Politica

Politica (1273)

COMUNICATO STAMPA

Quest'anno ai seggi elettorali troveremo una novità: il tagliando antifrode.

Tale novità deriva dalla recente  legge di riforma del sistema elettorale di Camera e Senato.

Lo richiama e lo spiega una delle Circolari ministeriali per le prossime votazioni.

Si tratta di un bollino con un codice alfanumerico che verrà applicato su un’appendice di ciascuna scheda.

Al momento della consegna delle schede agli elettori, i presidenti devono far prendere nota del codice sulle liste elettorali.

Quando gli elettori escono dalle cabine NON DEVONO ASSOLUTAMENTE INSERIRE LE SCHEDE NELLE URNE ma le dovranno consegnare al presidente del seggio il quale prima controllerà che il codice corrisponda a quello annotato, poi  staccherà l'appendice contenente il codice, quindi imbussolerà le schede nelle urne.

L’elettore per nessun motivo dovrà staccare l’appendice con il codice , pena l’annullamento della scheda e del voto.

L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari

(g.br.)

Lunedì, 26 Febbraio 2018 23:06

Saracena. Manifestazione elettorale del PD

Scritto da

COMUNICATO STAMPA

Martedì 27 febbraio alle ore 18  a Saracena si terrà un’iniziativa del titolo “Scegli la Calabria, Vota PD”. L’incontro è organizzato dalla locale sezione del Partito Democratico in collaborazione con i Giovani Democratici. Parteciperanno i candidati nei collegi plurinominali e uninominali alla Camera dei Deputati del Partito Democratico e della lista “Insieme”. Durante l’evento, sarà portato a conoscenza dei presenti ciò che è stato fatto per la nostra Regione, la centralità che i governi Renzi e Gentiloni hanno ridato al meridione. Saranno, inoltre, illustrati i punti programmatici e politici della coalizione del centrosinistra riguardo al Mezzogiorno. 

Cristiana Viola

 

COMUNICATO STAMPA

Si è svolta, presso la locale sezione del PSI di Castrovillari, la presentazione della lista INSIEME.

Durante l'incontro sono stati presentati i due candidati alla camera dei deputati, Gerry Rubini e Luigi Incarnato del collegio Castrovillari-Paola. Molti ed appassionati gli interventi che hanno sottolineato l'importanza della fase ed il momento delicato di questo appuntamento elettorale che richiede una forte mobilitazione da parte di tutto il centrosinistra. Il segretario cittadino Pietro Manzo ha voluto evidenziare l’importanza di riportare l’attenzione su contenuti, idee e progetti affidati a uomini e donne capaci di portarli avanti, scegliendo chi vive e conosce il territorio. 

Il segretario provinciale Franz Caruso ha sottolineato l’importanza del voto del 4 marzo, sollecitando tutti  i socialisti e tutto il centro sinistra a non dimenticare le battaglie del passato per non abbassare la guardia contro quella politica che promuove spaccature e disuguaglianze sociali. Poi  è stata la volta dei candidati, prima Gerry Rubini che da socialista verace ha voluto rimarcare che la sua è una candidatura al servizio di Castrovillari e di tutto il territorio.

Infine, Luigi Incarnato che ha voluto palesare la sua volontà di aprire la sua segreteria politica proprio a Castrovillari proprio per rimarcare la sua vicinanza e presenza, da sempre, al territorio del Pollino. Tra gli intervenuti il sindaco di Castrovillari ed il segretario della locale sezione del PD ed altri autorevoli compagni di tutto lo schieramento del centrosinistra.

Il segretario

Pietro Manzo

Giovedì, 22 Febbraio 2018 20:19

Mormanno. I posti dell’ospedale non si toccano

Scritto da

COMUNICATO STAMPA

 

Il Sindaco di Mormanno, Giuseppe Regina, nei giorni scorsi ha tenuto a puntualizzare che le previsioni riguardanti la Casa salute di Mormanno hanno disatteso «completamente l'accordo sottoscritto l'anno scorso (quando Sindaco della comunità era Guglielmo Armentano) presso la Prefettura di Cosenza» alla presenza del direttore generale dell'Asp, Raffaele Mauro, del prefetto di Cosenza, del rappresentante dell'ufficio del Commissario, dottor Urbani, del dirigente del dipartimento regionale salute, dottor Pagliaro, del delegato alla sanità del presidente Oliverio, dottor Pacenza. 

 

L'accordo prevedeva la dimissione dei 30 posti letto di riabilitazione intensiva da trasferire all'ospedale di Castrovillari, contestualmente all'attivazione di 40 posti letto di Rsa di cui 20 medicalizzati e 20 per anziani, in aggiunta ai 20 già confermati di riabilitazione estensiva. 

 

Proprio sulla base di questa previsione - ha tenuto a precisare Regina - si stanno «realizzando i lavori di messa in sicurezza e di adeguamento ai requisiti di accreditamento della struttura stessa» unitamente alla verifica della possibilità di collocare su Mormanno l'assistenza residenziale del servizio di Disturbi dei comportamenti alimentari; l'impegno a verificare la possibilità di ripristinare la Uoc di riabilitazione. 

 

Pertanto con forza nei giorni scorsi ha richiesto la «modifica della delibera» in questione minacciando di attivarsi con «ogni iniziativa democratica» per il rispetto dell'intesa che «era stata faticosamente raggiunta per la piena utilizzazione della struttura sanitaria di Mormanno». Ieri il primo cittadino della comunità è ritornato a presidiare gli uffici della Regione per poter ottenere quanto richiesto al fine di «salvaguardare il diritto alla salute della comunità che sono chiamato ad amministrare e nel pieno rispetto di quanto stabilito con gli organi ed i dirigenti del settore regionale e provinciale». 

 

Lunedì - è questo il risultato ottenuto per ora - presso la cittadella di Catanzaro la Regione Calabria ha convocato l'amministrazione comunale, le organizzazioni sindacali di rappresentanza aziendale, la dirigenza dell'Asp, per discutere della questione e trovare una soluzione possibile che per l'ente regionale è «il rispetto dell'accordo già siglato davanti al Prefetto» chiarisce Giuseppe Regina.

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

La scadenza elettorale non ci può vedere indifferenti soprattutto in questo momento storico attraversato da una profonda crisi e sfiducia nelle istituzioni che avverto presenti anche nelle nostre comunità. E’ una sfiducia comprensibile che interpella anche me Vescovo cui spetta il compito di richiamare al coraggio di una cittadinanza attiva e responsabile che rifiuti qualsiasi connivenza con chi sfrutta l’elettorato attraverso la pratica del clientelismo e del voto di scambio. 

Non è mio compito dare indicazioni di voto, ma non posso esimermi dal proporre una riflessione in particolare sul compito educativo che ho come pastore. E lo faccio tenendo presente anche le parole di Papa Francesco: “Per rendere la società umana più degna della persona, occorre rivalutare l'amore nella vita sociale - a livello, politico, economico, culturale - facendone la norma costante e suprema dell’agire” (Laudato Sii n. 231).

In questa nostra terra calabra, così martoriata e sfigurata, non possiamo cedere al disinteresse. La rassegnazione e il cedere al fatalismo non consentono di riconoscere e custodire tutti i piccoli segni di speranza di cambiamento che pur germogliano nella nostra terra.

La condizione economica del Sud Italia, che affonda le sue origini nell’annosa questione meridionale, è davvero centrale: ne subiscono gli effetti i giovani che non trovano lavoro. Moltissimi sono costretti ad allontanarsi dal proprio contesto territoriale in cerca di realizzazione personale e di occupazione, oppure sono relegati ai margini da inoccupati rassegnati.

La politica ha il compito di riconoscere la priorità del diritto al lavoro per tutti i cittadini italiani anche valorizzando i segnali, piccoli ma significativi, di esperienze di cooperazione che nascono dalla libera creatività imprenditoriale. Sappiamo bene che occorrono infrastrutture, investimenti non avvelenati da infiltrazioni mafiose, uomini e donne capaci di mettere in atto iniziative che aiutino i giovani, sostengano le famiglie, promuovano dignità ai deboli, ai malati, ai poveri.

Il cambiamento è possibile se consideriamo che il patrimonio culturale, sociale e naturale della Calabria è davvero ricco e unico. Ma va gestito oltrepassando il metodo mafioso.

Ci attende una grande sfida che ha per orizzonte il bene comune. Come ci insegna la “Dottrina Sociale della Chiesa”, il conseguimento del bene comune presuppone il rispetto della persona umana con diritti inalienabili ordinati al suo sviluppo integrale ed esige dispositivi di sicurezza sociale e sviluppo dei diversi gruppi intermedi nel principio di sussidiarietà.

Il bene comune richiede la pace sociale che non si realizza senza un'attenzione particolare alla giustizia distributiva, la cui violazione genera sempre violenza.

Le Regioni meridionali, e il nostro territorio in particolare, hanno messo in campo una vera cultura di accoglienza e solidarietà cui non si confanno sentimenti di chiusura, egoismi corporativi, muri invocati che, come in altri paesi d’Europa, contribuiscono anche in Italia al diffondersi di un clima di intolleranza e di razzismo.

Ascoltiamo il richiamo dell’Evangelii Gaudium (n. 203) in cui il Papa dice che dignità della persona e bene comune sono “strutture” portanti della politica economica e non possono, né devono essere risolte in proclami o dichiarazioni di facciata, volte al consenso elettorale.

Non dobbiamo dimenticare la consegna del nostro Pontefice nella Sua visita a Cassano all’Jonio il 21 giugno 2014. Egli utilizzò parole chiare e inequivocabili per permettere a tutti noi cristiani di riconoscere il “male” e il “disprezzo del bene comune” e di dire “no” al malaffare, alla violenza generalizzata, alla sopraffazione e all’interesse personale che inclinano alla logica della ‘Ndrangheta piuttosto che alla speranza di cui hanno estrema necessità i ragazzi e i giovani.

Che ognuno voti dunque secondo coscienza, scegliendo liberamente quei programmi e quei candidati che più appaiono adatti alla crescita della nostra terra. Votare in assoluta libertà e guidati da un animo retto e responsabile è il dono più importante che un cittadino possa fare alla propria comunità, ai propri figli e alle generazioni che verranno.

COMUNICATO STAMPA

Il Comune di Saracena si avvicina ai cittadini e sceglie di comunicare con un'applicazione per smartphone; si tratta della soluzione app Municipium del gruppo Maggioli, la più completa e la più premiata, già attiva con successo in oltre 250 enti italiani.
L’app offre al Comune la possibilità di inviare ai cittadini comunicazioni istantanee – grazie all’efficace sistema delle notifiche push – di segnalare gli eventi presenti sul territorio e fornisce un'ampia gamma di servizi per la raccolta differenziata porta-a-porta, con le informazioni sull'isola ecologica comunale, il ritiro rifiuti ingombranti e un glossario per differenziare correttamente i rifiuti.
Gli eventi e le news comunali possono, inoltre, essere condivise dai cittadini tramite sms, Whatsapp e sui principali social network direttamente dall’app. Un aspetto importante che caratterizza l’App riguarda la possibilità per i cittadini di mettersi in diretto contatto con il Comune grazie alla comoda funzione delle “Segnalazioni”, tramite la quale ciascun utente ha la possibilità di inviare una segnalazione, geolocalizzata e corredata di foto, di eventuali situazioni per le quali viene ritenuto necessario l’intervento del Comune (come un cartello stradale rovinato o una buca nell’asfalto) e allo stesso modo comunicare i propri suggerimenti al Comune tramite la categoria di segnalazioni “Idee e proposte”.
Il Comune, grazie al modulo “Protezione Civile”, può informare i cittadini sugli stati di allerta del territorio, comunicare bollettini meteo e rendere disponibili utili norme di comportamento da attuare caso di emergenza.

“È da qualche mese che osserviamo il servizio che Municipium offre ai Comuni – dichiara il Sindaco del Comune di Saracena Renzo Russo – e confrontandolo con le altre soluzioni presenti, riteniamo sia il risultato migliore e il più completo nel suo settore. Semplicità d'uso, sia per il cittadino che per la gestione da parte dell’Amministrazione, completezza delle funzionalità, risparmio permesso dalla comunicazione digitale, modello di sviluppo e garanzie tecnologiche sono stati gli aspetti principali che ci hanno portato a individuare in Municipium la soluzione più in linea con i nostri bisogni e le nostre necessità.
Con Municipium l'Amministrazione si aprirà sempre di più all'ascolto dei cittadini. Saremo ancora più attenti alle segnalazioni e ai consigli dei cittadini grazie alla comoda funzione “Segnalazioni” dell’app, che ci consentirà di ottimizzare e rendere più efficiente l'attività sul territorio. Avevamo promesso in campagna elettorale un Comune sempre più vicino ai cittadini, un impegno questo che oggi va a concretizzarsi ulteriormente.”.

L’app Municipium, servizio del Gruppo Maggioli, è disponibile gratuitamente per i cittadini sugli store online sia per i telefoni Apple che per i telefoni Android, e guarda già alle prossime versioni che andranno a implementare e innovare la sua offerta.
Grazie a Municipium, il Comune di Saracena entra a far parte dell’unica app per enti con la forza di una reale community: grazie al comodo sistema multi-Comune viene infatti offerta ai cittadini la possibilità di accedere alle informazioni, alle news e ai punti di interesse anche degli altri Comuni che hanno attivato Municipium, facendo di Municipium una vera e propria app di rete.

Pagina 6 di 128
Thursday the 13th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.