Varie

Varie (1685)

– COMUNICATO STAMPA –

«L’attività svolta da Confapi sulla legalità e sulle sfide delle PMI sul territorio calabrese riguarda due aspetti: l’Asse.Co. e il protocollo della legalità. Due strumenti con obiettivo comune, quello di promuovere insieme la cultura della legalità». Così Francesco Napoli è intervenuto a Crotone per il V Congresso Regionale dei Consulenti del Lavoro, “Il mondo del lavoro: il futuro con occhi nuovi. Ruolo e proposte dei Consulenti del Lavoro”, occasione importante di confronto che ha visto nel suo fittissimo programma la partecipazione dei massimi dirigenti nazionali e l’intervento di esponenti delle istituzioni e della politica per parlare di welfare, di somministrazione illecita e Asse.Co., di Politiche attive del lavoro, di previdenza, delle sfide delle PMI sul territorio calabrese tra regolarità e legalità. Un tavolo importante presenziato da Napoli in qualità di vicepresidente nazionale di Confapi e presidente di Confapi Calabria. «Quello dei Consulenti del Lavoro è un ordine professionale molto vicino al nostro mondo, al mondo delle PMI, in quanto braccio operativo delle nostre attività – commenta il presidente. Siamo stati i primi a firmare un accordo tra Fondazione Studi Consulenti del Lavoro e Confapi nazionale. Asse.Co. non è altro che uno strumento per asseverare la regolarità contributiva e retributiva delle imprese, una piattaforma che occupa un ruolo fondamentale perché mira a far risaltare le positività delle aziende virtuose. Il nostro Paese non ha bisogno di “scorciatoie”, la giungla di contratti dimostra che c’è una corsa a cercare escamotage, si parla spesso di contratti pirata che tagliano i salari, sottopagano ma soprattutto mortificano le competenze». In un rapporto recente, Banca Italia evidenzia come nonostante negli ultimi dieci anni ci sia stato meno lavoro in giro, è presente una proliferazione di contratti per inquadrarlo, cioè una concorrenza a ribasso giocata sulla pelle dei lavoratori. Il presidente Napoli ha messo in evidenza il divario che separa l’Italia dal resto dell’Europa: in Danimarca lo stipendio medio orario è di oltre 25 €, in Irlanda di 20 €, Lussemburgo e Belgio siamo intorno ai 18 €. In Italia siamo sotto la media europea con una retribuzione media ad ora di 12,49 € come tariffa massima, con un trend in diminuzione dei salari nonostante l’aumento della produttività. «È chiaro che l’unico modo per stanare i contratti farlocchi, o contratti pirata – commenta Napoli –  è quella dell’asseverazione, asseverazione che sta per Asse.Co.». Confapi è stata la prima in Italia nell’aiutare le imprese ad operare nella legalità grazie alla formazione di operatori del sistema di regolarità, con il compito e il ruolo di attuazione degli obblighi previsti dal protocollo della legalità. Un modello positivo esportabile nel resto del Paese per fronteggiare le infiltrazioni mafiose delle PMI.

Occasioni come quella svolta a Crotone, voluta dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro è importante per fare rete, sistema, perché solo così le imprese “sane” possono essere aiutate nel loro percorso di crescita. 

– COMUNICATO STAMPA –

«L’attività svolta da Confapi sulla legalità e sulle sfide delle PMI sul territorio calabrese riguarda due aspetti: l’Asse.Co. e il protocollo della legalità. Due strumenti con obiettivo comune, quello di promuovere insieme la cultura della legalità». Così Francesco Napoli è intervenuto a Crotone per il V Congresso Regionale dei Consulenti del Lavoro, “Il mondo del lavoro: il futuro con occhi nuovi. Ruolo e proposte dei Consulenti del Lavoro”, occasione importante di confronto che ha visto nel suo fittissimo programma la partecipazione dei massimi dirigenti nazionali e l’intervento di esponenti delle istituzioni e della politica per parlare di welfare, di somministrazione illecita e Asse.Co., di Politiche attive del lavoro, di previdenza, delle sfide delle PMI sul territorio calabrese tra regolarità e legalità. Un tavolo importante presenziato da Napoli in qualità di vicepresidente nazionale di Confapi e presidente di Confapi Calabria. «Quello dei Consulenti del Lavoro è un ordine professionale molto vicino al nostro mondo, al mondo delle PMI, in quanto braccio operativo delle nostre attività – commenta il presidente. Siamo stati i primi a firmare un accordo tra Fondazione Studi Consulenti del Lavoro e Confapi nazionale. Asse.Co. non è altro che uno strumento per asseverare la regolarità contributiva e retributiva delle imprese, una piattaforma che occupa un ruolo fondamentale perché mira a far risaltare le positività delle aziende virtuose. Il nostro Paese non ha bisogno di “scorciatoie”, la giungla di contratti dimostra che c’è una corsa a cercare escamotage, si parla spesso di contratti pirata che tagliano i salari, sottopagano ma soprattutto mortificano le competenze». In un rapporto recente, Banca Italia evidenzia come nonostante negli ultimi dieci anni ci sia stato meno lavoro in giro, è presente una proliferazione di contratti per inquadrarlo, cioè una concorrenza a ribasso giocata sulla pelle dei lavoratori. Il presidente Napoli ha messo in evidenza il divario che separa l’Italia dal resto dell’Europa: in Danimarca lo stipendio medio orario è di oltre 25 €, in Irlanda di 20 €, Lussemburgo e Belgio siamo intorno ai 18 €. In Italia siamo sotto la media europea con una retribuzione media ad ora di 12,49 € come tariffa massima, con un trend in diminuzione dei salari nonostante l’aumento della produttività. «È chiaro che l’unico modo per stanare i contratti farlocchi, o contratti pirata – commenta Napoli –  è quella dell’asseverazione, asseverazione che sta per Asse.Co.». Confapi è stata la prima in Italia nell’aiutare le imprese ad operare nella legalità grazie alla formazione di operatori del sistema di regolarità, con il compito e il ruolo di attuazione degli obblighi previsti dal protocollo della legalità. Un modello positivo esportabile nel resto del Paese per fronteggiare le infiltrazioni mafiose delle PMI.

Occasioni come quella svolta a Crotone, voluta dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro è importante per fare rete, sistema, perché solo così le imprese “sane” possono essere aiutate nel loro percorso di crescita. 

– COMUNICATO STAMPA –

Con l'82,49% di raccolta differenziata il Comune di Frascineto si attesta tra i migliori dieci comuni calabresi. Nella top ten stilata dall'Arpacal e relativa ai dati della raccolta dell'annualità 2017 il comune arbereshe è il terzo tra i migliori dieci sul territorio regionale, preceduto soltanto da San Benedetto Ullano (84,38%) e Pietrafitta (84,17%).

«Un successo condiviso che ha premiato la strategia messa in campo, nel silenzio e con il lavoro portato avanti in maniera costante, dall'esecutivo guidato da Angelo Catapano e che ha ci ha permesso di raddoppiare i dati che abbiamo ereditato dal passato. Attraverso la riorganizzazione del servizio - spiega il vice sindaco, Antonio Gaetani che ha curato insieme alla consigliera Rosetta Perrone la nuova strategia istituzionale legata alla raccolta differenziata - ,la scelta di optare per la raccolta porta a porta spinta, cambiando il gestore per il trasporto ed il conferimento del materiale differenziato in una piattaforma locale, e coinvolgendo i cittadini, primi autori di questo successo, siamo riusciti ad educare ad un nuovo senso civico basato sulla partecipazione collettiva, il rilancio delle tematiche ambientali, il rispetto del territorio ed una scelta consapevole riguardo ai temi della differenziata».

Nella nuova strategia politico - istituzionale portata avanti dal Sindaco Angelo Catapano e la sua amministrazione si è scelto anche di produrre un risparmio notevole all'anno attraverso la consulenza tecnica esterna. «In più - ricorda il vice sindaco Gaetani - siamo orgogliosi di poter assicurare ai nostri cittadini una riduzione di media del 10% sulla Tari 2018».

La nuova azione di supporto alla raccolta differenziata ha visto il Comune di Frascineto distribuire a tutte le utenze le buste per l'umido, che nel prossimo futuro si evolverà nella assegnazione del codice a barre per identificare i conferitori e premiarli per la loro qualità di raccolta. Mentre è in programma anche la distribuzione, a coloro che ne avranno la possibilità di accoglierle nei giardini di casa o condominiali, delle campane per incentivare il compostaggio domestico ed arricchire la qualità della raccolta differenziata che è diventata, in pochi anni, il fiore all'occhiello dell'azione amministrativa per Frascineto.

Vincenzo Alvaro

- giornalista -

– COMUNICATO STAMPA –

E' una firma storica quella del Sindaco, Vincenzo Tamburi, per la cessione di Palazzo Tamburi - luogo storico di memoria e di aggregazione per tante giovani generazioni negli anni passati - che diventa, grazie alla disponibilità della famiglia Miraglia, fulcro di un progetto milionario che farà di San Basile "Borgo del cinema e delle arti visive".

Lo ha annunciato il primo cittadino annunciando la firma dell'accordo con i proprietari dell'immobile che per anni è stato il fulcro della vita sociale della comunità e che oggi si appresta a trovare nuova vita grazie ad un progetto regionale che prevede un investimento di oltre un milione e mezzo di euro per ristrutturare l'edificio, Piazza Dante e lo spazio circostante.

Così quel che un tempo era il fulcro della vita sociale di San Basile ritornerà ad assumere il ruolo di spazio principale per la valorizzazione della «identità arbereshe - spiega Tamburi - ma anche luogo dove "risvegliare" il vecchio cinema con seminari, laboratori e mostre sulla cinematografia e le arti visive, grazie alla partnership già raggiunta con il caro amico Vittorio Storaro, ineguagliabile eccellenza italiana da direttore della fotografia dei più importanti registi mondiali come Bertolucci, Francis Ford Coppola, Warren Beatty, Woody Allen e vincitore di 3 premi Oscar alla fotografia con Apocalypse Now, Reds e L'Ultimo Imperatore».

Vincenzo Alvaro
- giornalista -

 COMUNICATO STAMPA –

Avviare un percorso che sostenga i produttori, tuteli il prodotto, ne valorizzi la diffusione e la commercializzazione, e soprattutto sia da stimolo per un protocollo con le realtà territoriali per dare al Fagiolo Poverello Bianco i parametri di qualità e certificazione biologica che sono il valore aggiunto a questa identità alimentare di Mormanno. Arriva direttamente dal Salone del Gusto di Torino, l'evento biennale sul cibo buono pulito e giusto organizzato da Slow Food, l'impegno di Paolo Pappaterra, vice sindaco ed assessore alle attività produttive dell'esecutivo guidato dal Giuseppe Regina, a nome e per conto dell'amministrazione comunale di Mormanno.

Nello stand della Regione Calabria al Lingotto di Torino, presentato da Federico Quaranta volto noto della trasmissione Rai Linea Verde, lo show cooking sul Fagiolo Poverello Bianco è servito per ribadire l'impegno alla tutela della biodiversità ed alla sovranità alimentare del Pollino che l'amministrazione di Mormanno ha assunto come impegno preciso prima in campagna elettorale ed oggi come azione amministrativa che impegna quotidianamente l'esecutivo Regina nella valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche del Comune. Il fagiolo poverello, come il bocconotto e la lenticchia sono stati gli ambasciatori d'eccellenza che hanno raccontato Mormanno e la propria cultura alimentare al pubblico internazionale del Salone del Gusto.

«L'impegno dell'amministrazione - ha ribadito Paolo Pappaterra - è quello di valorizzare il miglior paniere di prodotti di qualità nelle fiere di settore e valorizzare il brand Mormanno con sforzo e sacrificio cercando di sostenere sempre le nostre aziende, che oggi dimostrano di poter competere tranquillamente nel panorama nazionale ed internazionale».

Vincenzo Alvaro
- giornalista -

 COMUNICATO STAMPA –

Si svolgerà sabato 20 ottobre 2018 la dodicesima edizione del Corso “Mondo CANE”: storica iniziativa promossa  dal Gruppo “Passione Animali” dell’associazione “Solidarietà e Partecipazione”di Castrovillari .  Si tratta di una giornata formativa rivolta agli aspiranti proprietari  e ai proprietari di cani . L’iniziativa  è una delle tante attività che l’associazione  “Solidarietà e Partecipazione” propone ogni anno al fine di sensibilizzare Castrovillari e il territorio del pollino contro l’abbandono degli animali e ad un corretta convivenza tra le persone e gli animali. Il corso formativo  si svolgerà  c/o la sala convegni del Centro di formazione Efal Castrovillari dalle 9.30 alle 12.30  successivo lunch break e dalle 15.30 alle 19 . Si discuterà della evoluzione psicologica del cane dalla nascita all’età adulta; sulla etologia (comportamento e linguaggio) del cane; consigli utili per prevenire alcuni problemi comportamentali del cane; informazioni sul benessere e la salute del cane; primo soccorso negli avvelenamenti e intossicazioni del cane; sugli obblighi di legge del proprietario e responsabilità civili e penali . Relatori del Corso saranno i medici veterinari di Castrovillari dott. Antonio Varcasia e dott. Pierpaolo Avolio, dott.ssa Giada Gugliotta, la biologa dott.ssa Mariella Buono e l’avvocato Francesco Martire. Per partecipare al corso è obbligatoria la prenotazione: organizzazione (dott.ssa Marilena Amato) 3404187311-3881709734-3471959887 , e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Ai partecipanti verrà consegnato un attestato di partecipazione.

Pagina 10 di 169
Friday the 22nd. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.