La Madonna del Rosario e san Francesco di PAOLA sono due delle figure religiose a cui il popolo dei fedeli dimostra particolare devozione (soprattutto nell'Italia meridionale).

Ma non per tutti potersi rivolgere a queste due figure automaticamente vuol dire ricevere grazie, né necessariamente portarne i nomi è altrettanto foriero di fortuna.

Ci sono grazie impossibili a cui, sembra, in rapporto, più facile accedere rispetto a semplici diritti; per i quali, per com’è a tutti evidente, è necessario avere santi, e non in paradiso...

La comunità delle persone civili, che desiderano una società giusta, e non una società “farlocca”, che si fondi sul diritto (anche) vissuto e non su quello (solo) proclamato, non può che sentirsi offesa da chi pensa di calpestarlo impunemente.

Ed è per questo che ultimamente l'attenzione s'è posata su due figure, questa volta umane, troppo umane, nella loro fragilità e debolezza, non sempre fisica, ma certo sempre sociale. Sono Rosario RUMMOLO e Francesco MARTINO, autisti, accomunati non solo dalla professione, ma anche da un destino che li vorrebbe messi da parte da un potere protervo che pensa di usarli come mezzi e non di trattarli come Uomini.

L'Uomo, semplicemente, non è mai un mezzo: è il principio e il fine d'ogni cosa. È per questo che quando ne viene offeso uno, deve sentirsi offeso chiunque!

Se sei un Uomo, non puoi stare a guardare, sentiti anche tu come Rosario e come Francesco; perché quello che fanno a loro oggi non devi aspettare che lo facciano a te domani: te lo stanno già facendo tramite loro. Ogni volta che a un lavoratore, a un cittadino, a un semplice Uomo non riconoscono un diritto, non stanno riconoscendo la sua dignità, e lo stesso diritto, la stessa dignità non li stanno riconoscendo a te!

È per questo che chi può è chiamato a difendere il proprio diritto e la propria dignità, difendendo il diritto e la dignità di questi nostri due cittadini.

È per questo ch'è stata organizzata, dal movimento spontaneo la cui pagina FB è @iostoconRosario, con inizio per il giorno di ieri, martedì 30 agosto 2016, alle ore 08:00, presso l'autostazione di CASTROVILLARI, una manifestazione (l'evento su FB: Sit-in: Scendiamo in piazza a sostegno di Rosario 30 AGO) che prosegue anche in data odierna, e continuerà a oltranza a favore del primo di essi: un raduno che vede sfilare amici e semplici cittadini che vogliono portare la propria solidarietà a chi chiede semplicemente di lavorare, in un silenzio ingiustificato delle istituzioni, che si sono rivelate distanti e sorde al grido di dolore che s'è levato verso di esse, e da cui ci s'auspicava un appoggio, per altro, nei mesi scorsi, pubblicamente promesso.

Se non puoi essere presente, attivati, con qualsiasi mezzo per far sentire la tua voce: prima che ti tappino la bocca per sempre con leggi che tu stesso avrai votato per non farti dire come la pensi.

Se invece puoi partecipare, non stare alla finestra a guardare: scendi nel piazzale dell'autostazione che, per altro, si chiama proprio “della Libertà”, a dire #iostoconrosario.

Io l'ho fatto (anche a nome di CV in Rete tutta) perché sono un uomo libero: e tu?

COMUNICATO STAMPA

Nulla di fatto sulla situazione del lavoratore Rosario Rummolo, licenziato il 2 Marzo 2015 dall’azienda Ferloc Srl (ex-participata da Ferrovie della Calabria).

A distanza di 17 (sic!) mesi e tante promesse da parte delle Istituzioni, nulla è cambiato. Il protrarsi della situazione di stallo, volutamente creata e tenendo anche in debita considerazione che, sin dall’inizio di questa incresciosa vicenda, non sono mai stati chiesti ”piaceri” ma esclusivamente “interventi istituzionali atti a chiarire posizioni e diritti, con assoluta indifferenza Rosario rimane licenziato e senza il suo stipendio.

Più volte abbiamo chiesto lumi al Dipartimento Trasporti ed all’assessore al ramo della Regione Calabria, come sia stato possibile che Rosario, vincitore di una selezione pubblica indetta da Ferrovie della Calabria Srl, sia stato spostato come un pacco postale (suo malgrado) ad una società completamente privata (istituita a seguito di una legge regionale sulla quale graverebbe un giudizio di incostituzionalità della Corte Costituzionale) e poi licenziato per aver svolto, lealmente la funzione di rappresentante sindacale (RSA USB).

Il 4 Marzo u.s., a seguito di una riunione congiunta tenutasi presso l’Università della Calabria con i rappresentanti delle istituzioni regionali e comunali, nonché i legali di Rosario, lo stesso veniva invitato dagli interlocutori ad “abbassare i toni mediatici” mediante la riduzione delle attività del nostro movimento #IOSTOCONROSARIO ed addirittura della sospensione del suo account Facebook personale, con la promessa che da lì a breve la situazione si sarebbe risolta. Così non è stato.

Rosario con grande senso di responsabilità, visto che il suo lavoro è l’unica fonte di sopravvivenza, invitava tutti i suoi sostenitori al “silenzio stampa” pur di ritornare alla sua attività. Resta il fatto che ad oggi è ancora senza il suo lavoro ed in attesa della conclusione della storia infinita!

Pertanto, martedì 30 Agosto dalle ore 8:00, Rosario si incatenerà nelle adiacenze dell’Autostazione di Castrovillari, creando un sit-in ad oltranza (H24) per dire basta ai soprusi ricevuti ed ai silenzi istituzionali.

 

Movimento Spontaneo

#IOSTOCONROSARIO

COMUNICATO STAMPA
 
Rinnoviamo la vicinanza e la solidarietà agli utenti del villaggio turistico di Marina di Sibari colpiti in quindici da due acquazzoni e rimasti bloccati in casa e nei negozi per la seconda volta consecutiva. Questa volta i mm di pioggia registrati nella stazione idrometrica di Sibari sono stati appena 35.Purtroppo, al giorno d'oggi occorre investire sempre di più nella previsione e nella prevenzione. Si ritorni a Cassano a fare protezione civile.
Il fondo di riserva dell'ente comunale dovrebbe servire per questi scopi e non solo per organizzare eventi di intrattenimento e di promozione. Speriamo che la situazione possa essere superata nel più breve tempo possibile e che non incida negativamente sul bilancio stagionale delle attività commerciali, già in forte precarietà.

 

Area Civica Moderata.

COMUNICATO STAMPA

Sul mega palco allestito nella centralissima Piazza Municipio a Castrovillari, si è dato inizio alla seconda serata della 31 Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino. Dopo l’apertura ufficiale, il popolo del festival è rimasto letteralmente incantato dal Grupo Femenino Bolivia, non a caso definito, come uno dei gruppi femminili che ruppero gli schemi nel panorama folk Andino e Boliviano, dove trent’anni fa era sconveniente esisbisirsi in pubblico per delle “ragazze” cantando e suonando , in un ambiante oltremodo maschilista , che tuttora è ben radicato in tutta l’ america latina. Un ben tornato a questo gruppo al festival, ben quattro le edizioni che lo hanno visto protagonista all’interno della kermesse organizzata brillantemente dall’Associazione Culturale “ Gruppo Folk Città di Castrovillari” e dall’infaticabile patron, Antonio Notaro. Il repertorio , gli strumenti tipici e la vocalizzazione dei temi tratti dalla vita quotidiana boliviana e più in generale ispano – americana, hanno incantato il pubblico delle grandi serate. Il Grupo Femenino Bolivia, è stato anche pioniere nello stile di fare folklore , cosa che presto è stato emulato da varie altre compagini femminili in Bolivia ed in altri paesi dell’area Andina.

E dalle musiche dell’area Andina e latino americana , la serata è proseguita con la cultura cipriota d’influenza turca con il gruppo Famagusta Municipality proveniente dalla costa settentrionale dell’isola di Cipro. Un gruppo di danza popolare che fornisce ai giovani l’occasione di crescere moralmente e fisicamente nella società. L’attività folkloristica infatti aiuta i bambini ed i giovani ad acquisire una maggiore fiducia in se stessi, migliorando l’apprendimento della cultura tradizionale strumento questo, che li permette di rappresentare la loro cultura nel Mondo. Sul palco i colori, le danze, gli usi e i costumi del folclore cipriota ed in particolare quello turco-cipriota.

Il direttore artistico, Antonio Notaro, ha sottolineato il fatto che da 31 anni la manifestazione, lega i popoli, senza distinzione di razza ,cultura o religione: “ abbiamo ben presente tutti i problemi che affliggono il mondo, ha sottolineato il Patron, Notaro, e noi in Italia in certa misura ne siamo parte, noi che organizziamo il festival , celebriamo la Pace, incoraggiamo, a modo nostro, la Pace, ed il nostro pensiero, va ai nostri connazionali, ovunque nel mondo. Gli ha fatto eco il presidente del consiglio, Piero Vico che ha sottolineato la valenza culturale dell’evento che mira a ribadire l’importanza dell’amicizia tra i popoli e nel quale, si fa memoria del ruolo fondamentale delle tradizioni, patrimonio insostituibile d’ogni comunità.”

Poi tutti a ballare con le lezioni di ballo, impartire sull’isola pedonale dai gruppi che si erano appena esibiti.

La serata è proseguita sul percorso : “A Via Nova”, dove ogni sera è di scena la gastronomia tradizionale, i profumi e i sapori della nostra terra.

Un festival da vivere e raccontare giorno per giorno. (foto Alberto Di Mare)

La manifestazione è organizzata dall’Associazione Culturale “Gruppo Folk Città di Castrovillari”, con il contributo del Comune di Castrovillari, del Parco Nazionale del Pollino,della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza, in collaborazione con la Gas Pollino, Pollino gestione impianti , l’IPSEOA, la F.I.T.P. (Federazione Italiana Tradizioni Popolari), i brand ACT ( Ambiente, Cultura e Turismo) , Castrovillari Città festival e Attraversando natura e l’apporto di numerosi sponsor privati.

 

Ufficio Stampa

Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

 

VENERDI’ 19 AGOSTO 2016

ORE 10:00 UNO SGUARDO AL PASSATO “LE VIE DELL’ACQUA”

(Incontro dei gruppi folklorici con i fotografi e gli appassionati di fotografia)

ritrovo in Piazza Municipio

a cura dell’Associazione Mystica Calabria

ORE 19:00 GIRO IN VESPA

a cura del Vespa Club-Castrovillari

ORE 21:30 SPETTACOLO INTERNAZIONALE IRLANDA - SPAGNA

Piazza Municipio

ORE 23:30 LEZIONI DI BALLO

IRLANDA - SPAGNA

Via Roma - Corso Garibaldi

SABATO 20 AGOSTO 2016

ABATO 20/08/2016

ORE 21.00 VERSO SUD

Musiche e Canti del Mediterraneo

omaggio a Benedetto Marino - 2° ed.

Piazza Municipio

ORE 23:00 LEZIONI DI BALLO

Via Roma - C.so Garibaldi

COMUNICATO STAMPA 

È come se il porto di Gioia Tauro, uno dei terminal container più importanti al mondo, non esistesse nonostante disti solo pochi chilometri dallo stabilimento delle ex Officine Omeca della Ansaldo Breda (oggi Hitachi Rail).

Un paradosso, una beffa, se pensiamo che i treni della nuova metropolitana di Lima, capitale del Perù, sono stati prodotti dalla Hitachi Rail Italy di Reggio Calabria, ma spediti da Salerno.  

Oggi il via alle operazioni di carico del primo treno composto da sei carrozze. La commessa – della durata di quattro anni – consentirà al Porto di Salerno di imbarcare 42 nuovi treni destinati alla seconda linea della metropolitana di Lima . Ogni treno è composto da sei carrozze lunghe circa 18 metri ciascuna con un peso di 35 tonnellate: 252 carrozze, 4,5 chilometri lineari di carico, per circa 10.000 tonnellate di altissima tecnologia. Le gru imbarcheranno i treni completi su tre navi full container che  trasporteranno i convogli – dopo l’attraversamento del canale di Panama – nel porto di Callao nei pressi di Lima. La navigazione durerà 29 giorni, il ciclo completo del servizio 70 giorni. Le operazioni di consegna dei treni termineranno entro febbraio 2019.  

Si tratta dell'ennesima pagina triste per la nostra economia regionale e soprattutto per i lavoratori del porto di Gioia Tauro che da tempo stanno vivendo una situazione occupazionale drammatica con prospettive preoccupanti.

E mentre in Campania i giornali evidenziano l'ottima notizia per l'economia locale in Calabria tutto tace. Molto bravi a pubblicizzare i tavoli Regione-Governo dove, a giudicare dai risultati, sembra che non si affrontano i veri temi che riguardano lo sviluppo economico e l'occupazione e/o, comunque, non fanno registrare effetti positivi evidenti al netto dei proclami e della propaganda (basti pensare al Patto per il Mezzogiorno e ai giudizi liquidatori del Presidente della Regione Puglia sia rispetto alle politiche per lo sviluppo che ai finanziamenti relativi).  

Su questa grave mancanza che evidenzia con quanta trascuratezza si gestiscono importanti vicende dell'economia della nostra Regione crediamo che la Giunta Regionale e il Governo debbano fornire valide spiegazioni ai cittadini calabresi. 

  

                                On.le Fernando Pignataro

                                                    Comitato Promotore Regionale Sinistra Italiana della Calabria

 

 

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

Ancora una volta Castrovillari si conferma la città degli incontri e scambi tra i popoli provenienti dalle zone più remote della Terra e, il popolo del festival non ha fatto mancare la propria vicinanza all’apertura ufficiale della 31^ Edizione  Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino, che ieri [avantieri, per chi legge, N.d.R.] sera ha invaso la città di Castrovillari per assistere, condividere e soprattutto essere partecipe dell’evento folkloristico più importante della Calabria Citeriore. La manifestazione è organizzata dall’Associazione Culturale “Gruppo Folk Città di Castrovillari”, con il contributo del Comune di Castrovillari, del Parco Nazionale del Pollino,della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza, in collaborazione con la Gas Pollino, Pollino gestione impianti , l’IPSEOA, la F.I.T.P. (Federazione Italiana Tradizioni Popolari), i brand ACT ( Ambiente, Cultura e Turismo) , Castrovillari Città festival e Attraversando natura e l’apporto di numerosi sponsor privati, guidata dal suo presidente e direttore artistico, Antonio Notaro e si è aperta in mattinata nel Palazzo di Città con il ricevimento dei gruppi da parte delle autorità.

I gruppi folklorici provenienti Cile, Albania, Irlanda, Bielorussia, Bolivia, Cipro, Portorico, Spagna e naturalmente Italia con il gruppo ospitante “Città di Castrovillari che animeranno per sette giorni la città, sono stati ricevuti, in mattinata, dal sindaco, Domenico Lo Polito, dai consiglieri e dagli assessori. Il primo cittadino ha sottolineato la valenza della manifestazione che si sviluppa in una città attenta alle etnie e che oggi si è tinta di “colori” come non mai nel segno delle contaminazioni.”

Il presidente Notaro  introducendo la manifestazione ha sottolineato la valenza dell’appuntamento che si vuole far crescere sempre più in sinergia con le istituzioni ed in una città particolarmente accogliente. Il primo cittadino ha ringraziato gli organizzatori per l’iniziativa in favore del folklore, i gruppi e quanti collaboreranno per la realizzazione degli spettacoli che vedrà Castrovillari essere in questi sette giorni, l’ombelico del Mondo.

Ad accogliere i gruppi anche il presidente del consiglio, Piero Vico.

Ma la 31^ Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino si è aperta ufficialmente in serata con la sfilata di tutti i gruppi presenti alla kermesse. Il lungo serpentone colorato, impreziosito dai ritmi, musiche , canti e danze , partito da Piazza Giovanni XXIII, è approdato nella centralissima Piazza Municipio coinvolgendo strada facendo il numeroso pubblico presente. Sul palco le danzatrici e alcuni componenti dei gruppi diretti  dai coreografi Tilde e Daniele Nocera, hanno impreziosito la serata dando il benvenuto al popolo del festival. Poi tutti ad intonare l’inno di appartenenza. A portare il saluto il sindaco di Castrovillari Mimmo Lo Polito; 31 edizioni di un festival testimoniano la straordinaria vitalità,  l’ impegno e la passione che contraddistingue chi ha animato questa iniziativa; il gruppo folklorico Città di Castrovillari” guidato dal suo presidente Antonio Notaro “. Più che soddisfatto il direttore artistico di vedere gremita Piazza Municipio già alla prima serata del Festival, segno questo che il popolo del folklore apprezza gli sforzi  fatti dall’Associazione Culturale ” Città di Castrovillari” per mandare avanti una manifestazione complessa come lo è l’Estate Internazionale giunta alla sua 31^ edizione. Sul palco a presentare, insieme al patron, Serenella Chiodi 

Poi tutti ad assaporare i cibi di strada con l’appuntamento “ A Via Nova” seconda edizione . La rassegna, che si svolge su Corso Garibaldi, tutte le sere impreziosirà la manifestazione con i profumi e i sapori della nostra terra e di terre lontane e dove non mancheranno le danze e i canti dei gruppi che partecipano alla kermesse che allieteranno i tanti visitatori giunti per l’apertura ufficiale dalla Calabria, Basilicata e Puglia per assistere ad una manifestazione che da 31 anni porta avanti le tradizioni folkloristiche, la storia e la cultura di popoli provenienti da varie nazioni.

Un festival da vivere e raccontare giorno per giorno. (foto Alberto Di Mare)

 

Ufficio Stampa

Anna Rita Cardamone ARCA COMMUNICATION

 

PROGRAMMA

GIOVEDI’ 18 AGOSTO 2016

ORE 10:30 GIOCHI POPOLARI

con la partecipazione dei gruppi

Piazza Municipio

ORE 18:00 I BAMBINI INCONTRANO IL FESTIVAL

a cura di Tilde Nocera – Ines Ferrante

Chiostro Palazzo Di Citta’

ORE 21:30 SPETTACOLO INTERNAZIONALE BOLIVIA-CIPRO

Piazza Municipio

ORE 23:30 LEZIONI DI BALLO BOLIVIA-CIPRO

Via Roma- Corso Garibaldi

VENERDI’ 19 AGOSTO 2016

ORE 10:00 UNO SGUARDO AL PASSATO “LE VIE DELL’ACQUA”

(Incontro dei gruppi folklorici con i fotografi e gli appassionati di fotografia)

ritrovo in Piazza Municipio

a cura dell’Associazione Mystica Calabria

ORE 19:00 GIRO IN VESPA a cura

del Vespa Club-Castrovillari

ORE 21:30 SPETTACOLO INTERNAZIONALE IRLANDA - SPAGNA

Piazza Municipio

ORE 23:30 LEZIONI DI BALLO

IRLANDA - SPAGNA

Via Roma - Corso Garibaldi

Pagina 1 di 295
FreshJoomlaTemplates.com
Thursday the 1st. Castrovillari in Rete - Powered by Francesco Parrotta

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni.