Mercoledì, 08 Agosto 2018 22:48

MeetUp Castrovillari a 5 stelle. PD e razzismo, goliardia o semplicemente confusione?

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

COMUNICATO STAMPA

Il Meetup di Castrovillari, attonito, si trova inevitabilmente costretto ad affrontare le accuse di “razzismo” avanzate dagli esponenti del PD locale nei confronti della linea politica del Movimento 5 stelle, le quali trovano inevitabili ripercussioni anche a livello locale, poiché implicitamente rivolte anche agli attivisti locali. Alla luce delle recenti dichiarazioni, si rende necessario, pertanto, chiarire lo stato delle cose. 
Il contenuto particolarmente fantasioso, del “comunicato”, utile solo ad infangare gratuitamente gli avversari politici, si è inevitabilmente ritorto contro gli stessi scriventi.
Innanzitutto scrivere un comunicato stampa sulle sole basi di un post su Twitter del Segretario Nazionale del PD Martina, contrapponendolo ad una dichiarazione di Salvini, decontestualizzata, sono solo l’inizio della preannunciata catastrofe: una serie di montature successivamente rivelatesi un fiume di bugie.
La supponenza con la quale il PD locale si è rivolto prima a Salvini e poi al Governo giallo-verde, accusando entrambi di credersi in perenne campagna elettorale, è sintomo di un grave scompenso, scarsa attitudine nel valutare i comportamenti altrui, o, cosa molto più probabile, tendenza a sopravvalutare le proprie capacità, identificandosi nel leone più forte del branco. Quel retorico “qualcuno spieghi” è inequivocabilmente decifrabile come insicurezza del mittente come se percepisse caos senza però identificare un soggetto risolutore. Bene. Procediamo oltre. Gli eventi verificatisi sono indubbiamente gravissimi episodi di violenza ingiustificabile, i quali tuttavia non presuppongono né sottintendono la motivazione raziale.
Al contrario, il voler insinuare ed instillare odio nei confronti dei destinatari del comunicato, è ben più grave e sotto gli occhi di tutti.
Probabilmente non avevano fatto i conti col web, in quanto la favoletta è stata smentita da articolo ANSA del 31 Luglio c.m.
In secondo luogo, facendosi sempre più marcata l’intenzione di instillare odio nella popolazione, vengono citati ulteriori due casi di presunto razzismo, dei quali si riporta reale stato delle cose. Altre due bugie, che, insieme alle altre, conducono il lettore verso la conclusione, colma di finto perbenismo.
La domanda che sorge spontanea è: su quali basi avrebbe dovuto attecchire il sopracitato comunicato? Il classico castello di carta.
La presunzione di aver aperto gli occhi a qualcuno non è nel nostro stile arrogarcela; si spera più che altro che il messaggio venga correttamente recepito da chi ha voglia di conoscere l'accaduto per come si è realmente verificato.
La spirale d'odio tanto decantata come fosse indotta dal governo giallo-verde, dopo aver “debunkerizzato” il comunicato stampa emesso dal PD di Castrovillari, è inequivocabile che sia stata generara dalla stessa "forza" che punta il dito, generando caos e disinformazione, e che intima agli altri di prendere decisioni in merito; quando invece la strada meno tortuosa sarebbe stata quella di accertarsi di quanto si intendeva comunicare ai lettori. 
Accertamento che, ovviamente non era in programma, poiché sarebbe stato evidente sin dall'inizio che le accuse erano completamente prive di fondamento, in quanto il movente razziale è stato immediatamente escluso dagli inquirenti. Sarebbe stata sufficiente una breve ricerca ed invece, hanno preferito ipotizzare e speculare a danno della collettività. 
Un accenno al tweet di Matteo Renzi, ex primadonna del Partito Democratico, è dovuto: non abbiamo idea di quale sostanza psicoattiva abbia assunto. Vedere i fatti per come sono stati raccontati dal PD locale è sintomo di allucinazioni. O molto più probabilmente il discorso è sempre il solito: credevano di rivolgersi a cittadini completamente disinformati, facendo loro stessi, al contrario, la figura dei superficiali. 
Non percependo la mancanza di cultura come un problema, l’ignorante non si rende conto di passare per “lo scemo del villaggio”. In passato qualcuno avrebbe anche potuto abboccare, mentre oggi la situazione, grazie al web, è ben diversa e, pertanto, questo genere di atteggiamenti, non può che rivoltarsi contro il mittente.
In un clima surreale come quello che si respira in questi giorni, si contestualizza l’esternazione del consigliere comunale di maggioranza in quota PSI, Jerry Rubini, collocabile “ideologicamente” in quella presunta area “sinistroide”, rappresentata da “pezzi da novanta” (si fa per dire), quali Incarnato (ergo Sorical), Oliverio & CO, personaggi collocati in posizioni di rilievo in quanto “manovalanza”, esecutori che non fanno domande. Il tempo delle burle è finito e se in passato si è dato modo a tale “classe dirigente” (anche qui si fa per dire) di condurre i giochi, la colpa è da individuarsi in coloro che hanno permesso al seme di germogliare.
Il consigliere Rubini, nell'inutile tentativo di anticipare le mosse del PD Nazionale, ha esternato un pensiero (indotto o personale che sia), ha di fatto prodotto un monologo del nulla della durata di circa due minuti, per il quale il comune buon senso suggerirebbe di scusarsi con i propri elettori e con le forze politiche ingiustamente attaccate.
Qualora tali scuse non dovessero pervenire, si invita quantomeno la “platea” a riflettere su chi si ha davanti e a lavorare sulla memoria a lungo termine, in quanto è fin troppo diffusa la tendenza a dimenticare (o voler dimenticare) gli strafalcioni di questo o quell’altro soggetto politico, come se fosse cosa dovuta voltare pagina come se nulla fosse. Che ognuno tragga le proprie conclusioni in merito, ai posteri l'ardua sentenza.


MeetUp "CASTROVILLARI A 5 STELLE"

Friday the 19th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.