Sabato, 30 Marzo 2013 12:27

Liste civiche. La situazione sanitaria dell’Ospedale di Castrovillari si aggrava

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

COMUNICATO STAMPA

La precarietà della situazione sanitaria dell’Ospedale di Castrovillari continua e si aggrava. Dopo il decreto 191, di accorpamento con l’ospedale di Acri -vicenda ancora tutta da definire- dopo le varie emergenze, evidenziate da tempo immemorabile e non ancora rimosse, ecco l’ennesima “tegola”. Addirittura due reparti a rischio-chiusura: Ortopedia e Broncopneumologia, mentre continua la precarietà del Pronto Soccorso -per il personale- e della Medicina Interna –per i posti letto. Insomma, situazione preoccupante, che pretenderebbe un intervento politico forte, istituzionale, territoriale. E che invece trova, nell’amministrazione di Castrovillari, risposte flebili, personali, partitiche. Un Sindaco ha, istituzionalmente,  la grave responsabilità di garantire la salute pubblica di una popolazione. Ed è per questo che il Sindaco di Castrovillari –comune capofila e sede dell’ospedale- è stato messo a capo del “Comitato istituzionale territoriale”, nato per difendere l’ospedale. Solo che il sindaco Lo Polito sembra privilegiare i percorsi partitici, piuttosto che quelli istituzionali. Infatti, dopo aver supportato, e firmato, gli esposti Guccione-Laratta (si, proprio quelli che a Castrovillari danno ragione ai Castrovillaresi e poi, ad Acri e a Cosenza  lottano per l’immediata applicazione del decreto 191), senza, per altro che questi ultimi firmassero il nostro di ricorso, ecco che ci risiamo. Il Sindaco continua a fare orecchie da mercante, malgrado i solleciti, fatti anche nel recente Consiglio comunale, per riunire il Comitato istituzionale territoriale e dare così un “respiro” comprensoriale alle necessità e alle rivendicazioni delle popolazioni dell’area del Pollino. Così, dopo la discutibile iniziativa del colloquio “privato” con il Presidente Scopelliti, eludendo il mandato del Comitato che aveva esplicitamente deciso, nell’ultima, lontanissima riunione, di andare, ma insieme, a discutere col Governatore, ecco l’ulteriore novità. Incontro del sindaco Lo Polito con il Direttore Generale Scarpelli, sotto l’egida del PD –nel caso rappresentato dal Consigliere regionale Guccione. Quasi che la vertenza sanità fosse un problema da gestire come partito e non come istituzione, o, meglio, come territorio. E capita che, forse per fretta, forse per specifica incompetenza, si parli delle nuove emergenze, senza e prima che quelle precedenti siano state affrontate e risolte. Siamo lontani anni luce dalle roboanti promesse elettorali, della partecipazione, della trasparenza, del “filo rosso” territoriale. Ma l’argomento è troppo importante e delicato per diventare strumento partitico. E’ necessario, da subito, un cambiamento di rotta, riportando le giuste rivendicazioni, riguardanti il diritto alla salute, nell’alveo che le sono proprie e che certo non si identificano con le necessità di partito.

 

Coordinamento Politico

Liste Civiche di “Solidarietà e Partecipazione”

Saturday the 15th. Castrovillari in Rete

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.