Varie

Varie (1201)

− COMUNICATO STAMPA −

Per ricordare 815° anniversario della morte dell’abate florense (avvenuta il 30 marzo 1202) SABATO 25 MARZO 2017 ritornano I CAMMINI DI GIOACCHINO DA FIORE a piedi da BORGO PARTENOPE a CANALE di PIETRAFITTA.

Demetrio Guzzardi

− COMUNICATO STAMPA −

Anche il Comune di Castrovillari dà le indicazioni per debellare la processionaria, tipo di lepidottero che aggredisce il pino o conifere in genere e che, in forma larvale, può causare allergie negli animali e nelle persone.

Il Sindaco, Domenico Lo Polito, a tal proposito ha emesso un’ordinanza preventiva che chiede ai proprietari di terreni, dove insistono queste piante, di effettuare verifiche per accertare la presenza di tali nidi.

Nel caso di riscontro bisognerà distruggere le chiome dei suddetti alberi adottando le opportune tutele individuali tipo tuta, guanti, mascherine ed occhiali protettrici al fine di evitare il contatto con i peli urticanti di queste larve e segnalando pure, con opportuna cartellonistica, la presenza delle stesse nella zona.

E’ assolutamente vietato, poi, abbandonare i rami con i nidi di processionaria rimossi presso le aree di raccolta dei rifiuti o in qualsiasi contenitore.

L’ordinanza n.40 del 23 marzo 2017, che porta tali disposizioni, si può leggere sul sito dell’ente www.comune.castrovillari.cs.gov.it ; mentre è possibile reperire altre informazioni dal Servizio Ambiente e Ciclo dei Rifiuti, ubicato nell’ex palazzo di Giustizia su via xx Settembre e raggiungibile per telefono allo 0981/25233.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

− COMUNICATO STAMPA −

In occasione della Festa di San Giuseppe, quest’anno, il Movimento Lavoratori di Azione Cattolica (MLAC) ha proposto di realizzare, in ogni diocesi, una mostra fotografica dal tema: “Il lavoro dignitoso nel nostro territorio. Libero, Creativo, Partecipativo e Solidale” come chiede debba essere, appunto, il Lavoro, Papa Francesco.

Il MLAC della Diocesi di Cassano allo Jonio, guidato dai segretari Maria Teresa D’Elia e Maria Teresa Miceli ha, così, allestito, con il contributo dei membri dell’equipe diocesana del Movimento, dell’assistente diocesano, don Giuseppe Arcidiacono e di numerosi fotografi del territorio diocesano, una mostra fotografica che sarà esposta presso la Cripta della Basilica Cattedrale “Santa Maria del Lauro” di Cassano allo Ionio.

La mostra sarà inaugurata sabato 25 marzo 2017 alle ore 19,30, subito dopo la Santa Messa, che è alle ore 18,30, alla presenza, tra gli altri, del Vescovo di Cassano, mons. Francesco Savino.

La mostra resterà esposta anche domenica 26 marzo. Quindi diventerà itinerante a partire dal Congresso nazionale del MLAC che si svolgerà a fine mese a Lamezia Terme e, a seguire, nei comuni e nelle parrocchie della Diocesi che vorranno ospitarla.

Il Movimento Lavoratori di Azione Cattolica, nato nel 1936 da un’intuizione del Presidente della Giac, Luigi Gedda, rappresenta l’espressione missionaria dell’Azione Cattolica nel mondo del Lavoro, proponendosi, a partire dagli ambienti di vita professionali e lavorando all’interno della società civile, di stare con le persone e tra le persone per promuovere l’incontro con Cristo e per testimoniare il Vangelo nel mondo del lavoro. Nel 1969, Vittorio Bachelet lo definiva in questi termini: “Voi siete dell’Azione Cattolica coloro che hanno in questo momento, forse, la parte più difficile. E vorrei dire non solo perchè voi volete essere nella realtà viva del mondo del lavoro, del mondo operaio germi cristiani, fermenti di vita cristiana, presenza di Cristo, Chiesa viva in questa realtà; ma anche perchè per questa stessa vostra esperienza voi siete come una voce, come l’antenna che trasmette le necessità, le esigenze, i problemi, le speranze, la sete di Cristo che è nella realtà in cui voi operate”.

Attraverso le Feste di San Giuseppe, giunte ormai alla loro ottava edizione, il Movimento vuole diffondere la figura del grande Santo, “che impersona presso Dio e la Santa Chiesa la dignità del lavoratore“, per ridare  speranza alle persone, proponendo buone prassi di vita e lavoro cristiano e mostrando vicinanza al mondo del precariato ed alle situazioni di disagio di chi ogni giorno si vede tolta la dignità per la mancanza di lavoro, nel particolare momento di crisi in atto.

«Il Mlac diocesano, sorto in Diocesi da due anni, si propone – spiegano i segretari D’Elia e Miceli –  di diventare così artigiano di speranza, proprio come San Giuseppe, protettore e modello di servizio, e di contribuire a ridare una nuova immagine della Calabria creativa, onesta e laboriosa.»

Diocesi di Cassano all'Jonio
Ufficio per le Comunicazioni Sociali
Direttore: Dott. Roberto Fittipaldi

− COMUNICATO STAMPA −

La 25^ edizione delle “Fucarin’i San Giseppu e della Sagra d’i laghen’e ciciri”, svoltasi il 18 marzo a sera, è stata vinta   nuovamente dal quartiere n° 9 di Cammarata che si è aggiudicato il trofeo ed il premio di 500 euro offerti dal Comune affinché possano essere spesi in attività per il rione.

Il Trofeo Gastronomia è stato consegnato, invece, per l’eccellente allestimento e i migliori “lagheni e ciciri” alla Fucarina preparata dai residenti di piazza Matteotti del Quartiere n. 3; la focarina i l'urtu i Gaddu ( Piazza Dante) si è aggiudicata , poi, la Coppa per come hanno saputo realizzare l’animazione. Mentre ai bambini della Focarina di Cammarata è andata una menzione speciale per il loro entusiasmo e per la grande partecipazione che hanno saputo imprimere e che fa ben auspicare per la crescita dell’appuntamento, che é quello di conservare e tramandare questa capacità di appartenenza identitaria come è stato richiamato da tutti durante la premiazione svoltasi oggi pomeriggio nella sala Giunta al primo piano del palazzo di Città.

A tutte le altre espressioni dei rioni partecipanti alla gara (…San Girolamo, Santa Lucia, Conca Del Re, Casa Di Y’Sha) è stata consegnata una targa a ricordo della partecipazione e per la loro forza nell’accogliere.

Le “Focarine” iscritte al concorso erano 7, ma diverse- è stato richiamato- hanno arricchito l’evento che vuole svilupparsi con un coinvolgimento sempre maggiore dei Quartieri e dei cittadini.

Il successo di quest’anno è da ascrivere, comunque, alla consueta organizzazione certosina dell’Associazione Culturale Gruppo Folcloristico “Città di Castrovillari” che, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale e l’importante coinvolgimento dei Quartieri, ha espresso un altro bel momento di socializzazione e di festa, legato alla tradizione della città e del suo popolo.

Nell’ambito della manifestazione si è giocata anche la 23^ edizione del Torneo di Calcio Memorial “ Giovanni Visciglia”.

L’iniziativa ancora una volta è stata una grande opportunità per toccare con mano la capacità della gente di implicare e coinvolgersi, come hanno dichiarato, concordemente in più contributi ed in più modi, durante la consegna dei riconoscimenti, i rappresentanti della Giuria ( il vice Sindaco, Francesca Dorato, la consigliera Serena Carrozzino, il presidente della Pro Loco, Eugenio Iannelli -assenti perché impossibilitati l’Assessore Aldo Visciglia e Fedele Russo-) rilanciando il valore inclusivo della manifestazione, affermato pure dal Sindaco, Domenico Lo Polito. Presenti alla premiazione, tra i diversi cittadini, anche i consiglieri Nino La Falce e Giuseppe Oliva.

“Una bella esperienza – ha poi precisato Antonio Notaro presidente dell’Associazione Città di Castrovillari - che si vuole ampliare ed affermare e che racconta continuamente cosa può essere e fare una comunità quando vuole essere suscitata dalla propria cultura. ”

L’appuntamento ha, così, valorizzato quelle forme di ritualità che persistono e rinascono all’interno del tessuto sociale e che ribadiscono questo desiderio di accrescere le espressioni di sano vicinato e coinvolgimento, a più livelli ed allargato ad ogni età, per una promozione dell’esistente, che non può fare a meno di questi momenti per perpetuare storia, costume e legarli con capacità, vocazioni e desiderio di essere. Questa è la scommessa per la 26^ edizione.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

− COMUNICATO STAMPA −

Il Vescovo di Cassano allo Jonio, mons. Francesco Savino, smentisce categoricamente quanto scritto dal sig. Cavallaro su infosibari.it circa l’ipotesi di un trasferimento del presule da Cassano a Roma e, quindi, di un avvicendamento alla guida della diocesi cassanese con il Vescovo di Locri, mons. Francesco Oliva. 

«Non vi è assolutamente nulla di vero in quanto scritto dal sig. Cavallaro - afferma mons. Savino - e lo invito a rivelare la “fonte romana” citata nell’articolo che lo avrebbe informato della possibilità di una nuova nomina e a smentire quanto riportato».

Diocesi di Cassano all'Jonio
Ufficio per le Comunicazioni Sociali
Direttore: Dott. Roberto Fittipaldi

− COMUNICATO STAMPA −

“In Città gli Uffici regionali dei Dipartimenti Agricoltura, Presidenza e Lavoro e il Centro di Divulgazione Agricola dell’ARSAC che svolgono un ruolo importante per l’economia e lo sviluppo del Comprensorio Castrovillari- Pollino- Pianura di Sibari saranno ricompresi nell’edificio immediatamente disponibile di proprietà della Regione Calabria presso l’Autostazione al fine di facilitarne l’accesso ai servizi erogati agli utenti.”

Lo richiama il Sindaco di Castrovillari, Domenico Lo Polito, a partire da una recente delibera della Giunta Regionale finalizzata a eliminare i fitti passivi, in un’ottica di razionalizzazione e riduzione della spesa pubblica, che sta sempre più coinvolgendo ogni livello della pubblica amministrazione e che punta, là dove è possibile ed esistono le condizioni, anche di riunire servizi ed uffici che sono dislocati ancora in plessi di non proprietà, senza creare disagi nella Zona.

“Da qui – aggiunge - e con la consapevolezza che l’opera d’integrazione e di servizio locale di tali avamposti è fondamentale per le aree periferiche, bisognose di buon raccordi con i Centri amministrativi di riferimento, si è valutata concretamente la loro sistemazione in città, presso l’edificio degli ex Uffici delle FCL, non diversamente utilizzabili, distanti, si e no, qualche metro dalla storica Locomotiva- monumento ai Tempi andati dell’ex tracciato ferroviario Calabro/Lucano- e ben collegato con l’hinterland dal grande piazzale dell’Autostazione dove operano più vettori.”

“L’idea è una opportunità anche per riqualificare l’area, rendendola più vissuta, più controllata e con ricadute non secondarie per il commercio e le stesse residenzialità che v’insistono.” “Azioni- precisa il primo cittadino- che fanno parte della nostra idea di sviluppo della città e di quel Piano Strutturale Comunale che si sta redigendo per qualificare il paesaggio urbano, rendendolo più fruibile e piacevolmente vivibile.”

I servizi erogati dagli uffici Regionali che si vogliono riunire sotto un solo “Tetto”, operanti da anni nel capoluogo del Pollino- lo ricordiamo per onor di cronaca-, supportano: l’istruttoria di pratiche relative al Piano di Sviluppo Rurale (PSR) e al vincolo idrogeologico per i tagli boschivi; ma anche i professionisti e progettisti della Città e del territorio che di volta in volta, per come prevede la normativa, vengono incaricati dagli utenti per progetti riguardanti richieste di contributi e altri servizi e/o per Nulla Osta relativi al vincolo idrogeologico. Mentre le prestazioni offerte dal Centro di Divulgazione Agricola n. 2 dell’ARSAC di Castrovillari concernono: l’assistenza tecnica alle aziende agricole del territorio del Pollino e della Pianura di Sibari; la promozione e rilancio di prodotti locali (come la Cipolla bianca di Castrovillari, il Fagiolo poverello bianco, la Lenticchia di Mormanno, i prodotti orticoli del Pollino, il Fagiolo seccagno, l’Arancio biondo tardivo di Trebisacce, il Tartufo del Pollino, il Cece nostrano, l’Aglio di Laino Borgo, le Leguminose da granella in Calabria, la Frutticoltura della pianura di Sibari) nonché la realizzazione di corsi per l’uso sostenibile dei Prodotti Fitosanitari.

Da qui l’importanza di rendere in un’unica sede, a Castrovillari, grazie a strutture immediatamente disponibili, ben servite, con grandi spazi per il parcheggio, facilmente raggiungibili, non degradate e, soprattutto, non utilizzate, “il mix d’uffici,– precisa Lo Polito- al fine di facilitare il loro accesso e accorciare le distanze alla collettività, accompagnare meglio le azioni di prevenzione e di salvaguardia, con le consulenze che offrono, e implementare condotte d’integrazione e sviluppo per l’agro-alimentare, fondamentali per dare impulso alle eccellenze esistenti.”

“Un impegno che questa Amministrazione comunale sta portando avanti, profondendo ed ha speso pure su più Tavoli – conclude Lo Polito- come testimoniano gli interventi per non smarrire, per esempio, l’Agenzia delle Entrate o per segnalare, con le dovute ragioni, nell’ambito sempre della razionalizzazione e riorganizzazione, questa volta, da parte del Ministero della Difesa per le Caserme sul Territorio nazionale, l’inopportunità di chiudere, nell’interesse della collettività e del Territorio, la “Manes” dove è di stanza la 2^Compagnia dell’11° Reggimento Genio Guastatori”.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari (g.br.)

Pagina 1 di 121
Saturday the 25th. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.