Martedì, 24 Settembre 2019 20:26

Castrovillari. Il Circolo PD appoggia Ecodistretto

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

COMUNICATO STAMPA

Il Circolo PD di Castrovillari chiede chiarezza, rispetto di tutti i soggetti coinvolti e coerenza sulla vicenda dell’ecodistretto. In data 20 settembre, presso il citato Circolo, si è tenuta una riunione del Direttivo, partecipata anche da dirigenti, iscritti e simpatizzanti di altre forze politiche progressiste cittadine, avente ad oggetto una discussione scevra da pregiudizi sul tema degli ecodistretti. L’incontro, aperto dal Segretario cittadino del PD, ha fornito a tutti i presenti la possibilità di un confronto diretto con l’Assessore all’Ambiente del Comune di Castrovillari, Pasquale Pace. Colui il quale, cioè, ha seguito, per conto dell’Amministrazione Comunale, tutta la vicenda ecodistretto da due anni a questa parte. L’idea alla base della riunione è che economia circolare e ambiente non hanno e non devono avere fronti opposti. Il PD cittadino, infatti, è convinto che esiste un solo fronte, quello, cioè, rivolto alla difesa del territorio, del benessere e della “salute indifferenziata” di tutti i cittadini che vi risiedono. Partendo da questo presupposto, sottolineiamo che la democrazia partecipata, cui tutti ci appelliamo e nella quale tutti crediamo, ci offre l’opportunità di scegliere il modo in cui intendiamo vivere il territorio che ci circonda, per cui rimbocchiamoci le maniche, tutti, non lasciando il peso delle scelte ai soli Amministratori. Discutiamo, confrontiamoci, ma arriviamo a una decisione condivisa. Il commissariamento dell’ATO è assolutamente da scongiurare. Rappresenterebbe la sconfitta politica di un’intera area. Non quella di questo o quel Partito, di questo o quell’Amministratore. Sarebbe la sconfitta di un’intera classe dirigente di questo territorio, indipendentemente dal colore politico. Non stiamo discutendo, infatti, del luogo di allocazione di una discarica né, tantomeno, di un inceneritore, ma dell’allocazione di un ecodistretto, che, lo sottolineiamo, è un impianto di selezione e valorizzazione della frazione indifferenziata, che opera nel pieno rispetto di tutte le normative comunitarie e statali in materia. Non facciamo opera di terrorismo ingiustificato. A chi dice che questa struttura raccoglierà i rifiuti dell’intera provincia di Cosenza, rispondiamo che non è vero, in quanto sul territorio provinciale insistono e operano già la struttura pubblica di Rossano, in fase di ammodernamento per diventare anch’essa ecodistretto, nonché altre strutture private. La dimensione economica sostenibile di un ecodistretto non si misura sulla base del numero di Comuni che vi conferiscono, bensì sulla base delle tonnellate annue di rifiuti che vi saranno portate per la lavorazione e che lo renderanno economicamente sostenibile. Chi sostiene la tesi che questa struttura rappresenterà la pattumiera della provincia o è disinformato, e allora parliamone, o è in malafede, perché Circolo di Castrovillari Partito Democratico – Circolo di Castrovillari – Corso Garibaldi, 156 – 87012 Castrovillari (CS) artatamente divulga falsità, al solo fine di creare un clima di terrore, utile, a questo punto bisogna pensarlo, per fini meramente personalistici o di parte. Sull’ambiente, sulla green economy, sull’economia del riciclo non si devono fare battaglie politiche e contrapporsi. La salute del nostro pianeta non può e non deve appartenere a una sola parte, né, tantomeno, la lotta contro questa o quella iniziativa deve diventare una battaglia delle opposizioni, di qualunque colore politico esse siano, contro le maggioranze. Il giudizio sull’allocazione di un ecodistretto non spetta alla politica. Ci sarà una commissione tecnica pubblica, politicamente neutra, il nucleo VIA, che elaborerà le proprie analisi e fornirà le proprie indicazioni, in maniera assolutamente super partes. A quelle soltanto, quando saranno elaborate e rese note, potremo e dovremo dare credito. C’è chi sostiene che un impianto dimensionato ai soli 26 Comuni che costituiscono l’ARO, sia accettabile e sostenibile per il territorio. Noi non siamo favorevoli o contrari per partito preso. La scelta, secondo noi, può e deve ricadere sulla soluzione migliore, che sarà quella scaturente dalle necessarie valutazioni legate alla dimensione economicamente sostenibile dell’impianto. Il Circolo di Castrovillari ha sostenuto, da due anni a questa parte, la proposta dell’Amministrazione comunale cittadina. Tale proposta, oggi, risulta superata da una giudicata migliore, in base a parametri tecnici assolutamente oggettivi, che è quella espressa dall’Amministrazione di Morano Calabro. Noi non ci tiriamo indietro, sosteniamo anche quella fino a prova contraria, in difesa di un credo che non è legato al campanile, ma a una visione di economia circolare, scaturente dalla corretta valorizzazione economica del ciclo dei rifiuti. Complessivamente riteniamo che non si possa non essere d’accordo rispetto alla riduzione graduale e progressiva dei rifiuti prodotti; come non si può non essere d’accordo sulla necessità di ridurre progressivamente le tariffe legate alla gestione dei rifiuti. Allora discutiamo, seriamente, serenamente e senza spirito di parte. La gestione economica del ciclo dei rifiuti avvantaggia non solo il Comune di allocazione dell’impianto, ma un intero hinterland, grazie alla nascita di nuova imprenditorialità ad esso connesso. E poi, diciamocelo una volta per tutte: rispetto all’applicazione delle norme di legge e alla correttezza dello svolgimento dei processi, il controllo nei riguardi di una struttura pubblica è più efficiente ed efficace di quello che una collettività può effettuare nei confronti di una struttura privata. Per cui, non richiudiamoci in noi stessi, ma discutiamone liberamente e apertamente. Noi ci siamo.

Per il Circolo PD di Castrovillari Il Segretario -Giovanni Fazio-

Monday the 9th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.