Ἀδάμας Mέλας (Adàmas Mèlas)

Ἀδάμας Mέλας (Adàmas Mèlas)

Semper adamas

«La mia gente non ha paura di nulla, nemmeno delle parole»
(Gabriele d'ANNUNZIO, principe di Montenevoso)

«Ritti sulla cima del mondo, noi scagliammo, una volta ancora, la nostra sfida alle stelle!»
(Filippo Tommaso MARINETTI, Manifesto del Futurismo, in «Le Figaro», PARIGI, 20 febbraio 1909)

Vi Veri Veniversum Vivus Vici

− COMUNICATO STAMPA −

“Ci si incammina verso l’inizio dei lavori per la messa in sicurezza della strada di accesso al Santuario della Madonna del Castello.”

Lo rende noto il Sindaco di Castrovillari, Domenico Lo Polito, ricordando che “oggi il Settore Tecnico Decentrato Regionale Lavori Pubblici , già Genio Civile e competente per rilasciare l’apposita autorizzazione, ha dato parere favorevole all’esecuzione dell’opera.”

Il Comune aveva già sottoscritto il contratto con la ditta appaltatrice.

“La notizia di questa mattina – precisa il primo cittadino- è importante quanto attesa dall’intera comunità per ciò che rappresenta il Santuario nella città, nel comprensorio tra i territori che ospitano i templi mariani presenti in regione dove si vive una forte devozione.”

“L’Amministrazione comunale di Castrovillari, così, continua determinata – aggiunge- ad affrontare le varie questioni cittadine, per la loro soluzione proprio come per quella legata alla viabilità per il Colle della Madonna del Castello affinché il luogo, tanto caro ai fedeli, divenga nuovamente percorribile e occasione, come altri, di riferimento.”

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari
(g.br.)

− COMUNICATO STAMPA −

Il primo slalom “Isola di Dino” va a Saverio Miglionico. Il pilota, al volante di una Radical SR4 dell’Asd Power Racing, è riuscito a precedere gli avversari nella prima edizione di questa competizione automobilistica che abbraccia i meravigliosi scenari di San Nicola Arcella e Praia a Mare, sull’alto litorale tirrenico calabrese.

Al secondo posto si è classificato Gaetano Rechichi, al volante di una Ermolli Suzuki della scuderia Piloti per passione. Terzo miglior piazzamento per Vincenzo Manganello, su Fiat A1/9 della Cuore Racing. Quarto miglior andamento per Andrea Cuomo, su Lola Suzuki dell’Autosport Sorrento. Quinto piazzamento per Alfonso Casillo, alla guida di una Elia Avrio St9 della New Generation Racing. Sesto, Aniello Mastellone, sui Radical Sr4 della Tirreno Motorsport. Settimo, Francesco Bevacqua su Renault 5 Gtt, mentre l’ottavo piazzamento è stato appannaggio di Ernesto Leandro Brecchi, su Peugeot 106 della Kronoracing. Nono posto per Francesco Annunziata su Peugeot 205, mentre a chiudere la top ten è stato Francesco Cosimo Sardo su Peugeot 106 della Sila Racing.

La manifestazione sportiva è stata organizzata dall’Automobile Club Cosenza, presieduto da Renato Arena e diretto da Giovanni Caturano, in collaborazione con la Fondazione “Amerigo e Mario De Rosa”, e il delegato Sportivo provinciale Aci Sport Franco Molinaro.

La competizione, posticipata di una settimana a causa delle avverse condizioni meteorologiche, si è disputata nel migliore dei modi in una folta cornice di pubblico, sul meraviglioso scenario della Riviera dei Cedri, su un tracciato di 2,6 km corredato da 10 postazioni di rallentamento. Le operazioni di gara si sono svolte agli ordini del direttore di gara Rosario Moselli e dell’aggiunto Fiore Perri.

− COMUNICATO STAMPA −

Ancora pochi giorni e si concluderà la terza edizione della Settimana della santità calabrese, che si sta svolgendo a San Marco Argentano, in coincidenza con la lettura del decreto di venerabilità di mons. Agostino Ernesto Castrillo, che fu vescovo delle diocesi di San Marco e Bisignano nei primi anni 50 del Novecento.

La manifestazione, voluta e patrocinata dal vescovo mons. Leonardo Bonanno, è stata incentrata sulla mostra iconografica Santi, santità e santini di Calabria, che presenta in 100 quadri la grande devozione e la santità in Calabria.

Gli appuntamenti rimasti sono quelli di domenica 10 dicembre: la mattinata dedicata ad una visita guidata alle chiese (Cattedrale, cripta, Museo diocesano, San Francesco di Paola, Convento della Riforma, la Benedetta) e nel pomeriggio il Cammino dal Santuario dei martiri argentanesi fino all’Abbazia della Matina, con la Santa Messa, celebrata alle ore 16 da don Ennio Stamile, referente regionale di Libera.

Lunedì 11 dicembre si parlerà di santità minima con padre Domenico Crupi, a seguire la presentazione del volume di Candeloro Modaffari su Girolamo Molinari di Malvito, religioso dell’Ordine dei Minimi, con un intervento di padre Giovanni Cozzolino, della comunità di Corigliano Calabro, convento dove è morto e sono conservate le reliquie del frate. A seguire nel Ristorante La Contadina assaggi di ricette della cucina di strettissimo magro, tipica dell’Ordine fondata da San francesco di Paola.

Martedì 12 dicembre la presentazione del volume di padre Placido De Meester, Catechismo liturgico del rito bizantino (terza edizione pubblicata dalla casa editrice Progetto 2000 di Cosenza, in occasione della beatificazione di mons. Francesco Maria Greco), interverrà il vicario generale dell’Eparchia di Lungro, il protosincello Pietro Lanza e l’editore Demetrio Guzzardi.

Ultimo giorno: mercoledì 13 dicembre, anniversario dell’ordinazione episcopale di mons. Agostino Ernesto Carstrillo; dopo la Messa delle ore 17, celebrata da don Sergio Ponzo, nella Chiesa di Santa Maria del Carmelo a San Marco Scalo, distribuzione di un santino in braille su mons. Castrillo, a cura di Radio Scalo San Marco e degustazione della cuccìa di Santa Lucia, offerta dall’Associazione Anima Normanna.

 

IL PROGRAMMA COMPLETO

https://issuu.com/deguzza/docs/programma-settimana-santita-calabre

− COMUNICATO STAMPA −

“Amarcord”, è la nuova personale dell'artista Francesco Senise dal 9 al 23 Dicembre presso il Teatro Vittoria, con il Patrocinio del Comune di Castrovillari. Un omaggio al cinema italiano e alla commedia all'italiana, racchiuso in un'antologia di 15 opere su tela che verrà inaugurata a Castrovillari sabato 9 Dicembre alle ore 18.00 alla presenza del sindaco avv. Mimmo Lo Polito, dell'on. Franco Laratta, dell'architetto Giuseppe Bruno, della prof.ssa Ines Ferrante presidente dell'associazione culturale Mystica Calabria che ha curato la mostra e dell'artista. La personale espone, sul fil rouge del ricordo attraverso l'arte contemporanea, interpreti, registi e ambientazioni che seppero incarnare magistralmente i vizi e le virtù degli italiani e di un'epoca, il cui fascino abbraccia, anche la moda, la letteratura, il teatro, l'enogastronomia. Il cinema, da sempre, è lo specchio della società e, tra la metà degli anni ’50 e la metà degli anni ’60,i films italiani sono stati testimonianze straordinarie dei cambiamenti e delle contraddizione di una nazione. I volti dei protagonisti e le scene indimenticabili, filtrate dal cuore e dall'anima dell'artista lungrese si propongono ai visitatori per le festività natalizie castrovillaresi e le opere in mostra saranno allestite in funzione dello spazio aperto, sempre in relazione al rapporto artista-pubblico. Artista autodidatta, Francesco Senise vive ed opera a Lungro dove è nato, libero da vincoli estetici precostituiti, riuscendo in pochi anni ad imporre all’attenzione della critica più esigente il valore delle sue forme e dei suoi contenuti. La sua attività artistica lo ha posto in una posizione di rilievo nel panorama degli artisti calabresi e non, grazie alle indubbie doti tecniche e alla partecipazione alla vita espositiva non solo regionale, ma anche nazionale ed internazionale. La sua fitta agenda lo vede presente in mostre personali e collettive in gallerie, musei e sedi istituzionali, in rassegne d’arte e nelle maggiori fiere d’arte contemporanea.

− COMUNICATO STAMPA −

Si apre il sipario su “Oscenica – nuove frontiere del teatro contemporaneo” la rassegna del Teatro Comunale di Catanzaro ideata e diretta da Divina Mania con la direzione artistica di Mauro Lamanna e Gianmarco Saurino e quella organizzativa di Pietro Monteverdi e Rosy Chiaravalle.

Sabato 9 dicembre alle 21.00 inaugura l’edizione numero zero lo spettacolo “La Merda” di Cristian Ceresoli con Silvia Gallerano. Per la prima volta a Catanzaro l’opera che ha letteralmente scioccato il mondo, oscar del teatro con il premio Edinburgh Fringe First Award 2012 for Writing Excellence. “LA Merda” è un monologo straordinario, brutale e disturbante sulla condizione umana. Una bulimica e rivoltante confidenza pubblica di una "giovane" donna "brutta" che tenta con ostinazione, resistenza e coraggio di aprirsi un varco nella società delle Cosce e delle Libertà. Un fenomeno che ha da tempo rotto i confini del teatro, registrando ovunque il tutto esaurito. Uno spettacolo seguito come un concerto rock, magistralmente interpretato da Silvia Gallerano, la prima attrice italiana a vincere il The Stage Award for Acting Excellence.

“La Merda”, oggetto d’arte e di poesia, come lo definiscono i suoi artefici Cristian Ceresoli e Silvia Gallerano, vinti gli scetticismi iniziali e i numerosi premi, è considerato un incredibile connubio di scrittura e d’interpretazione tra i più rappresentati al mondo. “Oscenica” nasce con l’obiettivo di consegnare al pubblico un’attenta selezione di spettacoli che, lontani dal mero intrattenimento, riportino lo spettatore a guardarsi e interrogarsi su sé stesso e sulla realtà che lo circonda.

 

LA MERDA (60’)
di Cristian Ceresoli
con Silvia Gallerano
in collaborazione con Summerhall (Edinburgh) e Teatro Valle Occupato (Roma)
production manager Marco Pavanelli
tecnico Giorgio Gagliano
una produzione Frida Kahlo Productions con Richard Jordan Productions

− COMUNICATO STAMPA −

MORANO CALABRO – Buona la prima per “I Fratelli Caponi” de L’Allegra Ribalta che domenica scorsa ha divertito e deliziato la platea dell’auditorium Massimo Troisi. “Era una scommessa alquanto azzardata – dice il regista Casimiro Gatto – il tentativo non facile di riportare sulla scena teatrale le atmosfere e lo spirito di “Totò Peppino e la malafemmina”, film che ha segnato l’immaginario collettivo di intere generazioni. Ma visto l’apprezzamento del pubblico – l’auditorium domenica era strapieno – possiamo ritenerci più che soddisfatti, gli attori, tutti in parte, hanno dato il meglio di sé, supportati da un abile montaggio scenico che è riuscito a ricreare le irresistibili scene del film a teatro”. E domenica 10 dicembre all’auditorium “M. Troisi” di Morano “I fratelli Caponi” replica facendo prevedere un secondo sold-out. La storia nota a tutti è quella dei fratelli Caponi, agiati agricoltori con un delicato problema familiare da risolvere: il nipote Gianni ha abbandonato gli studi, se n’è andato dal paese per seguire la soubrette Marisa e per lei si è rovinato economicamente, così almeno ritengono gli zii, avvisati da un creditore. Decisi a far rinsavire il nipote e a sottrarlo all’influenza della “malafemmina”, i due affrontano il lungo viaggio per raggiungerlo a Milano dove però trovano una situazione completamente diversa da quanto immaginavano. Sulla scena ci saranno Vincenzo Forte, Fedele Fuscaldo, Franco Guaragna, Alessandro Laitano, Domenico Laitano, Luciano Maffei, Rosaldo Principe, Katia Sartore, Adele Schifino, Emilia Zicari e le giovanissime allieve della Revolution Dance di Morano Calabro.

DOMENICO DONATO
UFFICIO STAMPA TEATROMUSICA

− COMUNICATO STAMPA −

Il premio ASSAPLI, alla sua prima edizione con il titolo : “Sulla strada con saggezza e in sicurezza” tenuto sabato 2 dicembre presso il Centro Polivalente di Villapiana Scalo per mano dell’ASS.A.P.L.I, Associazione di Polizia Locale Italiana, firmataria della Carta Europea della Sicurezza Stradale “25.000 vite da salvare”, in occasione della Giornata Mondiale della Sicurezza Stradale e per ricordare le tante vittime della strada, ha ancora una volta affermato, dinanzi ad un folto pubblico, i ruoli della prevenzione ed educazione stradale.

I riconoscimenti sono stati conferiti per l’opera di divulgazione e coinvolgimento ai dirigenti scolastici: Bruno Barreca (Istituto d’Istruzione Superiore “Mattei”), Loredana Giannicola (“Liceo Statale “Lucrezia della Valle di Cosenza”) e Antonio Iaconianni (del Liceo “Telesio” di Cosenza).

Altri sono andati al Presidente dell’Associazione “Basta Vittime sulla Ss.106”, al Team Notaro e all’AGM di Castrovillari nonché alle forze di Polizia Stradale del Territorio Pollino- Alto- Jonio.

Nel corso della serata sono state recitate due poesie in memoria sempre delle vittime della strada da parte degli studenti Francesco Giannicola e Francesco Russo, accompagnati da arie musicali eseguite dagli allievi dell’Accademia Musicale “Gustav Maller” di Trebisacce.

Il presidente nazionale dell’ASS.A.P.L.I., l’avvocato Dario Giannicola, soddisfatto ancora una volta del messaggio che si lanciava in sinergia con più soggetti, ha rimarcato , nelle conclusioni, la valenza educativa del momento volto alla sensibilizzazione , fattori riprecisati da più angolazioni anche dal Sindaco di Villapiana, Paolo Montalti, nel saluto, dal Vescovo di Cassano allo Jonio, mons. Francesco Savino, dall’Assessore regionale alle Infrastrutture, Roberto Musmanno, dal consigliere nazionale dell’Automobile Club Italia, Giovanni Forciniti, dal presidente dell’ACI di Cosenza, Renato Arena, dal presidente del CSV di Cosenza, Gianni Romeo, e dal dirigente medico dell’ASP, Sisto Milito, moderati dal presidente dell’associazione “Giovanni La Pira” di Cosenza, Antonio Belmonte, che ha anche lui sottolineato gli elementi caratterizzanti della manifestazione.

“Opportunità a chiare lettere – è stato detto- per affermare il valore della vita che non può essere messa a rischio dall’0imprudenza e superficialità e che deve farci
riflettere.”

Ecco perché perseguiamo questa urgenza educativa, bisognosa di accortezze e accompagnamenti dedicati e specifici.

Non a caso l’appuntamento è stato sostenuto pure dalla Regione Calabria oltre che dai Comuni di Villapiana e Castrovillari, nonché dal Comando della Polizia Locale dello stesse ente accogliente e dalle Associazioni ACI, Centro Servizi per il Volontariato, ENSA, Omnibus, “Giorgio La Pira “ di Cosenza, Accademia formativa della Polizia Locale ed altri per un’attenzione che non può mai permettersi di abbassare la guarda sulla sicurezza nei comportamenti da tenere sulla strada.

− COMUNICATO STAMPA −

Venerdì 8 Dicembre, a partire dalle ore 17, si terrà in Piazza Mazziotti "Perciavutt - XVII edizione". Un evento organizzato dall'Associazione Pro Loco "Sarucha", con il patrocinio del Comune di Saracena, che vedrà la partecipazione del gruppo Folk "Città di Castrovillari" e che sarà ospite della trasmissione di Rai Uno "I Soliti Ignoti". Un'occasione imperdibile per assaporare il vino nuovo e per riscoprire la nostra identità attraverso il gusto, i suoni e le tradizioni del passato.

A seguire, Sabato 9 e Domenica 10 Dicembre, musica popolare, mercatini di Natale e folklore animeranno anche quest'anno il centro cittadino con la IV edizione della Festa della Tarantella Calabrese.

L'evento, organizzato dalla Associazione Culturale Zeta Reticoli con il patrocinio del Comune di Saracena, si inserisce nel Cartellone eventi SARAfesta che l'Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Renzo Russo, ha presentato in vista delle festività natalizie.

La manifestazione avrà inizio nel pomeriggio di Sabato con l'apertura dei Mercatini di Natale e il raduno dei suonatori provenienti da tutta la Calabria che, al ritmo incalzante dei tamburelli, coinvolgeranno i presenti con canti e balli della tradizione popolare calabrese.

La festa si concluderà Domenica 10 con il concerto di musica popolare dei Karaballandofolk di Angelo Lo Tufo previsto per le ore 19 in Piazza Mazziotti.

Due giorni di musica e di allegria durante i quali sarà possibile partecipare a stage, completamente gratuiti, di ballo, tamburello e lira calabrese.

COMUNE DI SARACENA

UFFICIO DEL SINDACO

− COMUNICATO STAMPA −

E’ tutto pronto. Mormanno si prepara all’invasione pacifica di turisti e visitatori per l’edizione 2017 della festa Perciavutti, l’evento identiario che rievoca l’antico rito di “perciare” le botti per assaggiare il vino nuovo. Il marketing turistico e la promozione del borgo passa per i vicoli e gli slarghi dei rioni Casalicchio, Costa, Capo Lo Serro e Torretta, sede storica dei “vuttari” gli ambienti rustici e legati alla tradizione nei quali domani si spillerà il vino dei produttori regionali che sostengono l’iniziativa e si ammalierà il palato con le pietanze della tradizione contadina. Nel paese del Bocconotto e della Lenticchia per giorni oltre 400 volontari hanno lavorato alacremente per trasformare Mormanno nella capitale del vino calabrese. Dal 7 al 9 dicembre, infatti, l’evento organizzato dall’Amministrazione comunale di Mormanno, in collaborazione con l’associazione Comunalia ed il contributo economico dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, ospiterà anche le cantine Campoverde di Castrovillari, Statti di Lamezia Terme, Librandi e Tenuta Iuzzolini di Cirò Marina per un grande appuntamento enogastronico.

Formaggi e salumi del Pollino, salsiccia e maiale arrosto, la frascatola (antica polenta del Pollino), insalata di baccalà,  fagiolo poverello, patate e peperoni fritte, polpette di carne cotica e lenticchia, rape e cipolla, frittate, bocconotti, cannaricoli, cicirata sono solo alcune delle bontà culinarie che verranno servite in strada per rendere la festa evento di popolo da bagnare con il vino nuovo spillato dalle cantine. Il centro storico di Mormanno si apre all’accoglienza e la convivialità attraverso la promozione delle ricette contadine, i prodotti del territorio, la musica popolare, la cucina territoriale, la tradizione religiosa e quella folklorica in un mix di grande fascino per i tanti turisti che riempiono da cluni giorni in ogni ordine di posti le strutture ricettivo alberghiere del borgo, ormai consolidato nella formula della rete dell'ospitalità diffusa.

Per la prima giornata di festa Piazza Umberto I si trasformerà in un grande palcoscenico a cielo dedicato alla musica popolare con il concerto degli "Alla Bua" che figurano tra i gruppi emergenti del panorama nazionale del genere etno-folk. Nel corso della mattinata Piazza 8 Marzo invece accoglierà l'apertura dei mercatini di Perciavutti alle ore 10.00. Poi nel pomeriggio si entrerà nel vivo della festa alle ore 17.00 con la sfilata di apertura alla quale prenderanno parte i Tamburi di Montecerviero e i Piccoli Natalini. Subito dopo l'accensione delle luminarie e dell'albero di Natale in Piazza Umberto I. Dalle 19.00 in poi, tra i vicoli diCasalicchio, Costa, Capo Lo Serro e Torretta si apriranno i "Vuttari" e sarà festa vera con la genuinità dei prodotti locali e la spillatura del vino, in ricordo del vecchio rituale di Perciavutti.

Venerdì 8 Dicembre il Palio delle Botti alle ore 16.00 colorerà il corso Municipale con il sano agonismo dei quartieri in gara. L'evento a cura dell'associazione Comunalia precederà la fiaccolata mariana a cura della Parrocchia di Santa Maria del Colle. In serata il minifollk del gruppo Miromagnum "Francesco Perrone" si esibirà in piazza alle ore 20.00.

La tre giorni di Perciavutti si concluderà sabato 9 dicembre con il concerto degli Hosteria di Giò alle ore 22.00 in Piazza Umberto I, preceduto in giornata dal premio di riconoscimento alle aziende vitivinicole previsto per le ore 11.00 e dallo spettacolo degli artisti di strada "Gessetti e Straccetti" lungo il corso Municipale.

Per tutta la durata dell'evento la guida ufficiale del Parco Nazionale del Pollino, Luigi Perrone, organizzerà visite guidate alla scoperta del borgo di Mormanno.

Vincenzo Alvaro
- giornalista -

− COMUNICATO STAMPA −

ROTONDA 04 DICEMBRE 2017 – E’ stato sorpreso all’interno del Parco Nazionale del Pollino mentre praticava attività venatoria. Per un cacciatore di Latronico (PZ) è scattata quindi la denuncia per attività venatoria non consentita e introduzioni di armi all’interno dell’area protetta. L’uomo è stato fermato dai militari delle Stazioni Carabinieri Parco di Rotonda (PZ) e Viggianello (PZ) al termine di una attività di prevenzione e controllo in località “Peschiera-Giualiantonio” di Castelluccio Inferiore (PZ), zona 1 del Parco Nazionale del Pollino, Sito d’Importanza Comunitaria (SIC) e Zona a Protezione Speciale (ZPS). Subito bloccato si è proceduto al sequestro del fucile e del munizionamento di tipo spezzato in suo possesso, tra l’altro non consentito dalla Legge sulla caccia. L’uomo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di caccia di frodo ed introduzioni di armi in area protetta, in violazione della Legge sulla caccia e della Legge Quadro sulle Aree Protette.

Pagina 10 di 171
Wednesday the 20th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.