Angela Micieli

Angela Micieli

COMUNICATO STAMPA

Il Dottore Antonio Viceconte, rappresentante del Comune di Castrovillari  in seno al Consiglio di Amministrazione della Società Municipalizzata Gas Pollino srl dal 9 novembre 2015 , ritorna-  dopo averlo comunicato nell’ultima riunione dell’organismo- in piena attività nella partecipata, in seguito a un periodo di vacatio determinato da dimissioni rassegnate nella prima decade del settembre scorso per motivi personali.

Il Sindaco , Domenico Lo Polito, per l’occasione, ha ribadito la propria fiducia all’esponente, anche alla luce di quanto emerso in maniera unanime nell’ultimo Consiglio comunale sulle partecipate e sul loro ruolo che possono ancora svolgere- nonostante difficoltà e problematiche- per il Comune e nel Territorio con le  proprie capacità e risorse.

L’esortazione al nostro rappresentante- ha dichiarato Lo Polito- si muove nell’interesse dell’azienda e dell’utenza che non possono prescindere da  competenze, professionalità e, soprattutto, dedizioni  di uomini e donne  che hanno saputo e cercato di rendere, con sacrifici e anche fatica, cosa suscitano tali intraprese per il Territorio. Ciò, così, vuol essere  uno stimolo  ed un sostegno coscienzioso all’Opera in quanto tale.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

COMUNICATO STAMPA

Il presidente del Consiglio comunale di Castrovillari, Piero Vico, su determinazione della conferenza dei capigruppo ha convocato una nuova riunione dell’Assise municipale per mercoledì 25 ottobre, in prima seduta, alle ore 12, eper giovedì 26 ottobre, in seconda, alle ore 17, nella sala consiliare del Palazzo di città.

3 i punti all’ordine del giorno: oltre le interrogazioni ed interpellanze, l’affronto del Bilancio consolidato per l’esercizio  finanziario 2016 e la riapertura termini per la nomina dei componenti dei Comitati di Quartiere.

Le relazioni introduttive ed illustrative di questi ultimi punti saranno a cura dell’Assessore alle Politiche Finanziarie e Bilancio, Maria Silella,  e del Sindaco, Domenico Lo Polito.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

 

COMUNICARTO STAMPA

La Consulta Giovanile del Comune di Castrovillari questo pomeriggio, in sala Giunta, al primo piano del palazzo di Città, si è confrontata ed ha discusso della questione ecodistretto nonché della manifestazione d’interesse (votata solo dalla maggioranza nell’assise del tre ottobre)  che l’Ente locale ha inoltrato alla Regione.

Presenti per l’occasione il presidente del Consiglio comunale, Piero Vico, oltre i consiglieri Peppe Santagada, Dario D’Atri, Carlo Lo Prete , Giuseppe Oliva e  la delegata del Sindaco nell’organismo,Cristina Cosentino , già referente per il progetto Verticalia.

Il momento è stato introdotto e tenuto dall’Assessore all’Ambiente, Pasquale Pace, che ha spiegato ciò che ha “spinto l’Amministrazione a candidare questo Territorio e la cementeria per localizzarvi l’impianto di trattamento della frazione organica proveniente dalla raccolta differenziata porta a porta, con processo di digestione anaerobica, delle frazioni secche differenziate dei rifiuti urbani e di quelli indifferenziati per il recupero dei riparti riciclabili, fermo restando il No secco a discarica e inceneritore.” Non sono mancate domande e richieste di chiarimento da parte dei ragazzi, tese a sapere e conoscere il più possibile sull’eventuale intervento. Un momento che ha registrato grande e particolare interesse sull’argomento tra i giovani, espressione di un desiderio di voler essere cointerpreti di ciò che accade ed interessa il proprio territorio.

“L’iniziativa- ha spiegato a margine dell’incontro l’amministratore- fa parte di quelle azioni per informare in diretta i cittadini, decise e volute dalla maggioranza, come ribadito nell’ultimo consiglio che ha avuto a tema la questione.”

La consulta giovanile è composta da ragazzi con età compresa tra i 14 e i 28 anni; la stessa ha facoltà di presentare proposte riguardo a tematiche di interesse giovanile e non solo.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

COMUNICATO STAMPA

Il Comune di Castrovillari ha trasmesso al Dipartimento Ambiente della Regione- e per conoscenza  al Presidente della Regione e all’assessore Regionale competente- la manifestazione d’interesse (votata dal Consiglio comunale nella seduta del tre ottobre scorso solo con l’assenso della maggioranza) a candidare il proprio territorio per localizzarvi un impianto di trattamento della frazione organica proveniente dalla raccolta differenziata porta a porta, con processo di digestione anaerobica, delle frazioni secche differenziate dei rifiuti urbani e di quelli indifferenziati per il recupero dei riparti riciclabili.

Lo ha fatto con una lettera a firma del Sindaco, Domenico Lo Polito il quale nella stessa ha scritto:” L’area da destinare è la zona industriale all’interno della cementeria di Castrovillari, avendo ricevuto assenso di massima da parte della proprietà”, e precisando  soprattutto, con una conditio sine qua non, che ”..sul sito indicato non dovrà essere ubicata alcuna discarica a servizio dell’impianto di selezione oggetto della manifestazione d’interesse, indicata nella deliberazione di Consiglio, ed inoltre non dovrà essere installato alcun termovalorizzatore o inceneritore.

E’ necessario- sottolinea poi in una dichiarazione stampa, ricordando che per tali questioni non basta mai,- fare ancora chiarezza sulle tante inesattezze che circolano in città, si susseguono e si sovrappongono nel circondario: ciò che abbiamo candidato è un ecodistretto per valorizzare i rifiuti domestici con la selezione di quanto è necessario al riuso, riciclo e produzione del metano. E non vogliamo assolutamente - come affermato e richiamato più volte nel Consiglio comunale scorso tra il dibattito intercorso- alcuna discarica e inceneritore. Queste sono condizioni interamente non superabili nel caso dovesse essere presa in considerazione la manifestazione d’interesse.

L’Ufficio Stampa del Comune di castrovillari

(g.br.)

COMUNICATO STAMPA

Il Consiglio Direttivo dell’Ente Parco Nazionale del Pollino ha deliberato di richiedere, in tempi brevi, la convocazione del Sindaco e dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Castrovillari per procedere ad un’audizione riguardante la Manifestazione di Interesse avanzata dall’Amministrazione di Castrovillari circa la disponibilità ad accogliere il cosiddetto ecodistretto dell’ATO della provincia di Cosenza nell’area del cementificio Italcementi di Castrovillari.

Nella seduta pubblica di martedì 10 ottobre -presenti anche gli attivisti del “Comitato in Difesa del Territorio”, che raccoglie Comitati cittadini, Associazioni e semplici cittadini dell’area del Pollino contrari all’ipotesi di allocazione dell’impianto su un territorio ben diversamente vocato, la questione del mega-impianto è stato argomento di specifica discussione in quanto inserito come punto all’Ordine del Giorno.

Il coinvolgimento dell’Ente Parco è nei fatti, essendo il luogo indicato dall’Amministrazione di Castrovillari praticamente adiacente all’area del Parco stesso, vincolata inoltre dalla presenza di una Zona di Protezione Speciale (ZPS) dell’Unione Europea e da un Sito di Interesse Comunitario (SIC).

La enorme quantità di rifiuti eventualmente in arrivo, l’impatto (rumore, gas di scarico, polveri, perdite di percolato) delle centinaia di automezzi dedicati al loro trasporto, i sistemi e le modalità di trattamento dei rifiuti medesimi–previsti di ogni tipologia possibile: indifferenziati, differenziati, frazione organica-, le inevitabili molestie odorigene, l’indeterminatezza del luogo ove la discarica di servizio all’impianto verrebbe collocata, rappresentano tutti aspetti di sicuro e negativo impatto su un’area ad elevatissima protezione ambientale.

Ha destato sorpresa ed anche sconcerto, il fatto che di questa iniziativa, pure così evidentemente impattante, l’Ente  Parco non abbia avuto alcuna comunicazione né vi sia stato, nei mesi intercorsi dalla richiesta dell’Amministrazione di Castrovillari ad Italcementi alcun coinvolgimento, come esplicitamente dichiarato dal presidente Pappaterra.

Il Consiglio Direttivo ha inoltre deciso di dar luogo ad altre iniziative conoscitive e di approfondimento della problematica anche con gli Organi regionali preposti.

Continuano intanto le iniziative di informazione del nostro Comitato in tutta l’area del Pollino, per supplire alla clandestinità in cui finora si è cercato di mantenere un progetto di gravissimo impatto non soltanto dal punto di vista ambientale, ma fortemente negativo sotto l’aspetto occupazionale, della salute e dell’economia dell’intero territorio. Quello della partecipazione democratica consapevole delle popolazioni è un diritto inalienabile non una gentile concessione da parte di chicchessia. 

IL COMITATO IN DIFESA DEL TERRITORIO

COMUNICATO STAMPA

Forza Italia Castrovillari esprimerà la sua posizione sull’allocazione di un Eco distretto  presso la cementeria di Castrovillari, solo dopo aver visionato il progetto di cosa si vuole realmente fare e soprattutto dopo aver visionato uno studio epidemiologico in quelle realtà dove insiste un impianto del genere a tutela della salute dei cittadini.

A tale proposito Forza Italia a breve organizzerà un convegno con esperti del settore da comprendere con i cittadini tutti i benefici  che ne potrebbero  derivare e soprattutto i rischi per ciò che riguarda la salute dei cittadini.

La manifestazione di interesse non deve essere un obbligo per l’amministrazione comunale, ma un’attenta valutazione dettata dai fattori rischi salute e ricchezza del Comune.

La mia esperienza politica in qualità di sindaco mi spinge ad essere cauto ed a valutare ogni aspetto dei rischi e dei benefici  nel pieno interesse dei cittadini.

Da un lato, se consideriamo che in quei territori dove insistono una pluralità di interventi produttivi come agricoltura , turismo, insediamenti industriali ecc, si è registrato un aumento del reddito pro-capite  e del PIL che certamente è un indice di ricchezza.

Così come da non sottovalutare la Royalty di un milione di euro all’anno nelle casse del comune che certamente darebbero respiro non solo per estinguere  i debiti, ma potrebbero servire per lo sgravio dei tributi comunali, per mirate azioni di politiche sociali verso gli anziani ed i più disadagiati, e non solo, intervenire sulla viabilità ed il rifacimento dei marciapiedi ed in altre opere pubbliche in quanto il comune avendo un entrata certa   avrebbe la capacità di indebitamento a contrarre mutui.

Non meno importante la stabilità a quei lavoratori in cassa integrazione che vedono il proprio futuro lavorativo incerto e prossimi al licenziamento e che la questione della loro stabilizzazione  non può essere legata esclusivamente all’eco distretto  ma anche ad altre forme di inserimento lavorativo in altri settori di cui la politica ed i sindacati devono farsi carico.    

Dall’altro canto, che è l’aspetto più importante, riguarda l’impatto ambientale di un impianto ai piedi del Parco Nazionale del Pollino con  l’aumento del traffico veicolare di tir ricolmi di spazzatura per centinaia di migliaia di tonnellate,   ed in modo particolare la salute dei cittadini.

Solo dopo aver valutato  lo studio epidemiologico  nelle realtà dove già operativo un impianto del genere e verificato  che non si è riscontrato un aumento delle patologie soprattutto quelle neoplastiche e l’incolumità della salute dei cittadini,  si può mettere su una bilancia la potenziale ricchezza ed i danni che ne deriverebbero da un impianto del genere.

Non basta il consiglio comunale aperto che si è svolto, l’amministrazione comunale di Castrovillari  non si può arrogare il diritto di decidere su un impianto che potrebbe avere conseguenze nefaste su un intero territorio, pertanto dovrà essere una valutazione cauta e condivisa con il coinvolgimento di tutti i comuni che insistono nell’area del Pollino perché una ipotetica scelta isolerebbe ulteriormente Castrovillari da tutto a da tutti: istituzioni, imprenditori agricoli e turistici, cittadini.    

                                                                                                   COORDINATORE CITTADINO

                                                   Roberto Senise

COMUNICATO STAMPA

Come era prevedibile una maggioranza sempre più traballante e risicatissima (mancavano ancora una volta i Consiglieri Pignataro e Carrozzino, la quale non è stata evidentemente “ammorbidita” dalla fascia tricolore vestita per un giorno, con cui il sindaco Lo Polito ha cercato di riacquistarne i favori) ha approvato la Manifestazione di Interesse al megaimpianto di trattamenti rifiuti, al servizio della provincia di Cosenza, che vorrebbero collocare nell’area del cementificio. Tutta una serie di strafalcioni tecnici e interventi tanto “di bandiera” quanto vuoti di ogni analisi dei problemi collegati (rischi per salute e occupazione, impatto ambientale, vincoli tecnici che depongono contro la possibilità di utilizzo dell’area) hanno caratterizzato la carrellata di interventi dei Consiglieri di maggioranza. Con ogni evidenza, la loro fedeltà al “capo” fa premio sulla necessità di capire i termini di una questione che, se concretizzata, sferrerebbe un colpo gravissimo a tutto il territorio. Né sono valsi i richiami alla ragionevolezza della CGIL, con relativa richiesta di moratoria, nè la “pesante” assenza dei Sindaci di popolazioni interessate –Frascineto e Civita- quanto e più di quella di Castrovillari, né ancora l’assenza del Presidente del Parco, né invitato né coinvolto in quella che è una “fuga in avanti”, ma nel buio più pesto, del sindaco Lo Polito. Il quale, evidentemente, si considera il “dominus” del Pollino. Un signore che non ha bisogno di concertare né di negoziare alcunché con nessuno. All’Assessore all’Ambiente, Pace, l’onere, insostenibile, di una relazione per tentare di giustificare una iniziativa relativa ad un progetto di cui si sa poco e niente e che lo ha costretto ad ammettere –con encomiabile onestà intellettuale – di non saperne, appunto, più di tanto, glissando o rispondendo con imbarazzati “non lo so” a otto delle undici domande poste, anticipatamente e per iscritto da noi delle Liste Civiche di Solidarietà e Partecipazione. Domande formulate anticipatamente proprio perché non volevamo “tendere trappole” ma soltanto avere informazioni. Viene da domandarsi, come si faccia a chiedere qualcosa che non si conosce! Il fatto che Castrovillari sia l’unico Comune in lizza, dei 155 della Provincia di Cosenza, qualcosa dovrebbe suggerire. Ma i giochi sono tutt’altro che fatti. Un’aula gremita ha fatto da contorno fino a notte inoltrata al Consiglio aperto. C’erano i lavoratori del cementificio, che magari hanno capito la deplorevole strumentalizzazione a cui sono fatti oggetto. E ai quali abbiamo ribadito il nostro pieno appoggio, assieme alla richiesta di riapertura del “tavolo” territoriale di concertazione inopinatamente, di fatto, chiuso da Lo Polito. Richiesta respinta dalla maggioranza. E c’erano tantissimi altri cittadini di Castrovillari e di tutti i Comuni limitrofi che hanno più volte fatto sentire la propria insofferenza per una scelta grave e pesante, portata avanti nella clandestinità più assoluta. La negazione stessa della partecipazione democratica, a cui sono stati sottoposti anche i Consiglieri di minoranza fino a che è stato possibile. Ma che adesso è stata infranta e fioccano le iniziative di informazione e mobilitazione su tutto il territorio. Un residente di Rovito ha reso la sua testimonianza, dipingendo la infernale quotidianità a cui la discarica di Celico li costringe. E, a proposito di discariche, possibile che si possa pensare di chiedere un megaimpianto del genere, senza sapere nemmeno dove la Regione collocherà le discariche al servizio? Ma il nocciolo del problema, una volta di più, per Lo Polito e i suoi “fedeli”, sono i soldi. Altro che chiacchiere. Un bel milioncino di euro all’anno di indennizzo (ma gli indennizzi non si danno a chi subisce un danno?...) e passa la paura. Poco male se questi “trenta denari” sono il prezzo del tradimento della gente di tutta l’area del Pollino.

 

                                                                                              Il Coordinamento Politico delle Liste Civiche di

“Solidarietà e Partecipazione” 

COMUNICATO STAMPA

Si è svolta giovedì 28 settembre, nella Sala delle Conferenze della Camera dei Deputati, la presentazione dell’Associazione Politico Culturale Piazza Dem, ha partecipato all’incontro Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia nonché Leader di Fronte Dem, era presente un rappresentativo gruppo di Parlamentari Nazionali, ha coordinato l’incontro la Presidente Nazionale di Piazza Dem Maria Saladino.

Nella giornata, da varie parti di Italia, sono arrivate le rappresentanze territoriali, Puglia, Sicilia, Calabria, Basilicata, Campania, Molise, Abruzzo, Umbria, Toscana le più rappresentate con i Segretari Regionali e Provinciali.

Alle 17:30 la Presidente Nazionale, Maria Saladino, supportata dai contributi e dalle emozioni dei presenti, ha avviato la storica presentazione del progetto “PIAZZA 2.0” precisando che non si tratta di una alternativa al territorio ed alla piazza reale, ma del megafono della stessa e, che tale scelta, coglie la necessità sociale del ritorno alla Piazza, intesa come partecipazione, confronto, raccolta di bisogni e di disagi, palcoscenico di risorse umane, specchio di solidarietà.

Maria Saladino informa che dalla Piazza reale, con un certosino lavoro di ascolto, dal 2014 ad oggi, abbiamo recepito, almeno due certezze, la gente vuole che:

-          la POLITICA ritorni ai TERRITORI

-          i territori siano PROTAGONISTI del proprio FUTURO,

e, che questo, può avvenire bandendo le divisioni, di cui i progetti populisti si cibano, riavvicinando i cittadini alla Politica, alzando il livello di coesione sociale e territoriale, trasformando in risorsa  le differenze per tradizioni e storia, nella consapevolezza che le differenze non devono costituire paura, ma valori unitari, quasi una “chiamata alle armi” della Buona Politica”, per una Italia migliore, per una nuova Europa dei Popoli e, soprattutto, per un MONDO TINTO DI PACE.

 Ha affermato che nella Piazza reale, in questi 3 anni, abbiamo messo la faccia, la voglia, la caparbietà, la presunzione di cambiare anche territori difficili,  senza demordere, a volte, rischiando di essere emarginati, quale prezzo della stupenda scelta di essere al servizio della Gente. 

Maria Saladino ha ribadito che in questi 3 anni si è lavorato fuori da ogni palcoscenico ma dentro le piazze, cogliendo e coniugato, tra l’altro,  anche le aspettative occupazionali dei giovani e l’esigenza di trasformazione della Pubblica Amministrazione di sostituire alla carta i processi informatici, proponendo alla Segreteria del Partito Democratico ed ai nostri rappresentanti nel Governo,  la attualizzazione ed il rifinanziamento della ex L. 285/78, ottenendone, oggi comunicato con il termine “maxiconcorso”, il possibile inserimento della previsione e degli strumenti attuativi, quale ambizioso obiettivo, nella prossima legge finanziaria.

 Ha colto l’occasione per comunicare, alla stampa presente, che la Consulta Nazionale si farà carico di dibattere, nella prossima convention che si terrà a Castrovillari in autunno,  di Politiche per l’Occupazione Giovanile e di essere pronti a proporre all’attenzione dei parlamentari democratici  studi avviati di emendamenti a disegni di legge che si occupano di sociale, di giovani, di diritti civili, di solidarietà e di terza età attiva. 

La determinazione e la ambizione del progetto politico, davanti all’attenzione ed alla curiosità del Presidente Michele Emiliano, Maria Saladino la certifica dichiarando che, vivendo tutta la responsabilità e la importanza politica della fase storica, PIAZZA DEM propone, dall’importante palcoscenico, al Partito Democratico, a cui molti dei presenti appartengono, di avviare la costruzione di un Patto Federativo con il mondo delle Associazioni e dei Movimenti Democratici radicati e rappresentativi, che garantisca i Cittadini rispondendo ad ogni ipotesi di divisione, coinvolgendo e non emarginando, pensando ad un progetto di Governo politicamente coeso, socialmente forte e rappresentativo.

 Dice che è già nel simbolo, il forte segnale socio politico di riconoscimento del principio fondante di protagonismo territoriale ad ogni Piazza che, alla sua formazione, inserisce nel logo il bozzetto verde disegnato con le matite della propria comunità.

 Entra poi a gamba tesa affermando che PIAZZA DEM sente la necessità di contribuire al confronto su quale Governo vuole l’ITALIA, già dalla sua presentazione nazionale, offrendo ai prsenti la voce delle Piazze, che risulta fortemente convinta della necessità di proporre, alla gente, un Progetto Democratico chiarendo a cosa finalizza la propria espressione di voto. 

Il Governo che immagina PIAZZA DEM, afferma Maria Saladino, deve essere legittimo, scevro da condizionamenti, senza freni, a filosofia Politica certa, compatibile e condivisa dalle forze democratiche, sicura che saranno, poi, le urne a determinare la governabilità dell’Italia, e, in questo, la legge elettorale su cui la commissione parlamentare ed i partiti stanno lavorando ne determinerà lettura ed effetti. 

Nel merito e con la chiarezza che la contraddistingue, dichiara , per quanti lo predicano, che non è possibile pensare un progetto di sinistra moderna e democratica senza il Partito Democratico, sarebbe perdente dalla nascita, lanciando da questa importante platea nazionale, un messaggio forte e consapevole, occorre lavorare perché le anime democratiche comprendano e si impegnino per crearne le condizioni, consapevoli che storicamente le divisioni avvantaggiano populismo e conservazione.

 Un concetto importante che trova l’immediato annuire di Michele Emiliano e dei Parlamentari presenti, lo esprime quando afferma, con forza, che, “per noi democratici, all’interno del PD le primarie sono finite, e, che ora risulta necessario avviare condivisione, partecipazione e confronto per realizzare unità e, quindi, per ottenere il consenso per governare”. 

In tale affermazione si sottoscrive una importante intuizione del concetto di unità e pluralità politica nel rappresentare il Partito Democratico, generato dalla orgogliosa espressione di oltre duemilioni di democratici,  impegnati nella battaglia politico elettorale avviata e di cui lo stesso Segretario Politico Matteo Renzi si sta facendo portatore.  

Piazza Dem, si pone, come forza catalizzatrice di unità democratica, accelerandone inclusione, condivisione, partecipazione e lavoro comune. 

Maria Saladino conclude affermando che PIAZZA DEM, quotidianamente, opera, contribuisce, partecipa  affinché questa prospettiva si realizzi, sapendo che occorre fare di più e presto, oggi e sempre. 

La sala, erano le 18:00, ha espresso notevole condivisione con un lungo applauso trasformando l’attenzione del Presidente Michele Emiliano, in determinata partecipazione.

Il Presidente Emiliano ha disegnato, nel suo intervento, stimolato dalla notevole ed ambiziosa proposta politica PIAZZA DEM,  un quadro di convinta condivisione, chiedendo ed invitando alla continuità della interessante azione in campo sui territori, la Piazza cerca voci e lealtà, risorse umane e politiche, riconoscendo a Maria Saladino di rappresentare un raro esempio di coraggiosa ed intelligente intuizione politica. 

Alle 18:30, la espressione di entusiasmo si è  propagata alla Piazza di Montecitorio che ha espresso consapevolezza di aver messo in campo un notevole progetto politico a cui i territori stano offrendo le proprie PIAZZE.

  

UFFICIO STAMPA PIAZZA DEM

Si sa che tutto il mondo è paese e che, nell’epoca della disinformazione, le fake news prima o poi sarebbero arrivate anche a Saracena. Abbiamo assistito in questi giorni ad un’opera di vero terrorismo psicologico, messo in atto da una parte della minoranza su diversi temi. Per fortuna, nel luogo deputato al confronto, ossia il Consiglio Comunale, l’Amministrazione nella persona del Sindaco, Renzo Russo, ha provveduto a smentire le deliranti tesi del consigliere Luigi Pandolfi e del suo gruppo consiliare. Gruppo consiliare che, ieri, dopo giorni di continui attacchi sui social, ha pensato bene di non presentarsi in Consiglio Comunale, di scappare dal confronto. Le bugie hanno le gambe corte, però.

L’Amministrazione Comunale non ha la minima intenzione di privatizzare il sistema idrico, come più volte ribadito durante la campagna elettorale. Nessun passo indietro quindi ma, semplicemente, il perseguimento di un punto del programma della lista “Sarabella”. Non è obiettivo di questa Amministrazione disattendere agli impegni presi con la cittadinanza. Proteggere i beni comuni, migliorare i servizi, agire esclusivamente nell’interesse della comunità sono queste le linee guida che quotidianamente l’Amministrazione mette in campo. Giovedì 5 ottobre in Sala Consiliare si terrà l’Assemblea Pubblica sul servizio idrico integrato e la raccolta differenziata dei rifiuti, noi ci saremo e ci auguriamo che anche il gruppo consiliare “Saracena in Comune” possa trovare il tempo, per un confronto reale, che vada oltre il mondo social.

Partito Democratico Sezione di Saracena

COMUNICATO STAMPA

Non è mai accaduto nei piccoli borghi. La scelta di far nascere le commissioni consiliari è un atto politico che è riservato solo alle grandi città, dove sono previste da un obbligo di legge.

Ma l'amministrazione guidata dal neo Sindaco Giuseppe Regina - che si è candidata con lo scopo di offrire un nuovo corso alla gestione della cosa pubblica ed alla vita politica della comunità - ha fatto proprio l'invito della minoranza inoltrato attraverso il consigliere Gianluca Grisolia ed ha «accolto questa idea e ho apprezzato molto l’alto senso di responsabilità di tutti i consiglieri di maggioranza che hanno guardato oltre il loro naso e concentrandosi al sol pensiero del lavoro condiviso e coordinato» ha spiegato il primo cittadino di Mormanno.

Tre saranno gli ambiti che riguarderanno l'organismo consiliare. La prima commissione sarà dedicata allo Sviluppo economico, organizzazione dei servizi e personale; la seconda si occuperà di Urbanistica; la terza sarà dedicata alle Politiche sociali e politica di accoglienza.

Lavoreranno su proposte direttamente del Sindaco e «in questo sottoporrò sin da subito, le grandi problematiche che attanagliano la nostra comunità, ai membri che ne faranno parte per dare subito vita sin da subito alla loro funzione di confronto e proposta per la vita pubblica ed amministrativa».

Con questo atto la giunta Regina ha voluto dare un segnale chiaro all'intera cittadinanza: «finisce l’era delle debacle tra maggioranza e minoranza, si apre alla stagione della responsabilità istituzionali e della responsabilità di ogni singolo cittadino. Faremo questo test - ha concluso Regina - nella speranza di poter essere un giorno, esempio di questo territorio».

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pagina 1 di 205
Friday the 20th. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.