuto e Santelli nonché  vice sindaco, si è registrato un risultato  estremamente negativo con un misero 15%.

Forza Italia deve rinnovarsi, deve cambiare modus operanti e non può focalizzare la sua attività politica  solo a Cosenza abbandonando i territori.

Negli ultimi anni abbiamo registrato solo sconfitte nei comuni oltre i 15.000 abitanti come Cassano Allo Ionio, Castrovillari, Paola, San Giovanni in Fiore.

Sedi di partito neanche l’ombra nei comuni se non quella di Castrovillari.

Un coordinamento Provinciale e Regionale  mai riunito per un confronto con i dirigenti del territorio e radicare il nostro partito. 

Alla luce dei fatti diventa opportuno e doveroso il ricambio al vertice del partito Regionale per assicurare una ripresa seria e positiva.

 

                                                                                                        Coordinamento Cittadino Castrovillari

                                                                                                                      Roberto Senise                          

COMUNICATO STAMPA

Il progetto per la realizzazione di un centro polifunzionale per persone con disabilità della Fondazione di Comunità “Casa della Misericordia” a Castrovillari, rappresenta l’inizio di un percorso finalizzato non solo alla disponibilità di adeguate strutture, ma soprattutto all’attivazione di processi partecipativi con al centro le famiglie. E’ quanto sottolinea il Vescovo di Cassano allo Jonio, mons. Francesco Savino, presentando il seminario su “Disabilità e sussidiarietà: Il ruolo delle famiglie” che si terrà nel salone della Parrocchia San Girolamo, a Castrovillarigiovedì 15 marzo 2018, dalle ore 16 alle ore 19.

«Lo scopo del seminario – prosegue il presule – è quello di riflettere circa le nuove forme di sussidiarietà che garantiscano, attraverso una struttura organizzata, come la Fondazione di Comunità, obiettivi di assistenza conosciuti e condivisi, caratterizzati da una spiccata attenzione alla dimensione familiare ed in linea con gli indirizzi della Legge 112/2016 sul “Dopo di Noi”».

All’incontro del 15 marzo Interverranno, oltre il Pastore della Chiesa locale di Cassano, mons. Francesco SavinoRaffaele Bloise, direttore della Fondazione di Comunità “Casa della Misericordia” di Castrovillari e relazioneranno: Sandro Banella, Presidente della Fondazione “Dopo di noi” La Crisalide di Orvieto che tratterà il tema “Dall’Associazionismo dei familiari delle persone con disabilità alla Fondazione di Partecipazione per il “Dopo di Noi”: L’esperienza di Orvieto” e Michela Aversa, Responsabile Operativa della Fondazione “Dopo di Noi” La Crisalide di Orvieto che parlerà di: “Durante di Noi”: Un percorso necessario e consapevole delle famiglie”.

(nella foto allegata, un’immagine dell’ex Convitto vescovile di Castrovillari che è in fase di ristrutturazione per ospitare un Centro polifunzionale per persone con disabilità.)

Diocesi di Cassano all'Jonio
Ufficio per le Comunicazioni Sociali
Direttore: Dott. Roberto Fittipaldi

COMUNICATO STAMPA

La prova generale del Rigoletto, l'opera in tre atti di Giuseppe Verdi, che l'Orchestra di Fiati di Morano si prepara ad eseguire presso l'Auditorium "Massimo Troisi" di Morano Calabro il 17 e 18 marzo sarà aperta alle scuole della città e del comprensorio. 

La matinée assume dunque un doppio valore: culturale, perchè offrirà a giovanissimi studenti un momento per ascoltare un'opera, artistico-didattico perchè permette ai giovani musicisti di sperimentare (a poche ore da debutto) i tempi e le fasi dello spettacolo che li vedrà protagonisti in due appuntamenti serali che si annunciano sold out. Cresce l'attesa per il collettivo di giovani musicisti diretti dal maestro Massimo Celiberto e che da vent'anni rappresenta un momento di alta socialità ed educazione musicale per tanti ragazzi e ragazze che crescono tra le fila del sodalizio presieduto da Leonardo Di Luca. 

Una storia lunga ed appassionante iniziata da un gruppo di appassionati e che oggi è divenuta una realtà consolidata capace di offrire momenti di spettacolo in giro per l'Italia ed all'estero. 

In questa settimana che prepara al grande evento musicale, inserito nel cartellone della rassegna comunale "Teatro e Musica" (come spettacolo fuori abbonamento) patrocinata dal Comune di Morano Calabro ed organizzata dall'associazione culturale "L'allegra ribalta" in collaborazione con l'Orchestra di Fiati di Morano Calabro, spazio anche ad un approfondimento convegnistico sulla figura di Giuseppe Verdi ed il Risorgimento. Proprio per contestualizzare l'esecuzione di un'opera in un più ampio spettro culturale, che è la vera natura delle tante performance dell'orchestra moranese. Poi il 17 marzo (alle ore 20.30) e 18 marzo (ore 19.30) presso l'Auditorium "Massimo Troisi" di Morano Calabro le giovani promesse musicali della città si preparano a debuttare con l'opera Rigoletto di Verdi, per far rivivere la trama di un'opera che offre una combinazione di ricchezza melodica e potenza drammatica che fonde insieme passione, tradimento, amore e vendetta. L'attività culturale, finanziata con l'Azione 3 tipologia A degli interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali e per la qualificazione ed il rafforzamento dell'attuale offerta culturale presente in Calabria, vedrà coinvolto anche il coro lirico "Francesco Cilea" di Reggio Calabria. 

Per le prenotazioni "Au rendez-vous" in Via Maddalena di Di Leo Immacolata o contattare i numeri 329.2160645/345.3160095/324.8245107.  

UFFICIO STAMPA 

AVI COMMUNICATION di Vincenzo Alvaro

COMUNICATO STAMPA

ITALIANI.IT di Beppe Braida, chiude il cartellone di “Primafila”, la Rassegna di Teatro e Musica organizzata da “Novecento Teatri” per la direzione artistica di Benedetto Castriota. L’appuntamento è per sabato 17 marzo con inizio alle ore 21,30 al All’Auditorium Comunale di Mormanno. Bebbe Braida, torinese, cabarettista ed attore dal 1989; è riuscito a ritagliarsi un posto di tutto rispetto nel mondo della comicità italiana grazie alla sua verve tagliente e irriverente che da sempre lo ha contraddistinto.Il grande pubblico lo apprezza a Zelig dove è uno dei protagonisti principali dal 2004 e fino all’ultima edizione,in cui grazie al ruolo di giornalista Tv comico e ai suoi fortunati tormentoni (celebre il suo ATTENTATOO!), si ritaglia un ruolo di tutto rispetto tra i nuovi comici del panorama italiano. Se ne accorge anche Antonio Ricci il padre del più famoso tg satirico, che lo chiama a condurre per una puntata Striscia la Notizia e lo invita a realizzare diversi siparietti improvvisati con il direttore del Tg 4 Emilio Fede, suo bersaglio preferito. Una comicità a 360 gradi, fatta di improvvisazione e intrattenimento che gli aprono la porta principale di Colorado, la trasmissione comica di Italia Uno, che  lo ha voluto come presentatore del fortunato format, scoprendo così anche le doti di presentatore e capocomico. . “Italiani.it. parla della creduloneria degli italiani – dice il comico torinese - . Noi, in Italia, abbiamo un sistema informativo che, ci prende spesso per i fondelli e siamo portati a credere a tutto ciò che ci dicono. Diciamocelo: viviamo in un paese un po' bislacco. È un paese strano”.

I  biglietti potranno essere  acquistati  anche online su www.ticketwebonline.com.  Ulteriori informazioni, potranno essere richiesti all’Associazione Culturale Novecento . POSTO UNICO 10 euro.

Primafila  gode del contributo della Regione Calabria, del Parco del Pollino, dei Comuni di Castrovillari, Cassano J. Morano C. e Mormanno.

 

Ufficio Stampa

Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

COMUNICATO STAMPA

L’evento nel borgo del Pollino famoso per il Moscato, presidio Slow Food, si svolgerà dal 23 al 25 marzo con degustazioni, incontri e laboratori che vedranno protagonisti grandi nomi del giornalismo italiano enogastronomico ed esperti di settore. Visite alle aziende del territorio. Un borgo intero coinvolto nel più grande evento dei vini calabresi. 

Il borgo di Saracena, paese del Pollino famoso per il Moscato oggi presidio Slow Food e simbolo di cultura e tradizione vitivinicola antichissima, per tre giorni diventa la casa del vino calabrese. Dal 23 al 25 marzo la nona edizione del Saracena Wine Festival si propone come momento importante di confronto ed incontro tra le realtà produttive della Calabria, giornalisti di settore tra i più importanti del panorama italiano, le istituzioni, i consorzi del vino calabrese, le reti di produttori, la filiera agroalimentare, gli chef della scena contemporanea della cucina calabrese. Un grande spazio di contenuti arricchito da degustazioni tecniche, banchi d’assaggio dedicati alle realtà produttive del vino in Calabria inserite nella splendida cornice della Pinacoteca “Andrea Alfano” (che raccoglie la più importante presenza di opere del ‘900 meridionale)  all’interno di Palazzo Mastromarchi, tanti eventi collaterali che animeranno il borgo di Saracena. Una grande festa di comunità dedicata al vino ed ai suoi protagonisti. 

Ad inaugurare l’intenso programma sarà la più grande degustazione mai avvenuta prima d’ora dedicata al Moscato Passito di Saracena che vedrà protagonisti 8 vini a confronto in una degustazione guidata da Marco Sabellico, prestigiosa firma del Gambero Rosso (ingresso su prenotazione) in programma alle ore 17.30 di venerdì 23 marzo, seguita dalla degustazione “Esplorazioni e meditazioni intorno alla natura del vino artigianale” prevista per le ore 19.00 curata da Gae Saccoccio wine philosopher responsabile di naturadellecose.com. In serata alle ore 20.00 la cena tributo al Moscato e alla Podolica Calabrese a cura degli chef Gennaro Di Pace, Antonio Biafora, Emanuele Lecce, Nino Rossi con il contributo di Filomena Palmieri nella splendida cornice di Palazzo Mastromarchi che diventerà un affascinante ristorante (evento su prenotazione). Nel cuore del centro storico, sempre a partire dalle ore 20.00, per le strade, gli slarghi e le viuzze si animeranno punti ristoro con mangiari di strada, le osterie casalinghe, le degustazioni itineranti regalando il fascino di un borgo tutto da scoprire. Alle ore 22.00 i Coltivatori di Musica – Resistenza Gastrofonica Viaggiante offriranno la loro performance musical culinaria al pubblico della prima serata del SWF. 

Intenso di appuntamenti tecnici il carnet della seconda giornata del festival dedicato al vino. Si parte alle ore 16.00 con un’incursione delle birre artigianali calabresi nel palinsesto dell’evento. “Il vino ospita la birra”, degustazione curata da Manila Benedetto, esperta di birra, degustatrice e giudice di concorsi internazionali, proporrà un viaggio nei territori del vino calabrese attraverso 8 produzioni brassicole regionali di Pollino, Cirò, Savuto e Locride (prenotazione obbligatoria). 

Sarà Luciano Pignataro, giornalista de “Il Mattino” e direttore del blog “Lucianopignataro.it”, profondo conoscitore della realtà vitivinicola del Sud, a coordinare l’incontro su “Il vino calabrese, la grande nicchia”, spazio di dialogo e confronto con produttori e istituzioni regionali. L’appuntamento sarà alle ore 17.30 di Sabato 24 marzo all’interno di Palazzo Mastromarchi. Alle ore 19.00 Daniele Cernilli, direttore di Doctorwine.it, sempre a Palazzo Mastromachi condurrà la degustazione guidata che vedrà insieme 8 vini ambasciatori della produzione del vino calabrese (evento con prenotazione obbligatoria). A seguire nel centro storico si animeranno punti ristoro con mangiari di strada, le osterie casalinghe, le degustazioni itineranti. La serata si concluderà con il concerto degli Après La Classe. 

Domenica 25 marzo, invece, la giornata sarà dedicata alle produzioni agroalimentari con un focus culturale al mattino. Alle ore 11.30 nella Sala consiliare del Comune di Saracena Piero Sardo, presidente della Fondazione Biodiversità di Slow Food, presenterà il suo libro sui Formaggi naturali al quale parteciperanno Nicola Fiorita, presidente regionale di Slow Food e Lenin Montesanto, fiduciario della condotta Slow Food Pollino Sibaritide Arberia versante jonico cosentino. Nel pomeriggio, a Palazzo Mastromarchi, focus sui Presidi italiani del passito ed i formaggi naturali a partire dalle ore 16.00. Luciano Pignataro e Piero Sardo accompagneranno il pubblico nella degustazione guidata che mette a confronto 4 Presidi Slow Food (Moscato di Saracena, Moscato Passito di Strevi, Vino Santo affumicato della Valle del Tevere e il Vino Santo Trentino) abbinati a una selezione di formaggi naturali (evento con prenotazione obbligatoria). Salvatore Ciociola, ufficio nazionale dei Presidi Slow Food, e Alberto Carpino, responsabile regionale Presidi Slow Food chiuderanno, alle ore 18.30 presso Palazzo Mastromarchi, l’intenso programma della tre giorni del Swf con la degustazione dedicata al Presidio dell’Olio Italiano per la Calabria, degustando 4 oli calabresi già presidio Slow Food. 

Ogni giorno presso Palazzo Mastromarchi i banchi d’assaggio dedicati ai consorzi vitivinicoli ed una selezione di aziende calabresi saranno aperti dalle ore 16.30 alle 21.00 (solo domenica 25 marzo fino alle 20.00). In più si organizzano degustazioni private e visite guidate presso le aziende di Saracena e del territorio. Il professore Vincenzo De Marco si occuperà (su prenotazione ed in forma gratuita) di accompagnare gruppi alla visita guidata della Pinacoteca comunale di Palazzo Mastromarchi. Spazio anche alla degustazione di sigari toscani a cura del Club Amici del Toscano. Sul manifesto dell’edizione 2018 del Saracena Wine Festival l’illustrazione di Giovanni Pierantoni. 

L’evento è finanziato dalla Regione Calabria con il fondo dedicato agli eventi culturali e vede la partecipazione di importanti partnership del comparto agroalimentare come l’Enoteca Regionale della Calabria, i Consorzi di Tutela dei vini Terre di Cosenza e Cirò e Melissa, la rete Vigne del Greco di Bianco, l’Associazione Produttori Moscato di Saracena, la delegazione calabrese della FIVI – Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti, Slow Food Pollino Sibaritide Arberia, il Centro per la Valorizzazione dell’Agroalimentare Meridionale, Aprozoo e i Produttori del Presidio della Podolica e la straordinaria partecipazione della Fondazione Internazionale Slow Food per la Biodiversità. Realizzato grazie alla partnership tecnica di Vinocalabrese.it, Il Gusto della Passione, e la delegazione calabrese del Movimento Turismo Vino.

COMUNICATO STAMPA

Ultimo appuntamento con il More Music, il cartellone dedicato alla nuova scena musicale internazionale del More – progetto ideato e diretto da Scena Verticale in partenariato con il Comune di Cosenza, il MiBACT e la Regione Calabria -. Per il terzo appuntamento della rassegna curata da Loredana Ciliberto, martedì 13 marzo alle 21.30, arriva al Palco di Cosenza Ian Fisher,cantautore prolifico e musicista itinerante, con più di mille canzoni e altrettanti concerti all’attivo. È nato e cresciuto, con i vinili di suo padre e un infinito amore per il country & folk, in una fattoria del Missouri, ma a ventun anni si è trasferito in Europa, dove si è stabilito. La musica di Ian Fisher è un amalgama unico delle sue radici legate al country-folk americano e del suo approccio europeo ai ritmi e alle melodie, talvolta ruvido, talvolta accattivante. È un musicista senza patria del mondo contemporaneo: la natura girovaga di Ian Fisher e la sua passione per la strada lo portano a muoversi in continuazione, da una città all’altra, da un concerto all’altro.

Come scrive il Rolling Stone, la musica di Fisher è politicamente consapevole, di mentalità globale e selvaggiamente diversa: "La prospettiva di un viaggiatore di mondo sul folk-rock americano ed il classic pop".

L’opening act del concerto vedrà invece protagonista la berlinese Ida Wenøe che presenterà il suo primo album solista, “Time of Ghosts”. Sebbene abbia soprattutto influenze americane, il suo sound è decisamente intriso anche di sonorità inglesi, spaziando da Neil Young all'eroe popolare danese Sebastian. L’uscita di “Time of Ghosts” ha suscitato un ottimo entusiasmo che ha permesso a Ida di suonare in tutta Europa, fino ad arrivare a Kansas City, dove ha posto le basi per future collaborazioni made in USA. Ida ha ottenuto un’importante nomination al Danish Music Award come "Folk Songwriter of the Year" e la sua musica è stata utilizzata nel documentario della DR (National TV) "De Smukke Piger".

“La sua voce, come ha evidenziato God Is In The TV Zine, vanta note angeliche dalle quali trapelano le sue affascinanti radici danesi".

 

Ian Fisher + opening act Ida Wenøe

Martedì 13 marzo ore 21.30

PALCO – via XXIV Maggio, 49 – Cosenza

*Ingresso libero

COMUNICATO STAMPA

Alla luce del grande successo elettorale registrato in città per il Movimento 5 stelle, il MeetUP locale “Castrovillari a 5 stelle” ha organizzato un incontro con il neo Deputato Massimo Misiti, eletto nel colleggio Uninominale  Castrovillari-Paola.

Domenica 11 marzo presso la Sala Consiliare, sita a palazzo di città, il Portavoce dei cittadini neoeletto, ringrazierà i castrovillaresi per aver affermato con decisione la loro volontà di cambiamento rispetto al vecchio metodo di fare politica, un nuovo inizio di un percorso che vede il cittadino al centro della politica.

L'appuntamento è per Domenica 11 marzo alle ore 17:30, gli attivisti del MeetUp di Castrovillari invitano tutti i cittadini a partecipare all'incontro sottolineando l'importanza di partecipare alla vita politica per progettare il futuro di questa nostra terra, ridisegnando una politica che veda al centro delle istituzioni il cittadino attivo.



MEETUP CASTROVILLARI A 5 STELLE

 

 

COMUNICATO STAMPA

Abbiamo perso. Un’ammissione doverosa. Tuteleremo la volontà dei nostri elettori che hanno optato per una proposta alternativa al M5S e al centrodestra a trazione leghista. Ci interrogheremo nelle sedi deputati su questa débâcle, ripartiremo, forti dei nostri valori, ricostruendo una centrosinistra che ha bisogno di nuovi schemi e di nuove proposte. Il 4 marzo è uscita di scena la sinistra italiana del novecento. Abbiamo bisogno di un radicale cambio di passo, abbiamo bisogno di una nuova cultura politica. 

Veniamo da lontano, andremo lontano. 

In queste settimane, tanti sono stati i militanti, i simpatizzanti, i dirigenti che c’hanno messo la faccia, che, andando casa per casa, hanno illustrato il nostro programma, a loro va un immenso GRAZIE!!! La loro tenacia, la loro forza di volontà sono lo sprone per andare avanti.

Chiediamo al nostro Partito di non pensare neppure ad un accordo con il M5S che, in questi anni, ci ha attribuito epiteti ingiusti e mortificanti.

Chiediamo al nostro Partito di non appoggiare una proposta che nulla ha a che fare con i valori della nostra comunità.

Chiediamo al nostro Partito di farsi difensore dell’azione riformista messa in campo dalla scorsa legislatura.

Chiediamo al nostro Partito di non sostenere chi non ha votato la legge sul dopo di noi e si è nascosto dietro un “canguro” per non votare la legge sulle unioni civili. 

Chiediamo al nostro Partito di rispettare il voto di domenica e non andare al governo (con appoggio interno o esterno) col M5S. 

Nel 1976 DC e PCI, i due vincitori, si presero la responsabilità di fare una maggioranza. Domenica i due vincitori sono stati M5S e Lega la responsabilità oggi grava su loro. 

In tempi ben più complicati, un giovane Aldo Moro diceva: "Ora dobbiamo percorrere una lunga e difficile strada: dobbiamo appunto ricostruire. Cominciamo di qui. Rimettiamoci tutti a fare con semplicità il nostro dovere, senza nulla perdere dei valori che in ogni opera fatta dagli uomini e per gli uomini  si ritrovano, così possiamo servire veramente la Patria che soffre. Chi ha da studiare, studi. Chi ha da insegnare, insegni. Chi ha da lavorare, lavori. Chi ha da combattere, combatta. Chi ha da fare della politica attiva, la faccia, con la stessa semplicità di cuore con la quale si fa ogni lavoro quotidiano.”   

Sezione PD di Saracena

COMUNICATO STAMPA

Anche quest’anno, come l’anno scorso quando consegnò un messaggio e una mimosa (http://www.diocesicassanoalloionio.it/diocesi-cassano-jonio/la-mimosa-del-vescovo/), il Vescovo di Cassano allo Jonio, mons. Francesco Savino consegnerà giovedì 8 marzo, festa della donna, un suo messaggio alle prostitute che insistono sulla Strada Statale 106 Jonica, nel territorio del comune di Cassano e alle detenute ristrette nella Casa Circondariale di Castrovillari. Il presule sarà accompagnato dagli operatori delle Caritas diocesana e parrocchiali.
Di seguito il testo del messaggio che sarà consegnato oltre che nella lingua italiana, in francese, inglese e arabo.

A te, donna! “Ecco tuo figlio”: te lo dice Gesù, il Crocifisso! Non il mercato del corpo, dei desideri infangati, delle logiche mafiose Ma il dialogo umanizzato ti restituisce a te stessa Soltanto l’Amore ti abbraccia di misericordia e tenerezza Soltanto Lui feconda il tuo cuore E ti rende madre della tua umanità  Come Maria, la Vergine! A Lei, Madre di Dio e madre nostra, la nostra invocazione:  “Aiutaci ad essere tempio dello Spirito, a riconoscere e custodire la dignità di figli e figlie dell’Unico Padre”.   Il Vescovo di Cassano ti saluta, cara sorella! Che Dio ti benedica.
              ✠   Francesco Savino

Pagina 7 di 223
Wednesday the 25th. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.