− COMUNICATO STAMPA −

Donare un libro è come regalare le stelle... già dallo scorso anno a Cosenza, la casa editrice Progetto 2000, nell’ambito dell’iniziativa GAZZA LADRA, regala per un’intera settimana, ogni giorno, 100 copie di un proprio volume; la distribuzione gratuita avviene in alcuni dei migliori caffè cittadini. 

L’editore Demetrio Guzzardi in questo modo desidera riaffermare che: «Uno dei più graditi doni da fare è proprio regalare un libro». Tra l’altro, LEGGERE ALLUNGA LA VITA. Chi legge con regolarità vive di più: la buona notizia arriva dall’Università di Yale, negli Stati Uniti, che ha condotto un approfondito studio, lungo 12 anni, su 3.635 persone. I soggetti presi in esame sono stati divisi in tre gruppi: quelli che non leggono, quelli che leggono fino a 3 ore e mezzo alla settimana e quelli che leggono ancora di più. I risultati sono sorprendenti e non lasciano dubbi: meno si legge, meno si vive. La regolare lettura sviluppa processi cognitivi che aiutano a mantenere in salute il cervello e non solo.

LUNEDI 23 OTTOBRE 2017

Ore 9 - GAZZA LADRA - BAR DUE PALME – COSENZA – VIALE DEGLI ALIMENA, 19

Distribuzione gratuita di 100 copie del volume di Antonio DelfinoGente di Calabria, editoriale progetto 2000.

Ore 11 - LIBRIAMOCI… TRA I BANCHI DI SCUOLA - MEDIA «ZUMBINI» - COSENZA - VIA MISASI

Omaggio al poeta Ciccio De Marco a 100 anni dalla nascita e a 5 dalla morte.

Incontro degli alunni con l’editore Demetrio Guzzardi. Introduce Marietta Iusi, dirigente scolastica «Zumbini».

Ore 18 - SERATA TRA I LIBRI - COMPLESSO MONASTICO DI SAN DOMENICO - SALA CAPITOLARE - COSENZA - PIAZZA TOMMASO CAMPANELLA

Presentazione del volume di Tommaso Corda, Autostop per Milano e ritorno con laurea, editoriale progetto 2000.

Intervengono: Francesco Capocasale, Maria Locanto e Tommaso Corda.

− COMUNICATO STAMPA −

Nell'intera giornata di sabato 21 ottobre si è svolta la undicesima edizione del corso “Mondo Cane”: corso formativo per proprietari e aspiranti proprietari di cani da compagnia. Il corso è stato organizzato dal Gruppo “Passione animali” dell’associazione “Solidarietà e Partecipazione” di Castrovillari. Questa storica iniziativa è una delle tante attività che l’associazione  “Solidarietà e Partecipazione” propone ogni anno al fine di sensibilizzare la cittadinanza contro l’abbandono degli animali e ad un corretta convivenza tra le persone e gli animali.

Il corso “Mondo Cane”  ha fornito agli attenti partecipanti nozioni di base teoriche e pratiche utili sia per gli aspiranti proprietari che per i proprietari di cani. Relatori del corso sono stati il medico veterinario dott. Pierpaolo Avolio , la biologa dott.ssa Mariella Buono e, per la parte legislativa l’avvocato Francesco Martire. A tutti i partecipanti è stato rilasciato un attestato di partecipazione. 

− COMUNICATO STAMPA −

Il racconto di chi c’era, la prevenzione del rischio, le fasi della ricostruzione, i dati su ciò che è stato e ciò che sarà il futuro della comunità. Il Sindaco, Giuseppe Regina, insieme al Presidente del Parco del Pollino, Domenico Pappaterra – protagonista di quella fase delicata per il Pollino e Mormanno in particolare – tracceranno un bilancio delle cose fatte e di quelle ancora in cantiere. Regina: con i nuovi finanziamenti per la ricostruzione ridiamo vita al centro storico. Da qui riparte la nostra città.

«Rinascere dopo un terremoto, rimettere in moto una comunità, ridare slancio e vitalità alle produzioni agroalimentari che insistono nella zona interessata dal sisma, dare linfa nuova al turismo, ricostruire l’immagine di un borgo che è stato al centro della cronaca per tanti mesi è possibile. Mormanno a cinque anni dalla scossa del 26 ottobre 2012 è l’esempio di come la paura di ieri può trasformarsi nella forza di oggi». Il Sindaco di Mormanno, Giuseppe Regina, annuncia così l’evento – ricordo del sisma intitolato “La rinascita di Mormanno”, organizzato dall’amministrazione comunale presso il cine teatro alle ore 18.00 del 26 ottobre, la data simbolo di quella fase di emergenza.

Insieme a Rafaela Giraldi e Carlo Tansi della Protezione Civile della Regione CalabriaDomenico PappaterraPresidente del Parco Nazionale del PollinoMario Oliverio, presidente della Regione Calabria, l’appuntamento non vuole essere solo un momento di ricordo di quella tremenda esperienza ma il punto di ripartenza per la comunità che, dopo un lungo e faticoso cammino, oggi vede l’orizzonte della nuova fase di sviluppo.

Lo dicono i numeri con 31 edifici già rimessi in utilizzo dei 72 dichiarati inagibili cinque anni fa, i soldi spesi per un totale di 2.652.113,18€, ma soprattutto lo testimonia la ripresa – in termini turistici – di tutto l’indotto collegato all’ospitalità diffusa e la crescita dell’agroalimentare di qualità legato ai due presidi simbolo della città, il bocconotto e la lenticchia. Ma non basta. Furono quasi 19milioni i danni complessivi registrati nel terremoto ed oggi la parte più cospicua del finanziamento assegnato per la ricostruzione dal dipartimento nazionale di Protezione Civile sta per arrivare nella casse comunali per avviare la decisiva e più importante fase.

«Con questi fondi – spiega il Sindaco Regina – vogliamo partire con la rimessa a nuovo del centro storico, fiore all’occhiello e cuore pulsante della nostra comunità, centro nevralgico del vivere quotidiano. Partiremo da lì per ridare slancio e vitalità alla nostra gente, per dare il segnale visibile che le case ritorneranno ad essere abitate come un tempo e che Mormanno e la sua popolazione sanno essere più forti degli eventi sismici che l’hanno riguardata e sconvolta».

Nel corso della manifestazione, infatti, verrà sottoscritto il protocollo d’intesa che permetterà alla Regione Calabria di attribuire le somme (oltre 15milioni di euro) al comune di Mormanno per rendere operativi i cantieri della fase due della ricostruzione. «Questo importante risultato è il frutto di un grande lavoro istituzionale che per tutta la fase dell’emergenza vide in prima fila il Presidente del Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, e di cui oggi tutti noi beneficiamo. Un’occasione da non sprecare per il bene di Mormanno, della sua gente e del Pollino in generale».

− COMUNICATO STAMPA −

Queste due foto [non pubblicate per non urtare la sensibilità degli animi più sensibili, limitandoci alla sola denuncia di quanto accaduto, N.d.R.] che ci sono state recapitate mostrano tutto l'orrore del quale è capace l'uomo. Siamo in Calabria, ma potrebbero essere state scattate in una qualunque altra regione perché, come dimostrano gli innumerevoli episodi dei quali si ha notizia, la crudeltà non ha latitudine.

Un cucciolo di volpe e un cane con collare, ritrovati in due momenti diversi e in due zone distanti tra loro vari chilometri, appesi a un albero. Non vorremmo mai vedere immagini così, e – come noi – tanti altri che condividono il nostro senso di compassione nei confronti di chi non ha gli strumenti per difendersi. Ma abbiamo scelto di rendere pubbliche le foto e indicare i luoghi dei ritrovamenti perché crediamo che non sia giusto operare censura su episodi che, al contrario, è necessario siano resi pubblici.

Chi si sarà trovato, almeno una volta nella sua vita, a passare per questi due luoghi, sappia che, sui suoi stessi passi, è transitato uno o più assassini. E sappia che l'unico strumento per contrastare tale reato (perché di reato si tratta) è sollevare il velo su ciò che succede. Non dobbiamo passare oltre, cercando di dimenticare al più presto la scena raccapricciante, nascondendoci dietro l'alibi che “queste cose succedono; sono solo menti malate”. Partire dall'assunto che la vita di un cane o di una volpe abbia meno valore della nostra, giustifica qualunque maltrattamento, tortura, uccisione.

E l'omertà è il male estremo.

Chi non ricorda l'uccisione di Angelo, il randagio di Sangineto? In quel caso, che ha portato alla condanna dei quattro assassini, sono stati loro stessi praticamente ad autodenunciarsi, pubblicando in Rete il video della morte. Il caso sarebbe scoppiato in tutta la sua portata senza quel video? Forse, il corpo di Angelo non sarebbe mai stato trovato. O forse si. Ma si sarebbe commentato, appunto, come “queste cose succedono; sono solo menti malate”…

Allora indignamoci anche per queste due morti. Un cane e un piccolo di volpe che hanno avuto, come unica colpa, quella di incrociare la strada di un assassino.

I ritrovamenti sono stati fatti in provincia di Cosenza.

- Il cucciolo di volpe sulla vecchia direttrice Paola – Cosenza, nei boschi che costeggiano il torrente Sproviero, in prossimità di un ponte.

- Il corpo del cane sulla strada che, da Cerisano, porta a Monte Cocuzzo.

Ufficio stampa Animal Amnesty

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Cosenza, 19/10/2017

ANIMAL AMNESTY ONLUS

Il 20 ottobre, nella sede locale del PD di Frascineto, si è svolto il congresso provinciale e di  circolo, alla presenza del garante e di Carmine Zaccaro, del circolo PD di Castrovillari e membro della Direzione provinciale che ha presentato la mozione del candidato alla segreteria provinciale, Luigi Guglielmelli. 

Per la segreteria del circolo PD di Frascineto, è stata rieletta Angelina Giordano, al suo secondo mandato consecutivo, la quale, nella sua relazione introduttiva, ha sottolineato che: "Il nostro obiettivo è di coltivare e sviluppare la partecipazione e la presenza sul territorio, senza dimenticare uno sguardo sulle tematiche nazionali generali.  Con l’aumento dell’astensionismo, della disaffezione nei confronti della politica in generale e della sfiducia nei partiti in particolare, risulta ancora più importante rilanciare l’attività del nostro partito nel territorio, anche con una prospettiva di rinnovamento della classe dirigente." Sono otto i componenti della nuova segreteria di partito, nel pieno rispetto della parità di genere.
I componenti del direttivo sono: Maria Campolongo, Rosa Fortino, Francesco Grisolia, Giuseppe Guglielmo, Giovanni La Camera, Nicolino Pisarri e Maria Policastro.

Ad Angela Giordano gli auguri di un proficuo lavoro da Castrovillari in Rete.

COMUNICATO STAMPA

Per noi del Comitato Cammarata contro la riapertura della discarica di Campolescio, più che di Ecodistretto, sarebbe  corretto parlare di  “Inquinadistretto”.

Ormai, è da circa vent'anni che a Castrovillari, le varie amministrazioni che si sono succedute hanno ritenuto opportuno puntare solo sulla spazzatura, come unico e possibile modello di sviluppo. Si sono fatti lecito pensare che seppellire il nostro territorio sotto montagne di rifiuti, e per giunta mal gestiti, da qualsiasi angolazione si voglia guardare la questione, sia la soluzione migliore per risollevarne le sorti. Non abbiamo più parole, per far capire a chi ha la responsabilità di governo della città, che l'unico modo per creare sviluppo e quindi lavoro, è tutelare e valorizzare le vocazioni del territorio, che la provvidenza ci ha regalato a piene mani.  L'unico modo per far rimanere i giovani nei loro luoghi natii è questo.

Anche dinnanzi a questa ulteriore sciagurata iniziativa, noi faremo sentire la nostra voce, perché abbiamo energia e coraggio da vendere per difenderci da quello che per noi è, e rimane un vero e proprio attacco al territorio, e quindi ad un possibile e migliore futuro. Il nostro NO all'Inquinadistretto e a qualsiasi tentativo di realizzare a Castrovillari progetti contrari alle sue eccellenti vocazioni, è secco e irrevocabile. Da tempo, ci chiediamo come sia possibile non rendersi conto, che abbiamo una opportunità straordinaria, di uscire dalla situazione stagnante in cui siamo stati relegati, ed è  questo il motivo che ci spinge a lottare, per far si che questo lembo di terra, possa diventare un modello virtuoso da copiare e non da evitare come la peste.

"COMITATO CONTRO LA RIAPERTURA DELLA DISCARICA DI CAMPOLESCIO"

Pagina 1 di 368
FreshJoomlaTemplates.com
Monday the 23rd. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.